Home page Planetmountain.com
Marek Raganowicz in solitaria su Born Under A Bad Sign, El Capitan, Yosemite
Fotografia di Marek Raganowicz
Marek Raganowicz in solitaria su Born Under A Bad Sign, El Capitan, Yosemite
Fotografia di Marek Raganowicz
Marek Raganowicz in solitaria su Born Under A Bad Sign, El Capitan, Yosemite
Fotografia di Tom Evans
Il tracciato di Born Under A Bad Sign, El Capitan, Yosemite
Fotografia di Marek Raganowicz

Marek Raganowicz sale in solitaria Born Under a Bad Sign su El Capitan

di

Il report del climber polacco/britannico Marek Raganowicz che ha salito in solitaria Born Under a Bad Sign, la difficile via d’arrampicata in artificiale su El Capitan nella Yosemite Valley.

Quando ripeto la via di qualcun altro, mi sento come se stessi cantando karaoke al bar il sabato sera. Fortunatamente nell'arrampicata, proprio come nel karaoke, c'è spazio per un po’ di creatività perché nessuno si esibisce allo stesso modo, quindi se da un lato mi sento un po’ come il primo salitore, o come quelli che mi hanno preceduto, dall’altro canto compio sempre un passo nella mia direzione, faccio qualcosa che sento che appartiene un po’ anche a me.

Ad ogni modo, sono appena tornato da Yosemite e da un'altra salita in solitaria su una moderna big wall in artificiale gradata A5: Born Under a Bad Sign su El Capitan. Ho scelto la linea principalmente per dove si trova, sul fantastico tetto del Devil’s Brow Roof nella parte destra di El Capitan, e anche per il report della ripetizione effettuata da Russ Walling e Walt Shipley.

Avevo letto il loro racconto della seconda salita poco prima della mia prima visita nello Yosemite nel 2006. All’epoca volevo salire in solitaria Zodiac, e nella mia mente paragonare Born Under a Bad Sign con Zodiac era un po’ come pensare a fare Free Rider slegato ma poi trovarsi in una palestra d’arrampicata indoor. Non è proprio così, ma penso di essermi spiegato.

14 anni più tardi ho preparato la mia attrezzatura per Born Under a Bad Sign. Ad essere sincero, non volevo sapere troppo della via, quindi non ho fatto ulteriori ricerche prima della mia salita. Volevo avere alcune incognite e dare alla mia creatività una possibilità. Ma nel profondo della mia mente mi ricordavo la storia di Russ, quella ispirazione iniziale e la bellezza della linea, con soltanto una breve scala di rivets e profonde lame.

La prima sezione di A4 si è rivelata sorprendentemente "facile" ma a partire dal settimo tiro, cioè sopra la Devil's Tower, dovevo tenere gli occhi aperti ed essere più creativo di quanto sono al karaoke il sabato sera. "Chi ha aperto questa via dannatamente dura?" E in quel momento mi sono reso conto che non sapevo nemmeno i nomi dei primi salitori. Così, arrivato al successivo bivacco, ho controllato.

Sulla relazione ho trovato due nomi: Bill Price e Tim Washick. Chi erano questi ragazzi? Anche se non ho trovato molto su Tim, ho scoperto che Bill ha salito la maggior parte dei tiri difficili da capocordata. Nel 1979, quando i due hanno aperto BUBS, Bill aveva soltanto 19 anni ed era considerato il miglior free climber degli Stati Uniti, conosciuto per l’arrampicata in libera fino a 5.13b (Cosmic Debris), e la seconda salita di Sea of Dreams dove ha salito da primo tutti i tiri duri, dopo aver già aperto altre due vie su El Cap (Sunkist e South Seas). Giù sul prato di El Cap Meadow qualcuno mi ha raccontato che dopo il suo 21° compleanno, Bill ha smesso di arrampicare. Non ho idea quanti anni ha arrampicato in tutto, ma è sicuro che è pari con Eric Kohl, Walt Shipley e a altre leggende della New Wave, della nuova generazione che ha agito a Yosemite durante gli ultimi decenni del 20° secolo.

Born Under a Bad Sign ha finalmente ricevuto la sua seconda salita dopo 7 anni di tentativi dei migliori arrampicatori: Russ Walling, Walt Shipley, Paul Gagner, John Barbella, Rob Slater. La mia salita è stata probabilmente la settima, e la seconda in solitaria (la prima è stata effettuata da Steve Gerberding).

Se qualcuno dovesse chiedermi qualcosa di Born Under a Bad Sign, il suggerimento mio sarebbe di non farla come prima via su El Cap, anche se sei il miglior cantante di karaoke al mondo. Portati via un sacco di beaks, sii creativo, non modificare le caratteristiche della via e divertiti sulle profonde lame, sulla roccia friabile, sugli agganci ed i rurp sul Devil’s Brow Roof, sul tetto del diavolo. In bocca al lupo!

di Marek Raganowicz

Le mie solitarie su El Cap:
2006 - Zodiac, C3+/5.7, hammerless ascent, El Capitan, Yosemite, USA.
2007 - South Seas, A4/5.8, El Capitan, Yosemite, USA.
2008 - The Shield, C4/A3+/5.8, El Capitan, Yosemite, USA.
2009 - Tangerine Trip, A3/5.8, El Capitan, Yosemite, USA.
2011 - Mescalito, C3/5.7, El Capitan, Yosemite, USA.
2011 - Zenyatta Mondatta, A4-/5.7, El Capitan, Yosemite, USA
2012 – Native Son, A4+/ 5.9, El Capitan, Yosemite , USA
2013 – Kaos, A4+/5.9, El Capitan, Yosemite, USA (4° salita)
2014 – Surgeon General, A5/5.9, El Capitan, Yosemite, USA (4° salita)
2016 - Plastic Surgery Disaster, A5/5.8, El Capitan, Yosemite, USA (10° salita, 2° solitaria)
2018 - North America Wall, 5.9/A3, 2019 - 5.9/A5, El Capitan, Yosemite
2019 - Born Under a Bad Sign, 13 Days. 11-13.10.19. No fixing

Grazie a: Ferrino, D4 Portaledges, Patagonia, Zamberlan, MBC ltd (Grivel UK, Edelweiss UK, Sea To Summit UK).

Info: FB Marek Raganowicz 

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Marek Raganowicz, intervista dopo l'arrampicata big wall a Baffin Island
03.07.2017
Marek Raganowicz, intervista dopo l'arrampicata big wall a Baffin Island
Intervista all’alpinista polacco Marek Raganowicz dopo l’apertura di MantraMandala (A3) e Secret of Silence (A4), due difficile vie d’arrampicata big wall sulla Ship's Prow a Baffin Island, Canada.
Marek Raganowicz apre due nuove big wall a Baffin Island
19.05.2017
Marek Raganowicz apre due nuove big wall a Baffin Island
Arrampicando in solitaria, l’alpinista Polacco Marek Raganowicz ha aperto due difficile big wall sulla montagna Ship's Prow a Baffin Island, Canada: MantraMandala (A3) e Secret of Silence (A4).
Alpinismo in Norvegia: prima invernale solitaria di Troll Wall per Marek Raganowicz
02.02.2017
Alpinismo in Norvegia: prima invernale solitaria di Troll Wall per Marek Raganowicz
Intervista all’alpinista polacco Marek Raganowicz che dal 11 al 26 gennaio 2017 ha effettuato la prima solitaria invernale della Troll Wall (Trollveggen), ripetendo la via Suser gjennom Harryland (6/A3).
Marek Raganowicz ripete in solitaria Plastic Surgery Disaster su El Capitan
04.11.2016
Marek Raganowicz ripete in solitaria Plastic Surgery Disaster su El Capitan
Il racconto di Marek Raganowicz che dal 5 al 20 ottobre 2016 ha effettuato la probabile seconda solitaria di Plastic Surgery Disaster, la via d’arrampicata artificiale gradata A5 e aperta nel 1991 da Eric Kohl su El Capitan, Yosemite, USA.
Trollveggen Troll Wall, i polacchi Marek Raganowicz e Marcin Tomaszewski aprono Katharsis in inverno
18.02.2015
Trollveggen Troll Wall, i polacchi Marek Raganowicz e Marcin Tomaszewski aprono Katharsis in inverno
Il 09/02/2015 gli alpinisti polacchi Marek Raganowicz e Marcin Tomaszewski hanno raggiunto la cima di Trollveggen (Troll Wall) in Norvegia, dopo aver effettuato la prima salita sulla parete nord della via Katharsis (1100m, A4/M7)
Great Trango Tower: Raganowicz e Tomaszewski aprono Bushido
20.09.2013
Great Trango Tower: Raganowicz e Tomaszewski aprono Bushido
Intervista all'alpinista polacco Marek Raganowicz che racconta sulla nuova big wall Bushido (VII– A4 VII+), aperta assieme a Marcin Tomaszewski sul Great Trango Tower, Karakorum, Pakistan.
Superbalance, Polar Sun Spire, Baffin, intervista con Marek Raganowicz
05.07.2012
Superbalance, Polar Sun Spire, Baffin, intervista con Marek Raganowicz
Intervista con l'alpinista polacco Marek Raganowicz che, in aprile e maggio 2012, con Marcin Tomaszewski ha aperto una nuova big wall, Superbalance (VII, A4, M7+) sulla Polar Sun Spire, Baffin Island.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni