Home page Planetmountain.com
Dittatura Digitale, Cima Uomo, Dolomiti di Brenta: Markus Aufderklamm in apertura sul secondo tiro
Fotografia di Luca Giupponi, Markus Aufderklamm
Dittatura Digitale, Cima Uomo, Dolomiti di Brenta: Luca Giupponi in apertura sul sesto tiro
Fotografia di Luca Giupponi, Markus Aufderklamm
Dittatura Digitale, Cima Uomo, Dolomiti di Brenta: Luca Giupponi e Markus Aufderklamm in cima al pilastro
Fotografia di Luca Giupponi, Markus Aufderklamm
Io Penso Positivo, Rupe di Santa Massenza, Valle del Sarca: Luca Giupponi in apertura sul quarto tiro
Fotografia di Luca Giupponi, Markus Aufderklamm

Due nuove vie d’arrampicata per Luca Giupponi e Markus Aufderklamm

di

Il report di Luca Giupponi che insieme a Markus Aufderklamm ha aperto Via Dittatura Digitale a Cima Uomo nelle Dolomiti di Brenta e Penso Positivo alla Rupe di Santa Massenza in Valle del Sarca.

Continua senza sosta l’esplorazione verticale di Luca Giupponi, fortissimo climber, direttore tecnico della nazionale italiana di arrampicata ed istruttore al Centro Addestramento alpino Polizia di Moena, che insieme a Markus Aufderklamm ha aperto due interessante vie di più tiri. La prima si trova a Cima Uomo nelle Dolomiti di Brenta Settentrionale e si chiama Via Dittatura Digitale, mentre Io Penso Positivo si trova alla Rupe di Santa Massenza in Valle del Sarca.


DITTATURA DIGITALE E IO PENSO POSITIVO di Luca Giupponi

Per parlare di questa via devo tornare molto indietro all’estate 2017. Nei mesi luglio e agosto avevamo aperto con Rolando Larcher Silverado, sempre qui in Brenta settentrionale in Valle della Roccia. Liberata la via in settembre, mi rimane ancora voglia di scoprire una nuova linea.



In una splendida giornata autunnale cammino in Val Madris osservando con il binocolo le varie torri, che costeggiano la ripida valle. Incuriosito dalla grande grotta alla base di una di queste torri, risalgo il prato ed entro nella grotta. Osservando a destra vedo una serie di placche lisce che salgono dritte sulla punta della torre che fa parte di Cima Uomo. Osservo con il binocolo, non vedo nessuna traccia e la roccia è super; la linea sembra interessante e l’ambiente è fantastico.



Con grande soddisfazione ho un nuovo progetto da inseguire. Poco dopo con l’amico Markus Aufderklamm, forte arrampicatore di San Felice, iniziamo il nuovo progetto dal basso. Parto con la curiosità a mille e dopo i primi metri in un diedro canale mi butto sulla placca, che risulta subito impegnativa. Dopo diversi tentativi e qualche volo risolvo un bel passaggio obbligatorio, che sarà il più impegnativo della via. La roccia è molto slavata, non ci sono appoggi netti ma tutti svasi e lisci, il che rende il tutto molto precario e impegnativo.



Markus parte a bomba sul secondo tiro strapiombante con liste e verticali da tirare e con un traverso a buchi e una placca in uscita. Bellissimo tiro, anche questo impegnativo. Lo stile di apertura è sempre il solito: progressione sempre in libera. I cliff vengono usati solamente a chiodare; ove possibile usiamo protezioni veloci, che verranno segnate nelle relazioni. Finisce così la prima giornata. Soddisfatti ci caliamo in una fredda aria autunnale, salutiamo la parete che ormai l’inverno è alle porte.

Nel 2018 tra gli impegni con la squadra e per le gare non riusciamo a continuare il progetto. Nel 2019 in due bellissime giornate finiamo la via e il 26 settembre sbuchiamo in cima alla torre. Restiamo ad osservare la bellezza del luogo e della via, guardiamo montagne e paesaggi che già conosciamo ma che non ci stuferemo mai di osservare, anzi andando avanti con l’età apprezzo ogni volta di più il privilegio di poter vivere momenti così. Il nome deriva dal fatto, che ci preoccupa non poco lo sviluppo di un controllo tecnologico delle nostre vite sempre più insistente.

Nel 2020 il nostro nome della via purtroppo trova sempre più conferma. Dopo le intense giornate in Paganella, finalmente l’11 settembre avvolti nella nebbia liberiamo al via. In cima compare il sole fra le nuvole. Un grande senso di felicità e soddisfazione per la nostra libertà ci circonda. Poco dopo la via è stata ripetuta da Rolando Larcher e Stefano Salvaterra, che è riuscito a salire la via a vista.

Per quanto riguarda Io Penso Positivo, in settembre 2020 ripetendo Figli del vento, la bella via di Alessandro Beber e Peter Moser alla Rupe di Santa Massenza, avevo visto a destra una possibile linea che superava il grande tetto. Breve ma estetica e spettacolare. Io Penso Positivo è stata aperta dal basso con Markus, in due giornate nell’ottobre 2020 e liberata il 30 ottobre.

Luca ringrazia: La Sportiva e Mammut

SCHEDA: Dittatura Digitale, Cima Uomo, Dolomiti di Brenta

SCHEDA:  Io Penso Positivo, Rupe di Santa Massenza, Valle del Sarca

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Fine di un’Epoca alla Cima Cee nelle Dolomiti di Brenta di Rolando Larcher e Luca Giupponi
19.06.2020
Fine di un’Epoca alla Cima Cee nelle Dolomiti di Brenta di Rolando Larcher e Luca Giupponi
Su Cima Cee in Val di Tovel, Dolomiti di Brenta, Rolando Larcher e Luca Giupponi hanno aperto e liberato la nuova via d’arrampicata Fine di un’Epoca, dedicata a Renato, padre di Rolando. Il report di Larcher.
Escalador Selvatico, la via sull’Acopan Tepui in Venezuela di Giupponi, Larcher e Oviglia
27.03.2020
Escalador Selvatico, la via sull’Acopan Tepui in Venezuela di Giupponi, Larcher e Oviglia
Il video dell’apertura di Escalador Selvatico (7c+ max, 7a+ obbligatorio, 630m) sulla parete nord dell'Acopan Tepui in Venezuela, aperta nel 2014 da Luca Giupponi, Rolando Larcher e Maurizio Oviglia.
50Special nuova speciale via in Val Trementina di Rolando Larcher e Luca Giupponi
26.07.2019
50Special nuova speciale via in Val Trementina di Rolando Larcher e Luca Giupponi
In Val Trementina (Paganella) Luca Giupponi e Rolando Larcher hanno aperto e liberato 50Special, una difficile quanta bella nuova via d'arrampicata che si affaccia sulla Val d’Adige, dedicata all'amico Mauro Giovanazzi. Il doppio report di Larcher e Giupponi.
Patagonia Piedra Parada: nuova via in Argentina per Giupponi, Larcher e Sartori
09.10.2018
Patagonia Piedra Parada: nuova via in Argentina per Giupponi, Larcher e Sartori
A Piedra Parada, nel Canyon della Buitrera, Luca Giupponi, Rolando Larcher e Nicola Sartori hanno aperto Muy Solida!, una nuova via ma sopratutto un pretesto per visitare ed arrampicare in questo territorio della Patagonia argentina del nord. Il report di Rolando Larcher e Luca Giupponi ed il video.
Tre nuove vie d'arrampicata su Cima Cee, Dolomiti del Brenta, by Luca Giupponi & C.
16.01.2018
Tre nuove vie d'arrampicata su Cima Cee, Dolomiti del Brenta, by Luca Giupponi & C.
La scoperta della parete Sud Ovest di Cima Cee nella Brenta Settentrionale (Dolomiti di Brenta, Val di Tovel, Valle della Roccia) da parte di Luca Giupponi che dal 2014 con diversi compagni ha aperto, rigorosamente dal basso, e poi liberato 3 nuove vie d'arrampicata sportiva belle e difficili. Appigli dispersi (260m, 7c max, 7a obbl); La linea del tempo (300m, 7c+ max, 7a obbl.); Silverado (200m, 8a/8a+ max, 7b obbl.). Il report di Luca Giupponi e Rolando Larcher.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock