Home page Planetmountain.com
Mia Sconosciuta di Marco Albino Ferrari vince il Premio ITAS del Libro di Montagna 2020
Fotografia di Trento Film Festival
Marco Albino Ferrari
Fotografia di Trento Film Festival
Trento Film Festival 2021
Fotografia di Michele Purin

Mia Sconosciuta di Marco Albino Ferrari vince il Premio ITAS del Libro di Montagna

di

Al 69° Trento Film Festival sono stati decretati i vincitori del Premio ITAS del Libro di Montagna. A vincere la 47° edizione del concorso letterario che celebra la montagna in tutte le sue forme è stata Mia Sconosciuta di Marco Albino Ferrari. Gli altri libri premiati: Memorie della foresta di Damir Karakaš (Libri per ragazzi), Winter 8000 di Bernadette McDonald (Alpinismo e sport di montagna), Ussita Monti Sibillini (Guide e mappe), Autobiografia della neve di Daniele Zovi (Ricerca e ambiente), Saggi di antropologia ladina di Cesare Poppi (Segnalazione per editori e autori trentini).

Con Mia sconosciuta (Ponte alle Grazie), Marco Albino Ferrari è il vincitore del Premio ITAS del Libro di Montagna, il concorso letterario internazionale dedicato alle opere in cui si celebra la montagna in tutte le sue forme.

Il libro, già inserito nella cinquina finalista come il migliore fra i testi della categoria “Vita e storie di montagna”, ha il merito di far segnare un passo avanti alla narrativa di montagna, aprendo uno spaccato familiare sul rapporto tanto simbiotico quanto fertile che lega in maniera indissolubile una madre a un figlio, ed entrambi alla insopprimibile fascinazione per le Terre alte, l’escursionismo e l’alpinismo. Una figlia ribelle della migliore borghesia è la sorprendente protagonista di questa storia vera, che appare come in un gioco di specchi di fronte all'autore, suo unico figlio, suo unico amore.

"Marco Albino Ferrari, firma nota del giornalismo di montagna e storico frequentatore del nostro Premio, racconta una storia all’insegna di una struggente tenerezza, che dà conto dell’apprendistato di un cucciolo d’uomo destinato a farsi adulto grazie alla lezione di libertà della madre, e a dispetto delle prospettive ben più chiuse di altri adulti; lo fa con una prosa precisa, asciutta ma capace di grandi immagini evocative, dove il valore civile di una donna coraggiosa risplende all’insegna della bellezza, e la montagna è vista come spazio di crescita personale, luogo dove ci si può cimentare con i propri limiti e si possono incontrare gli amici che ancora non sapevamo di avere" - commenta Enrico Brizzi, Presidente di Giuria Premio ITAS del Libro di Montagna.

Il Premio quest’anno celebra i suoi 50 anni di vita nella 47a edizione. Tra il 2012 e il 2016, il concorso si è infatti svolto ogni due anni, tornando poi nel 2017 alla cadenza annuale in seguito all’elevato numero di autori desiderosi di parteciparvi e all’attenzione crescente da parte del pubblico verso l’editoria di montagna. Il concorso, la cui premiazione dei vincitori si inserisce come da tradizione nell’ambito del Trento Film Festival, ha visto in questa edizione la partecipazione di 110 opere pervenute da 45 case editrici.

Le altre migliori opere che la giuria ha decretato nelle sezioni in gara sono:

Vincitore della sezione “Guide e mappe”: Ussita Monti Sibillini, Ediciclo editore
Ussita è un paese di poche centinaia di abitanti in provincia di Macerata, nelle Marche, tra i Monti Sibillini, e si trova esattamente nel cuore delle zone sconvolte dai terremoti del 2016-2017, dove i segni della distruzione sono ancora visibili. Sono proprio questi segni il fulcro attorno ai quali ha preso corpo un lavoro di comunità durato oltre due anni e sostenuto dalla consapevolezza che se i terremoti non si possono nascondere, si devono però accogliere «come uno degli elementi identitari che rendono il territorio unico». Ussita presenta uno dei tanti territori marginali che abitano l’Italia: luoghi dimenticati, lontani dagli itinerari del turismo conclamato, ai quali è data una possibilità di rinascita a partire da un percorso innanzitutto narrativo: chi ci vive si racconta con una scrittura a più mani e compone un collage di narrazioni letterarie, itinerari, storie, disegni, cartoline dal passato, ricette di cucina, ma anche visioni di possibili scenari futuri. L‘opera è dunque molto più che una guida: è un esperimento di condivisione e di conoscenza.

Vincitore della sezione “Libri per ragazzi”: Damir Karakaš, Memorie della foresta, BEE editore
Per i trentatré capitoli di Memorie della foresta di Damir Karakaš la giuria del Premio Itas ha deciso di compiere un gesto impegnativo, indicando questo libro come necessario per un pubblico di giovanissimi (anche se non certo l’unico) ai quali far conoscere un mondo forse dimenticato, ma così vicino da essere appartenuto alla vita dei nonni e forse dei genitori. Si tratta di un mondo che per secoli è rimasto immutato nei luoghi dove la vita contendeva alla natura il sostentamento e nella natura trovava l’origine delle paure ma anche delle passioni e della bellezza. Leggere queste pagine porta in un altrove di odori, fatiche, terrori e adrenalina che oggi appare lontanissimo e dal quale invece ci divide solo una sottile parete di tempo.

Vincitore della sezione “Alpinismo e sport di montagna”: Bernadette McDonald, Winter 8000, Mulatero editore
L’alpinismo himalayano in inverno è un gioco affascinante e drammatico che da sempre scrive storie epiche. In Winter 8000, Bernadette McDonald narra le storie di quel gruppo di alpinisti che ha scelto di confrontarsi con le montagne più alte della terra nella stagione più ostile e difficile per l’uomo. Il libro è una vera e propria epopea che inizia dalla prima salita invernale dell'Everest, per poi ripercorrere le imprese, vittoriose o tragiche, su tutti gli altri 13 colossi. Protagonisti di questa incredibile storia sono i “guerrieri del ghiaccio”, quegli alpinisti che non possono fare a meno di quel mondo fatto di sfide al limite. Con spirito inglese, McDonald racconta le loro vicende alpinistiche ed umane partendo proprio dai grandi polacchi, “inventori” delle invernali sugli Ottomila. L‘opera aiuta a inquadrare e a comprendere la nuova frontiera dell’himalaysmo.

Vincitore della sezione “Ricerca e ambiente”: Daniele Zovi, Autobiografia della neve, UTET
Dopo oltre quarant'anni di lavoro nel corpo forestale, Daniele Zovi è oggi tra i più preziosi divulgatori italiani in tema di boschi, animali selvatici e salvaguardia dell'ambiente di montagna. Alla lunga esperienza, unisce un talento narrativo che si rivela soprattutto in questa "Autobiografia della neve" il più personale dei libri scritti finora: le nevi di una vita nella pagina di un vero scrittore, dove a volte risuona l'eco di un'altra voce, quella dell'amico e maestro Mario Rigoni Stern al quale il libro sarebbe piaciuto per la capacità di coniugare il rigore scientifico e il piacere del racconto, la memoria delle cose vissute, la curiosità di capire il mondo.

Vincitore della segnalazione per editori e autori trentini: Cesare Poppi, Saggi di antropologia ladina, 3 vv., Istitut Cultural Ladin
I tre volumi che compongono una monumentale opera raccolgono studi e ricerche che l'antropologo Cesare Poppi ha dedicato alla cultura popolare della comunità ladina di Fassa. L'opera condensa e approfondisce tematiche e ambiti diversi: dalla storia alla narrativa orale; le ritualità e i miti; le tradizioni e la cultura materiale; la lingua e gli aspetti storico-sociologici e identitari. La Trilogia si impone come fondamentale documento nel consolidamento della “costituzione” dell‘identità ladina e si rivela fondamentale per studiosi e cultori della materia, per docenti e studenti della scuola ladina in particolare, proponendosi come strumento di didattica e di sapere.

Opere segnalate: Sara Luchetta, Dalla baita al ciliegio. La montagna nella narrativa di Mario Rigoni Stern, Mimesis Editore.
David Bellatalla e Stefano Rosati, Il grande Viaggio, Montura Editing.
“L’editoria italiana ha nuovamente confermato l’interesse per la montagna e per il Premio ITAS. Sono arrivati libri da diverse case editrici; tra di esse, come ormai da alcuni anni, sia quelle specializzate o storicamente impegnate sui temi delle terre alte, sia quelle generaliste – commenta Lorenzo Carpanè, coordinatore del Premio ITAS - Tutte contribuiscono a dare visibilità a temi, protagonisti, ambienti che caratterizzano un mondo così affascinante. E il Premio ITAS è felice di continuare ad essere parte attiva della valorizzazione del lavoro e della passione di autori, editori, librai, bibliotecari, blogger e di chiunque si dedichi alla montagna.”

Link: www.premioitas.it

 

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Trento Film Festival day 10: domenica si chiude un’edizione speciale
09.05.2021
Trento Film Festival day 10: domenica si chiude un’edizione speciale
Domenica si conclude la 69° edizione del Trento Film Festival alle 18.00 con il convegno 'Cibo e paesaggio. Riflessioni su alcune pratiche alimentari del Trentino'. Al mattino la tavola rotonda con i vincitori del Premio ITAS del Libro di Montagna, mentre a Radio Dolomiti Fabrizio Torchio e Riccardo Decarli racconteranno delle indagini di Sherlock Holmes… sulle Dolomiti. Al Multisala Modena le repliche dei film premiati, mentre i film rimarranno disponibili fino al 16 maggio sulla piattaforma online.trentofestival.it
Anche stanotte le mucche danzeranno sul tetto vince la Genziana d’Oro del Trento Film Festival 2021
08.05.2021
Anche stanotte le mucche danzeranno sul tetto vince la Genziana d’Oro del Trento Film Festival 2021
La Genziana d’oro miglior film - Gran Premio città di Trento del 69° Trento Film Festival va al regista Aldo Gugolz per il film Anche stanotte le mucche danzeranno sul tetto. Holy Bread si aggiudica la Genziana d’oro per miglior film di alpinismo, mentre la Genziana d’oro per il miglior film di esplorazione avventura va a Here I Am, Again. Le Genziane d’argento sono state assegnate a Die letzten Österreicher (Miglior contributo tecnico-artistico) e One Day (Miglior cortometraggio). Al documentario Chaddr - A River Between Us va il Premio della Giuria, mentre Icemeltland Park e The Magic Mountain ricevono una menzione speciale.
Trento Film Festival day 9: i Premi ufficiali, e il Pianeta Terra protagonista
08.05.2021
Trento Film Festival day 9: i Premi ufficiali, e il Pianeta Terra protagonista
Il Trento Film Festival si avvia alla sua conclusione: sabato alle 20.30 si terrà il Gala di premiazione con la consegna dei Premi ufficiali della 69. edizione del Festival e del 47. Premio ITAS del Libro di Montagna. Conduce la serata la giornalista Maria Concetta Mattei. Il Pianeta Terra invece è al centro degli incontri della nona giornata
Trento Film Festival day 8: il fascino dei lunghi cammini
07.05.2021
Trento Film Festival day 8: il fascino dei lunghi cammini
Venerdì 7 maggio il Sentiero Italia CAI sarà protagonista della Serata Evento del Trento Film Festival, con Vincenzo Torti, Erri De Luca, Antonio Montani, Paolo Paci, Francesco Cappellari e Anna Sustersic. Nel pomeriggio Marco Confortola presenta il suo ultimo libro, mentre al mattino Franco Nicolini e Diego Giovannini raccontano il concatenamento degli 82 Quattromila delle Alpi in 60 giorni nel 2008.
Tre premi speciali al Trento Film Festival ai film Holy Bread e Diga
06.05.2021
Tre premi speciali al Trento Film Festival ai film Holy Bread e Diga
Oggi tre riconoscimenti speciali al Trento Film Festival: il Premio Forum per la Pace e i Diritti Umani viene assegnato al film iraniano 'Holy Bread' di Rahim Zabihi. Ben due i riconoscimenti per 'Diga' di Emanuele Confortin, che si aggiudica il Premio Dolomiti Patrimonio Mondiale UNESCO e il Premio Museo Usi e Costumi della Gente Trentina.
Esorcisti himalayani, la mostra di Emanuele Confortin a Vicenza
19.02.2020
Esorcisti himalayani, la mostra di Emanuele Confortin a Vicenza
Verrà inaugurata venerdì 21 febbraio alle ore 20 a Porto Burci (Vicenza) la mostra fotografica 'Grokch, esorcisti himalayani' del giornalista e fotogiornalista Emanuele Confortin. 26 immagini in bianconero per conoscere il Kinnaur, distretto tribale dell’Himalaya indiano, dove sopravvive il culto dei grokch, gli oracoli di villaggio.
Kinnaur Himalaya, il documentario che racconta l'Himalaya a rischio
10.07.2019
Kinnaur Himalaya, il documentario che racconta l'Himalaya a rischio
La campagna di crowdfunding per il documentario Kinnaur Himalaya coordinato da Emanuele Confortin che testimonia l'impatto di nuovi modelli socio-economici in Himalaya. In ballo c'è la sopravvivenza di una cultura preziosa, esempio di sostenibilità.
Trento Film Festival day 7: Cesare Maestri, Nives Meroi, Romano Benet e il grande alpinismo di ieri e oggi
06.05.2021
Trento Film Festival day 7: Cesare Maestri, Nives Meroi, Romano Benet e il grande alpinismo di ieri e oggi
Giovedì 6 maggio al Trento Film festival sarà protagonista il grande alpinismo di ieri e di oggi: al mattino un ricordo dell’indimenticabile Cesare Maestri, nel pomeriggio la consegna del Premio 'Chiodo d’oro' SOSAT e la proiezione al Multisala Modena del film My Upside Down World con la climber Angelika Rainer. In serata la Diretta di Montagna con Hervé Barmasse che ospita Nives Meroi e Romano Benet.
Addio a Cesare Maestri
19.01.2021
Addio a Cesare Maestri
È scomparso oggi all’età di 91 anni Cesare Maestri, il fortissimo alpinista trentino, guida alpina e scrittore, soprannominato il Ragno delle Dolomiti. Il suo nome sarà per sempre legato non solo alle sue amate Dolomiti ma anche al Cerro Torre in Patagonia.
Arrampicata e libertà: Wafaa Amer racconta la sua storia al Trento Film Festival
05.05.2021
Arrampicata e libertà: Wafaa Amer racconta la sua storia al Trento Film Festival
L'arrampicatrice di origini egiziane Wafaa Amer ha partecipato domenica scorsa ad un trekking verso cima Marzola in Trentino, per parlare di come l'arrampicata abbia aperto i suoi orizzonti e le abbia mostrato il significato della libertà.
Trento Film Festival day 6: la montagna che unisce
05.05.2021
Trento Film Festival day 6: la montagna che unisce
Trento Film Festival day 6: la 69° edizione prosegue mercoledì 5 maggio tra racconti di viaggi, incontri e scoperte. Alle 18.00 in live streaming la presentazione del nuovo libro Il secolo della SOSAT, mentre con Hervè Barmasse nella diretta serale Stefano Unterthiner, Stéphanie Françoise e Robert Peroni racconteranno la loro vita all’estremo Nord.
Tre premi speciali al Trento Film Festival: Lizard, CinemAMoRe, Studenti Università di Trento
04.05.2021
Tre premi speciali al Trento Film Festival: Lizard, CinemAMoRe, Studenti Università di Trento
Oggi al Trento Film Festival è il giorno di tre riconoscimenti speciali: il nuovo Premio Lizard - Viaggio e avventura viene assegnato al film 'La casa rossa' di Francesco Catarinolo e Gianluca De Angelis, il Premio CinemAMoRe va a 'PrimAscesa' di Leonardo Panizza, e il Premio Studenti Università di Trento, Bolzano e Innsbruck sarà consegnato Tobia Passigato per 'Schianti'.
La spettacolare Primascesa di Simon Sartori e Giovanni Moscon
13.04.2021
La spettacolare Primascesa di Simon Sartori e Giovanni Moscon
Il trailer del documentario Primascesa di Leonardo Panizza che narra l’eccezionale prima salita, effettuata dai due alpinisti trentini Simon Sartori e Giovanni Moscon, di una delle ultime cime inviolate rimaste al mondo... Il film, che sensibilizza anche alla tematica ambientale, è stato selezionato al 69° Trento Film Festival.
Trento Film Festival day 5: Uomo e natura, un rapporto in bilico
04.05.2021
Trento Film Festival day 5: Uomo e natura, un rapporto in bilico
Martedì 4 maggio il Trento Film Festival inizia alle 9.00 con un convengo in live streaming con Paolo Cognetti, Enrico Brizzi, Linda Cottino, Enrico Camanni e Anna Torretta, poi punta l’attenzione sulle conseguenze delle attività umane sull’ambiente: alle 18.00 con Irene Borgna si discuterà di come l’inquinamento luminoso oscuri le notti stellate, alle 21.00 Hervé Barmasse, Sandro Orlando e Michele Freppaz faranno luce sulla perdita di equilibrio tra uomo e natura. Altri 12 film si aggiungono a quelli disponibili sulla piattaforma online.trentofestival.it.
Trento Film Festival day 4: Heinz Mariacher e Mélissa Le Nevé, fragili equilibri e sfide verticali
03.05.2021
Trento Film Festival day 4: Heinz Mariacher e Mélissa Le Nevé, fragili equilibri e sfide verticali
Trento Film Festival day 4: un lunedì 3 maggio ricco di proiezioni, eventi ed incontri. In serata la presentazione del libro finalista Premio ITAS del Libro di Montagna Winter 8000 di Bernadette McDonald, nonché le Dirette di montagna di Hervé Barmasse con Heinz Mariacher e Mélissa Le Nevé.
Trento Film Festival day 3: libertà e benessere
01.05.2021
Trento Film Festival day 3: libertà e benessere
Trento Film Festival day 3: domenica 2 maggio all'insegna di libertà e benessere. In mattinata il convegno della Medicina di Montagna e il Caffè Scientifico con ELEDIA Research Center e il Soccorso Alpino e Speleologico del Trentino. Nel pomeriggio lo story trekking 'Climbing e Libertà' organizzato da Donne di Montagna con Wafaa Amer. In serata le 'Dirette di Montagna con Hervé Barmasse' con gli ospiti Biancamaria Cavallini, psicologa del lavoro e formatrice, e Margot Sikabonyi, health coach.
Trento Film Festival day 2: Uno sguardo al futuro
01.05.2021
Trento Film Festival day 2: Uno sguardo al futuro
Trento Film Festival day 2: sabato 1 maggio si entra nel vivo con uno sguardo al futuro. Partono le proiezioni in sala con gli attesissimi 'Mila' e 'Paolo Cognetti. Sogni di grande nord' e tanti altri film da non perdere. Alle 21.00 cominciano le 'Dirette di Montagna' condotte da Hervé Barmasse, oggi con Tudor Laurini e Francesco Quarna.
69° Trento Film Festival, i primi eventi e la serata di apertura nel segno di Mila
29.04.2021
69° Trento Film Festival, i primi eventi e la serata di apertura nel segno di Mila
La 69° edizione del Trento Film Festival inizia la mattina di venerdì 30 Aprile con i primi eventi. L'inaugurazione ufficiale è prevista alle ore 18 mentre, alle 21, sarà trasmessa l’anteprima del corto animato 'Mila' di Cinzia Angelini, sui canali social del Festival e la piattaforma online.trentofestival.it.
Cervino, la Cresta del Leone con Hervé Barmasse in anteprima assoluta al Trento Film Festival
28.04.2021
Cervino, la Cresta del Leone con Hervé Barmasse in anteprima assoluta al Trento Film Festival
In anteprima mondiale il 2 maggio al Trento Film Festival 2021 sarà proiettato il documentario “Cervino, la Cresta del Leone” con Hervé Barmasse che, insieme a Alessandro Beltrame, ha condiviso la regia. Prodotto da Vibram, il film potrà essere visto anche online previa registrazione sul sito online.trentofestival.it.
Resiliente per natura: tutto pronto per la 69° edizione del Trento Film Festival
24.04.2021
Resiliente per natura: tutto pronto per la 69° edizione del Trento Film Festival
Un unico Festival in tre tempi: dopo la rassegna primaverile online (30 aprile - 16 maggio) il cinema e le culture di montagna saranno di nuovo protagonisti in presenza a Trento (9 - 13 giugno) e per tutta l’estate in città e nelle valli trentine. Le 'Dirette di montagna' con Hervé Barmasse il nuovo format nel programma degli eventi di questa edizione, tutti in live streaming sui social e sul sito trentofestival.it. Tra gli ospiti speciali Nives Meroi, Heinz Mariacher, Mélissa Le Nevé, Robert Peroni, Erri De Luca
Trento Film Festival 2021, domani alle ore 10.30 la presentazione degli eventi
22.04.2021
Trento Film Festival 2021, domani alle ore 10.30 la presentazione degli eventi
Venerdì 23 aprile alle ore 10.30 si terrà la presentazione del programma degli eventi del 69° Trento Film Festival, in live streaming aperto a tutti sulla pagina Facebook e sul canale Youtube del Trento Film Festival. Ospite speciale l’alpinista Hervé Barmasse.
Digitale ma tutt’altro che virtuale: al Trento Film Festival la montagna tra pandemia e futuro
08.04.2021
Digitale ma tutt’altro che virtuale: al Trento Film Festival la montagna tra pandemia e futuro
Dal 30 aprile al 9 maggio torna il Trento Film Festival con un’edizione interamente digitale e 100 film all’insegna della diversità, l’80% in anteprima, accessibili dal 30 aprile al 16 maggio sulla piattaforma online.trentofestival.it.
Visioni del Trento Film Festival inizia con K2 - Sogno e destino di Kurt Diemberger
01.04.2021
Visioni del Trento Film Festival inizia con K2 - Sogno e destino di Kurt Diemberger
Inizia sabato 3 e domenica 4 aprile su History Lab una nuova stagione della trasmissione nata dalla sinergia tra Trento Film Festival e Fondazione Museo storico del Trentino. Si comincia sul canale 602 del digitale terrestre e in streaming su hl.museostorico.it con un documentario di alpinismo himalayano che ha lasciato il segno negli anni Ottanta, vincendo la Genziana d’oro nel 1989: K2 – Sogno e destino, del grande alpinista e cineasta Kurt Diemberger.
Mila di Cinzia Angelini protagonista dell'evento di apertura del 69° Trento Film Festival
31.03.2021
Mila di Cinzia Angelini protagonista dell'evento di apertura del 69° Trento Film Festival
Sarà l’atteso corto di animazione Mila di Cinzia Angelini a inaugurare, venerdì 30 aprile, il 69° Trento Film Festival, in programma dal 30 aprile al 9 maggio e online fino al 16 maggio. Ispirato ai bombardamenti che colpirono Trento nel 1943, il corto animato è dedicato ai bambini che soffrono le conseguenze delle guerre. La conferenza stampa di presentazione programma del 69° TFF sarà trasmessa in live streaming l'8 aprile 2021.
69° Trento Film Festival: sul manifesto ufficiale la firma di Gianluigi Toccafondo
19.03.2021
69° Trento Film Festival: sul manifesto ufficiale la firma di Gianluigi Toccafondo
Con un simbolico omaggio a Jack London, il celebre artista sanmarinese Gianluigi Toccafondo ha realizzato il manifesto e la sigla della 69° edizione del Trento Film Festival, la rassegna di cinema e culture di montagna in programma dal 30 aprile al 9 maggio.
Trento Film Festival si rimette in viaggio: dal 30 aprile al 9 maggio Destinazione… Groenlandia
25.02.2021
Trento Film Festival si rimette in viaggio: dal 30 aprile al 9 maggio Destinazione… Groenlandia
È la Groenlandia, la sconfinata nazione artica il 'Paese ospite' della 69° edizione del Trento Film Festival 2021. Il primo e più antico festival internazionale di cinema dedicato alla montagna, all’avventura e all’esplorazione si terrà dal 30 aprile al 9 maggio 2021.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra