Home page Planetmountain.com
Ixchel Foord, Cecilia Buil e Anna Torretta al Mugu Peaks (5467 m) in Nepal
Fotografia di archivio Anna Torretta
Mugu Peaks (5467 m) in Nepal:
Fotografia di archivio Anna Torretta
Mugu Peaks (5467 m) in Nepal: Ixchel Foord e Anna Torretta
Fotografia di archivio Anna Torretta
Mugu Peaks (5467 m) in Nepal: il Couloir SW (600m, A1, 6a, M5, Cecilia Buil, Ixchel Foord, Anna Torretta 11/2018)
Fotografia di archivio Anna Torretta

Mugu Peaks in Nepal, nuova via di Anna Torretta, Cecilia Buil e Ixchel Foord

di

Il report di Anna Torretta che con la spagnola Cecilia Buil e la messicana Ixchel Foord ha aperto il Couloir SW (600m, A1, 6a, M5), una via sull'inviolato Mugu Peaks (5467 metri) nel Karnali district nel nord-ovest del Nepal.

La storia della valle di Mugu parte da lontano, è una storia sconosciuta al mondo occidentale, di ricchezza e povertà che mi ha affascinato. La nostra spedizione è nata in modo molto casuale, complice è stato il Grit & Rock Award, che a febbraio ha premiato il progetto della spedizione femminile con il primo premio messo in palio, 4.000 €. La pubblicazione dell'Alpine Journal di alcuni mesi prima segnala con una foto il Mugu Peaks, reso accessibile da poco dal governo nepalese e inviolato e noi ce ne innamoriamo da subito.

Arrivare a Mugu però non è così semplice! Iniziamo con un volo interno da Kathmandu a Nepaljung, al confine sudovest con l’India, sul lato opposto del Nepal rispetto a dove dobbiamo andare... Da qui l’aeroporto più vicino a Mugu è Gamgadhi, nei pressi di Rara Lake, ma i voli non sono regolari e per arrivare al villaggio servono almeno altri 5 giorni a piedi. Così solo grazie al contributo della nostra agenzia Arun e a Ian e Ixchel Foord, decidiamo di partire da Nepaljung, direttamente in elicottero per atterrare al villaggio di Mugu e risparmiare quasi una settimana e forse più di tempo. "L’occhio di Mugu" attira subito la nostra attenzione, un arco di roccia dalle dimensioni impressionanti.

La nostra spedizione è stata segnata da giornate bellissime ma da un lento, progressivo e inesorabile arrivo dell’inverno, con giornate sempre più corte e più fredde. La valle di Mugu è attraversata da un vento costante o rafficato, che non cessa mai. Una notte di tempesta ha fatto cambiare i nostri piani di scalata all’"occhio" di Mugu! Così, dopo alcuni tentativi di salita sulla parete centrale, si è scelta la linea più facile, il canale SO, per la salita alla cima principale. Abbiamo effettuato un bivacco intermedio. Le difficoltà incontrate sono A1, 6a e M5. Il Campo Base si trova a 4.200 metri, il campo base avanzato a 5.030m. Alla vetta abbiamo dovuto rinunciare 50 metri prima di raggiungerla, a quota 5.420m, per il forte vento, il freddo intenso e la scarsa qualità della roccia.

Tutti gli abitanti di Mugu erano con noi, e hanno visto in questa scalata una possibilità di apertura della valle al turismo. Sarebbe un grosso cambiamento per questo villaggio. Mugu era centro di scambio tra Tibet e villaggi confinanti, era il polo di attrazione della valle. Anzi Mugu una volta era addirittura considerato Tibet. Poi sono arrivati i cinesi ed è cambiato il tutto. La frontiera è stata chiusa.

Così il villaggio di Mugu, da centro di scambio, è diventato una "residenza" estiva, per gente in parte ricca con attività commerciali in Kathmandu, per giovani in cerca di guadagni, di poveri molto poveri. Nella valle di Mugu viene raccolto, in primavera, il Yarchagumba, una specie di fungo parassita, che immobilizza e imbalsama le larve delle falene. Serve per curare molti tipi di mali, tra cui affezioni cardiache e renali oltre ad essere noto come il "viagra dell’Himalaya". Il Yarchagumba è pagato a peso d’oro dai cinesi ed è la prima fonte di guadagno.

Il sindaco di Mugu ci ha chiesto di parlare di questa valle dimenticata. E io vi ho raccontato la storia. Sicuramente è un posto remoto, solo per chi ama far fatica e camminare su lunghe distanze, per scoprire quello che i libri non raccontano. Sicuramente il Mugu Peaks offre altre possibilità di scalata.

Il rientro a Gamghadi a piedi è stato invece un modo di vedere il vero Nepal, quello non ancora raggiunto dai turisti.

Link: FB Anna TorrettaGrivelGuide Alpine Courmayeur, www.gritandrock.net, FB Grit & Rock

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Grit & Rock Award: la spedizione di Anna Torretta vince primo premio per il progetto Mugu Peaks in Nepal
20.02.2018
Grit & Rock Award: la spedizione di Anna Torretta vince primo premio per il progetto Mugu Peaks in Nepal
Il progetto della spedizione femminile composta da Anna Torretta, Cecilia Buil e Ixchel Foord ha vinto il primo premio del First Ascent Expedition Award promosso dalla fondazione Grit & Rock Award per promuovere l'alpinismo e l'esplorazione femminile. La spedizione tenterà ad ottobre di salire le inviolate cime Mugu Peaks in Nepal.
La guida alpina e il suo cliente. Di Anna Torretta - Società Guide Alpine Courmayeur
15.03.2018
La guida alpina e il suo cliente. Di Anna Torretta - Società Guide Alpine Courmayeur
La storia normale di un’amicizia tra una Guida Alpina e un cliente. Di Anna Torretta della Società Guide Alpine Courmayeur
Erzurum e il Festival di arrampicata su ghiaccio in Turchia. Di Anna Torretta
05.02.2018
Erzurum e il Festival di arrampicata su ghiaccio in Turchia. Di Anna Torretta
Il report di Anna Torretta del Festival di arrampicata su ghiaccio che si è tenuto a Erzurum (Anatolia) in Turchia. Tra i partecipanti la stessa guida alpina di Courmayeur e la guida alpina francese Jeff Mercier oltre a Cecilia Buil, Ixchel Foord, Jost Kobusch e Raphael Schardt. Sono state aperte due nuove cascate di ghiaccio, Cetin (WI5-) e Olga (WI4) dedicata a Olga Gorozhanina.
La montagna che non c'è di Anna Torretta
11.08.2017
La montagna che non c'è di Anna Torretta
Anna Torretta in La montagna che non c'è (Edizioni Piemme) racconta la sua storia e la sua ricerca di alpinista e Guida alpina tra le pareti e le montagne del mondo e della vita.
Nuova cascata di ghiaccio per Buil e Torretta in Cile
06.08.2014
Nuova cascata di ghiaccio per Buil e Torretta in Cile
A metà dello scroso luglio la spagnola Cecilia Buil e l'italiana Anna Torretta hanno aperto La Gioconda (160m, WI 6) una nuova cascata di ghiaccio sul ghiacciaio del Cerro El Marmolejo (6.109m, Cile) a cui poi hanno aggiunto la variante Le Bombardier ( 30m, WI 6-). Il report di Anna Torretta
Nuit Blanche, Cecilia Buil, Anna Torretta e le cascate magiche
20.01.2011
Nuit Blanche, Cecilia Buil, Anna Torretta e le cascate magiche
Cecilia Buil racconta la salita, realizzata in coppia con Anna Torretta, di Nuit Blanche (110/80m, 6/III), la gran cascata aperta nel 1994 da Steve Haston e Patrick Naudin sulla Rive gauche del ghiacciao dell'Argentière (Monte Bianco). Una salita per ricordare e per ritrovare la magia del ghiaccio.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra