Home page Planetmountain.com
Priti Wright e Jeff Wright in cima a K6 Central in Pakistan il 09/10/2020
Fotografia di archive Priti Wright, Jeff Wright
Priti Wright con K6 West sulla sinistra, K6 Main in centro e K6 Central sulla destra
Fotografia di archive Priti Wright, Jeff Wright
La vista dalla cima di K6 Central sul ghiacciaio Charakusa. La montagna è stata salita la prima volta da Priti Wright e Jeff Wright il 09/10/2020
Fotografia di archive Priti Wright, Jeff Wright
La cresta sommitale di K6 West, Central e Main e la linea di salita scelta da Priti Wright e Jeff Wright, ottobre 2020
Fotografia di archive Priti Wright, Jeff Wright

K6 Central prima salita per Priti e Jeff Wright

Il 9 ottobre 2020, gli alpinisti statunitensi Priti e Jeff Wright hanno effettuato l'ambita prima salita del K6 Central (7155m) nel Karakorum, Pakistan. Questa salita è arrivata un giorno dopo la terza salita del K6 West (7140m). Il report dei coniugi Wright della salita in stile alpino che ha richiesto 8 notti e 9 giorni.

Gli alpinisti statunitensi Priti e Jeff Wright hanno realizzato una serie di importanti salite nel Karakorum Pachistano, dove l'8 ottobre hanno effettuato la terza salita della cima K6 West (7140m) prima di proseguire e completare l'ambita prima salita del K6 Central (7155m) il giorno successivo. Partendo dal campo base avanzato sull'East Nangmah Glacier, i coniugi hanno trascorso 8 notti e 9 giorni sulla montagna, aprendo una via di 2000m e superando neve e ghiaccio fino a 80°.

Vale la pena vedere l'impressionante successo dei Wright sul K6 nel suo contesto più ampio. La 32enne Priti è programmatrice, mentre il 33enne Jeff è ingegnere aeronautico. Fino a quest'anno le loro salite in montagna erano sempre relegate ai fine settimana e alle vacanze, durante le quali hanno accumulato un curriculum importante che include due salite del Denali in Alaska, nonché il Fitz Roy in Patagonia lungo la via Franco-Argentina.

Volendo però fare di più, dopo due anni di attenta progettazione, hanno deciso di prendersi un anno sabbatico nel 2020. Questo è iniziato sul serio a febbraio con una salita del Cerro Torre attraverso la Via dei Ragni, dopo di che hanno salito le sei pareti nord delle Alpi: Eiger a marzo lungo la via Heckmair del 1938, Petit Dru a maggio, il Cervino a giungo per la via Schmid, e a luglio Cima Grande nelle Dolomiti lungo la via Comici-Dimai, le Grandes Jorasses lungo lo Sperone Walker e il Piz Badile. Il K6 segna il loro eccellente debutto in Himalaya ed è la montagna più alta che hanno salito fino ad oggi. Il loro report è pubblicato di seguito.

K6 WEST E CENTRAL di Jeff e Priti Wright

Questo ottobre abbiamo salito K6 West (terza salita 7140m) e il K6 Central (prima salita 7155m). Abbiamo raggiunto la vetta del K6 West l'8 ottobre e quella Central il 9 ottobre. Avevamo programmato di scalare il K6 dal versante sopra la valle di Nangmah da oltre due anni. Quando il COVID ha colpito, abbiamo sempre sperato di poter andare in Pakistan, ma abbiamo ritardato il nostro viaggio da giugno-agosto alla fine di settembre-ottobre, quando il paese ha annunciato che consentiva ai turisti di entrare con un test COVID valido. Una settimana prima della nostra partenza, Colin Haley ha deciso di unirsi a noi per scalare vari obiettivi da solo. Colin è stato un nostro eroe e per noi è stato una grande fonte di ispirazione quando abbiamo iniziato a praticare l'alpinismo più di sei anni fa. In effetti, abbiamo modellato il nostro anno sabbatico su un anno tipico della vita di Colin (Patagonia - Chamonix - Pakistan). È stato un vero piacere averlo con noi al Campo Base, e ci ha fornito un bagaglio di conoscenze e consigli in questo (per noi) nuovo gioco dell' alpinismo d'alta quota.

Questo è stato un anno difficile per gli alpinisti di tutto il mondo, a causa del COVID. Quasi tutte le spedizioni serie hanno annullato i loro piani, quindi quando noi abbiamo continuato con la nostra prevista spedizione nel Karakorum al K6, eravamo completamente da soli in tutto il massiccio. Certamente nessuno si aspettava che facessimo la prima salita del K6 Central, una vetta di 7.000 m, a fine stagione.

Il K6 ha tre vette principali lungo la cresta sommitale: West (7140m), Central (7155m) e Main (7281m). Il K6 Main è stato scalato per la prima volta nel 1970 da una spedizione austriaca guidata da Eduard Koblmueller. Prima della nostra spedizione, abbiamo avuto la fortuna di entrare in contatto con uno dei membri della spedizione del giovane team austriaco, Fred Pressl, che ha gentilmente condiviso con noi immagini e storie della sua spedizione del 1970. Nel 2013, Ian Welsted e Raphael Slawinski sono diventati i primi a salire il K6 West attraverso una via altamente tecnica dal versante nord (Charakusa) (per la quale hanno vinto un Piolet d'Or). Poi, nel 2015, Graham Zimmerman e Scott Bennett sono diventati i secondi a salire il K6 West, dal versante sud (Nangmah). Una tempesta imminente li ha costretti a ritirarsi senza continuare la traversata fino alla vetta del K6 Central, che è rimasta inviolata.

Il primo ostacolo da superare per noi è stato arrivare in Pakistan. Ci siamo tenuti in contatto con Ali Saltoro, il nostro tour operator della spedizione, che ci ha tenuto informati sullo stato del COVID lì. Abbiamo ritardato il nostro viaggio di un mese e mezzo, ma quando ci ha detto che il Pakistan aveva riaperto al turismo, abbiamo rispolverato i nostri visti del dicembre 2019, acquistato i biglietti aerei e ottenuto i nuovi test COVID richiesti per l'ingresso. Non avevamo sentito parlare di nessuna spedizioni programmata per questa stagione e non sapevamo cosa aspettarci. Siamo arrivati ​​ad Islamabad il 23 agosto, Alì ci ha accolti all'aeroporto, e qualche ora siamo volati a Skardu, senza nemmeno lasciare l'aeroporto. Il 26 agosto siamo arrivati ​​sani e salvi al campo base nella valle di Nangmah, senza aver avuto alcun problema.

Una volta arrivati ​​al campo base, abbiamo iniziato ad acclimatarci sul vicino Kapura Peak e abbiamo avuto una visione completa della cresta SO e della parete ovest del K6 da quello che viene chiamato Alam's Col (una via salita per la prima volta dai portoghesi Daniela Teixeira e Paulo Roxo nel 2013). Da questo punto abbiamo potuto vedere che c'erano diverse opzioni per salire la parete ovest. Dopo esserci acclimatati sul Kapura Peak (nessun tentativo in vetta) situato sul ghiacciaio West Nangmah, ci siamo spostati sul ghiacciaio East Nangmah e abbiamo preparato un campo base avanzato. Abbiamo continuato ad acclimatarci, esplorando due delle tre linee alternative che ci avrebbero consentito di scavalcare quasi tutto il tecnico misto trovato da Graham e Steve. Siamo saliti fino a 6200m e abbiamo dormito sopra i 5700m per 5 notti, prima di stabilire che la linea di discesa di Graham e Scott sarebbe stata la linea di salita ideale.

Siamo scesi di nuovo al campo base (4.400 m), dopo aver appreso che Colin si era ammalato. Colin ha concluso il suo viaggio ed è tornato in Francia, mentre noi abbiamo programmato un tentativo in vetta quando abbiamo ricevuto previsioni meteo promettenti. Eravamo ben acclimatati e pronti per l'attacco, nonostante le temperature in calo e le giornate che rapidamente diventavano sempre più corte.

Il 2 ottobre siamo tornati al campo base avanzato a 5150m. Da lì, la via inizia su una rampa principale sul fianco sud-ovest della montagna, seguendo ghiaccio e neve fino a 60 gradi fino alla cresta SO per circa 600m. Abbiamo quindi attraversato per 300 metri la parete ovest, la crepaccia terminale, poi abbiamo risalito la gelida parete ovest di 900 metri. Quando Graham e Scott sono scesi su questa linea nel 2015, hanno effettuato 19 Abalokov per arrivare oltre la terminale. La salita dei 900 metri della parete ovest è stata una giornata faticosa, bruciante per i polpacci, di 12 ore per raggiungere i 6600m di quota sulla cresta sud-ovest. La parete ovest consisteva principalmente di pochi pollici di neve su ghiaccio solido e molto duro (70° circa per 900m), che abbiamo scalato arrampicando in conserva.

I pendii superiori erano costituiti da neve profonda e abbiamo lottato sugli ultimi 400 m fino alla cresta sommitale a 7.000 m. Il nostro meteorologo ci ha avvertito che avremmo incontrato il jet stream sopra i 6500m con venti sostenuti di almeno 45 km/h e temperature minime la mattina attorno a -21°C; aveva ragione. Questa salita di fine stagione ha significato arrampicare con tempo freddo, sereno e ventoso, e soprattutto giorni brevi e notti fredde e lunghe. Abbiamo affrontato terreno nuovo sulla traversata dal K6 West al K6 Central. La parete ovest del K6 Central era costituita di ghiaccio e neve fino a 80 gradi, ed includeva una crepaccia terminale e un debole cornice che abbiamo dovuto superare.

Il versante nord dell'affilata e rocciosa cresta sommitale del K6 Central precipita verticalmente nella Valle di Charakusa. Quando abbiamo finalmente raggiunto il punto più alto della cresta a forma di ventaglio del K6 Central, ci siamo seduti sull'affilata cresta con una gamba sopra la valle di Lachit ed una gamba sopra la valle di Charakusa. Stranamente, scalare una vetta inviolata non ci è parso diverso che salire una qualsiasi altra vetta. Tuttavia il bel tempo ci ha regalato una splendida vista sulle enormi montagne di 7.000 e 8.000 metri che si estendevano intorno a noi in un vasto panorama in tutte le direzioni, e ci siamo sentiti felici e umili. Ma la nostra euforia è stata di breve durata perché avevamo una lunga via da scendere.

Dobbiamo ringraziare molto Steve Swenson, Graham Zimmerman e Ian Welsted per le loro utili informazioni, e Colin Haley per i suoi ottimi consigli e la sua meravigliosa compagnia, al resto del nostro team del campo base: Ishaq il nostro manager del campo base, Azhar il nostro cuoco, capitano Zohaib il nostro ufficiale di collegamento e, naturalmente, Ali Saltoro, il nostro tour operator della spedizione. Non avremmo potuto fare nulla senza di loro!

Priti e Jeff Wright

Link: alpinevagabonds.com, FB Priti and Jeff Wright, Instagram Priti Wright & Jeff Wright

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
K6 West, il video della prima salita di Raphael Slawinski e Ian Welsted in Karakorum
26.11.2014
K6 West, il video della prima salita di Raphael Slawinski e Ian Welsted in Karakorum
Il video della prima salita del K6 West (7040m) nel Karakorum, Pakistan, effettuata nel luglio 2013 dai canadesi Raphael Slawinski e Ian Welsted.
K6 West, la prima salita di Raphael Slawinski e Ian Welsted in Karakorum
27.11.2013
K6 West, la prima salita di Raphael Slawinski e Ian Welsted in Karakorum
Lo scorso luglio i canadesi Raphael Slawinski e Ian Welsted hanno effettuato la prima salita del K6 West (7040m) nel Karakorum, Pakistan.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo