Home page Planetmountain.com
Simon Messner e Martin Sieberer in cima al Black Tooth, Karakorum il 26/07/2019
Fotografia di Simon Messner
Il bivacco di Simon Messner e Martin Sieberer durante la prima salita di Black Tooth, Karakorum, 07/2019
Fotografia di archive Simon Messner
Philipp Brugger, Martin Sieberer e Simon Messner a campo base dopo la prima salita di Black Tooth, Karakorum, 07/2019
Fotografia di archive Simon Messner
Black Tooth, Karakorum salita da Simon Messner e Martin Sieberer. Muztagh Tower sulla sinistra
Fotografia di Simon Messner

Black Tooth del Muztagh Tower, i dettagli della prima salita di Simon Messner e Martin Sieberer

di

I dettagli di Simon Messner e Martin Sieberer e la loro prima salita di Black Tooth ( 6718m) in Karakorum, Pakistan, effettuato il 26 luglio 2019.

Come riportato l'altro giorno, il 26 luglio 2019 il 28enne sudtirolese Simon Messner e il 31enne austriaco Martin Sieberer hanno completato la prima salita di Black Tooth, la montagna di 6718 m metri immediatamente accanto alla suggestiva Muztagh Tower nella regione del Baltoro nel Karakorum Pakistano.

I due hanno raggiunto il ghiacciaio Younghusband all'inizio di luglio. insieme al terzo membro della loro piccola spedizione, il 27enne austriaco Philipp Brugger. Una prima salita di acclimatamento fino a 5200 metri ha rilevato che la prevista linea di salita - la lunga cresta di roccia e ghiaccio che porta da est a ovest tentata dagli alpinisti tedeschi Felix Berg e Matthias Konig nel 2016 - sarebbe stata troppo pericolosa. Il trio ha quindi scelto una linea sulla parete SSO e ha raggiunto la base della parete seguendo l’avvicinamento sul ghiacciaio utilizzato dai francesi nel 1956 durante la seconda salita della Muztagh Tower. Dopo aver installato una corda fissa su 20 m di ghiaccio ripido (WI5+), sono scesi a campo base per riposarsi.

Nonostante non fossero sufficientemente acclimatati, hanno decisero di sfruttare le buone previsioni e hanno effettuato un primo tentativo il 21 luglio. Il ghiaccio sottile e la neve bagnata e pesante hanno rallentato la salita e a mezzogiorno hanno deciso di bivaccare, per poi riprendere la salita quando faceva più freddo. Ma poiché le temperature non si sono abbassate sufficientemente, la mattina successiva sono rientrati a valle.

Rientrati al campo base hanno visto le previsioni del tempo e si sono resi conto che il tempo sarebbe rimasto stabile e coperto per i successivi quattro giorni. Così hanno deciso di fare un secondo ed ultimo tentativo. Brugger non si sentiva sufficientemente acclimatato e quindi è rimasto a campo base e, dopo soltanto un giorno di riposo, il 24 luglio Messner e Sieberer sono ripartiti. Inizialmente le cose non sono andate per il verso giusto: il cuoco non si era svegliato in tempo e hanno fatto la prima colazione con Snickers e Coca Cola, e durante l’attraversamento del ghiacciaio Sieberer è caduto in una pozza d'acqua ghiacciata. Tuttavia sono riusciti a raggiungere il precedente bivacco alle 8 del mattino. Esausti dopo questi 1200 metri di dislivello, si sono riposati e sono partiti alle 4.20 la mattina successiva. Per risparmiare tempo hanno salito molti tratti in conserva, e all’alba hanno raggiunto il nevaio superiore che si è rivelato molto più ripido del previsto.

Messner racconta che "Martin stava salendo da capocordata quando ci siamo resi conto della ripidità per la prima volta. Accidenti, era più ripido del previsto! Non c'era tempo da perdere, quindi abbiamo continuato a salire in conserva per circa 250m su ghiaccio ripido attorno ai 55-60°. Il ghiaccio duro e scheggiato era coperto da uno strato molto instabile di qualcosa che non definirei né ghiaccio né neve... l'arrampicata sembrava estremamente insicura! Ad un certo punto eravamo troppo stanchi per salire in sicurezza e per fare sosta sul ghiaccio marcio le nostre tre viti da ghiaccio non erano assolutamente sufficienti. Rimaneva solo un’opzione, la strada verso l'alto."

I due hanno raggiunto la fine del ghiaccio e la cresta superiore alle 8:30 am circa. Finalmente sicuri, ma esausti, sono scesi circa 60 metri e hanno raggiunto una cengia, troppo piccola per piantare la tenda ma sufficiente per consentire ad entrambi di sdraiarsi e riposarsi durante il giorno.

Alle 4:00 del mattino seguente sono partiti per la vetta. Hanno lasciato tutto il materiale da bivacco sulla cengia per essere più leggeri, hanno superato degli sbalzi ripidi ed una torre di roccia (M5). Nevicava, la visibilità era pessima ma hanno continuato verso l’alto, raggiungendo la cima alle 13.00. Per scendere dovevano attraversare i ripidi pendii carichi di neve. Si sono slegati per non trascinare l’altro in caso di caduta, poi hanno iniziato le calate.

Dopo 6 corde doppie le nuvole si sono alzate per un’attimo e si sono resi conto che stavano scendendo nella direzione giusta. Sono scesi disarrampicando dove possibile, ma la stanchezza ha iniziato a farsi sentire. "Stavamo diventando sempre più lenti e non avevamo molto materiale, soltanto un piccolo chiodo sull’imbrago di Martin. Mentre il sole tramontava, ha piantato il chiodo in una roccia che sporgeva dalla neve e ha iniziato a costruire una sosta. Ero troppo stanco per controllarlo e mi sono attaccato alla sosta. Nel momento in cui Martin ha iniziato la doppia, ho sentito un forte, brusco strappo sul mio imbrago. Ho fissato gli occhi perplessi e spalancati di Martin. Il chiodo non aveva tenuto e non appena Martin aveva messo il suo peso sulla sosta, il chiodo era uscito quasi portandoci giù entrambi."

Dopo questo spavento hanno raggiunto la base della parete al buio, senza altri intoppi. Si sono riposati, hanno sciolto un po’ di neve e hanno bevuto per la prima volta dopo molte ore, poi hanno costretto i loro corpi stanchi lungo il ghiacciaio, arrivando in qualche modo a campo base alle 3.00 del mattino.

Il tempo è rimasto brutto nei giorni seguenti e già la mattina successiva hanno iniziato il loro ritorno a casa lungo il ghiacciaio del Baltoro.

Questo è il secondo successo di Messner nella regione in questa stagione. Qualche settimana fa aveva effettuato la prima salita, in solitaria, del Toshe III, una montagna di 6200m conosciuta localmente come Geshot Peak.

Link: FB Simon Messnerwww.simon-messner.comSalewa

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Simon Messner e Martin Sieberer in cima al Black Tooth, Karakorum
04.08.2019
Simon Messner e Martin Sieberer in cima al Black Tooth, Karakorum
Gli alpinisti Simon Messner e Martin Sieberer hanno effettuato la prima salita del Black Tooth, montagna di 6718 m in Karakorum, Pakistan.
Simon Messner in solitaria sul Geshot Peak / Toshe III in Pakistan
05.07.2019
Simon Messner in solitaria sul Geshot Peak / Toshe III in Pakistan
L’alpinista sudtirolese Simon Messner ha salito in solitaria il Toshe III, montagna di 6200 metri in Pakistan finora mai scalata e conosciuta localmente con il nome di Geshot Peak.
Wechnerwand parete nord per Philipp Brugger e Martin Sieberer
24.11.2018
Wechnerwand parete nord per Philipp Brugger e Martin Sieberer
All'inizio di novembre Philipp Brugger e Martin Sieberer hanno aperto una nuova via alpinistica sulla parete nord della Wechnerwand nelle Alpi dello Stubai in Austria

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni