Home page Planetmountain.com
Saarloq, Groenlandia
Fotografia di Manuel Lugli
Qaleraliq, Groenlandia
Fotografia di Manuel Lugli
Bandiere di preghiera tibetane
Fotografia di Manuel Lugli
Pietra mani lungo la valle di Thame, Nepal
Fotografia di Manuel Lugli

Il progetto Antartide e il filo rosso di Manuel Lugli

di

Un viaggio, un'avventura alpinistica e scialpinistica in cui la via è la meta sulla scia di quel filo rosso che ha inizio da molto lontano. L'Antartide: il prossimo progetto Manuel Lugli con Skip Novak e Stephen Venables.

Quando una persona arrivata ben oltre la metà della propria vita volge il proprio sguardo indietro, spesso lo fa per nostalgia, che può essere dolce o sciogliersi nel rimpianto. Altre volte lo fa per tentare un bilancio e altre ancora per ricordare momenti precisi. Persone incrociate, trovate o perse. In alcune occasioni lo fa per motivi “burocratici”: un curriculum da inviare, lavoro, cose così. Alcuni momenti servono per chiudere psicologicamente o concretamente una fase del proprio tempo, un’esperienza che si pensa sia finita e non possa tornare più. Altri invece servono per il motivo opposto: per cercare negli anni passati un filo rosso che li colleghi al presente, un filo che può diventare a volte molto sottile ma non si spezza mai.

Personalmente, a 57 anni suonati, mi sento in quest’ultimo stato: mi volto indietro e ho cura di far buona manutenzione a quel filo rosso che tanti momenti ha tenuto cuciti insieme: un filo fatto di ore, giorni, mesi e anni di viaggi, spedizioni, trekking, sciate, cammini, incontri, scontri, salite, discese, freddo, buio, sole abbacinante e aria tersa. Insomma, tutti momenti che fanno parte profondamente, anzi costituiscono la linfa vitale di chi decide di vivere il mondo vagabondando quanto più possibile per sentieri, montagne e deserti.

C’è un libro molto bello di Christoph Ransmayr, “Atlante di un uomo irrequieto”, fatto di tante piccole storie che l’autore racconta. “Le storie non accadono, le storie vengono raccontate”, premette Ransmayr conducendo il lettore attraverso resoconti di piccoli eventi, incontri e storie accadute negli innumerevoli vagabondaggi in tutto il mondo da lui compiuti. “Ho visto” è la formula che apre tutti i racconti: una dichiarazione d’intenti e una testimonianza esemplari. Mi sarebbe proprio piaciuto avere questa idea del dichiarare la propria esperienza: ho visto. Una visione che per i veri viaggiatori abbraccia tutti i sensi, perché se l’esperienza è vera, non filtrata da barriere inutilmente protettive – quanta “protezione” forzata ci viene sempre più imposta... - non esiste visione senza odori, contatti, rumori. Le emozioni si muovono in noi e spaziano attorno a noi e così “vediamo” con tutto il corpo.

Ho visto. Nella mia vita ho visto un po’ di cose e in questa necessità di vedere – e spesso anche raccontare - mi sono sempre sentito altrettanto irrequieto. Qui torna allora il filo rosso di cui dicevo. Se mi volto lo vedo distintamente, lo vedo raggiungermi, avvolgermi e superarmi, perché credo che ancora molto ci sia da vedere e conoscere. Paesaggi infiniti, terre remote che richiamano per la loro vastità e altitudine. Ma anche persone ed esperienze intrecciate. Per quale ragione vale veramente la pena vivere, se non per ampliare i propri orizzonti, superare i confini ristretti della nostra esperienza personale, troppo spesso nutrita di piccole e grandi paure? Paura di ciò che non si conosce, della diversità, dell’alterità come minaccia. I tempi che corriamo sono figli di un impoverimento culturale e sociale che impone a tutti i costi la difesa di piccoli e grandi privilegi, la difesa di confini, una protezione da tutto e da tutti, alterando irrimediabilmente visioni – di nuovo - più libere, ampie e condivise. Ho visto e voglio continuare a vedere, senza farmi limitare da nulla e da nessuno. Tantomeno dai piccoli, mediocri uomini che sempre più tentano di governare i nostri giorni.

E' anche per tutto questo che il mio personale filo rosso continua davanti a me e lega il mio prossimo progetto, uno dei più importanti che abbia mai messo in piedi: l’Antartide. E’ un progetto multiforme che sublima le esperienze che da sempre più amo: il viaggio, l’avventura, la neve, lo sci, gli spazi infiniti. Un mese di pura avventura tra mare e ghiaccio in cui la via è la meta.

Il progetto Antartide prevede diversi momenti. Il primo è quello della spedizione sci-alpinistica alla penisola Antartica, che durerà dal 27 dicembre 2018 al 30 gennaio 2019. Una spedizione che condividerò con l’amico Matteo Guadagnini, grande sci-alpinista ed esperto viaggiatore, già compagno lo scorso anno in Groenlandia - che ha attraversato completamente da ovest a est sempre nel 2017. Avremo come campo base mobile lo yacht Pelagic Australis, mitica barca che ha supportato centinaia di spedizioni alpinistiche, documentaristiche (National Geographic, BBC, e altre) e scientifiche. Il Pelagic, con un team di sci-alpinisti e il ridotto equipaggio – 12 persone in totale - salperà da Puerto Williams (Cile) per attraversare con tre giorni di navigazione le 800 miglia nautiche del celebre Stretto di Drake. Quest’ampio tratto di oceano è uno dei più impegnativi e agitati di tutto il globo e richiede grande esperienza di navigazione per poter essere affrontato con un’adeguata sicurezza. Il comando della barca sarà nelle mani esperte di Skip Novak, inglese, da oltre 40 anni mitico skipper d’altura specializzato nella navigazione polare artica e antartica.

Raggiunta la penisola Antartica, durante le successive settimane effettueremo una serie di ancoraggi in alcune delle aree più spettacolari della penisola. Durante gli ancoraggi scenderemo a terra per fare una serie di salite su diverse magnifiche vette, sia in giornata che organizzando campi per mini-spedizioni di due o tre giorni, a seconda della distanza delle montagne dalla costa. Team leader sarà il leggendario Stephen Venables, alpinista inglese di grandissima esperienza, primo britannico a scalare l’Everest senza ossigeno lungo l’immensa parete Kangshung. Oltre alle salite effettueremo diverse esplorazioni della costa in kayak per fotografare la fauna marina antartica.

Ma qui il filo rosso si annoda ad altri due momenti: dall’esperienza della spedizione vorrei ricavare un libro, fatto di testi e fotografie. Una riflessione sull’andare in montagna e il viaggiare in natura, contenente idee, sogni, aspirazioni, paure, successi e fallimenti di trent’anni di vagabondaggi. Naturalmente mi piacerebbe anche offrire uno sguardo ravvicinato su quella meraviglia che è il continente Antartico, raccontando con fotografie e testo il territorio, la storia della sua esplorazione, gli aspetti naturalistici e quelli climatici così attuali.

L’ultimo momento riguarda una raccolta di fondi per il paese in cui ho davvero imparato ad amare gli spazi e le altezze infinite, il Nepal. L’associazione Friends of Nepal, con cui ho collaboro da anni, sta cercando di finanziare alcuni progetti nella valle del Makalu. In particolare un presidio sanitario da istituire presso il villaggio di Seduwa, a cui possano accedere anche gli abitanti dei villaggi più lontani. Una serie di serate prima e dopo la spedizione e i proventi della vendita del libro (sperando di trovare un editore in tempi umani...) saranno dedicati a questo progetto, che non ha scadenza e andrà avanti fino alla sua realizzazione.

Ecco, lo sapevo. Di nuovo il filo rosso scorre avanti e trova nuovi obiettivi, nuovi sogni da realizzare. Perché sognare è magnifico, ma vivere e vedere lo è molto di più.

Manuel Lugli

https://manuellugli.com

Link: Ortovox

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Into the Wild, l'importanza della natura e dell'ignoto. Di Manuel Lugli
23.08.2017
Into the Wild, l'importanza della natura e dell'ignoto. Di Manuel Lugli
Alcune riflessioni di Manuel Lugli sull’apparente incapacità odierna di accettare e vivere la natura e la wilderness.
Nives Meroi e Romano Benet: l'alpinismo, la vita e le dinamiche di coppia
27.06.2017
Nives Meroi e Romano Benet: l'alpinismo, la vita e le dinamiche di coppia
Ripensando al percorso di Romano Benet e Nives Meroi, ai loro 14 Ottomila ma sopratutto al loro speciale stile di fare alpinismo che si incontra con la vita. Di Manuel Lugli.
Grande mondo antico - viaggiare in Italia e nel mondo
16.03.2017
Grande mondo antico - viaggiare in Italia e nel mondo
I viaggi e l’avventura nel mondo di adesso. Un’analisi di Manuel Lugli, storico viaggiatore ed organizzatore di viaggi e spedizioni in tutto il mondo.
Everest, il film e l'alpinismo himalayano
29.10.2015
Everest, il film e l'alpinismo himalayano
Il film Everest del regista islandese Baltasar Kormákur, che racconta la grande tragedia del 1996 sulla più alta montagna del mondo e che sta avendo grande successo nelle sale italiane, e il senso dell'alpinismo himalayano e non. Recensione di Manuel Lugli.
L'alpinismo esplorativo è fallito?
06.10.2014
L'alpinismo esplorativo è fallito?
Partendo dalle recenti dichiarazioni di Reinhold Messner, Manuel Lugli commenta la presunta fine dell'alpinismo tradizionale ed esplorativo.
Nives Meroi, Romano Benet, il Kangchenjunga e il bel silenzio
23.05.2014
Nives Meroi, Romano Benet, il Kangchenjunga e il bel silenzio
Sulla salita del Kangchenjunga effettuata il 17/05/2014 da Romano Benet e Nives Meroi, pubblichiamo una riflessione di Manuel Lugli.
Erri De Luca, la montagna, l'alpinismo e la vita
10.10.2011
Erri De Luca, la montagna, l'alpinismo e la vita
Intervista allo scrittore, poeta e alpinista Erri di Luca di Manuel Lugli. 9 domande per parlare di alpinismo, montagna, amicizia e vita.
La democrazia dell’orizzontale in montagna
01.05.2011
La democrazia dell’orizzontale in montagna
I cambiamenti, i desideri, i momenti e le scelte diverse della passione per la montagna e l'alpinismo visti come naturale evoluzione della vita. Una riflessione di Manuel Lugli sul tempo che (per tutti) scorre e sulla capacità e bellezza del saperlo cogliere.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra