Home page Planetmountain.com
Cochamó Cile: Siebe Vanhee durante un tentativo di liberare Picaflor su Cerro Capicúa
Fotografia di Max Didier
Cochamó Cile: Siebe Vanhee su Sundance su Cerro Trinidad
Fotografia di Diego Diazaguilera
Cochamó Cile: Siebe Vanhee su El Condor Pasa, Trinidad Central
Fotografia di Max Didier
Cochamó Cile: Jardines de Piedras su Cerro la Sombra in Valle la Luz (Max Didier, Ian Siadak, Siebe Vanhee 21/01/2020)
Fotografia di Max Didier

Siebe Vanhee libera varie big wall nella Valle Cochamó e Valle la Luz in Cile

di

L’alpinista belga Siebe Vanhee racconta delle sue salite su tre big wall nella Valle de Cochamó nella Patagonia cilena: le ripetizioni di ‘Sundance' sul Cerro Trinidad con Diego Diazaguilera e 'El Condor Pasa' sul Trinidad Central con Max Didier, e l’apertura di 'Jardines de Piedras' su Cerro la Sombra nella Valle la Luz insieme a Didier e Ian Siadak.

Il climber belga Siebe Vanhee sta effettuando un viaggio proficuo nella valle Cochamó, la selvaggia valle della Patagonia cilena dove con vari compagni di cordata ha scalato tre interessanti big wall. Con Diego Diazaguilera ha effettuato la prima libera di Sundance sul Cerro Trinidad, aperta nel 1998 dai britannici Grant Farquhar e Simon Nadin (vincitore tra l’altro della prima Coppa del Mondo Lead del 1999), mentre insieme a Max Didier il 28enne ha effettuato la prima libera in giornata di El Condor Pasa su Trinidad Central. Fedele alla sua natura di instancabile esploratore di big wall, Vanhee si è poi avventurato nella poco esplorata Valle la Luz con Didier e Ian Siadak per aprire Jardines de Piedras, una nuova via su una cima inviolata da loro chiamata Cerro la Sombra.

Sundance: un giorno di lotta per la libera
All'arrivo a Cochamó ho iniziato a scalare con il local Diego Diazaguilera. Parlando di vie da liberare mi ha indicato Sundance che sale la parete nord-ovest del Cerro Trinidad (5.12a (7a+) A2+, 22 tiri). Questa salita è mitica perché è stata aperta nel 1998 da Grant Farquhar e Simon Nadin ed è una delle primissime sul Cerro Trinidad. Secondo la gente del posto la via non aveva visto ripetizioni. L'obiettivo perfetto quindi! La linea affronta il centro della parte più ripida dell'intera parete con 5 tiri in artificiale, ripidi e impegnativi. I primi due mi hanno richiesto ciascuno due tentativi per essere liberati. Sicuramente il nono tiro è stato una grande lotta, lungo fessure sporche, svase e ripide. Liberare questo tiro ha richiesto una sorta di spalmo nel camino per evitare le fessure sporche e svase, e anche un'incredibile forza di volontà per non cadere o arrendersi. Le gambe e la parte bassa della mia schiena bruciavano per la tensione del corpo necessaria per rimanere incollato alla parete. Dopo questo tiro chiave sono seguiti altri tre tiri di artificiale da liberare, simili a quelli precedenti, ma meno ripidi che ci hanno condotto a terreno più facile.

Ho salito tutti i tiri da capocordata mentre Diego mi ha trasmesso tutta la sua sicurezza, pazienza e il suo supporto! In 16 faticose ore, con tonnellate di sostegno e pazienza del mio compagno Diego, siamo riusciti a raggiungere la vetta del Trinidad. Sebbene questa libera sia stata una lotta enorme e mi sia sembrata incredibilmente difficile, suggerirei un grado di 7c per il tiro chiave, se fosse pulito. Ma nel suo stato attuale, con fessure difficili da proteggere e utilizzare, potrebbe essere facilmente 8a. In generale però, l'intera via è sostenuta e non c’è un singolo tiro che ti lasci riprendere il fiato!

El Condor Pasa - Seconda salita in libera e prima libera in giornata
All'inizio di gennaio Max Didier e io abbiamo tentato quella che viene considerata la più difficile via in libera di Cochamó, El Condor Pasa (8b/20 tiri) sul Trinidad Central. Non siamo riusciti a salire in libera il tiro chiave e siamo dovuti scendere a causa del tempo minaccioso. Più tardi siamo tornati e in sole 10 ore sono riuscito a salire tutta la linea in libera, quasi senza cadere mai; sfortunatamente una presa si è rotta alla fine del tecnico tiro di 50 metri che mi ha fatto cadere. Dopo un breve riposo di 15 minuti in sosta ero pronto per un altro tentativo, e sono corso verso l’alto, contro l’arrivo del sole in parete. Questa volta ha funzionato, senza errori, senza stress e soprattutto senza prese che si rompevano! L'unica cosa che ci aspettava a questo punto erano alcuni tiri più facili; abbiamo accettato il nostro destino e sotto il sole ardente siamo arrivati in cima. La via è stato aperta nel 2016 dagli slovacchi Martin Krasnansky, Jozef Kristoffy e Vladimír Linek. Loro l'hanno scalata in libera in 6 giorni subito dopo la prima salita. È quasi interamente su placche ed è ben protetta dagli spit. Anche se a volte la linea passa vicino a delle fessure evidenti, hanno scelto di spittare le placche, probabilmente perché le fessure sono cieche, svasate o sporche. La vegetazione a Cochamó infatti è molto testarda! Detto questo, gli spit non tolgono nulla dall'unicità di questa tecnica via!

Jardines de Piedras - Prima salita sul Cerro la Sombra in Valle la Luz, Cochamó.
Alla fine del nostro soggiorno a Cochamó, il nostro desiderio di salire una parete vergine su una montagna inviolata ha preso il sopravvento. La Valle la Luz (dove si trova Cerro Capicua) è selvaggia e piena di roccia. Max, Ian Siadak e io siamo entrati nella valle, avventurandoci oltre il Cerro Capicua per esplorare alcune pareti sopra il fiume. Non ci è voluto molto per decidere che la montagna senza nome a nord di Capicua sarebbe stata un grande obiettivo. Dal fiume un'ora di cammino nella fitta giungla, a volte persino verticale, ci ha portato all'inizio della nostro via. L'idea era di dormire alla base e arrampicare il giorno successivo, ma la mancanza di acqua ed un comodo bivacco ci hanno costretto a spostarci verso il canalone a sinistra della parete. Qui abbiamo trovato quello che abbiamo chiamato il giardino giapponese, una straordinaria piattaforma di 20 metri quadrati circondata da cascate, piscine naturali e fiori. Uno dei migliori bivacchi che noi tre abbiamo mai visto in vita nostra.

Il giorno successivo siamo riusciti ad aprire Jardines de Piedras, 7b+/A2, 16 tiri in 16 ore. Sebbene l'inizio della parete sembrasse facile, le varie cenge si alternavano con un’arrampicate interessante, verticale e tecnica. Al quarto tiro sono stato messo in difficoltà da una fessure molto sottile in un diedro. I primi 30 metri sono stati saliti in libera attorno al 7b+, sfortunatamente i successivi 30 metri erano molto sporchi, più ripidi e sono stato costretto nuovamente a progredire in artificiale. Circa A2, a causa dei difficili posizionamenti dei chiodi. Questo tiro è la più grande sfida di tutta la via. Nel mezzo della parete abbiamo scelto di seguire il diedro principale (3 tiri) che ci ha portato fino al bordo della parete. Il diedro è stato salito quasi completamente in libera tranne alcuni metri sporchi e bagnati. Dal bordo, dove pensi che l'arrampicata diventi più facile ed è quasi finita, ci sono ancora altre 6 lunghezze fino in cima. L’undicesimo tiro è stato una grande test con alcuni runout in placca seguito ancora una volta da una fessura ripida, svasata e sporca. Ho fatto un grande sforzo per salire questo tratto in libera, ma sono stato di nuovo obbligato ad usare dell'artif sugli ultimi metri a causa della vegetazione. Il dodicesimo tiro incuteva paura, ma Max ha salito con orgoglio questa lunghezza: un mare di placche con poche o nessuna protezione. Quando è finita la corda siamo stati costretti a salire altri 20 metri in conserva finché non è stato in grado di fare sosta. Da quel momento in poi è stato semplice salire in vetta.

Come sempre la discesa è stata un viaggio interessante, ma questa volta efficiente. Siamo scesi sul lato nord della parete in un canalone. Abbiamo fatto sei calate su pareti diverse e abbiamo zigzagato fino al nostro campo base. Le discese sono sempre emozionanti! Abbiamo chiamato la via Jardines de Piedras (Giardini di roccia) riferendoci ai dintorni attorno al nostro campo base, che assomigliano ai tipici giardini giapponesi. Una straordinaria avventura di 3 giorni condivisa in buona compagnia. Grazie a Max e Ian per questa salita!

Siebe Vanhee, Cochamo, Cile, gennaio 2020

Links: FB Siebe Vanheewww.siebevanhee.beLa SportivaPetzlThe North Face

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
El Condor Pasa, nuova big wall Slovacca nella Valle Cochamó in Cile
05.03.2016
El Condor Pasa, nuova big wall Slovacca nella Valle Cochamó in Cile
Jozef Kristoffy, Martin Krasnansky e Vlado Linek hanno effettuato la prima salita della via d'arrampicata El Condor Pasa (8b, 700m) sul Cerro Trinidad Central nella Valle Cochamo, Patagonia cilena.
Nuova via su Cerro Walwalun nella Valle Cochamó in Cile
12.03.2013
Nuova via su Cerro Walwalun nella Valle Cochamó in Cile
A febbraio sulla parete nord di Cerro Walwalun nella valle Cochamo in Patagonia, Cile, Lorenzo Lanfranchi, Mirko Masè, Simone Pedeferri, Mattia Tisi e Andrea Zaffaroni hanno aperto la via Perdidos en el Mundo (870 mt, 23 lunghezze, 7b+, 6c+ obb.). Il racconto di Mirko Masè.
Der Grantler, nuova via nella Valle Cochamo, Cile
01.03.2012
Der Grantler, nuova via nella Valle Cochamo, Cile
Della serie meglio tardi che mai pubblichiamo la notizia della via Der Grantler (230m, 6b), aperta nel febbraio 2011 dai tedeschi Frank Kretschmann e Mario Gliemann sul Cerro Trinidad Sur nella Valle Cochamó anche conosciuta come "Yosemite Valley del Cile",
Valle Cochamo, team svizzero sale Los Tigres del Norte sul Cerro Capicua
20.10.2009
Valle Cochamo, team svizzero sale Los Tigres del Norte sul Cerro Capicua
Un team svizzero composto da Ivan Tresch, Michi Tresch, Tom Holzhauser e Dominik Angehrn ha aperto Los Tigres del Norte (7c, 1200m), la prima via in libera che supera il Cerro Capicua nella Valle Cochamó, Cile.
Valle Cochamo: nuove vie per il dream team austriaco
05.03.2009
Valle Cochamo: nuove vie per il dream team austriaco
Nel dicembre 2008 gli austriaci David Lama, Barbara Bacher, Katharina Saurwein, Hansjörg Auer, Heiko Wilhelm e l'olandese Jorg Verhoeven hanno aperte una serie di vie nuove nella Valle Cochamó in Cile.
16.03.2005
'Nunca mas marisco', tour-arrampicata in Valle Cochamo, Cile
Dal 21/01 al 1/03 una piccola spedizione, formata da Simone Pedeferri, Giovanni Ongaro, Lorenzo Lanfranchi, Christian Gianatti, Ismaele Fosti e Angelo, ha ripetuto molti itinerari sulle Torri del Brujo e nella Valle Cochamó (Cile), dove hanno aperto 'Nunca mas marisco', 700m 7c (6c obbl.), nuova via sulla parete del Trinidad centrale.
Silbergeier per Siebe Vanhee in Rätikon
29.08.2019
Silbergeier per Siebe Vanhee in Rätikon
Il 27 agosto 2019 climber belga Siebe Vanhee ha ripetuto Silbergeier, capolavoro d’arrampicata in Rätikon di Beat Kammerlander.
Anche Siebe Vanhee è Yeah Man sul Gastlosen in Svizzera
16.08.2019
Anche Siebe Vanhee è Yeah Man sul Gastlosen in Svizzera
Il climber belga Siebe Vanhee ha ripetuto Yeah Man, la difficile via di più tiri sulla cima Gran Pfad nel gruppo montuoso del Gastlosen in Svizzera.
Cédric Lachat si aggiudica Yeah Man, via di più tiri sul Gastlosen in Svizzera
04.07.2019
Cédric Lachat si aggiudica Yeah Man, via di più tiri sul Gastlosen in Svizzera
Lo svizzero Cédric Lachat ha ripetuto Yeah Man, una difficile via di più tiri sulla cima Gran Pfad nel gruppo montuoso del Gastlosen, in Svizzera.
11.08.2004
Yeah man: prima libera per Josune Bereziartu e Rikar Otegi
L'1/07 Josune Bereziartu e Rikar Otegi hanno realizzato la prima salita in libera di “Yeah man” sulla parete nord del Gran Pfad, nel gruppo montuoso del Gastlosen, in Svizzera.
Spazzacamino alla Terza Pala di San Lucano in Dolomiti per Siebe Vanhee e David Leduc
28.07.2019
Spazzacamino alla Terza Pala di San Lucano in Dolomiti per Siebe Vanhee e David Leduc
Alla Terza Pala di San Lucano (Pale di San Lucano, Dolomiti) gli alpinisti belgi Siebe Vanhee e David Leduc hanno aperto Spazzacamino, una nuova via d’arrampicata che prevede un bivacco in parete.
In Patagonia una nuova via d'arrampicata di Siebe Vanhee e Sean Villanueva O'Driscoll
30.03.2018
In Patagonia una nuova via d'arrampicata di Siebe Vanhee e Sean Villanueva O'Driscoll
Il report di Siebe Vanhee di El Matédor, una nuova via d’arrampicata aperta insieme a Sean Villanueva O'Driscoll sulla parete est di Aguja Desconocida in Patagonia.
Don Quixote, con tre gambe ed una protesi sulla sud della Marmolada. Di Siebe Vanhee
26.07.2017
Don Quixote, con tre gambe ed una protesi sulla sud della Marmolada. Di Siebe Vanhee
Il racconto del climber belga Siebe Vanhee che lo scorso weekend ha salito la via Don Quixote sulla parete sud della Marmolada in Dolomiti assieme al paraclimber Frederik Leys. Aperta da Heinz Mariacher e Reinhard Schiestl nel 1979, la via è considerata una classica e tra le più ripetute della parete.
Sean Villanueva & Siebe Vanhee e la loro difficile via d'arrampicata in Madagascar
02.04.2017
Sean Villanueva & Siebe Vanhee e la loro difficile via d'arrampicata in Madagascar
Il video MAD in Madagascar che documenta la prima salita della via di più tiri Fire in the Belly sul Tsaranoro Atsimo in Madagascar, aperta nel 2015 da Sean Villanueva e Siebe Vanhee.
Torri del Paine, i belgi Favresse, Vanhee e Villanueva si aggiudicano una nuova prima libera in Patagonia
23.02.2017
Torri del Paine, i belgi Favresse, Vanhee e Villanueva si aggiudicano una nuova prima libera in Patagonia
Dopo 19 giorni di arrampicata in parete, Nicolas Favresse, Sean Villanueva O'Driscoll e Siebe Vanhee hanno effettuato la prima libera di El Regalo de Mwono sulla parete est della Torre Centrale del Paine, Patagonia. Questa via di 1200m era stata aperta tra il 1991/1992 da Paul Pritchard, Simon Yates, Sean Smith e Noel Craine con difficoltà fino a VI, 5.10, A4.
Video: Aguja Frey e la via Sifuentes - Monti per Sean Villanueva e Siebe Vanhee
07.05.2015
Video: Aguja Frey e la via Sifuentes - Monti per Sean Villanueva e Siebe Vanhee
Il video della seconda e la terza salita in libera della via Sifuentes - Monti a Frey, Bariloche, Patagonia, Argentina da parte di Sean Villanueva e Siebe Vanhee.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock