Home page Planetmountain.com
Watzmann parete est salita da Max Buck e Lando Peters, dicembre 2020
Fotografia di Max Buck, Lando Peters
Watzmann parete est salita da Max Buck e Lando Peters, dicembre 2020
Fotografia di Max Buck, Lando Peters
Watzmann parete est salita da Max Buck e Lando Peters, dicembre 2020
Fotografia di Max Buck, Lando Peters
Watzmann parete est salita da Max Buck e Lando Peters, dicembre 2020
Fotografia di Max Buck, Lando Peters

Watzmann parete est salita in inverno da Max Buck e Lando Peters

di

Il report di Maximilian Buck che insieme a Lando Peters ha salito l’enorme parete est del Watzmann (Alpi di Berchtesgaden, Germania), effettuando la prima salita invernale della via Franz Rasp Ged. Weg.

Salire la via più difficile della parete più alta delle Alpi Orientali in inverno? Sembra allettante! Il suggerimento di Lando di avventurarci sulla leggendaria parete est del Watzmann, lungo la raramente ripetuta via "Franz-Rasp-Ged.-Weg", una variante diretta del Salzburger Weg, non necessitava di ulteriori argomenti. Poco prima di Natale le condizioni della parete sembravano ideali, così il 19 dicembre 2020 prendiamo di mira questa idea.

Molto motivati partiamo dal parcheggio del ponte di Wimbach a Ramsau, carichi di materiale da arrampicata e da bivacco. L'obiettivo del primo giorno è salire attraverso il rifugio Kührointhütte fino a St. Bartholomä, e da lì attraverso la cappella di ghiaccio continuare fino ai blocchi ben protetti del bivacco sullo Schöllhornkar.

L’avvicinamento, di gran lunga più confortevole, con il traghetto del Königsee non è disponibile a causa della situazione Covid-19. Tuttavia, nel complesso arriviamo relativamente rilassati dopo 13 km e circa 400 metri di facile salita alla prima meta della nostra scalata. Non siamo lontani dall'inizio della via e abbiamo in programma di partire presto sulla linea aperta nel 1999.

La mattina successiva partiamo direttamente all'alba per sfruttare al massimo le poche ore di sole di questo weekend più corto dell'anno. Tuttavia, sprechiamo quasi un'ora e mezza a cercare l'attacco dopo averlo superato, sospettando che fosse troppo a destra. Quando finalmente partiamo sul primo tiro, risulta avventuroso sin dall'inizio a causa della qualità della roccia in parte molto fragile. Le soste, a differenza di quanto indicato nella relazione, non sono sempre attrezzate con due spit, al contrario, sono spesso di dubbia qualità. Il martello e i chiodi, indicati come utili nella descrizione, effettivamente non sarebbero stati male in alcuni punti. Ancora una volta siamo grati di avere dei Friends sull’imbrago, e cogliamo l'occasione per rinforzare le soste mettendoci in sicurezza.

L'ultimo tiro in particolare, valutato "solo" come VII- e quindi il tiro chiave, si presenta con le sfide maggiori. Fortunatamente Lando riesce subito a salirlo, anche se probabilmente non saliamo la linea originale e non riusciamo ad individuare i due spit intermedi. La sosta, costruita su un grande masso, dev’essere buona visto che alla fine io salgo un tratto in artificiale.

Quando finalmente raggiungiamo la prima cengia della parete est intorno alle 15:00, dopo aver superato 350 metri, siamo molto contenti. Ma è già molto più tardi del previsto e dobbiamo continuare ad accelerare e superare ancora circa 700 metri nel Salzburger-Weg, attraverso neve profonda, spesso fino al ginocchio, per arrivare al bivacco della parete est a 2.440 metri. Una volta lì, condividiamo gli ultimi avanzi di muesli prima di addormentarci presto, un po‘ cotti, ma molto soddisfatti.

Il terzo giorno inizia di nuovo con una meravigliosa alba dietro il lago Königssee. La salita in vetta è in parte ripida ma su terreno di misto facilmente gestibile, per cui alle 9:30 raggiungiamo la vetta della punta sud.

Secondo la guida di Longlines, la via è la più difficile della parete est e per entrambi è stata senza dubbio un'esperienza indimenticabile e molto intensa. Come abbiamo poi scoperto dopo esserci consultati con il primo salitore Michael Grassl, la nostra è stata probabilmente la prima salita invernale.

La relazione della via si trova nella guida di arrampicata Longlines, Berchtesgaden West edita da Panico Verga e nella guida Watzmann Ostwand da Bergverlag Rother.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Watzmann: prima traversata invernale per Ines Papert e Luka Lindič
12.04.2018
Watzmann: prima traversata invernale per Ines Papert e Luka Lindič
L'11 gennaio 2018 Ines Papert e Luka Lindic hanno realizzato quella che probabilmente è la prima traversata invernale della Watzmann (2713 m) la montagna nelle Alpi di Berchtesgaden. Il report dell'alpinista tedesca della salita da est a ovest della terza montagna più alta della Germania.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock