Home page Planetmountain.com
Roger Schäli in volo dal Cerro Torre, Patagonia il 18/01/2022
Fotografia di Roger Schäli
Cerro Torre, Patagonia:
Fotografia di Roger Schäli
Cerro Torre, Patagonia:
Fotografia di Roger Schäli
Roger Schäli, Pablo Pontoriero e Mario Heller in cima al Cerro Torre, Patagonia il 18/01/2022
Fotografia di Roger Schäli

Cerro Torre in parapendio per Roger Schäli, Mario Heller e Pablo Pontoriero

di

Il 18/01/2022 Roger Schäli, Mario Heller e Pablo Pontoriero hanno volato in parapendio dalla cima del Cerro Torre in Patagonia, dopo aver salito la Via dei Ragni sulla parete Ovest.

Seguendo le orme di Fabian Buhl che nel 2020 è sceso in parapendio dalla vetta del Cerro Torre, il 19/01/2022 anche gli alpinisti svizzeri Roger Schäli e Mario Heller e l'argentino Pablo Pontoriero hanno preso la via più veloce per ritornare a El Chalten.

Schäli è in Patagonia da alcune settimane e prima di Natale ha salito, insieme a Bettina Gruber, cime come l'Aguja Guillaumet lungo la Via Comesana - Fonrouge, l'Aguja Poincenot lungo la Via Whillans - Cochrane e il Fitz Roy lungo la Via Afanassieff. Il connazionale e compagno di cordata Mario Heller è arrivato a Capodanno e dopo aver contratto ed essersi ripresi dal Covid, la cordata si è unita a Pablo Pontoriero per salire il Cerro Torre lungo la mitica Via dei Ragni.

La montagna è già stata salita in questa stagione, in particolare da Vittorio Messini, Gabriel Tschurtschenthaler e Matthias Wurzer che sono stati i primi a mettere piede sul famoso fungo sommitale il 16/12/2021. Heller, Pontoriero e Schäli si sono uniti a cinque amici argentini, Agustín Mailing, Pedro Fina, Luciano Cortez, Sebastián Beltrame e Ramiro Greco.

Il gruppo è salito lungo la parete ovest, ma a causa delle condizioni "inaspettatamente impegnative", il 18 gennaio è stato costretto a bivaccare un tiro sotto la vetta. Il giorno successivo Mailing ha aperto l'ultimo tiro fino in cima, dove sono scattate ovviamente le obbligatorie foto di rito; questa è stata la terza volta in cima al Cerro Torre per Schäli, dopo la ripetizione della Via del Compressore nel 2006 e la via liberata da David Lama nel 2016, ma per sua stessa ammissione "non ero mai stato così teso e nervoso durante l'intera salita".

La ragione risiedeva nel fatto che i tre avevano pianificato di volare dalla vetta in parapendio e, in condizioni pressoché perfette, sono decollati a mezzogiorno del 18 gennaio, atterrando vicino a El Chalten pochi minuti dopo. Mentre Pontoriero ha volato con una parapendio AirDesign, Heller e Schäli hanno volato con dei parapendio Advance Pi3 che pesano circa 1,8 kg ciascuno; gli alpinisti hanno volato con tutta la loro attrezzatura, ad eccezione del casco di Schäli che lo svizzero aveva regalato ad uno degli argentini, a cui era caduto il proprio durante la salita.

Schäli ci ha raccontato: "Mentre salivo il Cerro Torre questa volta ero più nervoso di quanto non lo fossi da molto tempo per una grande via di montagna, perché sapevo che scalare il Torre sarebbe stato solo metà della sfida. Ho sempre saputo che dopo l'arrivo in vetta avrei dovuto fare i conti con il decollo, e questo ancora una volta richiede concentrazione al 100%. Ciò che lo rende così difficile è il dover ignorare il fatto che dopo aver alzato l'ala e dopo aver corso 5 - 10 passi, all'improvviso hai un vuoto di 1000 metri sotto di te! Quindi, quando decidi di andare, devi dare il 100%. Interrompere la corsa può essere ancora più pericoloso e rischi di cadere giù per la headwall!

Alla fine il decollo è andato bene, nonostante il vento fosse davvero debole. Ma sapevo per esperienza che sull'esposta vetta il vento soffia da tutte le direzioni, quindi era solo questione di avere pazienza ed aspettare che le condizioni fossero favorevoli. Il volo è stato un sogno che si è avverato e ora sono semplicemente megaaaa sollevato. Solo molto tempo dopo, molto tempo dopo l'atterraggio, mi sono reso conto di quello che avevo appena fatto.

Mille grazie a Mario e Pablo, i due professionisti del parapendio, per il loro aiuto al momento del decollo. A Fabian Buhl per i suggerimenti e i trucchi. A Rolando Garibotti, Vittorio Messini, Tomás Roy Aguiló e Karl Gabl per i bollettini meteo e molto altro! E naturalmente ai nostri amici argentini Agustín Mailing, Pedro Fina, Luciano Cortez, Sebastián Beltrame e Ramiro Greco. Questi sono i momenti per cui vivo!”

Links: rogerschaeli.chLa SportivaPetzl

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Con le Grandes Jorasses Simon Gietl e Roger Schäli completano il progetto North6
28.09.2021
Con le Grandes Jorasses Simon Gietl e Roger Schäli completano il progetto North6
Con la salita della via Linceul alle Grandes Jorasses nel massiccio del Monte Bianco Simon Gietl e Roger Schäli hanno completato North6, il loro progetto di salire le sei più famose pareti nord delle Alpi, spostandosi da una montagna all’altra in bici. Per salire le pareti Nord della Cima Grande di Lavaredo, Pizzo Badile, Eiger, Cervino, Petit Dru e Grandes Jorasses i due alpinisti hanno impiegato 18 giorni.
Fabian Buhl, l'intervista dopo il suo volo in parapendio dal Cerro Torre
18.02.2020
Fabian Buhl, l'intervista dopo il suo volo in parapendio dal Cerro Torre
Intervista al 29enne alpinista tedesco Fabian Buhl che il 7 febbraio 2020 si è lanciato con il parapendio dalla cima del Cerro Torre, Patagonia.
Fabian Buhl: il video del volo dal Cerro Torre in Patagonia
12.02.2020
Fabian Buhl: il video del volo dal Cerro Torre in Patagonia
Il video del volo in parapendio di Fabian Buhl dalla cima del Cerro Torre in Patagonia, effettuato il 7 febbraio 2020.
Fabian Buhl vola dal Cerro Torre in parapendio
08.02.2020
Fabian Buhl vola dal Cerro Torre in parapendio
Paralpinismo in Patagonia: l'alpinista tedesco Fabian Buhl si è lanciato con il parapendio dalla cima del Cerro Torre, in Patagonia. E’ il primo a farlo salendo autonomamente in vetta.
Roger Schaeli 50 volte sull'Eiger
03.09.2019
Roger Schaeli 50 volte sull'Eiger
L’alpinista e guida alpina Roger Schäli ha festeggiato la sua 50° salita completa dell’Eiger nelle Alpi Bernesi in Svizzera.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós