Home page Planetmountain.com
Kyzyl Asker 2015: Uroš Stanonik sale ghiaccio sotile su Mr Mojo Risin, parete ovest di Pik Carnovsky
Fotografia di
Kyzyl Asker 2015: la via White Walker sulla NO di Panfilovski Division, salita il 12/09/2015 da Miha Hauptman e Uroš Stanonik
Fotografia di
Kyzyl Asker 2015: Anže Jerše affronta la sezione di roccia su Take a walk on the wild side, parete SE Pik Gronky
Fotografia di
Kyzyl Asker 2015: Anže Jerše, Miha Hauptman e Uroš Stanonik in cima a Mr Mojo Risin, parete ovest di Pik Carnovsky
Fotografia di

Alpinisti sloveni salgono nuove vie in Kirghizistan

di

Il report di Miha Hauptmann sulla spedizione alpinistica slovena, di cui facevano anche parte Matjaž Cotar, Anže Jerše e Uroš Stanonik, che la scorsa estate ha salito una serie di probabile nuove vie di ghiaccio e misto sulle cime del Kyzyl Asker glacier (massiccio del Kokshaal Too) in Kirghizistan.

Il viaggio
Il viaggio ci ha portato da Lubiana attraverso Istanbul per poi atterrare a Bishkek, la capitale del Kirghizistan. I giorni successivi sono stati spesi a girovagare per la città e ad acquistare cibo. Già a Lubiana uno dei nostri zaini aveva deciso di non salire sull'aereo con noi, continuando invece la sua avventura da solo. Dopo tre giorni la Turkish Airlines non aveva ancora idea di dove fosse, così siamo stati costretti a comprare l’attrezzatura mancante e procedere. Due giorni in un vecchio furgone dell’esercito russo attraversando metà del Kirghizistan sono stati seguiti da cinque giorni a piedi, portando tutta la nostra attrezzatura, per poi stabilire il campo base ai piedi del ghiacciaio Kyzyl Asker.

Pik Carnovsky
Pochi giorni dopo il nostro arrivo al campo base, Anže, Uroš ed io siamo partiti per un giro di ricognizione. Con tempo perfetto ci siamo diretti verso il ramo orientale del ghiacciaio. Ma, come poi ci è stato confermato durante il nostro soggiorno, da queste parti il tempo non vuole proprio dare una mano agli alpinisti e, infatti, stava già nevicando quando abbiamo raggiunto la lingua di ghiaccio tra il Pik Gronky e il Pik Vernyi. Ciò nonostante abbiamo proseguito verso una bella linea di ghiaccio che avevamo individuato sulla parete ovest del Pik Carnovsky. Ma il maltempo faceva sul serio e quando siamo arrivati ​​sotto la nostra linea non abbiamo avuto altra scelta che depositare il materiale e scendere. Due giorni più tardi abbiamo provato nuovamente, ma questa volta abbiamo bivaccato sotto il Pik Gronky. La via ha richiesto nove interminabili ore di arrampicata difficile e spesso - a causa delle cattive condizioni - anche pericolosa. Non esattamente la via di riscaldamento che speravamo. Per scendere ci siamo calati lungo la via utilizzando una serie di Abalakov e spuntoni di roccia. Il giorno successivo siamo rientrati al campo base, decisi a dirigere la nostra arrampicata verso le creste viste le brutte condizioni della neve e del ghiaccio.

La traversata della cresta tra il Pik Beggar e il Pik Ecstasy
Per facilitare il nostro acclimatamento siamo partiti verso la cresta immediatamente a est del campo base che affronta due cime minori e poi, in successione, le cime del Pik Beggar, Pik Ecstasy, Pik Yurnos, Pik Gronky, Pik Carnovsky e Pik Zuckermann. Ancora una volta, nostante le previsione fossero buone, il meteo è notevolmente peggiorato, così abbiamo piantato le nostre tende tra il Pik Estasi e il Pik Yurnos. Il mattino dopo, a causa del maltempo che continuava imperterrito, siamo scesi direttamente verso il ramo est del ghiacciaio Kyzyl Asker, avevamo comunque raggiunto il nostro obiettivo di passare la notte a quasi 5000m di altitudine.

Kyzyl Asker spalla ovest
Dopo alcuni giorni di brutto tempo le previsioni per i successivi giorni sembravano promettenti. Anche se avevamo imparato a non fidarci troppo, abbiamo comunque preparato materiale e cibo per quattro giorni e siamo partiti per la cresta ovest del Kyzyl Asker. Il tragitto sul ghiacciaio ha richiesto molto più tempo del previsto: una zona piena di crepacci a metà e molta neve fresca più in alto ci hanno infatti costretti a piazzare il campo a circa 5000m di altitudine, anche se il nostro obiettivo per quel giorno era un colle all'inizio della spalla ovest del Kyzyl Asker. Il giorno successivo abbiamo continuato su neve profonda verso questa sella, ben presto però ci siamo resi conto che c’era semplicemente troppa neve fresca e che eravamo troppo lenti per raggiungere la cima del Kyzyl Asker. Abbiamo lasciato i nostri zaini sotto il colle e abbiamo continuato verso l'inviolata spalla occidentale del Kyzyl Asker, a quota 5632m. Raggiunta la spalla occidentale lungo la cresta ovest, siamo poi tornati a dormire nello stesso luogo della notte precedente. Il giorno successivo siamo tornati al campo base.

Panfilovski Division e Pik Gronky
Avevamo a disposizione giusto il tempo sufficiente per tentare un'altra salita, così ci siamo divisi in due team. Ci eravamo stancati di pesanti zaini, pieni di materiale da bivacco e abbiamo quindi scelto un approccio leggero, per una salita in giornata. Uroš ed io siamo partiti alle 23:00 e abbiamo trascorso tutta la notte avvicinandoci alla parete NO del Panfilovski Division. All’alba abbiamo visto, immediatamente sopra di noi, l'orrore dei seracchi sul versante orientale del Kyzyl Asker, così abbiamo subito cominciato a salire per evitarli. Sulla barriera di roccia inferiore abbiamo scoperto ghiaccio verticale che ci ha portati al primo nevaio che abbiamo attraversato un po’ a destra, sotto un pilastro spezzato. Poi la sorpresa: fino ad ora avevamo sempre affrontato neve fresca, qui invece avevamo l'intera parete di neve perfetta, dura e consolidata. Si sentiva il rumore degli attrezzi per oltre metà tiro!

Anche se sembrava che questa potesse essere la prima salita con tempo bello per l’intera durata, una raffica di neve ci ha sorpreso nel pomeriggio. Abbiamo raggiunto la cima un’ora prima del tramonto, con appena il tempo sufficiente per verificare la nostra linea di discesa prima di essere inghiottiti dalle nubi. Siamo scesi dal versante NE, verso la sella tra le cime Zuccerman e Vernyi. La stanchezza aumentava di ora in ora mentre la nostra concentrazione scendeva di pari passo. Ci siamo persi sopra alcuni seracchi a sinistra del colle e abbiamo dovuto tornare sui nostri passi. Era tempo di luna nuova, quindi c’era un buio pesto. Dopo quella che ci è parsa un'eternità abbiamo raggiunto la parte del ghiacciaio che conoscevamo, sopra la cascata di ghiaccio tra le cime Vernyi e Gronky. All’inizio però eravamo completamente disorientati. Eravamo in movimento da oltre 24 ore, e svegli fin dalla mattina prima. Un sacco di neve si era sciolta rispetto all'ultima volta che eravamo stati lì, e tutto sembrava completamente diverso. Abbiamo persino pensato di essere nella valle sbagliata, o che ci fosse stata qualche tipo di calamità naturale che avesse cambiato completamente il paesaggio. Alla fine però siamo finalmente riusciti a controllare i nostri cervelli e abbiamo continuato. Un bella camminata di quattro ore, piena di allucinazioni, ci ha riportati al campo base.

Lo stesso giorno, Anže e Matjaž hanno salito una linea sulla parete sud-ovest del Pik Gronky. La loro via ha seguito un evidente couloir, inframmezzato da cascate di ghiaccio e alcune sezioni su roccia. In tutto circa 14 ore per avvicinamento, salita e rientro al campo base.

Con queste due salite abbiamo concluso il nostro isolamento di 28 giorni sotto il Kyzyl Asker. Nei giorni successivi abbiamo trasportato il nostro materiale sulla "strada" più vicina dove abbiamo preso un passaggio e siamo ritornati alla civiltà.

Vorrei ringraziare tutti coloro che ha reso possibile la nostra spedizione, in particolare: Salomon, Suunto, PZS, e Maja Hauptman per le previsioni meteo giornalieri.

di Miha Hauptman

LE VIE
Pik Carnovsky parete ovest

Mr Mojo Risin (prima salita)
Anže Jerše, Miha Hauptman, Uroš Stanonik 29/08/2015
V/AI5+, M5, R, X, 500m

Kyzyl Asker spalla ovest (5632 m)
Cresta ovest (prima salita)
Anže Jerše, Matjaž Cotar, Miha Hauptman, Uroš Stanonik 07/09/2015
M4, 100m

Panfilovski Division parete nordovest
White Walker (prima salita)
Miha Hauptman, Uroš Stanonik 12/09/2015
V/AI5, M6, 900m

Pik Gronky parete sudest
Take a walk on the wild side (prima salita)
Anže Jerše, Matjaž Cotar 12/09/2015
V/WI4+, 6a, M6, 700m

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni