Home page Planetmountain.com
Federica Mingolla su Il Tromba 7a+, falesia del Cateissard
Fotografia di archivio Andrea Giorda
Maurizio Oviglia su Il Secchione 6b+ settore Ecole d'escalade, falesia del Cateissard
Fotografia di archivio Andrea Giorda
Marzio Nardi e Andrea Giorda
Fotografia di archivio Andrea Giorda
Federica Mingolla su Il Risveglio della Forza 7a+, falesia del Cateissard
Fotografia di archivio Andrea Giorda

Falesia del Cateissard: le novità e il video Tromba & Friends

di

Il video Tromba & Friends dedicato a Adriano Trombetta, Antonio Lovato, Margherita Beria d’Argentina e Fabio Salerno e tutte le novità 2018 della falesia del Cateissard (Valle di Susa). Di Andrea Giorda.

L’Arabo si è incazzato, voleva stare vicino ai sui amici e ci ha mandato Burian, il gelido vento del nord costringendoci a rinunciare all’evento Tromba & Friends. L’Arabo è il soprannome di Fabio Salerno, caro amico di Adriano Trombetta caduto da una cascata in Valpelline nel 2015. Per placare gli spiriti abbiamo aggiunto una via, quindi i monotiri in ricordo degli amici caduti ora sono quattro: Il Tromba per Adriano Trombetta, Tony Lov per Antonio Lovato, Margherita per Margherita Beria d’Argentina e L’Arabo per Fabio Salerno.

Pe renderli agibili, ho posizionato le targhette su 12 nuovi tiri e alcuni amici fedelissimi del Cateissard, come Maurizio Oviglia, Federica Mingolla e Marzio Nardi sono già venuti a provarli. Con Federica e Marzio ho girato questo piccolo video amatoriale in ricordo della bella giornata e dei quattro amici, raccolti ora in questo piccolo mondo del silenzio.



Di seguito tutte le novità 2018 della Falesia del Cateissard.
La Falesia del Cateissard, in Val di Susa sopra Foresto, è una realtà ormai ben consolidata con oltre quaranta monotiri che vanno dal 6a+ all’8a+. Quando la temperatura scende, chi non vuole sobbarcarsi il “viaggione” in Liguria o ha voglia di novità, trova qui un microclima invidiabile caldo e secco e una gran varietà di vie, in un ambiente incontaminato e con una vista mozzafiato.

Come spesso succede, qualche tiro ha colpito la fantasia degli scalatori più di altri e non è raro vedere climbers di regioni vicine, anche noti, che vengono per provare i tiri del muro infinito, Il Neverending Wall. La particolarità di questo muro è la continuità con vie che vanno dai 30 ai 40 metri. Gettonatissimi Phuc, Mamma Sa, Roka e Moka, Autobiographie di Maurizio Oviglia, Perseverare umano, l’8a liberato da Federica Mingolla e anche un 8a+ Cateiss Hard, di un altro talento torinese, Carlo Giuliberti, per ora provato da molti e ripetuto da pochi.

A chiodare ci va tempo, fatica, un po’ di soldi e tanta volontà per non scoraggiarsi, specie in un ambiente alpino come questo. Per mettere una sosta a quaranta metri di altezza su una parete alta duecento, a volte, occorre essere alpinisti e scalare dal basso con il cuore che batte e il trapano addosso. Spesso, esausto, vorresti buttare l’attrezzatura in un pozzo per uscire dalla dipendenza da apritore. Tuttavia, non c’è nulla che ti costringa a continuare, come vedere amici e sconosciuti che apprezzano il lavoro fatto e passano belle giornate, lottando e divertendosi sul tuo piccolo parco giochi.

Per chi non vuole sempre ingaggiarsi su tiri infiniti, son nati sei tiri nuovi al settore Ecole d’escalade, brevi e boulderosi di 15 metri, su roccia particolarmente bella. Quindi altri sei tiri di cui cinque lunghi, di 35 metri nel settore Profondo Rosso Right Wall. Le partenze qui sono leggermente strapiombanti, mancava questa tipologia. Il tiro più duro e già preso di mira da molti è Il Gatto di Piombo 7c. Gat ad piumb è una espressione piemontese per definire uno poco agile… un Gatto di piombo appunto. Il nome è nato con riferimento al primo passo chiave, che richiede una agilità che non è proprio la caratteristica dei vecchietti, me compreso, con cui vado a scalare. Più rilassato e molto apprezzato l’aereo spigolo de Il Risveglio della forza 7a+, il nome è stato dato da mio figlio Phuc fanatico di Guerre Stellari. Qui si trovano anche le quattro vie dedicate ai ragazzi scomparsi, Il Tromba, Tony Lov, Margherita e l’Arabo.

Le vie di roccia esistono quando sono percorse, proprio come una musica esiste, quando qualcuno la suona. E’ bello pensare che chi, per caso o per volontà, ripeterà quelle vie, farà rivivere i quattro amici uniti per sempre dall’amore per l’avventura e per la natura. Molto resta da fare, già ora se si tiene conto della lunghezza dei tiri è forse la falesia più estesa della Valle di Susa.

Chi viene a scalare quassù, scopre un ambiente naturale sempre più raro. Un piccolo angolo di Provenza o esagerando un po’… di Dolomiti … con camosci, falchi, un luogo da conoscere anche solo per una passeggiata. Qui sono bandite le prese scavate, raramente un po’ di resina l’abbiamo usata per consolidare appigli esistenti. Ci si adatta alla natura, si rinuncia a forzare una soluzione e si aspetta qualcuno più bravo. Ogni nostra azione verrà giudicata dalle future generazioni. In un posto come questo, hai ben presente che La Terra è un dono in prestito dai nostri figli.

Grazie agli amici Marco Croce e Fabrizio Pennicino ( Penna) per aver realizzato le belle targhette in legno

di Andrea Giorda CAAI - Alpine Club UK


SCHEDA: Falesia del Cateissard

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Tromba & Friends: 25 Febbraio, Falesia del Cateissard Val di Susa, Bussoleno
17.02.2018
Tromba & Friends: 25 Febbraio, Falesia del Cateissard Val di Susa, Bussoleno
Il 25 febbraio alle ore 11:00 nella Falesia del Cateissard (Val di Susa, Bussoleno) si svolgerà il Tromba & Friends evento per scalare assieme ma soprattutto per ricordare Adriano Trombetta, Antonio Lovato e Margherita Beria d’Argentina che hanno perso la vita il 17 febbraio dello scorso anno sullo Chaberton. La presentazione dell'iniziativa e un ricordo di Andrea Giorda.
Video: Cateissard, l’arrampicata in Val di Susa
06.12.2016
Video: Cateissard, l’arrampicata in Val di Susa
Il film integrale 'Cateissard' che racconta com’è nata la falesia d'arrampicata sulle rocce del Cateissard in Val di Susa. Basato su un racconto di Andrea Giorda, con le riprese di Riky Felderer, foto e filmati storici e la partecipazione di Federica Mingolla e Carlo Giuliberti oltre alla testimonianza di Marco Bernardi sul suo incontro con Patrick Berhault e Patrick Edlinger.
Dal Cateissard non si vede il mare
15.11.2016
Dal Cateissard non si vede il mare
Andrea Giorda presenta le ultima novità a Cateissard in Valle di Susa che, negli ultimi mesi, è stata arricchita con altre 17 vie d'arrampicata. Il 29/11/2016 Giorda sarà ospite al Bside di Torino per parlare di questa storica falesia, nell’occasione sarà presentato in anteprima il film che documenta le ultime avventure sopra Bussoleno, con la partecipazione di Federica Mingolla, Carlo Giuliberti e Marco Bernardi.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra