Home page Planetmountain.com
Michele Boscacci, Orobie Vertical 2022
Fotografia di Orobie Vertical
Mojca Koligar, Orobie Vertical 2022
Fotografia di Diego De Giorgi
Lorenzo Rota Martir, Orobie Vertical 2022
Fotografia di Diego De Giorgi
Paola Pezzoli, Orobie Vertical 2022
Fotografia di Diego De Giorgi

Mojca Koligar e Michele Boscacci vincono l’Orobie Vertical 2022

di

Il 2 giugno, in Valtellina, Michele Boscacci e la slovena Mojca Koliga hanno vinto l’11esima edizione della gara di trail running Orobie Vertical.

Podio con i colori dell’Italia, al maschile, e della Slovenia, al femminile, per l’undicesima edizione di Orobie Vertical. La cronoscalata verso il cielo, che si svolge all’ombra dei giganti delle Orobie, ha visto poco meno di 150 atleti al via e, tra questi, anche diversi big provenienti dal mondo della corsa in montagna e non solo. Come la coppia di scialpinisti Michele Boscacci e Alba De Silvestro. I due, marito e moglie, entrambi del Gruppo Sportivo Esercito, hanno accettato con entusiasmo l’invito di Mario Poletti, fondatore di Fly-Up, a partecipare a questa gara che, da quest’anno, ha un sapore tutto internazionale.

Il percorso, 4 chilometri di sviluppo e 1000 metri di dislivello positivo dall’abitato di Valbondione (Bergamo) fino al rifugio Mario Merelli al Coca, ha regalato come sempre emozioni. Agli atleti ma anche al pubblico, numeroso sia lungo il tracciato che all’arrivo.

Alle spalle di Michele Boscacci, che ha fermato il cronometro con il tempo di 41 minuti e 42 secondi, si è piazzato il bresciano Damiano Pedretti (US Malonno, 00:42:25) e il campione del mondo di Everesting, il francese Benoit Gandolfi (00:42:51). Giù dal podio, ma di poco, i due bergamaschi Lorenzo Rota Martir (Nazionale Italiana di Skyrunning e team Hoka-Karpos) e Giovanni Zamboni (Team Scais).

La regina delle vertical Mojca Koligar non ha tradito le aspettative arrivando prima e lasciandosi le avversarie alle spalle di oltre un minuto. Dietro di lei, che ha chiuso la performance con il tempo di 49 minuti e 1 secondo, ha infilato quindi la De Silvestro (team Dynafit, 00:50:44) e Chiara Giovando (Nazionale Italiana di Skyrunning e team Pegarun).

"Una gara molto bella e decisamente tosta questa Orobie Vertical. Nel salire mi sono resa subito conto della bellezza di questi paesaggi ma ero troppo impegnata per fermarmi ad ammirarli, cosa che invece farò durante la discesa. Per me è la prima volta a Orobie Vertical, ma sicuramente non sarà l’ultima". (Mojca Koligar, prima classificata)

"Bella, tosta e in un ambiente selvaggio. Alla scorsa partecipazione, con partenza in linea, il mio tempo era stato un po’ migliore rispetto ad oggi… probabilmente il confronto diretto con l’avversario è da stimolo per dare davvero il massimo. Grande gara e grande pubblico, come sempre. Grazie all’amico Mario per questo invito". (Michele Boscacci, primo classificato)

"Il respiro internazionale di questa gara è per Fly-Up un grandissimo riconoscimento e ci ripaga di 14 anni di sforzi fatti per la promozione del territorio". (Mario Poletti, presidente Fly-Up)

Info: fly-up.it

Sponsor - Scott, Uniacque, Lovato Electric, Elleerre, Tornado Nutrition Sport e tipografia Radici

DOWNLOAD CLASSIFICHE
- Classifica femminile
- Classifica maschile

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Aperte le iscrizione all'International Orobie Skyraid 2022
03.02.2022
Aperte le iscrizione all'International Orobie Skyraid 2022
Sono aperte le iscrizioni a International Orobie Skyraid che si svolgerà il prossimo 23 luglio con partenza da Ardesio e arrivo a Valbondione in Val Seriana.
Simone Moro racconta la sua Traversata Orobie 20-20
03.10.2020
Simone Moro racconta la sua Traversata Orobie 20-20
Simone Moro racconta la sua traversata Integrale delle Orobie lungo la linea di creste che fanno da spartiacque tra la provincia di Bergamo e quelle di Brescia, Sondrio e Lecco. Una lunga cavalcata in quota che l'alpinista bergamasco aveva già compiuto nel 2000 con Mario Curnis e che ora ha ripercorso insieme ad Alessandro Gherardi.
Orobie d’un fiato, l’avventura di corsa di Marco Zanchi
17.04.2020
Orobie d’un fiato, l’avventura di corsa di Marco Zanchi
È online Orobie d’un fiato, il film di Stefano Vedovati che documenta la corsa di Marco Zanchi lungo l’Alta via delle Orobie effettuata in 26 ore nel luglio 2019. 140km e 10,000 metri di dislivello, ma soprattutto un avventura con amici tra le montagne bergamasche.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Occhi d'Acqua
    Via superlativa su roccia pazzesca lontano da tutto e tutti. ...
    2022-06-04 / Carlo Cosi
  • Via Andrea Concini
    Via verticale e divertente, protetta e proteggibile, roccia ...
    2022-05-30 / Michele Lucchini
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós