Home page Planetmountain.com
Peter Moser sulla Cima d'Asta durante il progetto di tutte le 200 cime del selvaggio Lagorai in inverno
Fotografia di Roberto De Pellegrin
Peter Moser sulla Cima d'Asta durante il progetto di tutte le 200 cime del selvaggio Lagorai in inverno
Fotografia di Roberto De Pellegrin
Peter Moser sulla Cima d'Asta durante il progetto di tutte le 200 cime del selvaggio Lagorai in inverno
Fotografia di Roberto De Pellegrin
Peter Moser sulla Cima d'Asta durante il progetto di tutte le 200 cime del selvaggio Lagorai in inverno
Fotografia di Roberto De Pellegrin

Aurai, l’avventura invernale di Peter Moser sulla catena del Lagorai - Cima d’Asta

di

È online Aurai, il film di AKU che racconta l’avventura della guida alpina trentina Peter Moser che lo scorso inverno ha concatenato oltre 200 cime sopra i 2000 metri della catena Lagorai-Cima d’Asta.

Nel mese di febbraio 2020 Peter Moser, guida alpina della Valsugana, ha unito in un lungo cammino oltre 200 cime sopra i 2000 metri della catena montuosa Lagorai-Cima d’Asta. Un progetto di alto livello tecnico che ha legato salite in stile alpino classico con percorsi scialpinistici molti dei quali inediti. Una grande avventura che è andata oltre la sola performance sportiva, per diventare un vero "viaggio esplorativo" dentro la natura e dentro sé stessi, in piena armonia con lo spirito AKU. Nel cortometraggio Peter Moser racconta com’è nata questa avventura e il suo essere montanaro e alpinista.

PETER MOSER E IL LAGORAI
Peter Moser è come il Lagorai: discreto, poco visibile, selvaggio e dolce nello stesso tempo, lontano dalla ribalta del grande alpinismo. Qui Peter è di casa. Figlio di agricoltori è cresciuto in un maso in Valsugana, il Lagorai lo ha nel cuore fin da bambino e così nella sua mente è maturata l’idea di unire tutte le cime del Lagorai che superassero i 2000 metri e di percorrerle d’inverno, mettendo a frutto la propria esperienza di alpinista a 360 gradi.
La catena montuosa del Lagorai-Cima d’Asta è tra le più estese del Trentino, sono oltre 70 km, da Panarotta al Passo Rolle e le cime che superano i 2000 metri sono oltre 200. Un progetto ambizioso e impegnativo, per molti bravi alpinisti può essere l’obiettivo di una vita. Peter lo ha portato a termine nel febbraio del 2020 in una quindici giorni, affrontando giornalmente diverse decine di chilometri con oltre 6000 metri di dislivello.

IL PROGETTO NELLE PAROLE DI PETER MOSER
"In questa esperienza mi sono scrollato di dosso per l’ennesima volta ogni regola e ogni schema mentale, sono tornato nel mio habitat con la scusa di rimanerci il più possibile da solo. Mi ha accompagnato unicamente la neve sotto i piedi, il vento tra i capelli, lo sguardo rivolto all’orizzonte e nelle orecchie solo il rumore del mio respiro. Ho scelto di affrontare questo percorso mettendo tutto quello che fa parte di me e del mio alpinismo: leggero, veloce e da solo, scegliendo i versanti tecnicamente più belli ed impegnativi. Non ho pianificato troppo, ho voluto affrontare giorno dopo giorno le innumerevoli cime, scegliendo solo un punto di partenza senza sapere dove sarei arrivato la sera. Per muovermi mi son affidato solo al mio istinto, nessuna carta, nessuna tecnologia o orologio ad aiutarmi. Semplicemente il mio sguardo e i miei occhi a guidarmi verso una cima dopo l’altra. Gran parte del percorso si è svolto su creste anche fortemente esposte che andavano ben oltre i classici itinerari di alpinismo e scialpinismo, spesso con l’incognita di non riuscire a passare. Non è stata un’impresa, ma una grandiosa avventura: camminando, scalando, sciando ho visto camosci, aquile, galli cedroni e lupi, mi son sentito ancor una volta di far parte di questo ambiente e ne ho gioito. E tutto questo va ben oltre la pura performance sportiva."

"Nella mia attività di guida alpina ho conosciuto molte montagne, ma ogni volta torno volentieri nel Lagorai. Qui trovo sempre una tranquillità, un’aria diversa rispetto ad altre valli. Il turismo ha solo sfiorato queste montagne forgiate dai contadini, che profumano ancora di agricoltura, di malghe e di vacche al pascolo. Sono montagne diverse, non ci sono impianti sciistici, solo una strada le attraversa e viene chiusa d’inverno, non c’è il turismo di massa e così sono rimaste vive e autentiche, non sono ancora un luna park, una proposta turistica da consegnare ai turisti a Ferragosto. Io qui ci lavoro, non solo come guida alpina, faccio anche il contadino, ho un maso, coltivo la terra, taglio il bosco, vivo la montagna da montanaro, da sportivo, da persona che ci è nata e qui morirà."

LE PRINCIPALI TAPPE
1 – in Valsugana da Panarotta, tutte le cime tra la Valsugana e la Val dei Mocheni;
2 – in Val Calamento da Malga Baessa e Cima Ziolera (2478 m), tutta la zona del Monte Croce (2490 m), Monte Cadino (2420 m), Monte Fregasoga (2447 m), Cimon di Tres (2292 m);
3 – in Val Campelle dal Ponte di Conseria, tutte le cime da Cima Lagorai (2585 m) fino alla Pala del Becco (2422 m);
4 – in Val Campelle dal Ponte di Conseria, al Passo Cinque Croci (2018 m), Cima Nassere (2253 m), Cima Orsera (2471 m), Monte Cimo;
5 – in Val Malene, tutte le cime della zona del Cimon di Rava (2436 m);
6 – in Val Malene da Malga Sorgazza, tutte le Cime di Segura (2413 m);
7 – in Val Malene da Malga Sorgazza, tutte le cime di Cima d’Asta (2847 m);
8 – dal Passo Broccon al Palon della Cavallara (2201 m), Col dela Crose (2423), Cima Spiadon (2312 m);
9 – da Predazzo al Passo Rolle;
10 – dalla Val Veneggia, tutte le cime della zona Cima Juribello e Cima Juribrutto (2697 m);
11 – in Valle del Vanoi dal lago di Calaita, tutte le cime zona Folga (2436 m) e Tognola (2185 m);
12 – in Valle del Vanoi da Refavaie, a Valmaggiore fino a forcella Lagorai;
13 – in Val Cadino da Ponte delle Stue, tutte le cime zona Cimon di Val Moena (2488 m) fino al Cermis.

PETER MOSER
Peter Moser è guida alpina e atleta della montagna con un profilo poliedrico, in grado di esprimersi ad alti livelli in ogni contesto alpinistico. La sua prima ascensione a 12 anni sulle Torri del Vajolet con lo zio e poi è un susseguirsi di decine e decine di ascensioni dapprima sulle grandi vie classiche delle Dolomiti e delle Alpi Occidentali poi sugli itinerari più impegnativi e ambiziosi. Diventa guida alpina giovanissimo, a soli vent’anni, poco dopo è chiamato a far parte come atleta del Gruppo militare Alta Montagna del Centro Sportivo dell’Esercito, un’esperienza di cinque anni che gli consente di accrescere la propria formazione atletica e alpinistica, oltre che nell’arrampicata sportiva e nello scialpinismo, la sua grande passione, praticata fin da giovanissimo a livello agonistico. Nel suo curriculum spaziano ripetizioni di itinerari sportivi anche superiori all’8c, salite alle grandi Nord, centinaia di vie in Dolomiti e in tutta la catena delle Alpi, numerose prime aperture sia su roccia che su ghiaccio.

Peter Moser ringrazia: www.aku.it

(¹) Il nome Lagorai sembra derivi da aurai che significa "spazio erboso attorno alle acque", in riferimento ai numerosi specchi d'acqua di origine glaciale e torrenti sparsi su tutto il gruppo.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Peter Moser, tutte le 200 cime del selvaggio Lagorai in inverno
20.07.2020
Peter Moser, tutte le 200 cime del selvaggio Lagorai in inverno
Intervista a Peter Moser, alpinista e guida alpina, che in poco più di 15 giorni lo scorso inverno (prima del lockdown) ha concatenato oltre 200 cime sopra i 2000 metri della catena Lagorai-Cima d’Asta. Un difficile ed impegnativo viaggio, con e senza gli sci, lungo decine di chilometri ed oltre 6000 metri di dislivello affrontati giornalmente.
Monte Colt, Valle del Sarca: Peter Moser e Flavio Beber superano l'Alcool test
01.01.2019
Monte Colt, Valle del Sarca: Peter Moser e Flavio Beber superano l'Alcool test
Peter Moser e Flavio Beber hanno aperto e liberato Alcool test, una nuova via sul Monte Colt (Arco, Valle del Sarca, TN).
Peter Moser libera il progetto di Roberto Bassi a Celva
20.11.2017
Peter Moser libera il progetto di Roberto Bassi a Celva
Arrampicata sportiva tra passato e presente: il racconto di Peter Moser che nel febbraio 2017 è riuscito a liberare 'Progetto Bassi', un vecchio progetto di Roberto Bassi nella storica falesia di Celva (TN).
Renegade, nuova via sulla Tofana di Rozes
10.08.2016
Renegade, nuova via sulla Tofana di Rozes
Il report di Peter Moser che, insieme a Iwan Canins, ha aperto Renegade (VIII-, 330m) una nuova via d’arrampicata sulla Tofana di Rozes (Dolomiti).
L'ultimo dei selvaggi, nuova via in Valsugana
22.10.2014
L'ultimo dei selvaggi, nuova via in Valsugana
Il racconto di Peter Moser che quest'estate ha aperto L'ultimo dei selvaggi (200m, 7b max, 7a oblig), una nuova via d'arrampicata sulla parete di Palu, Valsugana.
Giù la testa, nuova via di più tiri in Lagorai, Dolomiti
06.10.2014
Giù la testa, nuova via di più tiri in Lagorai, Dolomiti
Il racconto di Peter Moser di Giù la testa (350m VIII / VIII+), una difficile nuova via di più tiri aperta nel 2014 in stile trad nel gruppo del Lagorai, Dolomiti, insieme a Thomas Ballerin, Iwan Canins e Roberto Ronzani.
Peter Moser e Alessandro Beber, nuova via sulla Rupe di Santa Massenza
01.04.2013
Peter Moser e Alessandro Beber, nuova via sulla Rupe di Santa Massenza
Sulla Rupe di Santa Massenza (Valle dei Laghi, Fraveggio, TN) Peter Moser e Alessandro Beber hanno aperto Figli del Vento (180m, 7b+, 6c+ obblig). Il report di Beber.
Val Porsiglia e Val Longa, nuove cascate di ghiaccio in Trentino
07.03.2012
Val Porsiglia e Val Longa, nuove cascate di ghiaccio in Trentino
A febbraio Peter Moser, Thomas Ballarin, Fabrizio Dellai e Fabrizio Rattin hanno aperto una serie di cascate nuove in Val Porsiglia e Val Longa.
Nuove salite invernali in Alpago per Barry Bona e Peter Moser
14.02.2011
Nuove salite invernali in Alpago per Barry Bona e Peter Moser
Lo scorso gennaio gli alpinisti Barry Bona e Peter Moser hanno aperto sul Cimon di Palantina (Gruppo Col Nudo-Cavallo, Alpago, Dolomiti) Questo Gioco Di Fantasmi (320m, ED) nuova via di misto moderno che si aggiunge a una campagna di esplorazione che ha fruttato varie ripetizioni e nuove varianti.
La Bella Addormentata, nuova cascata di ghiaccio in Valsugana
08.02.2010
La Bella Addormentata, nuova cascata di ghiaccio in Valsugana
Il 04/02/2010 Alessandro Beber e Peter Moser hanno effettuato la prima salita di La Bella Addormentata (170m, 6+) in Valsugana.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo