Home page Planetmountain.com
Via Zero Peones, Avancorpo Dente dei Camosci (Cristian Candiotto, Roberto Tommasetto 01/2020)
Fotografia di Cristian Candiotto
Via Zero Peones, Avancorpo Dente dei Camosci (Cristian Candiotto, Roberto Tommasetto 01/2020)
Fotografia di Cristian Candiotto
Cristian Candiotto durante l'apertura di Via Zero Peones, Avancorpo Dente dei Camosci (Cristian Candiotto, Roberto Tommasetto 01/2020)
Fotografia di Cristian Candiotto
Via Zero Peones, Avancorpo Dente dei Camosci (Cristian Candiotto, Roberto Tommasetto 01/2020)
Fotografia di Cristian Candiotto

Zero Peones al Dente dei Camosci nelle Alpi Orobie Bergamasche

di

La guida alpina Cristian Candiotto e il suo cliente Roberto Tommasetto hanno salito Via Zero Peones (M6+ 90° 130m), una probabile nuova via di misto sull’ Avancorpo del Dente dei Camosci in Valsassina / Valle Brembana, Alpi Orobie Bergamasche. Il report di Tommasetto

Partenza da casa lunedì mattina il ritrovo è alle 8.30 alla Funivia dei Piani di Bobbio. Non so minimamente cosa andrò a fare, non so a cosa andrò in contro, ma ormai con Cristian Candiotto, detto Cinghio, non è una novità' anzi è ormai la normalità… so solo che faremo misto!

Le uniche raccomandazioni sono "copriti che prenderemo tanto freddo" e chiaramente non sbagliava. Dopo la salita con la funivia dei Piani di Bobbio l'avvicinamento è comodo per raggiungere la conca dei Campelli e lascia spazio a mille idee ed emozioni. Una gran confusione mi accompagna in questo momento, cosa mi riserverà questa giornata?

Cammino e cammino, seguo Cinghio che alle volte mi domando se è umano o macchina… non fa mai una piega, carico o non carico, freddo o caldo, lui viaggia sempre e punta all'obbiettivo come un cecchino.

Appena il tutto è alla nostra vista mi dice "eccola! Oggi saliremo quella bellissima linea a sinistra del Dente dei Campelli." Un nodo mi sale in gola e capisco che anche oggi ci sarà da divertirsi.

In mezz'ora siamo all’attacco. Passato il primo tiro, un canale con difficoltà classiche reso più faticoso per la tanta neve, siamo alla base del secondo tiro. Quel che Cinghio dice sarà la chiave di riuscita. Fare sicura in un tiro così delicato all'inizio spaventa… se la corda è troppo corta limiti i movimenti e rischi di farlo sbagliare, se invece troppo lunga, nel caso di caduta arresto il volo magari troppo tardi. Ma di Cinghio non ho mai dubitato e dopo mezz'ora sento le 2 paroline fatidiche "Molla tutto."

Quando vedi che la corda inizia a diminuire capisci che manca poco al tuo turno ed iniziano i brutti pensieri. E se non riesco? E se mi blocco? E se cado? Bummmm, basta ora tocca a me!

Parto e sono già nel vuoto, ghiaccio e roccia, poco di uno, marcio l’altro... le braccia pompano e le gambe spingono. Mi sento acciaiare nel giro di pochi metri... e da lì a poco scoprirò cos'è questo mito della bollita!

Qui l'aiuto del Cinghio è stato fondamentale sia fisico che motivazionale. Sneza, molto probabilmente, sarei stato ancora su a penzolare. Eccolo, lo rivedo, con il suo solito sorriso, le sue battute ed il suo sempre mitico "Supper!". Si complimenta, mi incita e mi incoraggia, insomma, mi fa stare a mio agio. Ora dobbiamo solo toccare la cima con il terzo ed ultimo tiro.

In cima il panorama è mozzafiato, l’emozione è tanta la gioia pure. Godo i pochi momenti, stringo la mano alla mia guida, al mio amico, e via! Lui è già pronto per ripartire.

Da qui percorreremo a ritroso la ferrata Minonzio fino alla forcella, poi doppia nel vuoto all'ingresso del canale e giù fino al Rifugio Lecco. Conclusione di una giornata con Cinghio: birra e tagliere, parlando e gioendo di ciò che abbiamo appena vissuto.

L'apertura di una via, sia essa lunga o corta, difficile o facile, è il sogno, la massima espressione dell'alpinismo per tutti, ancor più per chi aspira ad essere un Alpinista.

Si mescolano diverse emozioni; fatica, freddo, paura e coraggio, stima e fiducia. Tutto è messo in gioco nel calderone e miscelati e condivisi quando si tocca la vetta. Pensare di aver scalato un percorso mai fatto da nessuno ti provoca una sensazione difficile da descrivere. Semplicemente unica.

Tutto merito della mia guida di fiducia ed amico Cinghio, che ringrazio per le emozioni che mi fa vivere e la fiducia che pone in me quando dobbiamo confrontarci con nuove sfide, come quella appena passata.

di Roberto Tommasetto

SCHEDA: Zero Peones, Dente dei Camosci, Alpi Orobie Bergamasche

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
L’alpinismo di Cristian Candiotto nel Gruppo dell’Adamello e delle Orobie Valtellinesi
15.05.2019
L’alpinismo di Cristian Candiotto nel Gruppo dell’Adamello e delle Orobie Valtellinesi
L'aspiratante guida alpina Cristian Candiotto ha aperto due vie di arrampicata su misto: Merry Christmas sulla Cima Varrone delle Vacche nelle Orobie Valtellinesi e la via Pi Greco sull’Avancorpo del Corno D'Aola nel gruppo dell’Adamello.
Val Gerola, nuova via di misto di Cristian Candiotto sulla sulla Cima Piazzotti Orientale
01.02.2018
Val Gerola, nuova via di misto di Cristian Candiotto sulla sulla Cima Piazzotti Orientale
Sulla Cima Piazzotti Orientale in Val Gerola Cristian Candiotto, insieme a Chiara Grattarola, ha aperto la nuova via di misto Time D+ M4 250m.
Alpinismo in Val Gerola, nuove vie sulla Cima Piazzotti per Candiotto e Libera
22.01.2018
Alpinismo in Val Gerola, nuove vie sulla Cima Piazzotti per Candiotto e Libera
Il report di Cristian Candiotto che il 19 gennaio ha aperto in solitaria sulla parete sud della Cima Piazzotti Orientale la via The Maniach (TD+, M5+/M6, 350m). Il giorno seguente Rossano Libera ha effettuato la prima ripetizione, aprendo una variante d’uscita chiamata Non Vale (TD+, M5+/M6, 350m).
Pizzo Tronella e il Couloir sinuoso in Val Gerola per Cristian Candiotto
28.03.2017
Pizzo Tronella e il Couloir sinuoso in Val Gerola per Cristian Candiotto
Cristian Candiotto racconta la salita al Pizzo Tronella in Val Gerola lungo la Via Couloir sinuoso; alpinismo classico in salita e discesa con gli sci dall’altro versante, per quella che potrebbe essere una “nuova via classica” nelle Orobie Valtellinesi.
Val Gerola, nuove cascate di ghiaccio per Cristian Candiotto & Co
11.02.2017
Val Gerola, nuove cascate di ghiaccio per Cristian Candiotto & Co
Alpinismo: tra la Val Bomino, la Val Tronella e la Val Vedrano, le valli che circondano la Val Gerola, sono nate una serie di nuove cascate di ghiaccio. Il report di Cristian Candiotto.
Valle di Trona: vie invernali per Cristian Candiotto e Co.
22.12.2016
Valle di Trona: vie invernali per Cristian Candiotto e Co.
Alpinismo invernale: nei giorni scorsi in Valle di Trona (Val Gerola, Orobie Valtellinesi) Cristian Candiotto e compagni hanno salito due cascate di ghiaccio e, sul Pizzo di Mezzaluna, un couloir di cui attualmente non si è a conoscenza di precedenti salite.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Pilastro Massarotto
    Incredibile itinerario che nella sua difficoltà, e con una ...
    2019-11-12 / Santiago Padrós
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini