Home page Planetmountain.com
Antartide: tramonto all'ancora
Fotografia di Simon Van Dam
Antartide: salita del Mt. Parry
Fotografia di archivio Manuel Lugli
Antartide: Simen, discesa
Fotografia di archivio Manuel Lugli
Antartide: in cima a Mt. Parry
Fotografia di Stephen Venables

Antartide, antica esplorazione in un ambiente unico

di

La chiusura (ovvero la nona puntata) di Manuel Lugli dopo il rientro dall’Antartide dove ha esplorato  alcune delle montagne più belle della penisola Antartica insieme ad un piccolo gruppo di scialpinisti guidati dall’alpinista ed esploratore britannico Stephen Venables.

Sono passate due settimane dal rientro dall’Antartide, due settimane per niente facili. Un viaggio così richiederebbe un periodo adeguato in camera di "ri-compressione". Anzitutto bisognerebbe stare fermi e dar tempo al corpo e allo spirito per assorbire completamente tutto quel che si è vissuto, visto, odorato, udito, patito, goduto. Il tempo di mettere ordine tra i giorni assolati e quelli nuvolosi, le discese e le salite, le risate e lo stridio di muscoli e tendini, le onde ripide e la calma piatta tra le isole. Poi bisognerebbe riprendere poco alla volta, lentamente, poche ore al giorno. E invece niente, niente di tutto ciò. La vita obbliga a riprendere in fretta e furia le fila dei giorni consueti. E in poche ore ti ritrovi proiettato nel lavoro, nella routine. Certo anche a ritrovare il piacere degli spazi noti e delle persone che ami. Ma lo spaesamento rimane forte.

D’altronde il bilancio emotivo di un viaggio come questo non si può stilare in poche settimane: troppo il (benefico) carico di sensazioni ed esperienze. Non tanto per la durata in sé – ho avuto esperienze di viaggio ben più lunghe in passato – ma per la diversità di ambiente, condizioni e intensità. Ho letto alcune interviste recenti di alpinisti appena rientrati dall’Antartide: in tutti prevale la sensazione di meraviglia, la consapevolezza del privilegio nell’aver vissuto un’esperienza in un ambiente che non ha eguali. E poco importano qui i record o i problemi alpinistici da risolvere; non hanno senso competizioni o prestazioni "estreme". In Antartide è la possibilità infinita di un’esplorazione ancora "antica" a essere unica. Nelle aree costiere della penisola Antartica le possibilità sono limitate solo dal tempo a disposizione e, ovviamente, dalle disponibilità finanziarie. Il Bruce Plateau, solo per fare un esempio, "collegandolo" a contigui plateau minori, offre la possibilità di lunghissime traversate con pulke e sci che si possono arricchire con salite di cime inviolate; la sola esplorazione delle isole Anvers e Brabant e della costa prospicente a nord e sud delle stesse, basterebbe per anni e anni di attività alpinistica e sci-alpinistica. I costi non sono elevati come quelli richiesti per le grandi traversate per raggiungere il Polo Sud o per la salita del Mount Vinson, ma certamente sono ancora appannaggio di pochi fortunati – o incoscienti.

Di certo non è esattamente esplorazione trovarsi ammassati in cento al Mount Vinson, che sembra essere divenuto negli ultimi anni il nuovo Everest. E’ curiosa questa tendenza dell’uomo ad ammassarsi anche per quelle attività che dovrebbero essere di "astrazione" dal normale ambiente di vita e di fuga da ogni affollamento. I pinguini almeno lo fanno per scaldarsi durante i duri mesi invernali antartici. Ma tant’è. E alla fine chi ne trae vantaggio sono i più curiosi, quelli che cercano vie alternative e poco affollate. Quelli insomma che cercano di andare in "direzione ostinata e contraria". Come l’amico Simen Havig-Gjelseth incontrato durante questo viaggio, norvegese forte ed esperto di kayak che ha già affrontato – da buon discendente di un popolo di esploratori – svariate avventure per terra e per mare, realizzando, tanto per dirne una, la prima circumnavigazione completa in kayak della South Georgia. I suoi video con gli sbarchi tra i leoni marini e le pagaiate tra onde preoccupanti anche per imbarcazioni di dimensioni ben più consistenti di un kayak, ci hanno fatto spesso compagnia durante il nostro viaggio, liberando la nostra fantasia verso nuove avventure e nuovi progetti.

Perché se l’Antartide rimane il più immenso, fascinoso e remoto terreno d’avventura della Terra, con la sua inarrivabile bellezza selvaggia, i suoi animali e i suoi oceani burrascosi, sono ancora tanti i luoghi possibili per l’Avventura e l’esplorazione. L’unico limite è la fantasia e la zona di comfort da cui dobbiamo sforzarci di uscire. Con una piccola "maledizione", come scrive lo scrittore e giornalista francese Pierre Mac Orlan: "L'avventura non esiste. È nella fantasia di chi la insegue e, non appena riesce a toccarla con un dito, svanisce per fare capolino da tutt'altra parte, sotto una diversa forma, ai limiti dell'immaginazione." Ed è proprio così, croce e delizia, provare per credere.

di Manuel Lugli

Link: Ortovox

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Antartide: avventura pura, bellezza e salvezza
28.01.2019
Antartide: avventura pura, bellezza e salvezza
Riflessioni sulla natura e sulla vita di Manuel Lugli nella sua ottava puntata dall’Antartide.
Antartica: il sospiro delle balene. Di Manuel Lugli
22.01.2019
Antartica: il sospiro delle balene. Di Manuel Lugli
Vicino alla bellezza pura del mondo: un incontro ravvicinato con delle balene. La settima puntata di Manuel Lugli dall’Antartide dove sta esplorando alcune delle montagne più belle della penisola.
Antartica: per certi versi nemmeno l'Himalaya è così impressionante
21.01.2019
Antartica: per certi versi nemmeno l'Himalaya è così impressionante
La salita e discesa del Mount Parry, la cima più alta di Brabant Island nella Penisola Antartica. Ecco la sesta puntata di Manuel Lugli dall’Antartide dove sta esplorando alcune delle montagne più belle della penisola insieme ad un piccolo gruppo di scialpinisti guidati dall’alpinista ed esploratore britannico Stephen Venables.
Scialpinismo in Antartide: un sogno ad occhi aperti
17.01.2019
Scialpinismo in Antartide: un sogno ad occhi aperti
Ma dove siamo finiti? In quale sogno ad occhi aperti? La quinta puntata di Manuel Lugli direttamente dall’Antartide dove, insieme ad un piccolo gruppo di alpinisti, sta esplorando alcune delle montagne più belle della penisola Antartica.
Magnifico Mount Scott e le sorprese della natura in Antartide
14.01.2019
Magnifico Mount Scott e le sorprese della natura in Antartide
La salita del Mount Scott e le meraviglie della natura in Antartide: il quarto report di Manuel Lugli, attualmente impegnato insieme ad una manciata di altri alpinisti con il progetto Antartide, una spedizione sci-alpinistica alla penisola Antartica con Skip Novak e Stephen Venables.
Lungo la frastagliata costa della penisola Antartica
10.01.2019
Lungo la frastagliata costa della penisola Antartica
Scialpinismo seguendo l'andamento della frastagliata costa ovest della penisola Antartica: il terzo report di Manuel Lugli dalla spedizione sci-alpinistica in Antartide.
Il battesimo dell'Antartide. Di Manuel Lugli
07.01.2019
Il battesimo dell'Antartide. Di Manuel Lugli
Da Puerto Williams attraverso lo Stretto di Drake: il secondo report di Manuel Lugli, attualmente impegnato insieme ad una manciata di altri alpinisti con il progetto Antartide, una spedizione sci-alpinistica alla penisola Antartica con Skip Novak e Stephen Venables.
El Fin del Mundo: parte dalla Tierra del Fuego il progetto Antartide
02.01.2019
El Fin del Mundo: parte dalla Tierra del Fuego il progetto Antartide
Il primo report di Manuel Lugli, attualmente impegnato insieme ad una manciata di altri alpinisti con il progetto Antartide, una spedizione sci-alpinistica alla penisola Antartica con Skip Novak e Stephen Venables.
Il progetto Antartide e il filo rosso di Manuel Lugli
30.07.2018
Il progetto Antartide e il filo rosso di Manuel Lugli
Un viaggio, un'avventura alpinistica e scialpinistica in cui la via è la meta sulla scia di quel filo rosso che ha inizio da molto lontano. L'Antartide: il prossimo progetto Manuel Lugli con Skip Novak e Stephen Venables.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni