Home page Planetmountain.com
Monte Carè Alto visto dalla val Rendena
Fotografia di Samuele Guetti
Carè Alto: veduta da nord della cresta Cerana
Fotografia di Francesco Salvaterra
Carè Alto: Elisabetta Filosi e Chiara Steffanini sulla paretina.
Fotografia di Francesco Salvaterra
Carè Alto: volano della teleferica di guerra nei pressi della cima
Fotografia di Francesco Salvaterra

Carè Alto, una delle montagne più belle e affascinanti del gruppo Adamello

Alpinismo classico sul Monte Carè Alto (3462m) nel gruppo dell'Adamello: la guida alpina Francesco Salvaterra presenta le vie di salita a 'una delle montagne più belle e affascinanti della zona', in particolare la Via Cerana che segue la magnifica cresta est.

Carè Alto è la montagna più alta ed imponente di tutta la parte meridionale del gruppo dell’Adamello. Se Presanella e Adamello presentano una via normale tecnicamente facile, non è così per il Carè Alto, infatti questa è una cima che richiede fatica e capacità alpinistiche per essere scalata, per qualsiasi versante. Proprio la sua natura ripida e articolata, unita al grande interesse storico e panoramico, concorrono a renderla una delle montagne più belle e affascinanti della zona.

Durante la grande guerra, seppur non direttamente interessato da combattimenti, il Carè Alto assume una grande importanza strategica e logistica per il comando austriaco. Sono state attrezzate con scala e corde metalliche parte della lunga cresta E (su cui venne posta una teleferica), l’impervia cresta SO, costruiti bunker nei pressi della cima e varie postazioni di vedetta. Oggigiorno queste strutture sono in parte tuttora visibili, focus su: il volano della teleferica in cima alla cresta Cerana, il cannone alla bocchetta omonima e la baracca ristrutturata e utilizzabile come ricovero di emergenza posta nei pressi della vetta.

Gli itinerari di scalata sono molti, i più classici e meritevoli salgono dalle quattro creste che disegnano la forma della cima.

Data la lunghezza dell’accesso la soluzione logistica consigliata è sempre di salire il pomeriggio del giorno precedente in quota. Il punto di appoggio preferenziale è il rifugio Carè Alto, raggiungibile in circa 3 ore a piedi dall’alta val di Borzago. Per alcuni itinerari può invece essere indicato passare la notte al rifugio val di Fumo, al bivacco Segalla, Laeng o alla baita Dosson.

I dislivelli sono di indicativamente 1000m dal parcheggio al rifugio Carè Alto e altri 1000m dal rifugio alla cima. Previo disponibilità del gestore è generalmente possibile far salire gli zaini in teleferica.

Cresta Nord ovest, via Normale. 2° 40°
La via dei primi salitori, anche se tecnicamente più breve e facile delle altre non è da sottovalutare, per la lunghezza complessiva, la parte finale che presenta tratti di arrampicata di II°grado, misto e calate in corda. Da rifugio, passando per il caratteristico intaglio chiamato Bus del Gat, si raggiunge la Sella di Niscli, non prima di aver attraversato una caratteristica tirolina su un impetuoso torrente. Da questa si risale la Vedretta di Lares fino a raggiungere il colletto della cresta N, ai piedi della ormai pressoché estinta “pala”. La parte più tecnica prevede di risalire la cresta raggiungendo prima l’anticima N e poco dopo, lungo un tiro di corda esposto, la Cima principale con la caratteristica Croce e un panorama eccezionale.

Cresta Est, . 3° 40°
E’la via più diretta partendo dal rifugio Carè Alto, il percorso prevede di passare dalla bocchetta del cannone per poi traversare alla meno peggio una zona di morena resa complessa dal ritiro della vedretta, segue la “paretina” di 2°/3° grado e la famosa “gobba d’Asino da percorrere letteralmente a cavalcioni. Il rientro può essere dalla stessa via o tramite un anello scendendo dalla normale a N e dalla vedretta di Lares.

Cresta Ovest, Cresta degli alpini. 2° 40°
Erroneamente conosciuta come cresta degli alpini quando invece è stata presidiata dagli austriaci. Si tratta di uno stupendo itinerario, a torto poco frequentato parte dalla bocca delle vacche nei pressi del Bivacco Segalla. E’ leggermente più lungo e complesso della Cerana, in loco vi sono alcune attrezzature originali dall’affidabilità dubbia e da verificare. Passaggi di arrampicata fino al II+.

Spigolo Sud/est
E’ sicuramente l’itinerario classico più difficile della cima, una cresta stupenda, complessa, poco frequentata. La roccia è ottima e presenta passaggi in arrampicata tra in 5 e il 5+, che può tornare utile affrontare in scarpette da arrampicata. Itinerario riservato ad alpinisti con esperienza e padronanza del 4° grado.

Parete S via Sogni Erotici o via Beverly.
La parete S del Carè Alto è la più verticale e compatta, il granito è di qualità veramente ottima e vi sono due itinerari di arrampicata lunghi e in ambiente maestoso, Sogni erotici è la via più difficile della montagna ma è molto logica e le difficoltà non sono estreme, nell’ordine del 5° grado con pochi passaggi più difficili. Quest’ultima ha tre o quattro ripetizioni mentre probabilmente Beverly è irripetuta.

SCHEDA: Via Cerana Cresta Est Carè Alto, Adamello - Presanella

di Francesco Salvaterra

Salvaterra ringrazia per il supporto: Climbing TechnologyFerrino, Zamberlan, Lizard, Salice

Info: www.francescosalvaterra.comFB Francesco Salvaterra

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Ago Mingo e lo Sperone Ovest nel gruppo dell'Adamello
15.07.2019
Ago Mingo e lo Sperone Ovest nel gruppo dell'Adamello
Arrampicata e alpinismo classico nel gruppo dell’Adamello - Presanella: la guida alpina Francesco Salvaterra presenta lo Sperone ovest dell’Ago Mingo, aperto nel 1952 da Clemente Maffei e Enzo Violi.
Tre vie nuove nel più remoto Adamello per Tameni e Rigosa
04.10.2012
Tre vie nuove nel più remoto Adamello per Tameni e Rigosa
Tra la fine di agosto e l'inizio di settembre 2012 Giorgio Tameni e Francesco Rigosa hanno aperto Speed Climbing (250m, VII e A1 - VIII in libera) e Techno Progressive (260m, VI+, VII+ con un tratto di A1) sulla Ovest della Prima Gobba del Monte Folletto (Carè Alto, Adamello). Inoltre, sempre sul granito adamellino, i due hanno aperto Fessure Remote (280m, VII obl. e 20m di A1 continuo) sulla ovest della Cima di Danerba (Catena del Breguzzo, Adamello).
Carè Alto, Via Sogni Erotici
29.11.2011
Carè Alto, Via Sogni Erotici
Via Sogni Erotici (500m, TD, V, VII), una nuova via di arrampicata aperta da Marco Pellegrini e Francesco Salvaterra sulla parete sud del Carè Alto.
Alpinismo in Adamello: quattro giorni tra storia a ghiacciai
27.08.2007
Alpinismo in Adamello: quattro giorni tra storia a ghiacciai
Adamello: un magnifico viaggio di alpinismo al centro del gruppo e del suo imponente sistema di ghiacciai. Di Cain Olsen, Guida Alpina

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni