Home page Planetmountain.com
Tito Arosio sulla parete NE della Punta della Sfinge in Val Masino
Fotografia di Luca Maspes
Punta della Sfinge in Val Masino
Fotografia di Luca Maspes
Andrea Bottani su Scotland Yard al Piccolo Medaccio (Val Masino)
Fotografia di Luca Maspes
Scotland Yard al Piccolo Medaccio (Val Masino): Andrea Bottani, Luca Schiera e Luca Maspes
Fotografia di Luca Maspes

#2 Misto Imprevisto nel Masino. Di Luca Maspes

di

Vie di misto nel Masino: una nuova puntata dei diari di prime salite di Luca Maspes, con le avventure invernali sulla Punta della Sfinge e sul Piccolo Medaccio, insieme a Tito Arosio, Andrea Bottani e Luca Schiera.

LA SFINGE BIANCA - Punta della Sfinge, Masino

Quando incontri la realtà, il momento è spiazzante, perché raramente combacia con quanto hai scrutato sullo schermo del computer di casa. Perché in questi anni la traccia delle vie nuove si immagina lì, dove pixel microscopici ti portano già in parete, anticipando una realtà che non sempre avrà quelle caratteristiche che pensavi. Come sarà dal vivo?

Mi organizzo per andare a vederlo, vinco la pigrizia del fisico meno pimpante di una volta, capita ancora in giornate solitarie, più spesso in cordata, superando la fatica di trovare il compagno giusto nel momento giusto, che accetti la possibilità non troppo remota di un buco nell’acqua.
 
Per le nuove idee a volte ci aiutano i social, perché grazie a Facebook, è capitato che, dal report di una gita in Val Codera non ricordo di chi, abbia ingrandito l’immancabile foto ai liscioni granitici delle severe pareti nord della Sfinge e del Ligoncio. Diverse righe bianche si spalmavano nelle uniche fessure di questi liscioni granitici, creando un reticolato che non avevo mai visto prima. Potrebbe essere neve pressata, forse c’è del ghiaccio, magari è solo polvere appiccicata… la foto dice tanto e niente su quel bianco, mi lascia l’onere di decidere se partire per andare a vedere o tenermi i dubbi. In mezzo ci sono ore ed ore di cammino, la certezza è ancora distante.

Con il solito Tito Arosio ci accordiamo per più giorni, due per la salita e un terzo di emergenza, perché le linee sembrano ossi duri, lunghe e ripide; siamo in inverno ed arrivare sotto queste montagne è un bel trekking che parte dal livello del Lago di Como fino al bivacco Valli, lassù, lontano.

Non lo rivedevo da una vita questo loculo di lamiere rosse sotto al massone del Santo Graal, da quando a neanche 10 anni compiuti, percorrendo il Sentiero Roma integrale, io, mio padre e gli altri ci eravamo ammassati sul suo uscio con una radiolina all’orecchio e girando la rotella trovammo la frequenza che trasmetteva la telecronaca in diretta dalla Spagna di Italia-Germania, la finale mondiale di calcio del 1982. Con il senno di poi, eravamo tra i pochi pazzi a non essere incollati al televisore in quella storica serata di trionfo italiano.
 
Quasi 40 anni dopo arrivo al bivacco mezz’ora dopo Tito, con lo stomaco messo male e lo sguardo in alto verso la realtà delle cose: focalizzate meglio le pareti, avevo già capito quanto quelle strisce bianche non fossero altro che neve polverosa. Nessuna impresa domani, torneremo in modalità senza meta. A metà mattinata del giorno dopo saliamo le cenge innevate del Passo Ligoncio con i ramponi ai piedi e svalicando la Sfinge ci si ripresenta soleggiata, qui più dolce, con strisce bianche questa volta esistenti che imbiancavano le vie più classiche di questo versante.

Semplicemente “già che siam qui, proviamo la cima salendo di lì”. Tre ore di scalata trascorrono su misto di media difficoltà lungo colate di neve pressata, tra la via di Vibram (Vitale Bramani) e lo Spigolo Fiorelli. Per Tito è la prima volta sulla Sfinge, io invece, come spesso succede, guardo giù verso la mia casa di San Martino, da dove mille volte ho osservato la montagna dal balcone, senza aver mai immaginato di salirla in questo modo inusuale.
 

SCOTLAND YARD - Piccolo Medaccio, Masino
 
Partiti dopo una leggera nevicata polverosa, siamo diretti verso una via di roccia che nel 1972 salì per prima la cima piatta del Piccolo Medaccio, un torrione staccato di netto dalla Punta Medaccio, a cavallo tra la Val Merdarola e la Valle dell’Oro. Claudio Corti, primo salitore, è uno degli storici Ragni di Lecco di cui ricordo simpaticamente quel volto burbero e incazzato, anche colpa di anni polemici dopo la nota storia dell’Eiger. L’ho inquadrato come un fortissimo arrampicatore della sua epoca, con la sua via sulla Est del Badile che è lì a raccontare il suo ardimento, insieme ad altre che nel Masino sono un po’ perse nell’oblio. 

Questa sua piccola via al Medaccio l’ho proposta in veste invernale ad Andrea Bottani, nipote di Felice Bottani, che accompagnò il Corti in quella prima salita. Andrea era già sul pezzo e mi aveva inviato la relazione originale e una foto aerea fatta con il drone. Accanto allo sperone dove sale la via, ho ideato un percorso nuovo, un camino marcato, seguito da placche rigate d’erba, una linea sulla vergine porzione di parete di 250 metri, che nella foto estiva non diceva nulla, ma che in inverno animava la possibilità di salire con le piccozze e di trovare nei camini un terreno giusto per arrampicare sul misto. Dopo 3 ore di avvicinamento su neve, senza sci o ciaspole, ci troviamo a decidere, ma non ci serve molto tempo. Luca Schiera, compagno aggiuntosi la sera prima in questa nuova avventura, arriva per primo a sbirciare da dentro il camino-canale.
"Bello, qui dentro c’è di tutto!". L’inizio di una nuova ravanata di serie A.
 
Il primo tiro è quello più giusto per identificare la salita di oggi: misto variegato con alcuni passaggi eleganti, su macchie di ghiaccio ed erba ghiacciata, con neve da spazzolare e qualche buon appiglio sulla roccia. Si sosta alla base di un salto più verticale e da qui il camino prosegue formando con un macigno staccato una specie di tetto, mentre più a sinistra offre una netta fessura su granito pulito, tutto secco, da scarpette (che non abbiamo). Proseguo ancora io ma non mi piace né l’uno né l’altro. Curvo a sinistra e compare una placchetta bastarda sovrastata da erbe spioventi. Il "chiodo masinense per eccellenza" penetra nella fessurina sottile che taglia la placca, complicato da piantare con il martellino "di bellezza" della piccozza. Il chiodo è stato lasciato, mi è servito a darmi più tranquillità per provare e tirarmi fuori da questo boulder e a fermarmi più sopra, sostando su un insieme di rami che uscivano dalla neve.

Cambio al comando e Schiera sparisce a destra rientrando nella direttiva della linea, incontrando il passaggio più bello e stretto del camino: sosta anche lui su pianticelle, poi segue un canale di neve più appoggiato fino ad una specie di pulpito, dalla cui cima per andare in su c’è parete aperta, con visibili ciuffi e rampe erbose in mezzo a scudi di placche impraticabili con i ramponi. Del sano turf alla polacca con erba buona su questo tiro fatto da Luchino.

Alla quinta sosta e senza ancora saperlo ci innestiamo sulla via di Corti che arriva dallo sperone a fianco, seguendo una netta fessura ad incastro di scarpone che porta sulle placche e a un vecchio chiodo. Luchino traversa verso destra e si ferma per qualche minuto esprimendo della preoccupazione: "è una placca dura con i ramponi, se cado da qui mi schianto!". In sosta con Andrea ci guardiamo increduli, pensando che se Schiera è così fermo e indeciso c’è da preoccuparsi per davvero. Il lieto fine però è la scoperta improvvisa di un secondo chiodo della via, nascosto nella placca che pareva improteggibile. Luca riprende fiducia a salire e mezz’ora dopo siamo tutti e tre sulla lama di vetta. 

Sono circa sei ore che ravaniamo, dopo sette tiri di corda dai quali cerchiamo di calarci velocemente per evitare il buio. Raggiunta la cengia di partenza, mi godo l’orario dei migliori tramonti sulle montagne del Masino.

di Luca Maspes

Luca Maspes ringrazia: Grivel, Marmot, Wild Climb

Segue la prima puntata: #1 Strisce Bianche sul Ventina del Disgrazia

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
#1 Strisce Bianche sul Ventina del Disgrazia. Di Luca Maspes
06.05.2021
#1 Strisce Bianche sul Ventina del Disgrazia. Di Luca Maspes
Iniziando dal bacino del Ghiacciaio del Ventina nel gruppo del Disgrazia (Valtellina, Alpi Centrali) la guida alpina Luca Maspes 'Rampikino' presenta una panoramica delle sue prime salite sulle montagne di casa, tutte ancora inedite ed effettuate negli ultimi anni. In questa prima puntata le vie di misto alla Sentinella della Vergine e la Lancia del Ventina.
Monte Disgrazia per la Via dei Corvi sulla Punta della Speranza
15.01.2015
Monte Disgrazia per la Via dei Corvi sulla Punta della Speranza
Continuando il suo suo giro d'Italia per montagne e pareti Ivo Ferrari ci propone la salita della via dei “Corvi” sulla Punta della Speranza o Quota 3483 al Monte Disgrazia. Una via aperta da Benigno Balatti, Gianfranco Lafranconi, Riccardo Riva e Fulvio De Marcellis nel 1985 e ripetuta solo una volta, che merita di essere raccontata e ricordata dallo stesso Benigno Balatti vero amante di questa montagna.
Monte Disgrazia, oltre l'orizzonte. Di Ivo Ferrari
05.11.2014
Monte Disgrazia, oltre l'orizzonte. Di Ivo Ferrari
Una montagna, il Monte Disgrazia, una salita del tutto classica, che si sposano con i ricordi e con quella ricerca mai definitiva di attimi sempre irripetibili.
150° del Monte Disgrazia
29.08.2012
150° del Monte Disgrazia
E' culminata con la salita al Monte Disgrazia, compiuta venerdì 24 agosto dagli alpinisti Giordano Giumelli - Tecnico ERSAF e Mario Vannuccini - Guida alpina, la serie di manifestazioni legate alle celebrazioni del 150° del Monte Disgrazia organizzate dalle guide alpine della Val Masino e della Valmalenco.
Via del 149°, nuova via sul Monte Disgrazia
26.08.2011
Via del 149°, nuova via sul Monte Disgrazia
Domenica 21 agosto due cordate composte da Michele Comi, Luca Maspes, Stefano Mogavero e Popi Miotti hanno aperto la “Via del 149°” un nuovo itinerario sull' inviolato sperone SE dell'Anticima orientale del Monte Disgrazia 3483 m (Valtellina, Alpi Centrali) che preannuncia i festeggiamenti del prossimo anno per il 150° della prima storica salita della montagna.
Morteratsch Est, prima salita per Maspes, Panizza e Turk
28.03.2009
Morteratsch Est, prima salita per Maspes, Panizza e Turk
Il 21 marzo Luca Maspes, Emanuel Panizza e Christian Turk hanno effettuato la prima salita della parete Est Sud Est del Morteratsch (3751m) nel Gruppo del Bernina lungo una via che hanno chiamato “Il grande freddo”.
04.10.2006
Alpinismo: la nostra estate, nuove vie per Luca Maspes e C.
Estate 2006: vie nuove, alcune rivisitazioni e solitarie, dalla in Valtellina, di Luca Maspes con vari compagni di viaggio.
24.02.2003
Senza Pietà al Sasso Moro per Maspes
Il 22/02 Gianluca Maspes ha apereto in solitaria Senza Pietà (VI, 4+/5-, VI/VI+, misto), nuova via sulla SE del Sasso Moro (3108 m), nel Gruppo del Bernina.
La Patagonia 2002 di Luca Maspes
05.01.2003
La Patagonia 2002 di Luca Maspes
Due mesi patagonici, due nuove salite e un viaggio intenso nel report di Luca Maspes Rampikino.
07.06.2000
1a solitaria di 'Elettroshock' al Picco Luigi Amedeo, per Luca Maspes
L'1-2 giugno Luca Maspes 'Rampikino' ha realizzato la 1a salita solitaria della via 'Elettroshock' - ED+/ABO; 7c in libera o 7b/A1 (7a obbligatorio) - alla parete Sud Est del Picco Luigi Amedeo (2800 m), nel Gruppo del Masino Bregaglia, (Alpi Centrali).

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra