Home page Planetmountain.com
Massimo Marcheggiani: Bivacco durante la prima invernale assoluta dell’anticima del Paretone, Gran Sasso, 1985
Fotografia di Paolo Caruso
Massimo Marcheggiani: La formidabile Neverseen Tower, circa 6000 m. India, 1992.
Fotografia di archivio Massimo Marcheggiani
Paolo Caruso, a sinistra, e Massimo Marcheggiani in vetta dopo la prima invernale assoluta dell’anticima del Paretone. Gran Sasso, 1985.
Fotografia di archivio Massimo Marcheggiani
La copertina del libro Porto i capelli come Walter B di Massimo Marcheggiani (Edizioni Versante Sud, 2019)
Fotografia di archivio Massimo Marcheggiani

Porto i capelli come Walter B. Il nuovo libro di Massimo Marcheggiani

Alberto Sciamplicotti presenta Porto i capelli come Walter B, il nuovo libro di Massimo Marcheggiani. Classe 1952, per la sua vasta attività sul Gran Sasso, nelle Alpi e sulle montagne del mondo è sicuramente uno degli alpinisti italiani da conoscere e rispettare.

>I giorni passano e se li conti senti tutto il peso del loro numero, persino quando si sono fatti mesi e poi anni, quando i fogli del calendario della vita sono volati già per gran parte dietro le spalle, portati via dal vento del tempo. La mente cerca spesso di inseguire questi momenti andati, queste ore che non torneranno.

Frequentemente è la nostalgia che ci fa volgere indietro. Altre volte è il rimpianto per le occasioni perse, per quello che poteva essere e non è stato, per gli amori finiti o mai cominciati, per una vita che poteva essere differente da come avremmo voluto, che anche la vita più piena porta in sé, nel suo affresco, qualche crepa che rovina l’effetto finale del quadro che abbiamo provato a dipingere.

Il difficile casomai, al momento di questo sguardo all’indietro, di questo tirare somme che hanno sempre difficoltà a tornare, è di avere una visione chiara più che degli avvenimenti di chi fosse il protagonista delle storie vissute.

Perché è facile assolversi dai peccati, dalle scelte sbagliate, dai dubbi, dalle incertezze che ci hanno reso di volta in volta la vita difficile e mai semplice. Più arduo è essere onesti, provare a guardare oltre l’orgoglio, oltre quel falso amor proprio che spesso poniamo a muro davanti a quella difficoltà di vivere con cui ogni anima deve fare i conti.

Porto i capelli come Walter B. è il terzo libro di Massimo Marcheggiani e quello in cui più fa i conti con il suo personale vissuto di alpinista, con quell’onestà che viene dal voler fare i conti definitivi di un bilancio, cercando di capire se, dopo gran parte dei giri di questa giostra che è la vita, se questo sia positivo o meno. E’ tornare a guardare nel cuore di chi si era per capire chi si è diventato: uno sforzo che a nulla vale se non ci si spoglia per qualche momento di quell’armatura messo su a difesa della propria anima nel momento in cui, tanti anni prima, si era intuito di come il mondo non fosse come ci avevano raccontato ed era invece un luogo difficile, di cui aver persino paura. Così, spogliarsi di questa corazza è la cosa più complicata da farsi, soprattutto quando anni di consuetudine ci hanno abituato al suo peso, tanto che nemmeno ci accorgiamo più di come sia la prima cosa che indossiamo la mattina e l’ultima che togliamo la sera. Un percorso intrapreso però con schiettezza da Massimo Marcheggiani che, con la difficoltà propria a ognuno di noi, è riuscito in quest’intento.

La sua storia, il suo avvicinamento alle montagne e all’alpinismo, è raccontato con il cliché del racconto di formazione ma con una scansione temporale degli avvenimenti particolare, perché non cronologica. Le vicende narrate, non seguono infatti la successione temporale secondo cui si sono svolte, ma invece quel particolare percorso mentale, proprio del ricordo, che tende a legare avvenimenti anche lontani secondo logiche emozionali. Il racconto di Massimo Marcheggiani segue questi criteri, accompagnando il lettore più che nelle vicende in quella passione in cui sono cresciute. Un sentimento forte e che riesce a vibrare attraverso tutte le pagine di questa narrazione e che, personalmente, ha ricordato i libri della moderna letteratura alpinistica inglese: gli scritti di Andy Cave, Mick Fowler ma soprattutto quelli di Andy Kirkpatrick che forse più di tutti ha saputo raccontare ai lettori la nudità della sua anima e del suo essere, con tutte le conseguenti contraddizioni che ognuno vive al cospetto di sé stesso.

Un alpinismo quindi potente, nelle grandi come nelle piccole salite fatte, in cui Massimo Marcheggiani ha saputo e voluto trovare la chiave del suo essere uomo. Un alpinismo che partito dalle pareti del Centro Italia, lo ha condotto prima sul Gran Sasso e poi su tante delle montagne del mondo, dalle Alpi, all’Himalaya, alla Patagonia. Un alpinismo prima che raccontato, soprattutto vissuto con tutto sé stesso, nel pieno delle mille incoerenze che sempre ogni uomo racchiude ma che solo chi riesce a guardare nel fondo della propria anima riesce a vivere nel migliore dei modi."Questo mi è bastato e ancor oggi mi basta" è l’asserzione con cui si conclude la narrazione e miglior frase non poteva esserci per chi ha scelto la passione come chiave di volta della sua vita.

di Alberto Sciamplicotti

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Basta un po' di fantasia e l'alpinista va su... di Massimo Marcheggiani
22.12.2016
Basta un po' di fantasia e l'alpinista va su... di Massimo Marcheggiani
Il 18 e 19 Dicembre 2016 Massimo Marcheggiani e Lorenzo Trento hanno aperto una nuova via alpinistica sul Primo sperone Ovest del Corno Piccolo (Gran Sasso). Il report di Massimo Marcheggiani.
Che Spalle questo Gran Sasso... di Massimo Marcheggiani
16.12.2015
Che Spalle questo Gran Sasso... di Massimo Marcheggiani
Alpinismo: il 7 e 8 dicembre 2015 Massimo Marcheggiani e Lorenzo Trento hanno realizzato il concatenamento delle tre Spalle del Corno Piccolo (Gran Sasso d'Italia) in veste invernale. Il report di Massimo Marcheggiani
Gilehri Pakro (India, Valle di Tosh) prima salita per Marcheggiani, Trento e Supplizi
23.10.2013
Gilehri Pakro (India, Valle di Tosh) prima salita per Marcheggiani, Trento e Supplizi
Il 2 ottobre scorso Massimo Marcheggiani, Lorenzo Trento e Stefano Supplizi hanno salito, nella semi inesplorata Valle di Tosh (Himachal Pradesh, India), una vetta inviolata di 5250m che hanno denominato Gilerhi Pakro. I tre hanno chiamato la via di salita Broken Hand (700m, diff. compl. D, ghiaccio e misto max 55° e roccia max 4°). Il report di Massimo Marcheggiani su questa avventura vissuta nel più puro alpinismo esplorativo
Gran Sasso, una montagna da scalare
21.09.2009
Gran Sasso, una montagna da scalare
Roberto Iannilli presenta l'arrampicata al Gran Sasso d'Italia (Appennini centrali, Abruzzo) attraverso 7 vie scelte.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni