Home page Planetmountain.com
Lavori di ristrutturazione del nuovo Rifugio Maria e Alberto ai Brentei nelle Dolomiti di Brenta
Fotografia di Umberto Isman
Lavori di ristrutturazione del nuovo Rifugio Maria e Alberto ai Brentei nelle Dolomiti di Brenta
Fotografia di Umberto Isman
Lavori di ristrutturazione del nuovo Rifugio Maria e Alberto ai Brentei nelle Dolomiti di Brenta
Fotografia di Umberto Isman
Bruno Detassis, l'alpinista trentino universalmente conosciuto come il 'custode del Brenta'.
Fotografia di arch. Ermanno Salvaterra

Il nuovo Rifugio Maria e Alberto ai Brentei nelle Dolomiti di Brenta, Fé pian per piazér

di

Dopo oltre due anni di ristrutturazione, sabato 9 luglio è stato inaugurato il nuovo Rifugio Maria e Alberto ai Brentei nel cuore delle Dolomiti di Brenta. Umberto Isman, che si è occupato di documentare i lavori per un libro che uscirà prossimamente, racconta in questa prima 'pillola' un po' la storia del rifugio gestito per anni da Bruno Detassis, e adesso dalla famiglia Leonardi.

Sul finire degli anni '40 una strana coppia si aggirava tra le cime del Brenta. Erano la guida alpina Bruno Detassis e il suo cliente e amico Gian Vittorio Fossati Bellani, giovane imprenditore nell'azienda tessile di famiglia, fondata a Monza dal nonno Felice nel 1874.

I due, mentre esploravano le crode ripetendo vie e aprendone di nuove, si imbatterono in una piccola baracca in posizione strategica per chiunque volesse addentrarsi tra quelle cime. Fu così che ne rintracciarono i proprietari, le famiglie ragolesi Bolza e Castellani, e nel 1948 Gian Vittorio l'acquistò. La baracca fu ristrutturata e ampliata e divenne un vero e proprio rifugio, intitolato ai genitori di Gian Vittorio: rifugio Maria e Alberto ai Brentei. Lo scopo di Fossati Bellani era soprattutto quello di affidarlo all'amico Bruno, che aveva già gestito il rifugio XII Apostoli. La proprietà non gli importava, tant'è che lo cedette alla sezione del CAI della sua città, Monza. L'inaugurazione ufficiale avvenne il 4 settembre 1949.

Il compito di Bruno Detassis fu prima di tutto quello di provvedere alla tracciatura del sentiero fino al rifugio e di risolvere il problema dell'approvvigionamento idrico. In soli 20 giorni, con il lavoro di Celestino Donini e Livio Paoli, si tracciò il sentiero nella roccia e si scavò la necessaria galleria. L'opera fu quindi intitolata ad Arnaldo Bogani, già presidente del CAI Monza.

Cominciarono così i rifornimenti al rifugio, per tanti anni con i muli della famiglia Ferrari di Madonna di Campiglio. Per la raccolta idrica si costruirono invece tre vasche comunicanti sotto i contrafforti delle Punte di Campiglio, che vennero unite alla poca acqua che si riusciva a captare dalla lingua glaciale del Canalone Neri.

Ultima cosa che restava da fare, il collegamento telefonico, soprattutto per i soccorsi in caso di incidente. Fu lo stesso Bruno che stese un cavo di 11 km collegandolo direttamente a casa sua. Ogni autunno e ogni primavera il cavo veniva avvolto e svolto su una grossa bobina portata a spalle per tutto il percorso.

Da allora il Brentei è stato interessato da numerosi lavori di ampliamento e ammodernamento. Nel 1956/57 fu costruito da Celestino Donini insieme ai figli l'altare coperto con piccolo campanile dedicato ai caduti della montagna. La teleferica per i rifornimenti fu realizzata nel 1971, mentre Bruno costruì il bivacco invernale, secondo un ingegnoso sistema che permetteva di entrare anche con la neve alta. Infine diverse concessioni edilizie permisero di ampliare l'ingresso e costruire i servizi igienici esterni al rifugio.

Il resto è storia recente, fino all'ultimo importante lavoro di ristrutturazione e ampliamento. Qualcuno ha detto "Si faceva prima a farlo nuovo", ma lo scopo non era questo. Si è voluto invece mantenere la storia e l'atmosfera del vecchio Brentei, coniugandole con esigenze e architetture più moderne, in sintonia con ciò che Bruno Detassis aveva scritto sulle scale del rifugio: "Fé pian per piazér".

di Umberto Isman

(Un ringraziamento a Claudia Fossati Bellani e alla memoria di Giuseppe Leonardi per le informazioni storiche)

Info: www.rifugiobrentei.it, FB Umberto Isman

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Dolomiti di Brenta e la Via delle Normali, una lunga traversata in quota tra vette e bocchette
16.07.2021
Dolomiti di Brenta e la Via delle Normali, una lunga traversata in quota tra vette e bocchette
10 cime, tutte oltre i 2900 m, con una difficoltà mai superiore al grado III+, 8 rifugi coinvolti, 45 km tra campanili e pareti, canali e bocchette, di cui 15 di sola arrampicata... ecco la Via delle Normali delle Dolomiti di Brenta. In questo secondo articolo la scoperta di Cima Brenta, Cima Falkner & Cima Grostè, Cima Pietra Grande e Cima Vagliana. Testi e foto della Guida Alpina Alessandro Beber, in collaborazione con Visit Trentino.
La Via delle Normali nelle Dolomiti di Brenta, 6 tappe di trekking e arrampicata da sud a nord
09.07.2021
La Via delle Normali nelle Dolomiti di Brenta, 6 tappe di trekking e arrampicata da sud a nord
La Via delle Normali delle Dolomiti di Brenta, un percorso misto di arrampicata e trekking lungo 45 km. Sei imperdibili tappe da sud a nord, con pernottamenti in rifugio. In questo primo articolo la scoperta di Cima Ambiez, Cima Tosa & Crozzon di Brenta, Campanil Alto & Torre di Brenta. Testi e foto della Guida Alpina Alessandro Beber, in collaborazione con Visit Trentino.
Via ferrata delle Bocchette Alte, riapre la famosa ferrata delle Dolomiti di Brenta
30.07.2020
Via ferrata delle Bocchette Alte, riapre la famosa ferrata delle Dolomiti di Brenta
L'ufficio tecnico sentieri della SAT Società Alpinisti Tridentini comunica che il 28 luglio 2020 è stata riaperta la Via Ferrata Bocchette Alte nelle Dolomiti di Brenta dopo l’intervento di manutenzione straordinaria.
Bruno Detassis, il custode del Brenta
08.05.2020
Bruno Detassis, il custode del Brenta
L’8 maggio 2008 (esattamente 12 anni fa) è scomparso Bruno Detassis, l'alpinista trentino universalmente conosciuto come il "custode del Brenta". Una figura mitica come alpinista e uomo che ha legato il suo nome alla montagna e a un modo nobile di viverla. Per ricordarlo pubblichiamo un'intervista del 2004 e un video del 1992.
Adam Ondra, l’arrampicata e le emozioni
27.10.2017
Adam Ondra, l’arrampicata e le emozioni
Umberto Isman parla della capacità di Adam Ondra di trasmettere emozioni che vanno ben oltre l’arrampicata.
Sulle vie di Bruno: Dolomiti Legends, Bruno Detassis ricordato da Nicolini e Oprandi
04.08.2009
Sulle vie di Bruno: Dolomiti Legends, Bruno Detassis ricordato da Nicolini e Oprandi
Dal 19 luglio le Guide alpine Omar Oprandi e Franco Nicolini hanno inziato un tour per ripercorrere le vie di Bruno Detassis. E' un tributo, non una corsa o la ricerca di un record, per ricordare il grande uomo e alpinista delle Dolomiti del Brenta scomparso lo scorso anno. Ma anche un modo per far conoscere e invogliare gli alpinisti a ripercorrere le sue bellissime vie. Finora sono state salite 18 vie in 10 giorni.
Bruno Detassis
09.05.2008
Bruno Detassis
Ieri, 8 maggio 2008, è scomparso a 97 anni nella sua Madonna di Campiglio Bruno Detassis, un grande dell'alpinismo e della montagna.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós