Home page Planetmountain.com
For Friends, Triglav parete nord, Slovenia: sulla via Skalaska, quarto tiro
Fotografia di Matej Balažic, Marjan Kozole
For Friends, Triglav parete nord, Slovenia: sul sesto tiro
Fotografia di Matej Balažic, Marjan Kozole
Marjan Kozole e Matej Balažic in cima alla parete nord del Triglav in Slovenia dopo aver salito For Friends
Fotografia di Matej Balažic, Marjan Kozole
Il tracciato di For Friends, Triglav parete nord, Slovenia (Matej Balažic, Marjan Kozole 15-16/02/2020)
Fotografia di Matej Balažic, Marjan Kozole

Triglav parete nord, Matej Balažic e Marjan Kozole salgono For Friends

di

Sulla parete nord del Triglav, la montagna simbolo della Slovenia, Matej Balažic e Marjan Kozole hanno salito con un bivacco Za prijatelje, For Friends. Si tratta di una combinazione di quattro vie di roccia che in inverno si trasforma in un logica linea invernale di 1000 metri. È probabilmente la prima volta che questa linea viene salita in piolet traction. Il report di Balazic e Kozole

Questo inverno ci ha regalato pochissima neve, ma eccellenti condizioni praticamente per tutta la stagione per l’alpinismo invernale. Accessi brevi e facili per merito di strade percorribili, basso pericolo di valanghe, avvicinamenti semplici senza dove battere traccia… In breve, buone condizioni per grandi pareti.

Il 15 e 16 febbraio abbiamo salito una via di misto, una combinazione di vie esistenti sulla parete nord del Triglav. For Friends (V/M5+, 90+°/70° - 80°) è una linea invernale piuttosto logica, accompagnata dalle condizioni di neve eccezionalmente buone di quest'anno. Consiste sostanzialmente nella connessione di almeno quattro vie estive, e probabilmente è la prima volta che questa combinazione è stata scalata in inverno in piolet traction, ecco quindi la nostra decisione di darle un nome. L’abbiamo dedicato a tutti i nostri amici arrampicatori che non sono più tra noi.

L'idea è stata di Matej che per diversi anni aveva osservato la linea. Così, la mattina del 15 febbraio, ci siamo recati alla base della via Skalaška. Matej è stato la forza trainante del team, il che però non significava che avesse diritto a tutti i tiri difficili ;-)

Come al solito, abbiamo giocato sasso, carta, forbice per decidere chi partiva. La partenza diretta della via Skalaška (chiamata Čez sodčke in sloveno) ha regalato una scalata seria ma bella. La scalata del primo tiro è durata circa due ore e, a dire il vero, eravamo un po’ scettici che saremmo riusciti a salire tutta la parete. Ma poi le cose hanno iniziato ad andare per il verso giusto. Dopo la via Skalaška abbiamo salito altri due ripidi tiri, poi ci siamo diretti verso destra per raggiungere le cenge Zlatorog.

L'arrampicata non troppo difficile ma esposta e comunque strana ci ha richiesto gran parte della giornata, per questo motivo abbiamo continuato a salire legati fino alle cenge Zlatorog. Qui abbiamo avvolto le corde e abbiamo continuato seguendo logici passaggi innevati verso la via Stajerski steber (pilastro Štajerska). Il terreno non era particolarmente facile, per la maggior parte attorno ai 70° e 80°. La neve era molto dura e spesso ghiacciata. Detto questo, le condizioni sono state ottime per quasi tutto il tempo e l'arrampicata davvero piacevole.

Al calar del sole, dopo undici ore di arrampicata e con i polpacci stanchi, abbiamo raggiunto un punto per bivaccare che si è rivelato essere di puro lusso, una grotta di 10 per 15 metri nel bel mezzo della parete. Un posto davvero fantastico per dormire, dove più di dieci persone potrebbero facilmente passare la notte. Abbiamo poi cucinato e mangiato un piatto piuttosto modesto, visto che avevamo dimenticato parte del cibo a casa ;-).

Abbiamo dormito per nove lunghe ore e verso le 5 del mattino abbiamo iniziato a preparare la colazione e a sistemare il nostro materiale. Alle prime luci dell'alba, Matej ha salito di corsa la parete sopra il bivacco. Le condizioni di neve estremamente buone ci hanno permesso di continuare a salire slegati il pilastro dello Stajerski. Entrambi avevamo già salito questa parte della parete in estate, quindi individuare la via di salita non presentava grossi problemi.

Dopo circa 200 metri di salita bella ed esposta abbiamo raggiunto la via Prusik-Szalay, dove ci siamo nuovamente legati. Sono seguiti una serie di tiri bellissimi e per lo più asciutti, fino al grado UIAA V, che ci hanno condotti in cima alla parete nord del Triglav, dove siamo sbucati alle 14.30 del secondo giorno di scalata.

Avevamo ancora la discesa davanti a noi, che si è rilevata relativamente facile da individuare poiché entrambi conosciamo molto bene la montagna. Tuttavia, ha richiesto ancora molta concentrazione. Attraversare l’esposta cengia Kugy ci ha richiesto un'ora e mezza e siamo riusciti a rilassarci un po’ soltanto arrivati a quel che resta del ghiacciaio del Triglav. Per raggiungere la valle di Vrata abbiamo scelto di scendere lungo il sentiero Prag, che però era piuttosto ghiacciato, specialmente nella parte inferiore, quindi abbiamo dovuto rimanere concentrati fino alla fine. Dopo ben 39 ore abbiamo concluso la nostra meravigliosa avventura di due giorni sullo Stena, la parete nord del Triglav

Matej Balažic (AO TAM) e Marjan Kozole (AK Vertikala)

15-16/02/2020, Za prijatelje (For Friends), V/M5+, 90+°/70° - 80°, 1000 m, 19 ore

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Triglav e Travnik, importanti salite invernali in Slovenia di Mrak, Vukotič e Marčič
20.01.2015
Triglav e Travnik, importanti salite invernali in Slovenia di Mrak, Vukotič e Marčič
Dal 23 - 26 dicembre 2014 i giovani alpinisti sloveni Matevž Mrak (23) e Matevž Vukotic (24) hanno effettuato la seconda salita invernale, e la prima dalla base della parete, di una delle vie più famose della Slovenia, Obraz Sfinge sulla parete nord del Triglav. Lo hanno fatto salendo la via Prusik - Szalay per un viaggio complessivamente gradato VI, M6+ R, AI4, VII- A1, con 1000 dislivello e 1600m di arrampicata totale. Il 10 gennaio Mrak, Vukotič e Nejc Marčič (29) hanno effettuato sulla cima Travnik la seconda invernale della via Sveca (VII-, 800m) in 18 ore. Il report di Matevž Mrak.
Ulina Smer, importante nuova via sul Triglav
11.08.2011
Ulina Smer, importante nuova via sul Triglav
Tomaz Jakofcic e Tina Di Batista hanno aperto Ulina Smer (IX, 1.000m), un'importante via nuova sulla parete nord del Triglav, Slovenia.
Triglav, importante invernale in Slovenia per Grmovsek e Krajnc
17.02.2011
Triglav, importante invernale in Slovenia per Grmovsek e Krajnc
Intervista all'alpinista sloveno Andrej Grmovsek che assieme al connazionale Luka Krajnc, in tre giorni tra la fine di gennaio e l'inizio febbraio 2011 ha effettuato un'importante salita invernale sulla parete nord del Triglav (2864m) lungo la via Sanjski Jo?a (VI/V, M7+, 1050m).

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock