Home page Planetmountain.com
Durante la prima ripetizione di Ci Rivediamo, Paolino sulla Parete Cascata di Danerba in Valle Daone
Fotografia di Nicholas Ferrari
Durante la prima ripetizione di Ci Rivediamo, Paolino sulla Parete Cascata di Danerba in Valle Daone
Fotografia di Nicholas Ferrari
Nicholas Ferrari (in rosso) e Gianluca Forti aprono Ci Rivediamo, Paolino sulla Parete Cascata di Danerba in Valle Daone
Fotografia di Nicholas Ferrari
La relazione della via d'arrampicata Ci Rivediamo, Paolino sulla Parete Cascata di Danerba in Valle Daone
Fotografia di Nicholas Ferrari

Ci Rivediamo, Paolino, nuova via d’arrampicata in Valle di Daone

di

Gianluca Forti presenta 'Ci Rivediamo, Paolino', la nuova via d’arrampicata sulla Parete Cascata di Danerba in Valle Daone. Aperta insieme a Sandro De Toni, Nicholas Ferrari e Paolo Castellini, la via è stata dedicata all’amico Paolo Paoletti.

Come al solito io e Sandro Sandro De Toni siamo in Val Daone e stiamo ripetendo una via alla Cascata di Danerba, la prima via dell’anno su granito. Decidiamo di andarci soft.

Attacchiamo la via In Viaggio per l’Anniversario (molto bella; ripetetela). Arrivo alla prima sosta. Da lì ho una folgorazione: vedo una fessurina e, sopra, una placca. Non penso ad altro per il resto della via. In questi giorni, dopo aver visto Dawn Wall di Tommy Caldwell, sono ispiratissimo. Mi piace pensare che, anche se sono una persona normalissima, niente mi impedisce di darmi obiettivi che portino a migliorarmi. Quando iniziamo le calate, continuo a guardare a sinistra nella speranza di trovare possibilità di continuazione della linea vista più in basso.

Una settimana dopo siamo sul muro nero sotto la fessurina e iniziamo ad aprire. Con me ci sono Nicholas Ferrari, Sandro e mio zio Paolo Castellini. Io e Sandro apriamo; Nico e Paul ci aiutano a ripulire la parete, molto sporca, e ci danno consulenza sulla linea. Mi piace pensare di aprire una via con persone a cui voglio bene.

Al giorno d’oggi, con gente che fa El Capitan slegato e che scala sul 9c, un itinerario come il nostro è quasi ridicolo. D’altro canto, per noi arrampicatori normali, salire così ci fa sentire vivi. Stiamo realizzando un piccolo sogno, per noi e per le persone che avranno voglia di apprezzare gli sforzi che questa via ha comportato.

Questa tra l’altro è la mia prima apertura. Sono stato al di sotto del mio limite sia fisico che mentale. Ma ho trovato l’esperienza davvero affascinante: aprire non è ripetere; ti trovi a vagare in un deserto, e non sai che cosa troverai. Pensavo sarei stato in agitazione; ma ero talmente “gasato” e voglioso che non sentivo niente, se non le imprecazioni del vecchio socio Sandro che mi ricordava che avevamo portato il trapano per utilizzarlo, non per usarlo come contrappeso. Se fosse stato per me, i fix in via sarebbero stati meno. Ma Sandro, che ha più esperienza di me, mi ha ricordato che, quando si apre, se si desidera che altri ripetano, si deve pensare anche a loro. Questo soprattutto su una parete come questa, su cui salgono per lo più itinerari plaisir.

Dedichiamo la via a uno dei miei primi compagni di arrampicata, che oggi non c’è più: Paolo Paoletti. Era una persona buona, disponibile, probabilmente fragile, grande appassionato di montagna e delle manovre in sicurezza. Da quando se n’è andato, ho sempre avuto il desiderio di fargli in qualche modo sentire che, anche se non può più scalare con noi (sempre, igorosamente col caschetto), una parte di lui arrampica ancora e continuerà a farlo.

Siamo felici di aver aggiunto una via qui per lui in Val Daone…Per noi è un po’ la nostra seconda casa. E, chi lo sa… Magari un giorno anche la prima.

Ringrazio Angelo Davorio di DaoneClimbing, che ci ha fornito il materiale ed è stato fonte di consigli e belle parole, e tutti quelli a cui ho rotto le scatole per i più svariati motivi: Guglielmo Gafforini, Daniele Frialdi, Matteo Castellini, Paolo Dolcini, Paolo Amadio, Stefano Righetti e molti altri.

Ci rivediamo, Paolino è una via moderna che richiede esperienza alpinistica. È protetta a fix, ma va integrata a friend (serie completa fino al 2 BD), nut piccoli e cordoni. Nonostante i gradi moderati, non è una via da sottovalutare: le protezioni fisse sono talvolta distanti e i potenziali voli pericolosi. L1 fa da filtro. Invitiamo i ripetitori ad affrontare la via solo se adroneggiano il grado obbligatorio e non soffrono la distanza tra le protezioni. Buone ripetizioni a tutti!

Gianluca Forti


SCHEDA: Ci Rivediamo, Paolino, Valle di Daone

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Valle di Daone e la nuova multipitch Due Neuroni e una Sinapsi alla Cima Breguzzo
17.04.2019
Valle di Daone e la nuova multipitch Due Neuroni e una Sinapsi alla Cima Breguzzo
Arrampicata in Val Daone: Stefano Righetti presenta Due Neuroni e una Sinapsi, una nuova via di più tiri sulla parete Ovest della Cima Breguzzo aperta insieme Christian Bondani, Angelo Davorio, Pietro Gaibazzi e Alberto Rampini.
King Line, nuova via d'arrampicata in Val Daone
09.05.2017
King Line, nuova via d'arrampicata in Val Daone
Stefano Righetti presenta King Line (6c max, 6a obbligatorio, 400m), la nuova via d'arrampicata allo Scoglio di Lert in Valle di Daone aperta nel mese di agosto 2016 insieme ad Angelo Davorio e Damiano Meli.
GraMitico 2018: condividere e scoprire il boulder in Valle di Daone con Adam Ondra, Stefano Ghisolfi e Sara Grippo
12.06.2018
GraMitico 2018: condividere e scoprire il boulder in Valle di Daone con Adam Ondra, Stefano Ghisolfi e Sara Grippo
Adam Ondra, Stefano Ghisolfi, Sara Grippo, l’ambiente incantevole della Valle di Daone: le premesse affinché questo GraMitico fosse davvero unico c’erano tutte, ma a fare la bellezza di un evento non sono solo gli ospiti o la cornice: bisogna che tutte le variabili entrino in sintonia. E questa sintonia, a GraMitico, si è davvero creata.
Val Daone: concatenamento di vie in arrampicata libera per Silvestro Franchini
27.10.2017
Val Daone: concatenamento di vie in arrampicata libera per Silvestro Franchini
Silvestro Franchini parla del concatenamento delle vie Orion, Psycobar e Gatto Silvestro sullo Scoglio di Boazzo in Valle di Daone, descritto come ' l'arrampicata libera più bella' di questa mini-Yosemite dei bresciani e dei trentini.
Orkaloka, il fantastico boulder highball in Valle di Daone. Di Valdo Chilese
16.12.2016
Orkaloka, il fantastico boulder highball in Valle di Daone. Di Valdo Chilese
Il racconto di Valdo Chilese della prima salita del boulder highball Orkaloka (8A+), effettuata lo scorso settembre in Valle di Daone.
Valle di Daone boulder in Trentino - Alto Adige
31.05.2013
Valle di Daone boulder in Trentino - Alto Adige
La Valle di Daone, uno dei luoghi più belli per fare boulder in Italia, presentata da Stefania Pellizzari e Angelo Davorio.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni