Home page Planetmountain.com
Detriti e crepacci sul ghiacciaio di Scerscen superiore
Fotografia di Michele Comi
La cresta sommitale del Bernina, ormai quasi completamente priva di neve.
Fotografia di Michele Comi
Seracchi incombenti della Vadret da Pers osservati dallo sperone Nord Ovest del Cambrena 3606m
Fotografia di Michele Comi
Grandi crepacci su la Vadret da Pers
Fotografia di Michele Comi

Montagna che cambia pelle. Di Michele Comi

di

L'andare per montagne, il fare alpinismo come il girovagare per sentieri, è anche questione di sguardi. Di quel saper vedere che ci restituisce la montagna dei nostri giorni, sempre più povera di ghiaccio e sempre più instabile. Una montagna che, come ci racconta Michele Comi, cambia pelle e che dobbiamo saper interpretare e salvare. Per noi stessi e per i nostri figli.

E’ autunno inoltrato, ma il sole a mezzogiorno scalda ancora parecchio, portandosi appresso una coda d’estate che fatica ad interrompersi dopo tante settimane roventi.

I ghiacciai mostrano tutto la loro sofferenza, le zone d’accumulo (ricoperte di neve) restano ormai confinate e nascoste negli angoli più alti ed ombrosi delle vette, mentre gran parte della superficie evidenzia un ghiaccio vivo ed esausto, solcato da canali di fusione, dedali di crepi e scivoli scuri ricoperti da detrito.

Ho calpestato e percorso parecchio la montagna "classica" nei gruppi Disgrazia e Bernina nel corso delle ultime stagioni.

"Corda Molla" al Disgrazia, Biancograt al Bernina, Roseg, Palù e tante altre, incastonate tra questi giganti di ghiaccio delle Alpi Centrali. Ogni tanto mi chiedo se il progressivo mutare delle condizioni di percorribilità della montagna si accompagni con una reale comprensione dei cambiamenti in atto.

Detriti, rocce rotte non più immobilizzate dal gelo, pendii sempre più acclivi, creste private della neve, che si fanno lisce o friabili, accessi sempre più complicati alle combe glaciali, rendono oggettivamente tutto più difficile.

I tempi di percorrenza indicati nelle gloriose Guide CAI-TCI risultano sistematicamente sforati, non perché siamo diventati tutti brocchi, ma per l’accresciuta complessità terreni attraversati.

Ogni estate occorre piazzare qualche nuovo ancoraggio salvifico, soprattutto dove la roccia, messa a nudo dalla scomparsa del ghiaccio, si presenta completamente liscia e trasforma il terreno un tempo facile in un grande ostacolo.

Eppure il nostro approccio alla montagna rimane sostanzialmente invariato. Le vacanze d’agosto e i weekend liberi segnano l’agenda: si va. Continuiamo a cercare il contatto con la natura in montagna perché ci procura piacere, dimenticandoci a volte che il piacere che ne deriva sta nel cercare quanto nel trovare.

Fatichiamo a distaccarci dal concetto di "trofeo" da conquistare, anche quando le cose si fanno complicate.

E’ una questione di sguardi, di consapevolezza che la situazione in alta montagna si è fatta assai complessa. Per questo forse è tempo di riformulare obiettivi, togliere il piede dall’acceleratore.

Così nelle due settimane più calde d’agosto, con lo zero termico costantemente al di sopra dei 4500 metri, ho sospeso ogni salita su neve e ghiaccio, dirottando tutte le uscite sul granito del Masino.

Legarsi in cordata per la normale al Bernina non può più essere considerata un’aerea gita in alta montagna, ma il meritato culmine di un articolato percorso di conoscenza…

In tal modo la "grammatica" della montagna non subirebbe nessun declassamento. Forse così potremmo semplicemente meglio concentrarci sulle situazioni di vulnerabilità e imperfezione che incrociamo costantemente. Senza dimenticare che la montagna che cambia pelle, e si trasforma sempre di più in modo imprevedibile, può costituire un valido alleato nei processi educativi, dove la percezione dei rischi e la consapevolezza di se stessi, consentono di assaporare l’esperienza, senza consumarla.

Senza la ricerca forzata del risultato possiamo guardare meglio ai nostri errori, dove sbagliare (rimediando alla pecca) fa parte di un percorso di ripensamento e apprendimento e aiuta a vivere meglio l’esperienza.

Michele Comi - guida alpina

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Stati di beatitudine sullo Spigolo Vinci al Cengalo
15.08.2018
Stati di beatitudine sullo Spigolo Vinci al Cengalo
Sullo Spigolo Vinci al Pizzo Cengalo (Val Bregaglia): Michele Comi (geologo, guida alpina, maestro di sci, alpinista) e l'arte del passo dopo passo, per una giornata di scalata senza tempo e dal giusto tempo tra montagna e cielo.
Riserva naturale della Val di Mello: un punto di inizio
03.03.2009
Riserva naturale della Val di Mello: un punto di inizio
Lo scorso gennaio la Regione Lombardia ha reso definitivo l'iter per riconoscere la Val di Mello come Riserva naturale. Finisce così, occorre dire nel migliori dei modi, la lunga vicenda per tutelare quest'autentico gioiello delle Alpi e della Valtellina che ora è diventato la più grande Riserva naturale della Lombardia.
Voglio la mia parte della Valmalenco
30.10.2007
Voglio la mia parte della Valmalenco
Riceviamo e volentieri pubblichiamo la provocatoria lettera aperta di Michele Comi, già apparsa sul quotidiano La Provincia di Sondrio il 7 ottobre scorso.
03.10.2000
Pumori expedition 2000
Ha già raggiunto la Valle del Khumbu (Himalaya nepalese) la spedizione alpinistico-scientifica, diretta al Pumori (7161m), che opererà nell'ambito del programma di monitoraggio ambientale del Progetto Ev-K2-CNR.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra