Home page Planetmountain.com
Multipitches sportive su roccia incredibile ma estremamente sensibile all'umidità e su cui anche l'acciaio inox non dura molto. Monte Gallo, Palermo.
Fotografia di Maurizio Oviglia
Un settore vergine a Biddirioscottai, Sardegna. Chiodare o non chiodare? Oggi Biddiriscottai è uno delle zone più a rischio in Italia per la corrosione interna dell'acciaio inox.
Fotografia di Maurizio Oviglia
Le scogliere di Capo Pecora in Sardegna domandano allo scalatore l'uso di protezioni mobili. Ma la roccia, malgrado le apparenze, è spesso fragile e traditrice.
Fotografia di Maurizio Oviglia
Gli inglesi hanno una grossa tradizione di arrampicata sulle scogliere dove raramente compaiono gli spit. Anche nella frequentata falesia di Pembroke l'avventura può essere totale.
Fotografia di Maurizio Oviglia

Ambiente marino: arrampicata sportiva o terreno di avventura?

di

Maurizio Oviglia e il fascino dell’arrampicata sulle scogliere sopra il mare che, anche per le problematiche associate, forse dovrebbe essere associata più all'alpinismo che all'arrampicata sportiva.

Qualche giorno fa ho letto su un profilo facebook di una persona che conosco la seguente frase: “molti oggi amano farsi male direttamente sul mare”. In queste parole, per quanto sarcastiche, c’è un fondo di verità. Arrampicare sul mare ci piace e dà sensazioni forti, ma nessuno ha mai classificato le scogliere come terreno sportivo, anzi è sempre stato considerato terreno di avventura. Potremmo addirittura dire che, paradossalmente, pur trovandoci al mare, scalare le scogliere è sempre stato alpinismo, non arrampicata sportiva.

Negli ultimi decenni però anche le scogliere hanno conosciuto lo sviluppo dell’arrampicata sportiva e sono state attrezzate a spit. Ciò nonostante, scalare in una falesia sportiva lontana dal mare, è indubbiamente molto più sicuro, ammesso che esista una quasi totale “sicurezza”. Come tutti sanno la roccia delle scogliere quando non è strapiombante è molto aggressiva e fragile. Pur ravvicinando gli spit, cadere equivale quanto meno a sbucciarsi. La roccia, anche se appare solida, può spezzarsi e fratturarsi anche nelle zone più impensabili. Questo è dovuto all’azione del vento, delle mareggiate, della salsedine. Ad esempio mi è capitato, su scogliere di granito, che delle prese apparentemente sicurissime improvvisamente si siano fratturate. Ciò normalmente non capita lontano dal mare. Sui tratti di calcare strapiombanti la roccia è compatta, quindi “sicura". In compenso l’umidità marina e la salsedine rendono le prese spesso scivolose ed intenibili, rendendo la scalata assai poco piacevole.

Ma il problema più importante, di cui solo ultimamente ci si sta rendendo conto, è senza dubbio quello dei materiali. Il materiale zincato utilizzato per tanti anni è ormai arrugginito e terrorizza gli scalatori, in compenso anche l’acciaio inox ha iniziato a spezzarsi, corrodendosi internamente, senza che esternamente appaia deteriorato. Scegliere il materiale più adatto per chiodare sul mare è diventato oggi complicato oltre che una bella responsabilità. L'esperienza ha col tempo chiarito ai chiodatori, che non esistono scelte univoche ma ogni scogliera è un caso a sè: va tenuto conto del tipo di roccia, dell'inclinazione, della sensibilità di quella roccia all'umidità, della latitudine. Persino dell'esposizione ai venti ed alle mareggiate. Tutti questi fattori vanno poi combinati con ciò che offre oggi il mercato. I vari produttori hanno cambiato in questi ultimi anni i loro prodotti ma non sempre, anzi quasi mai, è facile capire la qualità degli stessi per sapere se fidarsi o meno. Di fatto i chiodatori sono diventati l'anello di giunzione tra il produttore ed il "consumatore" e man mano che gli anni passano la loro scelta ha un peso e una responsabilità sempre più rilevante.

Quando ci si è resi conto del grosso problema dei materiali in ambiente marino c’è chi ha subito concluso: basta non scalare al mare! Basta con le falesie marine! Peccato che l’arrampicata sospesi sulle onde e sul blu continui, oggi come ieri, ad esercitare una grossa attrazione sui climbers. Occorre però cambiare il nostro punto di vista e rendersi conto che una scogliera non è una qualunque parete di arrampicata sportiva, ma è un ambiente differente, quasi vivo, che ci domanda di alzare il nostro livello di guardia. Per tanti anni abbiamo ripetuto agli arrampicatori sportivi che arrampicare in montagna è molto diverso, che esistono dei pericoli oggettivi ineliminabili, anche se ci sono gli spit. Lo stesso dovremmo fare per le scogliere. Chi non se la sente di accettare questi rischi sarebbe meglio rinunciasse già da subito a scalare sulle scogliere, senza pretendere una sicurezza che questo ambiente non è in grado di dare. Che resti pure a scalare nelle falesie dove gli appigli non fan male, dove la roccia è super testata dai passaggi e dove i chiodi non dovrebbero spezzarsi mai. Ma lasci il mare agli alpinisti.

Maurizio Oviglia

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Riattrezzatura con materiale 'marino' in Sardegna da parte di Louis Piguet
14.05.2015
Riattrezzatura con materiale 'marino' in Sardegna da parte di Louis Piguet
Il punto di Louis Piguet sulla sua recente opera di richiodatura di alcune vie di arrampicata in Sardegna nelle zone della scogliera di Buggerru (CI) e Cala Fuili. Testimonianza raccolta da Maurizio Oviglia.
Sicurezza dei fix per arrampicata in ambiente marino: il commento di un tecnico 'del mestiere'
22.01.2013
Sicurezza dei fix per arrampicata in ambiente marino: il commento di un tecnico 'del mestiere'
Riceviamo e volentieri pubblichiamo le considerazione del dott. ing. Vittorio Boneschi, responsabile dell’area tecnica e normativa del Centro Inox di Milano (Associazione Italiana per lo sviluppo degli Acciai Inossidabili), sulle problematiche di carattere generale circa l'utilizzo dei fix per arrampicata in ambiente marino.
Corrosione dei fix inox per l'arrampicata in ambiente marino: lo stato della normativa
19.06.2012
Corrosione dei fix inox per l'arrampicata in ambiente marino: lo stato della normativa
Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'intervento di Vittorio Bedogni e Carlo Zanantoni - Delegati CAI rispettivamente alla Safety Commission UIAA e al Comitato Europeo di Normazione (CEN) – circa lo stato delle conoscenze e della normativa in materia di corrosione dei fix in acciaio inox in ambiente marino.
Sicurezza dei fix per l'arrampicata in ambiente marino
29.05.2012
Sicurezza dei fix per l'arrampicata in ambiente marino
Riceviamo e pubblichiamo due articoli a firma di Maurizio Oviglia, il primo, e di Claude Remy, il secondo, sul problema della rottura e della sicurezza dei fix usati per l'arrampicata in ambiente marino.
Arrampicata Trad a Capo Pecora, Sardegna
29.08.2011
Arrampicata Trad a Capo Pecora, Sardegna
Maurizio Oviglia presenta un nuovo paradiso dell'arrampicata trad in riva al mare: 25 nuove vie da 5a e il 7a a Capo Pecora in Sardegna.
Pareti a picco sul mare della Sardegna, arrampicata in Gennargentu
22.09.2000
Pareti a picco sul mare della Sardegna, arrampicata in Gennargentu
Itinerari moderni di arrampicata nell'area del Gennargentu in Sardegna: Biddiriscottai, Aguglia di Goloritzè, Regno dei Cieli, Punta Giradili.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria