Home page Planetmountain.com
David Bruder e Martin Feistl aprono Stalingrad, tra Grubenkarspitze (2663m) e Plattenspitze (2492m) nel Karwendel in Austria.
Fotografia di David Bruder, Martin Feistl
David Bruder e Martin Feistl aprono Stalingrad, tra Grubenkarspitze (2663m) e Plattenspitze (2492m) nel Karwendel in Austria.
Fotografia di David Bruder, Martin Feistl
David Bruder e Martin Feistl aprono Stalingrad, tra Grubenkarspitze (2663m) e Plattenspitze (2492m) nel Karwendel in Austria.
Fotografia di David Bruder, Martin Feistl
David Bruder e Martin Feistl aprono Stalingrad, tra Grubenkarspitze (2663m) e Plattenspitze (2492m) nel Karwendel in Austria.
Fotografia di David Bruder, Martin Feistl

Stalingrad, nuova Kingline nel Karwendel aperta da David Bruder e Martin Feistl

di

Il 20 e 21 dicembre 2020 gli alpinisti tedeschi David Bruder e Martin Feistl hanno aperto Stalingrad, una via di ghiaccio e misto di 1000 metri posta tra il Grubenkarspitze (2663 m) e il Plattenspitze (2492 m) nel massiccio del Karwendel in Austria.

Dopo aver iniziato la stagione invernale in grande stile con la prima ripetizione e la prima libera della Sagzahnverschneidung di David Lama & Peter Mühlberger nella Valsertal in Austria, e la prima salita di 24 hours of Freedom nella stessa valle, verso la fine di dicembre 2020 Martin Feistl e David Bruder hanno completato quella che hanno descritto come una "Kingline" nella parte austriaca del massiccio del Karwendel.

Il 20 e 21 dicembre i due alpinisti tedeschi - che la scorsa stagione hanno effettuato anche una veloce ripetizione di Pandora sul Pordoi nelle Dolomiti - hanno salito una linea invernale estremamente impegnativa nell’evidente canale situato tra Grubenkarspitze (2663 m) e Plattenspitze (2492 m). Bruder aveva esplorato la linea già nell'aprile 2016 e aveva effettuato due tentativi insieme a Florian Huebschenberger nel gennaio e marzo del 2018, mentre il canalone di 1000m è stato tentato originariamente da Franz Prechtold e Frank Weiser il 6 gennaio 1992, ma all’epoca la cordata è stata costretta a ritirarsi dopo una caduta dal quinto tiro.

Bruder e Feistl hanno iniziato ad arrampicare poco prima delle 8:30 del mattino del 20 Dicembre, salendo i primi due tiri slegati. Nonostante il ghiaccio assomigliasse più a neve compatta e verticale, i due hanno continuato a salire verso l’alto, con Feistl che si è offerto volontario per salire da capocordata il quinto strapiombante tiro. Gradato WI7, M6, questo si sarebbe rivelato il tiro chiave di tutta la via. "Non sono mai stato così completamente assorbito da un tiro di 50 metri, con il pensiero costante che questo potesse e forse dovesse essere il mio ultimo tiro di questo tipo" ha spiegato Feistl, aggiungendo "Senza tendenze suicide, non si deve mollare troppo spesso le mani a questo punto."

Da qui i due hanno continuato, spesso superando ghiaccio di dubbia tenuta fino a buio pesto. Con loro grande sgomento alle 20:45 si sono resi conto di non essere arrivati ​​alla fine, ma invece di essere bloccati da quello che sembrava un muro insormontabile. Nessuno dei due voleva tornare indietro e Bruder, percependo la riluttanza di Feistl a salire da primo dopo aver investito così tante energie mentali sul tiro chiave qualche ora prima, ha affrontato ostinatamente il secondo tiro chiave della via. Alto solo 20m, ma “marcio, spaventoso e con scarse protezioni", questo WI6 / M6 ha richiesto quasi due ore di fatica e arrampicata in artificiale di A1. Galvanizzati da questo inaspettato successo, gli alpinisti hanno affrontato la ripida parete finale che, fortunatamente, si è rivelata sorprendentemente facile per raggiungere il colle sulla cresta sommitale alle 23:30.

Senza grossi intoppi Bruder e Feistl sono scesi in doppia lungo la linea di salita. La nuova via è stata chiamata Stalingrad e viene descritta come una difficile classica via alpina.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
24 ore di libertà sulla Sagwand nel Valsertal di Martin Feistl e Sven Brand
24.11.2020
24 ore di libertà sulla Sagwand nel Valsertal di Martin Feistl e Sven Brand
A metà novembre 2020 Martin Feistl e Sven Brand sulla Sagwand, nel Valsertal in Austria, hanno effettuato la prima salita di '24 hours of freedom' (300m, M6, WI 4, X). Si tratta di una partenza diretta a ‘Rampenführe', la prima via della parete, e condivide un breve tratto con 'Schiefer Riss', salita nella veste invernale nel 2013 da Hansjörg Auer, David Lama e Peter Ortner.
Sagzahn Verschneidung, prima ripetizione in Valsertal di Martin Feistl e David Bruder
18.11.2020
Sagzahn Verschneidung, prima ripetizione in Valsertal di Martin Feistl e David Bruder
L'11 novembre 2020 Martin Feistl e David Bruder hanno effettuato la prima ripetizione e la prima salita in libera di Sagzahnverschneidung, la difficile via di misto nella Valsertal, in Austria, aperta nel 2018 da David Lama e Peter Mühlberger.
Martin Feistl apre in solitaria Flugmeilengenerator sulla Schwarze Wand in Germania
23.07.2019
Martin Feistl apre in solitaria Flugmeilengenerator sulla Schwarze Wand in Germania
L’alpinista tedesco Martin Feistl ha completato la prima salita, arrampicando dal basso ed in solitaria, di Flugmeilengenerator, una nuova via di più tiri sulla Schwarze Wand nel massiccio del Wetterstein in Germania

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock