Home page Planetmountain.com
Giacomo Regallo sulla Diretta dei Cecoslovacchi alla Punta Ferrario (Val Torrone - Val Masino)
Fotografia di Paolo Marazzi, Giacomo Regallo
Punta Ferrario in Val Torrone - Val Masino
Fotografia di Paolo Marazzi, Giacomo Regallo
Paolo Marazzi e Giacomo Regallo sulla Diretta dei Cecoslovacchi alla Punta Ferrario (Val Torrone - Val Masino)
Fotografia di Paolo Marazzi, Giacomo Regallo
Giacomo Regallo e Paolo Marazzi dopo la prima libera della Diretta dei Cecoslovacchi alla Punta Ferrario (Val Torrone - Val Masino)
Fotografia di Paolo Marazzi, Giacomo Regallo

Diretta dei Cecoslovacchi alla Punta Ferrario in Val Masino liberata da Marazzi e Regallo

di



Il report di Paolo Marazzi che insieme a Giacomo Regallo ha effettuato la prima libera della Diretta dei Cecoslovacchi sulla Punta Ferrario (3258m) in Val Torrone - Val Masino.

La Punta Ferrario, una di quelle cime del Masino mai prese in considerazione più di tanto, troppo lontana e ripida, almeno per me. L’ho sempre guardata con una sorta di rispetto e timore reverenziale, soprattutto la parte centrale della parete, quella ripida, solcata solo da due vie: Via del centenario CAI, una fessura perfetta che solca il lato destro del muro giallo aperta da Vasco Taldo, Josve Aiazzi e Angelo Pizzocolo nel 1963 e, alla sua sinistra, un diedro enorme con uscita strapiombante, la Diretta dei Cecoslovacchi, aperta nel 1980 da B. Ciernik, J. Hyuny, M. Marek e F. Piacek che disegnarono una linea dritta e perfetta con i loro gradi severi VI A2.

Già qualche anno fa Simone Pedeferri aveva liberato parte dei tiri, prima in estate poi tornando in inverno da solo nel 2003, ma non quello ad uscire dal diedrone strapiombante molto spesso bagnato.

Ok, dopo questa breve prefazione fatta di cenni più o meno storici torniamo al presente, a domenica pomeriggio, quando ho aperto la guida del Masino e, quasi per caso, sono finito sulla relazione dei cecoslovacchi. Volevo andare, avevo martedì e mercoledì liberi dal lavoro, però nella mia testa c’era anche l’idea di salire una cresta, forse nuova, un’altra bella idea. Chiamo subito Jack Regallo, il quale immediatamente accetta la mia proposta di scalare.

La sera prima di partire i piani però saltano, cambiamo idea e puntiamo alla Punta Ferrario. Non so perché, forse la cresta proposta ci sembrava troppo lunga e faticosa o, forse, questa volta eravamo fiduciosi di trovare tutto il diedro della Diretta finalmente asciutto. O, più sinceramente, non avevamo nessuna voglia di alzarci così presto il giorno dopo... troppo sbattimento!
Martedì mattina dopo una prima colazione in furgone, alle 9 eravamo ancora al bar, caffè, quattro chiacchere, dividiamo il materiale e partiamo intorno alle 11.  La salita al Bivacco Manzi la facciamo con estrema calma, una calma che non ho mai avuto salendo in val Torrone. La pausa all’Hotel Meridiana dove incontriamo Luchino (Luca Schiera ndr) è di più di un’ora.

Nel primo pomeriggio però siamo su; la nostra idea è proprio quella di arrivare un po’ prima e guardare la parete, capire se fradicia e nel caso farsi venire altre idee. Ovviamente come può essere la parete (escludendo il fradicio)? Ricoperta da mille nuvole che non ci permettono di vederla a parte pochi secondi al tramonto. Potevamo partire più tardi e dormire di più…
Al mattino la sveglia è la solita da alpinisti, prima delle otto non si inizia a scalare che fa freddo e gli occhi hanno su le bagoline da sonno.

Parte Jack, sulla prima parte ci alterniamo piuttosto velocemente, fino al diedro i gradi sono abbastanza facili. Il primo tiro di VI sul diedro già fa capire come gradavano ‘sti cecoslovacchi: diciamo che non sono di manica larga. Jack parte sul primo tiro duro liberato dal Simo, una Dulfer, non delle più semplici da proteggere. Pulito, a-vista, io lo seguo e va bene anche a me. Arriviamo sotto il tiro da liberare ed è il mio turno. Lo vedo quasi asciutto ma estremamente aggettante. Decido di riposare un attimo mentre Jack si fuma una sigaretta.

Parto, qualcosa è bagnato ma non troppo, più che altro sono troppo ghisato per riuscire a proteggermi decentemente. La questione è la solita: “fermati e proteggi” o “vai e spera”. Be, per grazia ricevuta libero il tiro a vista. La scelta di fermarmi e proteggere non l’ho presa così tanto in considerazione. Dietro di me anche Giacomo lo sale in libera. Siamo super felici. Pochi tiri ci collegano alla Taldo e da lì ancora un tiro impegnativo prima di arrivare in cima.

Alle 14 siamo in cima. Alle 21, dovendo riattrezzare quasi tutte le doppie, siamo davanti ad una birra in paese, con la felicità di aver salito e liberato a vista una linea così logica, dritta e perfetta.

di Paolo Marazzi

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
22.03.2005
Punta Ferrario, un'invernale "calda"
Il 17-18/03, Luca Maspes, Fabio Salini e Giuliano Bordoni sono saliti sulla Punta Ferrario (3258 m, Val Torrone, Masino) lungo una combinazione di vie esistenti che nell'occasione sono state collegate fra loro con 8 nuove lunghezze.
27.03.2003
P.ta Ferrario, 1° solitaria invernale per Pedeferri
Il 18/03 Simone Pedeferri ha realizzato la 1° invernale solitaria della Diretta dei Cecoslovacchi alla Punta Ferrario, in Val Torrone, TD+ A1 e A2.
King of the Bongo in Val di Mello di Matteo De Zaiacomo, Paolo Marazzi e Luca Schiera
21.03.2020
King of the Bongo in Val di Mello di Matteo De Zaiacomo, Paolo Marazzi e Luca Schiera
Il video dell’apertura di King of the Bongo, aperta sulla parete est del Qualido sopra la Val di Mello da Matteo De Zaiacomo, Paolo Marazzi e Luca Schiera tra il 2014 e 2015.
Cerro Mariposa, Patagonia, il video di Paolo Marazzi e Luca Schiera
17.02.2020
Cerro Mariposa, Patagonia, il video di Paolo Marazzi e Luca Schiera
Il video di Paolo Marazzi e Luca Schiera e l’apertura di Produci consuma crepa, una via di 900m sul Cerro Mariposa, aperta nel 2017.
La grande Trilogia del Masino per Luca Schiera e Paolo Marazzi
19.07.2019
La grande Trilogia del Masino per Luca Schiera e Paolo Marazzi
Tra martedì 16 e mercoledì 17 luglio Luca Schiera e Paolo Marazzi in 34 ore non stop (compresi i trasferimenti a piedi) hanno salito Elettrochock (Picco Luigi Amedeo), La Spada Nella Roccia (Qualido) e Delta Minox alla Cima Scingino, con partenza e arrivo da San Martino. 3 vie importanti, simbolo dell'arrampicata in Val Masino. 3 vie aperte dai 'mitici' Tarcisio e Ottavio Fazzini, Sabina Gianola e Norberto Riva, fra il 1988 e 1989. Il tutto per una grandissima visione, interpretazione ed avventura. Di sicuro uno dei concatenamenti più importanti degli ultimi anni, nelle Alpi e non solo. Il report di Luca Schiera.
Cerro Mangiafuoco, prima salita in Patagonia per Paolo Marazzi e Luca Schiera
26.01.2019
Cerro Mangiafuoco, prima salita in Patagonia per Paolo Marazzi e Luca Schiera
In Patagonia i due alpinisti del gruppo Ragni di Lecco Paolo Marazzi e Luca Schiera hanno salito l'inviolato Cerro Mangiafuoco. Hanno chiamato la loro nuova via L'appel du vide (6c M4 400m).
Larcher e Marazzi liberano Così parlò Zarathustra nel Vallone di Sea
12.09.2017
Larcher e Marazzi liberano Così parlò Zarathustra nel Vallone di Sea
Il 28 luglio 2017 Jacopo Larcher e Paolo Marazzi hanno effettuato la prima salita in libera di Così parlò Zarathustra, la via d'arrampicata nel Vallone di Sea aperta nel 1983 da Isidoro Meneghin e Daniele Caneparo.
Sul Cerro Mariposa, l'avventura patagonica di Luca Schiera e Paolo Marazzi
06.04.2017
Sul Cerro Mariposa, l'avventura patagonica di Luca Schiera e Paolo Marazzi
Il 15 e 16 marzo 2017 Luca Schiera e Paolo Marazzi hanno aperto Produci consuma crepa, nuova via di 900m, difficoltà fino al 6c A2, sulla parete Nordest del Cerro Mariposa, valle del Rio Turbio, Patagonia. Il report di Luca Schiera
Patagonia: Paolo Marazzi e Luca Schiera aprono nuova via sul Cerro Mariposa
21.03.2017
Patagonia: Paolo Marazzi e Luca Schiera aprono nuova via sul Cerro Mariposa
Il 15 e 16 marzo 2017 i due alpinisti del gruppo Ragni di Lecco Luca Schiera e Paolo Marazzi hanno aperto una nuova via d'arrampicata sulla parete Nordest del Cerro Mariposa in Patagonia.
El Chaman Loco, nuova via d'arrampicata in Messico di Maggioni, Marazzi e Pedeferri
18.03.2016
El Chaman Loco, nuova via d'arrampicata in Messico di Maggioni, Marazzi e Pedeferri
Nel novembre 2015 Simone Pedeferri, Paolo Marazzi e Marco Maggioni hanno aperto El Chaman Loco sulla parete El Chaman ad El Salto in Messico. Alcuni tiri della via di 400m sono ancora da liberare, con difficoltà stimate attorno a 8c. Il report di Paolo Marazzi.
King of the Bongo sul Qualido in Val di Mello per Marazzi, de Zaiacomo e Schiera
20.08.2015
King of the Bongo sul Qualido in Val di Mello per Marazzi, de Zaiacomo e Schiera
Nell'autunno del 2014 Paolo Marazzi, Matteo de Zaiacomo e Luca Schiera hanno aperto King of the Bongo, una nuova via d’arrampicata che, dopo i primi due tiri in comune con Passi di Bimbo, sale per oltre 700m una difficile e a tratti pericolosa linea indipendente sul Qualido, in Val di Mello. Il racconto del climber e fotografo Riky Felderer che ha documentato la prima libera il 25-26/7/2015.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós