Home page Planetmountain.com

Marco Anghileri e la Solleder al Civetta

di

Intervista a Marco Anghileri dopo la prima solitaria invernale della Solleder al Civetta effettuata dal 14 al 18 gennaio 2000

Solleder  
 
PlanetMountain.com ha intervistato Marco Anghileri dopo la prima solitaria invernale della Solleder al Civetta effettuata dal 14 al 18 gennaio 2000
Da quando preparavi la salita alla "Solleder" e come mai questa scelta?
Nel '94, dopo la mia salita solitaria invernale alla Aste, guardando la parete e la Solleder, mi ero detto "che ambiente! Il regno del misto. Un giorno ci vengo". Conosco molto bene l'arrampicata su roccia pura, poco il ghiaccio ed abbastanza il misto (per quest' ultimo grazie anche alle montagne di casa che d'inverno a nord diventano una figata). In Solleder speravo di poter trovare tutto ciò concentrato in un'unica avventura e sulla parete che più amo.

Conoscevi già la via?
Si. Nell'agosto '98 ho trascorso una settimana in Dolomiti senza compagno a girovagare disperato. Per coincidenza ho trovato un amico del posto per il quale la Solleder era un sogno forse irraggiungibile. Io gliela proposi e così, lui per questo motivo ed io per la curiosità di vederla siamo andati a farla. Davvero bella, ma quanti dubbi mi erano venuti dopo quella salita.
 
Avevi effettuato precedenti tentativi invernali?
Due anni fa, il 19 febbraio, ero arrivato nella grotta sopra lo zoccolo. C' erano delle condizioni fantastiche. Purtroppo non mi andava il fornello e con 1lt. e 1/2 d'acqua non mi ero fidato ad attaccarla. Col senno di poi, viste le pessime condizioni (comunque superate) di questa volta e ripensando a quel giorno mi chiedo "Se l' avessi attaccata allora leggero e col minimo indispensabile, avrei potuto farcela con un bivacco?" Credo proprio di sì, perchè avrei potuto arrampicare molto con le scarpette, slegato e con in spalla lo zaino. Però, forse, non avrei trovato ciò che cercavo. Era giusto così in fondo. Anche l'anno scorso al 3 di gennaio, dopo un mese che non nevicava, ero partito lanciato. Ma dopo 1/4 d'ora di viaggio per scrupolo telefonai ad Alleghe ed incredibile! stava nevicando. Poi in tre mesi non ho più sentito l'istinto giusto.
 
Come mai una solitaria e d'inverno?
Risposta complessa e difficile. Provo. E' questione di carattere. Carattere non nel senso di avere il polso, le palle, ma proprio di essere così per natura. Io non reputo uno che va in solitaria più bravo di un altro, penso solo che lui ce l'ha dentro di se, lo sente, ed allora ci va. Già dopo un mese che arrampicavo, tanti anni fa, avevo avvertito questa voglia, mentre conosco amici che scalano da molti anni e vanno pure più forti di me, ma che non hanno mai fatto un metro in solitaria e mai lo faranno. Sono forti, sono bravi ma non lo sentono. Ho una passione per la montagna incredibile e, se sto bene, so di sentirmi comunque a mio agio in quelle condizioni. Infine, non meno importante ma palese magari, mi dà talmente tanto un'esperienza del genere che non me la sento di rinunciarvi. Solo a una cosa so di dover stare attento, e cioè, che tutto ciò può diventare come una droga, una volta che l'hai provata è difficile farne a meno. Fortunatamente sono anni che vado così e credo ormai di sapermi ascoltare.
 
Hai incontrato particolari problemi durante la salita?
I primi due giorni sono volati via. Non c'era tanta neve in parete visto che l'ultima nevicata era venuta il 28/12. Freddo si, e sui tiri del camino bloccato e della svasatura le scarpette non avevano proprio aderenza perchè c'era come una patina di ghiaccio, ad ogni modo salivo. Dopo è arrivato quel vento allucinante. Neve portata e freddo, era come se nevicasse tutto il giorno. Con le scarpette ho fatto solo 4 tiri, poi gli scarponi e dal Cristallo in su ho dovuto arrampicare sempre con i ramponi ed i guanti, senza poter mai utilizzare le prese piatte ma adottando tutta una tecnica di spinta e di prese verticali, ovviamente con molta attenzione e lentezza. Altro enorme problema, che già conoscevo, è stato il recupero del saccone. Se ben ricordo, solo quattro volte sono riuscito a recuperarlo direttamente dalla sosta. Tutte le altre volte dovevo scendere, caricarlo sulle spalle od attaccarmelo all'imbrago e risalire sulle jumar. Che fatica! Ultimo problema, il fornello. Alla sera del quarto bivacco non sono più riuscito a montare le bombolette e quindi a bere. Se pensate che già il bivacco prima non avevo potuto utilizzarlo a causa del brutto posto! Ho bevuto 2 litri e mezzo in cinque giorni. Troppo poco.
 
Come eri attrezzato e quale è stato il tuo stile di salita?
Il saccone pesava 33 kg. Ovviamente in salita con fuori il materiale, sarà stato la metà. Perchè così tanto? mi chiedono, e mi chiedevo anch'io andando all'attacco. Sicuramente in altre condizioni, aspettando il momento giusto, forse a marzo dove le giornate sono più lunge, la neve è trasformata, la roccia è pulita anche sull'inclinato, uno con la voglia e le capacità, penso possa attaccare con tutto il materiale ai minimi termini e via, massimo un bivacco arrivare in cima. Io non avevo idea di come fosse realmente, era metà gennaio e perciò qualcosa in più dovevo avere. Sicuramente la prima notte, dopo aver messo le fisse sui primi due tiri, che sono anche quelli famosi e duri per la fessura, visto come ero salito slegato e senza problemi, ho pensato di mollare tutto e provare. Ma da sotto sembra tutto bello, non si vede la neve depositata ed allora mi sono trattenuto rimandando la decisione al giorno dopo, al traverso che mi preoccupava. Poi gli altri giorni l'idea non mi ha più sfiorato e vi assicuro che tutto ciò che avevo era per me necessario. Dei 2,5 kg. di mangiare ne ho avanzato comunque almeno 1 kg., quello sì. Non perchè era troppo o non avevo fame, ma perchè durante il giorno con il vento che c'era non mi sono mai fermato un minuto a mettere in bocca qualcosa o a bere. Solo la sera e la mattina. Al contrario di come sono abituato normalmente (Olimpo in Marmolada - 3 tiri assicurato il resto slegato /Aste Civetta - 2 tiri assicurato / Casarotto S.Lucano tutta slegato etc. etc.) questa volta, all'infuori di 3 o 4 tiri e qualche pendio di neve, ero sempre auto-assicurato. Mi sono reso conto che in quelle condizioni non esiste più il 4° o il 6°, tutto è un'incognita, è una sorpresa. Ho adottato il GRI-GRI modificato per la sicurezza, lo trovo ottimo, anche se ho avuto dei problemi con le corde che scivolavano sempre giù, pesavano di brutto e si incastravano spesso. Ti dirò che essendo abituato adessere in giro molte volte slegato, avere una forma di sicurezza, sotto l'aspetto psicologico sentivo di avere una marcia in più.

Potresti sintetizzare in una specie di scheda-materiale cosa ti sei portato dietro nello zaino?
Come materiale, era il solito che si utilizza per una salita in montagna, con qualche ritocco:
Tradizionale: corda del 10 da 60 mt. - cordino del 7 da 60 mt. per il sacco - 15 chiodi vari - 8 rinvii - serie complete di friends e nuts - molti cordini e fettuccie nel caso di doppie- moschettoni sciolti - etc.
Particolari: piccozzino/martello ( era meglio una bella picca con un terzo attrezzo per il tiro della cascata che mi ha fatto penare) ramponi, saccopelo da 1,3 kg., telo per riparo, metà materassino in espanso,scarponi Trango light La Sportiva, tre strati di intimo, completo giacca e pantaloni, e gilet in piuma per la notte Ande.
Tecnologici: walkman, e cellulare. Gli aiuti esterni sono stati: all'andata, trasporto con gatto delle nevi fino alla fine delle piste da sci perchè era molto presto. Al ritorno, metà pista battuta fra il rifugio Coldai e la ferrata degli Alleghesi da parte di mio padre ed'altri amici.

e i bivacchi?
Per quanto riguarda i bivacchi, questa è stata la successione:
1°) In una grotta favolosa sopra lo zoccolo. Ho potuto togliere anche l'imbrago.
2°) Terrazzino di neve spianata su pendio, prima del traverso. Ero sdraiato ma la neve polverosa non teneva tanto. Al mattino il piano non esisteva più.
3°) Terrazzino misero e soprattutto espostissimo al vento. Non sono riuscito a far andare il fornello per il poco spazio ed alle 5: 00 del mattino mi sono avviato con la frontale altrimenti ancora un po' e sarei congelato per il vento.
4°) Buco nel camino sopra la cascata. Comodo e riparato,ma il fornello non andava più.
5°) Rifugio Torrani. Comodissimo ed una torta lasciata all'ultimo dell'anno dal gestore. Ho sgelato con delle candele due lattine di Lemonsoda. Stavo morendo di sete.

Cosa pensi della prima invernale della Solleder effettuata nel 1963?
Ho sentito i commenti fatti dai protagonisti del ' 63 nei miei confronti: " Bravissimo, incredibile, molto di più di noi, etc, etc." Il tempo è passato anche per loro e forse gli ha annebbiato un po' i ricordi. Solo io, oggi, posso immaginare cosa diavolo hanno fatto su quella via più di trent'anni fa con i mezzi che c'erano allora e soprattutto con quelle condizioni. Guardate le foto! Era peggio, molto peggio.Bravi,bravi ancora.
 
Progetti futuri?
Mamma mia! Da quando vado in montagna, ho sempre avuto progetti. Voglia di sperimentarmi e di mettermi anche in discussione. Certo che ho dei progetti, ma sono anche scaramantico. Pochi amici li conoscono e spero non li rivelino. Posso solo dire che saranno sicuramente qualcosa di molto differente perchè ho voglia di esperienze nuove e varie. Oppure non saranno mai niente perchè non è detto che si riesca sempre a fare tutto. Oltre alla montagna in questo mondo, ci sono molte altre cose.
 
Cosa significa per te appartenere al Gruppo Gamma?
Far parte di una famiglia, di una compagnia, di un gruppo di amici. Sono sempre stato un GAMMA anche quando non ero ancora entrato. Mio padre lo ha fondato vent'anni fa ed io ho sempre vissuto in quell'ambiente. Dai campeggi, alle scuole di roccia, alle serate d'alpinismo e da quelle intorno a un tavolo a sentir parlare di montagna e di progetti futuri. Anche se poi ognuno di noi ha una sua vita al di fuori, il legame è troppo intenso e non si perderà mai.

civetta

Il tracciato della Solleder con i 4 punti di bivacco di M. Anghileri - foto arch. M. Anghileri
Marco Anghileri

Marco Anghileri all'incontro con il padre si ristora dopo 5 giorni di salita - foto arch. M. Anghileri
Marco Anghileri
Marco Anghileri

Anni:
27

Inizi: Fin da piccolo con mio padre sono sempre andato in montagna. Comunque, dopo 5 anni di pallone senza aver più fatto niente, a 16 anni sono tornato ad arrampicare, subito da primo, e dopo due mesi subito in Dolomiti.

Professione: lavoro nella azienda di mio padre, la Ande, dove mi occupo prevalentemente della pubblicità e del prodotto.

Salite più importanti:
'92 1^ ripetizione e invernale della Stenico alla cima Su Alto (6°+ A4) - 5 giorni
  1^ ripetizione della via degli Amici al Sasso Cavallo (6°+ A3 ) - 2 giorni
  ripetizione solitaria via Oppio al Sasso Cavallo ( 6° A2) - 2 ore
'93 ripetizione free-soloing Spigolo nord dell'Agner - 3 ore e mezza
'94 1^ ripetizione invernale e solitaria della Aste in Civetta (6° A1) - 4 giorni
  ripetizione free-soloing via dell'Anniversario in Medale (7°) - 1 ora
  1^ ripetizione solitaria via Rebus in Medale ( 6c A3 ) - 2 ore e mezza
'95 ripetizione solitaria Don Chiscotte in Marmolada (6°) - 2 ore
'97 1^ ripetizione e invernale via Sonia Pale S. Lucano (7° A2)- 4 giorni
  1^ ripetizione e invernale via dei Finanzieri Pale S. Lucano (6°+ A2 ) - 2 giorni
  1^ ripetizione solitaria invernale via Olimpo in Marmolada (7°+) - 3 giorni
  1^ ripetizione solitaria prima invernale via Casarotto cima della Busazza in Civetta (7°) - 3 giorni
  1^ ripetizione solitaria prima solitaria invernale via Casarotto alla quarta pala S.Lucano (6+) - 2 giorni
'00 1^ ripetizione solitaria invernale via Solleder in Civetta ( 6°) - 5 giorni
Sponsor: nessuno. Devo comunque ringraziare la Ande in particolar modo, la Sportiva e la Kong.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
21.01.2000
Marco Anghileri compie la prima invernale solitaria della Solleder al Civetta
Dal 14 al 18 gennaio 2000 Marco Anghileri ha salito in prima invernale solitaria la Via Solleder alla Nord-Ovest del Civetta.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra