Home page Planetmountain.com
Simon Richardson w Mark Robson nel massiccio Stikine SE Alaska
Fotografia di Simon Richardson
Simon Richardson w Mark Robson nel massiccio Stikine SE Alaska
Fotografia di Simon Richardson
Simon Richardson w Mark Robson nel massiccio Stikine SE Alaska
Fotografia di Simon Richardson
Simon Richardson w Mark Robson nel massiccio Stikine SE Alaska
Fotografia di Mark Robson

Cinque prime salite in Alaska di Simon Richardson e Mark Robson

di

Alpinismo d’esplorazione: nonostante condizioni impegnative, Simon Richardson e Mark Robson hanno effettuato cinque prime salite su montagne finora inviolate nel massiccio del Stikine in Alaska. Il report di Richardson.

Il ghiacciaio Stikine si trova a cavallo del confine tra USA e Canada, tra il fiume Stikine e le acque costiere di Frederick Sound nell'Alaska sud-orientale. Spettacolari vette di granito sorgono da una miriade di ghiacciai che coprono un'area equivalente in grandezza al Galles. Sarebbe un campo da gioco perfetto per gli alpinisti, se non fosse per il clima che è veramente atroce. A ovest si trova il Golfo dell'Alaska, un mare malevolo e tempestoso responsabile della maggior parte delle precipitazioni che colpiscono la costa del Pacifico del Nord America. Di conseguenza, lo Stikine è uno dei luoghi più piovosi al mondo ed è stato descritto come una "calotta glaciale di pioggia". Non sorprende quindi che l’alpinismo qui sia estremamente impegnativo e che il ghiacciaio sia visitato raramente dagli alpinisti. È una delle catene montuose più selvagge e meno conosciute al mondo.

The Devil's Thumb (9077 piedi) è la montagna più famosa sullo Stikine Icefield e viene visitata due o tre volte all'anno. Il resto del massiccio è quasi completamente trascurato. A circa 25 km a nord-ovest del Devil's Thumb, all’inizio del ghiacciaio North Baird, si trova l'imponente Oasis Peak (7925 piedi). Questa guglia è stata salita soltanto una volta in precedenza. Insieme a The Devil's Thumb e al suo satellite Burkett Needle, è considerata una delle montagne più spettacolari dell'Alaska sud-orientale.

In passato Mark Robson ed io abbiamo fatto diversi viaggi verso le Coast Mountains della British Columbia, e questa volta volevamo visitare lo Stikine. Il nostro piano era di completare la seconda salita dell'Oasis Peak salendo una nuova via da nord. Questa era stata tentata un paio di volte negli anni '70, ma la nostra tattica era di visitare la zona in primavera (inizio maggio) sperando di trovare condizioni di neve, ghiaccio e misto più stabili di quelle incontrate dalle spedizioni precedenti a metà estate. Il 30 aprile abbiamo sorvolato il North Baird Glacier in elicottero, partendo dal villaggio di pescatori di Petersburg. Per quanto ne sappiamo, siamo stati la prima spedizione a visitare il ghiacciaio in oltre 40 anni.

Non appena arrivati ci è stato subito chiaro che salire una via tecnica sarebbe stato improbabile. Tutte le montagne erano innevate, avvolte da enormi cornici e funghi di neve instabile. Più importante ancora, di notte le temperature non scendevano sotto lo zero e c'erano (letteralmente) centinaia di valanghe. Così, dopo una settimana, abbiamo abbandonato i piani per l'Oasis Peak e abbiamo spostato il nostro campo base sul ghiacciaio per poter accedere al North Arm del North Baird Glacier.

Finalmente, il 9 maggio, il tempo è migliorato sufficientemente da permetterci di salire l'Icefall che sorvegliava l'ingresso al North Arm. Siamo stati probabilmente i primi alpinisti a visitare questa parte della calotta glaciale ed eravamo circondati da oltre una dozzina di vette inviolate. Il grande regalo comunque era il P7180 (nota anche come Hyder Peak), che si trova a 8 km dall’inizio dell'adiacente Ghiacciaio Dawes. Questa massiccia e isolata montagna, con un vertiginoso triangolo roccioso, si trova sul bordo occidentale del massiccio. Abbiamo completato la salita, lunga 5 km e con 1200 metri di dislivello, il giorno seguente durante una breve finestra di bel tempo di 24 ore, lottando contro la neve profonda, usando gli sci dove possibile e poi salendo una sezione di misto per superare la cima piramidale. La vista verso est dalla cima precaria e corniciata su tutte le principali vette del massiccio era mozzafiato. Durante il viaggio siamo anche riusciti ad effettuare le prime salite del P5910, P5720, P5800 e la formosa P5919, prima di volare verso casa il 12 maggio.

Nel complesso, abbiamo avuto soltanto tre giorni in cui non ha piovuto e la visibilità era sufficientemente buona per arrampicare. La neve è sempre rimasta morbida, le valanghe si sono susseguite costantemente e abbiamo riscontrato notevoli difficoltà con le cornici di neve. Nonostante tutte queste sfide, è stata una spedizione estremamente gratificante. Di rado l'arrampicata si è presentata tecnica, ma la scelta di linee sicure e le salite delle creste corniciate erano impegnativi. Abbiamo fatto crollare un enorme cornice, ma fortunatamente siamo rimasti entrambi sul lato giusto della linea di frattura! E soprattutto, quando la pioggia si è fermata e la nebbia si è alzata, abbiamo avuto come regalo alcuni dei paesaggi più belli e incontaminati che avessimo mai visto.

Gli alpinisti dell'Alaska sono notoriamente modesti nel pubblicizzare le loro salite, ma secondo lo storico Steve Gruhn (coautore di The Alaskan Panhandle e North British Columbia: A Climber's Guide), non ci sono tracce di precedenti salite per nessuna delle cime che abbiamo scalato. Le nostre ricerche suggeriscono che il P7180 è stata una delle montagna più alte finora inviolate nell'Alaska sud-orientale.

Mille grazie alla Fondazione Mount Everest, Neil Mackenzie Trust e Fueled by Firepot per tutto il loro aiuto

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Tempesta perfetta, nuova via sul Monte Bianco per Simon Richardson e Michael Rinn
23.08.2018
Tempesta perfetta, nuova via sul Monte Bianco per Simon Richardson e Michael Rinn
Il report di Simon Richardson dell’apertura di Perfect Storm, una nuova via di 700 metri salita insieme a Michael Rinn in 8 giorni sul Picco Luigi Amedeo sul versante del Miage, lato italiano del Monte Bianco (4807 m)
Monarch Mountain parete sudovest, prima salita di Simon Richardson e Michael Rinn
30.08.2017
Monarch Mountain parete sudovest, prima salita di Simon Richardson e Michael Rinn
Alpinismo in Canada: il report di Simon Richardson che, dal 4 al 6 agosto 2017 insieme a Michael Rinn, ha effettuato la prima salita di Game of Thrones (ED2, 1250m), la prima via sulla parete sudovest di Monarch Mountain (3572m) nel massiccio delle Coast Mountains, British Columbia.
Diamond Ridge, nuova via sulla SSE delle Grandes Jorasses. Intervista a Simon Richardson
03.08.2016
Diamond Ridge, nuova via sulla SSE delle Grandes Jorasses. Intervista a Simon Richardson
Intervista a Simon Richardson che, dal 28 - 30 luglio 2016, ha aperto insieme a Michael Rinn Diamond Ridge, (1600m, 5c, AO) una nuova via sulla parete SSE delle Grandes Jorasses (massiccio del Monte Bianco).
Denali Via Cassin per François Cazzanelli e Francesco Ratti, West Rib per Stefano Stradelli e Roger Bovard
01.06.2019
Denali Via Cassin per François Cazzanelli e Francesco Ratti, West Rib per Stefano Stradelli e Roger Bovard
François Cazzanelli e Francesco Ratti hanno salito la Cresta Cassin sul Denali (McKinley) in Alaska; cinque giorni prima le due guide alpine valdostane erano saliti in cima lungo la West Rib, via percorsa anche dai compagni di spedizione Stefano Stradelli e Roger Bovard.
Devil's Paw in Alaska: Brette Harrington e Gabe Hayden salgono la parete ovest
18.09.2018
Devil's Paw in Alaska: Brette Harrington e Gabe Hayden salgono la parete ovest
Alpinismo in Alaska: Brette Harrington e Gabe Hayden hanno aperto Shaa Téix'i (1300m, 5.11a) la prima via sulla parete ovest del Devils Paw in Alaska
Denali Light Traveller, seconda salita in Alaska di Michael Gardner e Sam Hennessy
29.06.2018
Denali Light Traveller, seconda salita in Alaska di Michael Gardner e Sam Hennessy
Il report di Sam Hennessy della seconda salita di Light Traveller, una delle vie più difficili sul Denali in Alaska, salita per la prima volta da Stephen Koch e Marko Prezelj nel 2001 e ripetuta adesso, in stile alpino, insieme a Michael Gardner in 36 ore.
Alpinismo in Alaska: nuove vie al Juneau Ice Cap di Brette Harrington e Caro North
22.06.2018
Alpinismo in Alaska: nuove vie al Juneau Ice Cap di Brette Harrington e Caro North
Brette Harrington e Caro North hanno aperto una nuova via di misto sulla parete NE del Southern Duke e una nuova via di roccia sulle Taku towers nella zona del Juneau in Alaska.
Alpinismo in Alaska: nuove vie francesi sulle Revelation Mountains
30.05.2018
Alpinismo in Alaska: nuove vie francesi sulle Revelation Mountains
All’inizio di aprile gli alpinisti francesi Thomas Auvaro, Jeremy Fino, Matthieu Rideau e Antoine Rolle hanno aperto delle nuove vie nelle Revelation Mountains in Alaska. Il racconto di Rideau.
Alpinismo in Alaska: nuova via britannica sul Mt. Jezebel per Livingstone e Hawthorn
20.04.2018
Alpinismo in Alaska: nuova via britannica sul Mt. Jezebel per Livingstone e Hawthorn
Gli alpinisti britannici Tom Livingstone e Uisdean Hawthorn hanno aperto Fun or Fear, una nuova via sulla parete est del Monte Jezebel nel massiccio del Revelations Mountains in Alaska. Aperta in stile alpino in due giorni di arrampicata, la via di circa 1200 metri è stata gradata complessivamente M6+, 90°, Ai6 R.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra