Home page Planetmountain.com
Palestra Gianni Comino - Miroglio 2: Giovanni Massari su Obtorto Collo alla School Area
Fotografia di Paolo Seimandi
Palestra Gianni Comino - Miroglio 2: Pucci Giusta, Gianni Comino, S. Giuliano a Miroglio 2 nel 1979
Fotografia di Giorgio Mongardi
Palestra Gianni Comino - Miroglio 2: Torrione C, La Piramide, settore destro.
Fotografia di archivio Giovanni Massari
Palestra Gianni Comino - Miroglio 2: Torrione E; Il giardino dei Rododendri
Fotografia di archivio Giovanni Massari

Palestra Gianni Comino, alias falesia Miroglio 2 a Cuneo. Di Giovanni Massari

di

Giovanni Massari presenta gli ultimi sviluppi della falesia Miroglio 2, conosciuta anche come Palestra Gianni Comino e situata in Val Maudagna in provincia di Cuneo in Piemonte.

La Palestra Gianni Comino o Miroglio 2, deve il suo nome al famoso alpinista tragicamente scomparso sul seracco della Poire nel 1980 che ne aveva compiuto le prime visite con il monregalese Pucci Giusta e i ragazzi del gruppo G.A.M. in seno al CAI Mondovì; essi infatti avevano sistematicamente esplorato, in tempi diversi e in varie cordate le possibilità offerte, in stile classico, dalle molteplici strutture.

Il settore era già stato oggetto di attrezzatura a spit da parte del corpo degli alpini nella metà degli anni ’80 e di ulteriori attenzioni da parte di Igor Napoli (vedi "Spit, castagne e magnesite di Igor Napoli, Edizioni l’Arciere) e Paolo Fenoglio alla fine degli anni ’90 per un totale di una ventina di vie ed ancora oggi, qua e là, si possono notare tracce di vecchi spit arrugginiti.

Pucci Giusta dopo aver appunto salito le strutture più evidenti con vie tradizionali ne aveva fornito un prima e scarna relazione sulle pagine della rivista locale del CAI Mondovì dedicando la Palestra all’amico con il quale ne aveva in parte condiviso l’esplorazione a cui però non aveva fatto seguito una reale frequentazione.

La palestra dopo il tentativo di revival a suon di spit da parte di Igor Napoli e compagni viene nuovamente e rapidamente dimenticata; forse i tempi non sono ancora maturi ma più probabilmente le linee scelte e i materiali usati non sono sufficiente attrattivi per i climber degli anni ’90.

Negli ultimi anni e dopo un attento esame delle pareti sono stato attratto dalle concrete possibilità di nuove vie comodamente fruibili e dall’amenità dei luoghi, veramente bucolici, e coadiuvato da Diego Dho, Federico Bausone, Paolo Seimandi, Diego Dutto, suo figlio Leonardo e Paolo Fenoglio per la sentieristica, che hanno creduto al progetto, ho reso fruibili oltre 80 itinerari, interamente chiodati a fix e soste inox, adatti allo "sport climbing sui principali torrioni che presenta il versante roccioso. Infatti i torrioni di compatta quarzite più interessanti hanno visto nelle estati 2016, 2017 e 2018, un vigoroso restyling con l’apertura di molti nuovi itinerari e la revisione e/o modifica di quelli esistenti. Sono nati così due nuovi settori interessanti di arrampicate di livello classico fruibili anche nel periodo estivo e sono stati valorizzati quasi tutti gli spazi disponibili al fine di ottimizzare l’arrampicata sportiva in moulinette.

Nell’estate del 2018 anche Igor Napoli è tornato ad attrezzare in questo luogo e grazie alla sua opera sono nati ancora una trentina di itinerari che completano le già cospicue possibilità. L’intero settore, data la variegata esposizione, riesce a soddisfare la frequentazione per un lungo periodo dell’anno e la stagione utile va da aprile a novembre inoltrato, neve permettendo.

La varietà dei tiri inoltre permette di accontentare le più svariate esigenze di livello e, anche se mancano le lunghezze estreme, gli arrampicatori "plaisir troveranno itinerari interessanti e vari con qualche sconfinamento di ottima qualità nel grado 7.

Tutti i tiri risultano interessanti ma mi sono permesso di evidenziare quelli più significativi contrassegnandoli con un asterisco. Per arrampicare nei vari settori è sufficiente una corda da 60m e 12 rinvii. Si consiglia, vista la ancora scarsa frequentazione, di utilizzare per passare il primo rinvio un comodo "stick che dovrebbe ormai far parte del corredo tecnico di ogni "climber" per ottenere quelle irrinunciabili norme di sicurezza che regolano l’arrampicata sportiva. Anche l’uso del casco è consigliato.

La palestra va inoltre a completare l’offerta di arrampicata sportiva modernamente attrezzata della val Maudagna e della Val Corsaglia che comprende attualmente la falesia di Monte Moro attrezzata dal Corpo degli Alpini che presenta circa 40 itinerari (tabellone delle vie in loco) e la palestra Beppino Avagnina o Miroglio 1 che presenta circa 100 itinerari di vari autori messi in sicurezza dalle guide alpine Diego Dho e Matteo Casanova (Miroglio, Falesia e bouldering di Giovanni Massari, Blu Edizioni), la falesia dei Quarzini di Franosa soprana con circa 60 tiri e la piccola realtà della Falesia dei Bassi con circa 20 tiri le cui informazioni sono reperibili sul sito Cuneoclimbing.

Per rifocillarsi prima e dopo le scalate è ottimo, proprio sulla strada, il "Basso Bar a Miroglio.

Il seguente articolo non è completamente esaustivo sulle possibilità esistenti a Miroglio 2 ma offre comunque un corposo ventaglio di circa 70 tiri su cui cimentarsi e divertirsi.

Accesso: Superare l’abitato di Miroglio e parcheggiare 200m prima dei successivi para valanghe alcuni Km dopo. Salire sul muretto in corrispondenza di una grata con bollo rosso e percorrere l’evidente sentiero che sale all’inizio con ampi tornanti e poi più direttamente (bolli rossi, ometti) fino a raggiungere un evidente boschetto di lecci(grosso ometto); di lì proseguire brevemente verso sinistra per raggiungere "The school e la "Juventus Area (20’) o proseguire nell’evidente canale che da accesso ai settori superiori della "Piramide, "Torre pendente, "Giardino dei Rododendri, "La Piastra (25’/30’).

N.B. l’arrampicata è uno sport potenzialmente pericoloso e la roccia in ambiente naturale può subire modifiche strutturali anche importanti durante la sua sollecitazione o a causa di eventi naturali: prestate sempre un’attenzione critica ad appigli, appoggi, ancoraggi e a eventuali blocchi o strutture potenzialmente instabili. Ricordate che la sicurezza parte da voi stessi.

Voglio esprimere il mio sentito grazie per la sempre fattiva collaborazione ad Emanuele Pellizzari di Kinobi per la fornitura agevolata di spit, placchette e soste in materiale inox e a Montura per l’ormai decennale rapporto di reciproca fiducia.

di Giovanni Massari

- SCARICA IL PDF CON TUTTE LE VIE

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Arrampicare a Miroglio: Una storia comune
21.09.2015
Arrampicare a Miroglio: Una storia comune
Giovanni Massari presenta la storica falesia di Miroglio (Cuneo): una Guida della palestra dei Distretti Beppino Avagnina in cui unisce la sua esperienza personale a quella di questo importante centro di arrampicata del cuneese per ripercorrere una storia (ed un'evoluzione) dell'arrampicata, dagli anni '40 ai giorni nostri, comune a quella di molte altre falesie.
Miroglio boulder, il circuito e la sua storia
03.07.2015
Miroglio boulder, il circuito e la sua storia
Il circuito di arrampicata e boulder del Miroglio (CN), presentato da Giovanni Massari: una piacevolissima alternativa alla solita giornata in falesia ed una sorta di tuffo nel passato dove le difficoltà sono solo un dettaglio.
L'arrampicata nella falesia di Bagnasco, o della chiusura di un cerchio. Di Giovanni Massari
09.05.2017
L'arrampicata nella falesia di Bagnasco, o della chiusura di un cerchio. Di Giovanni Massari
Negli ultimi anni la storica falesia piemontese di Bagnasco è stata interamente rivista, richiodata e rigradata. Giovanni Massari prende spunto da questo sviluppo per tracciare la storia dell'arrampicata sportiva in questo luogo guardando anche al suo futuro.
Val Ellero boulder classics
22.06.2015
Val Ellero boulder classics
Giovanni Massari ripercorre la storia del boulder nella splendida Val Ellero in provincia di Cuneo.
Giovanni Massari e i boulder a Montecapretto, Val di Susa
06.03.2017
Giovanni Massari e i boulder a Montecapretto, Val di Susa
Giovanni Massari presenta lo storico masso a Montecapretto in Val di Susa, valorizzato inizialmente alla fine degli anni ’70 da Gian Carlo Grassi e che ancora oggi è un posto splendido per l'arrampicata boulder.
L'orologio senza tempo, Punta Figari e il 50mo compleanno di Giova Massari
08.10.2012
L'orologio senza tempo, Punta Figari e il 50mo compleanno di Giova Massari
Lo scorso agosto Giovannino Massari e Paolo Seimandi hanno riattrezzato L'orologio senza tempo, la storica via aperta nel 1982 dallo stesso Massari insieme ad Andrea Parodi sulla Est della Punta Figari (Gruppo Castello - Provenzale). Il report di Paolo Seimandi.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra