Home page Planetmountain.com
Principessa sospesa in Val Travenanzes: avvicinamento
Fotografia di Beppe Ballico
Principessa sospesa in Val Travenanzes: Andrea Gamberini sul primo tiro
Fotografia di Beppe Ballico
Principessa sospesa in Val Travenanzes: Beppe Ballico in apertura sul secondo tiro
Fotografia di Beppe Ballico
Principessa sospesa in Val Travenanzes: Beppe Ballico, Andrea Gamberini e Stefano Figliolia
Fotografia di Beppe Ballico

Principessa Sospesa in Val Travenanzes, Dolomiti

di

Cascate di ghiaccio in Dolomiti: una nuova salita in Val Travenanzes dove Beppe Ballico, Andrea Gamberini, Stefano Figliolia hanno aggiunto una nuova variante su roccia alla Candela Sospesa chiamata Principessa Sospesa.

Ad ogni fine inverno gli amici ti pongono sempre una domanda: e allora come andata la stagione del ghiaccio? Con il freddo che è stato chissà quante cascate hai trovato... L' inverno 2018 sembrava essere partito col piede giusto e agli inizi di stagione nei vari social, esplodeva la bagarre tra chi spicozzava per primo. Agli inizi di dicembre, nella zona Dolomitica il freddo e la poca neve, hanno confermato la notevole frequentazione in certe zone storiche del Cascatismo in Val Gardena. Ad esempio, a fine novembre, il ramo destro della Cascata La Piovra in Vallunga (Bz) che abitualmente non si forma, era già in condizioni. L'inverno ha poi proseguito con temperature altalenanti, a tratti quasi primaverili. Ad un tratto la stagione sembrava avesse finito la benzina, e con essa le nostre speranze.

La situazione ghiaccio torna a sistemarsi quando a fine febbraio arriva lui: il signor Burian! Aria fredda siberiana che porta un pieno di carburante alla "super macchina Inverno". Le numerose cascate che ormai erano al "colabrodo" iniziano a gonfiarsi nel giro di due giorni, ma il freddo quando è troppo intenso si sa, non va bene per scalare, soprattutto sulle candele... per cui di nuovo l'attesa.

Grazie ai vari social sono riuscito, quasi in tempo reale, a scorgere una candela per la quale non ho ricordi negli ultimi 23 anni che si fosse saldata a terra. La linea in questione è Candela di Pinocchio in Val Travenanzes, un "missile" poco più di 40 m, per la quale la mia mente i giorni a seguire elaborava un brutto sogno. Il sogno diventava piacevole dopo pochi giorni quando riuscivo a ripeterla. Il classico motto "carpe diem", grazie alla disponibilità dei soci Stefano Figliolia e Marco De Helmersen, dava i suoi buoni frutti.

Qualche giorno prima, sempre in gennaio, sempre nella Valle delle meraviglie come viene definita ormai la Val Travenanzes, assieme al caro amico Andrea Gamberini, forte ed instancabile viaggiatore, abbiamo avuto la fortuna di individuare una linea nuova. Diretta Canadese una variante diretta, che sale direttamente lo splendido fronte della più famosa cascata della valle: Sogno canadese. Fu in quel giorno che Andrea mi disse: "sai vero, che abbiamo sempre quel conto in sospeso...!" Sapevo a cosa si riferiva... Chissà se riusciamo quest'anno, pensiamo entrambi.

Passano i giorni, ma l'occasione giusta tarda ad arrivare... ormai è quasi primavera e il profumo dell'aria con i merli che ti cantano sotto casa, mi fanno pensare di mettere via "le armi bianche". All'improvviso eccolo tornare, il 18 marzo, arriva lui "Burian 2 " tutto ritorna in gioco. Inaspettatamente ci rimettiamo in gioco e la telefonata ad Andrea è d'obbligo. Con noi si aggiunge anche il triestino Stefano Figliolia.

Si parte... si prova il progetto in Travenanzes. Le temperature parlano di -15 e siamo al 22 marzo. Solite levatacce, ma ormai è la consuetudine e armati fino ai denti entriamo in valle con un'ottima traccia fino a Sogno canadese, da li in poi neve intonsa e calziamo le ciaspe per raggiungere il settore Primavera. La giornata è senza una nuvola e arriviamo sotto la nostra idea. Vorremmo collegare la linea di roccia che va a prendere Candela Sospesa. Il nome è stato dato dai primi salitori Francesco Cappellari e Mario Vielmo il 02/03/1997 che per poter aggirare la candela non saldata a terra, salirono la prima parte di Cascata Primavera, poi con un non facile traverso verso destra per scalare per la prima volta la parte alta. Ogni inverno da allora soltanto in due occasioni si è potuto godere della totale formazione della candela fino alla base, creando così un bellissimo e precario free standing di notevole impegno. Gli anni fortunati furono il 2003 ed il 2013. Anche quest'anno la candela non tocca, pertanto abbiamo pensato di raggiungere il free standing con un tiro di roccia, dando così la possibilità di salire con linea diretta questo meraviglioso "candelone" di rara formazione.

Con un primo tiro di ghiaccio, Andrea raggiunge la base della fascia rocciosa che separa dal ghiaccio successivo. Il festone penzola da venti metri più in alto, e solo per gli ultimi due non è saldato alla base. All'apparenza non sembra essere della migliore qualità. Ha subito qualche scottata nei rialzi termici... Parto nel tiro di misto e la speranza che la roccia accetti chiodi o friend, svanisce in fretta, vedendomi costretto a posizionare un primo spit per proseguire. Faccio pulizia di roccia instabile, anzi marcia, che rimbalza inaspettatamente e colpisce di striscio una spalla di Andrea...un cenno di dolore, ma lui risponde "in guerra qualche scheggia la si può prendere, vai tranquillo"... e si rannicchia in posizione sicura. Stefano, appeso poco a lato, intanto scatta qualche bella foto e ricerca la giusta angolazione per qualche buona ripresa.

Continuo fino ad un piccolo strapiombo da dove raggiungo il free standing. Il colpo delle piccozze sul candelone regalano un buon suono... apro le gambe ancora su roccia e proseguo fino a rompere un tenda di frange per uscire dalla candela. Ora mi aspettano delle meduse strapiombanti con ghiaccio delicato, obbligandomi a passaggi aleatori e strapiombanti con uscita nella neve inconsistente, fino al punto di sosta a spit, attrezzata dal sottoscritto in occasione di una ripetizione della candela, completamente formata nel 2013.

È fatta! Recupero Andrea che prova i passaggi in libera e poi Stefano che ha il faticoso compito di recuperare il trapano lasciato in parete, appeso all'ultimo spit, prima di saltare su ghiaccio. Da dietro la colonna dell'ultimo tiro, ci alterniamo nuovamente e Stefano passa da capo cordata per gli ultimi cinquanta metri impegnativi. Ghiaccio favoloso e plastico, di una piacevole verticalità ritrovata, dove scaricare bene in punta di ramponi. Poco dopo ci ritroviamo in cima baciati dal sole, ad ammirare dall'alto uno scenario mozzafiato, come solo la Val Travenanzes sa offrire in questa stagione oramai primaverile.

Prima di iniziare le doppie, pensiamo al nome da dare a questa nuova linea, ma niente, il sole ci abbaglia e la vena poetica si trasforma in improbabili idee senza senso dalle innumerevoli risate. Una volta agli zaini, Andrea ragiona sull'idea di lasciare nel nome il termine "sospesa". Nel rispetto della linea esistente, e che una cascata così dovrebbe avere un nome al femminile. Stefano, osserva dalla parte opposta della valle il Principe Stravogin ancora apparentemente in condizioni salibili. All'unisono gridiamo Principessa sospesa! Ecco un nome, che per un motivo o l'altro ci soddisfa tutti e tre.

Beppe Ballico Caai

SCHEDA: Principessa Sospesa in Val Travenanzes

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Candela di Pinocchio in Val Travenanzes, Dolomiti
16.03.2018
Candela di Pinocchio in Val Travenanzes, Dolomiti
In Val Travenanzes, Dolomiti, Santiago Padrós e Ruggero Corá hanno salito Pinocchio, la cascata di ghiaccio liberata con un tratto di misto nel 2013 da Martin Riegler e Florian Riegler. Adesso l’intera cascata si è formata fino a terra ed è forse la prima volta che viene salita in questa versione.
Diretta Canadese, possibile nuova variante al Sogno Canadese in Val Travenanzes, Dolomiti
05.02.2018
Diretta Canadese, possibile nuova variante al Sogno Canadese in Val Travenanzes, Dolomiti
Il 30 gennaio 2018 Beppe Ballico, Andrea Gamberini e Samuel Scotton hanno salito quella che potrebbe essere una nuova variante al Sogno Canadese, la classica cascata di ghiaccio in Val Travenanzes, Dolomiti. Chiamata Diretta Canadese, affronta un 'superbo free standing' al secondo tiro per raggiungere le frange penzolanti.
Pinocchio, nuova via di misto in Val Travenanzes
28.03.2013
Pinocchio, nuova via di misto in Val Travenanzes
Martin Riegler e Florian Riegler hanno liberato Pinocchio (M8+, WI 5), una via di misto in Val Travenanzes (Dolomiti) aperta nel 2010 da Valentin Riegler e Hannes Lemayr.
Attraverso Travenanzes, nuova cascata in Val Travenanzes per Ballico e Gamberini
27.02.2013
Attraverso Travenanzes, nuova cascata in Val Travenanzes per Ballico e Gamberini
Il 16 febbraio 2013, Beppe Ballico e Andrea Gamberini hanno aperto Attraverso Travenanzes (120m, III, WI5+) nuova cascata nel settore Supermario della Val Travenanzes che si rivela ancora una volta uno degli eldoradi dell'ice climbing in Dolomiti, ma non solo. La scheda della cascata e i report dei primi salitori.
Transtravenanzes e la valle delle meraviglie
25.02.2009
Transtravenanzes e la valle delle meraviglie
Il 22/02/09 Giuseppe Ballico e Paolo Cristofari hanno effettuato la probabile prima ripetizione di Transtravenanzes, la cascata di ghiaccio salita per la prima volta da Massimo Farina ed Ezio Marlier nel 2005.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni