Home page Planetmountain.com
Luka Lindič e Fabian Buhl aprono Sau hladno! sulla Cima Tosa, Dolomiti di Brenta
Fotografia di Luka Lindič, Fabian Buhl
Luka Lindič durante la prima salita di Sau hladno! sulla Cima Tosa, Dolomiti di Brenta
Fotografia di Luka Lindič, Fabian Buhl
Fabian Buhl e Luka Lindič sulla Cima Tosa, Dolomiti di Brenta, dopo la prima salita di Sau hladno!
Fotografia di Luka Lindič, Fabian Buhl
Il tracciato di Sau hladno! sulla Cima Tosa, Dolomiti di Brenta, aperta da Luka Lindič e Fabian Buhl
Fotografia di Luka Lindič, Fabian Buhl

Luka Lindič e Fabian Buhl aprono una nuova via sulla Cima Tosa

di

Gli alpinisti Luka Lindič e Fabian Buhl hanno aperto Sau hladno!, una nuova via di arrampicata di misto sulla Cima Tosa nelle Dolomiti di Brenta.

A pochi giorni dalla sua prima visita nelle Dolomiti di Brenta, lo sloveno Luka Lindič ha scavalcato nuovamente il confine per approfittare delle condizioni eccellenti di cui godono le Dolomiti. Il 30enne alpinista sloveno si è recato a Madonna di Campiglio con il tedesco Fabian Buhl per salire una linea sulla Cima Tosa che aveva notato con Ines Papert qualche giorno prima: una "logica e classica" salita che supera una serie di rampe a destra di Selvaggia Sorte e a sinistra di Elfo del Brenta, la via aperta in solitaria nel 2014 da Tomas Franchini sul Pilastro Antonio e Piera.

Lindič e Buhl avevano pensato inizialmente di bivaccare sotto la montagna, ma poi hanno passato la notte a Baito Brenta Alta, completando l'avvicinamento il mattino seguente. Lindič ci ha raccontato: "Avevo individuato la linea mentre salivo la Tosa con Ines, mi sembrava un’altra via molto logica che stava urlandomi di essere scalata. Il ghiaccio superiore lo puoi persino vedere bene dalla strada che porta a Madonna di Campiglio. I primi tiri seguono un ovvio sistema di rampe e camini che ti portano alla base di una bella striscia di ghiaccio sulla ripida parete finale. Proprio come Selvaggia Sorte, l'arrampicata qui è di ottima qualità. Mai estremamente difficile, ma a volte non facile da proteggere."

Per Buhl questa è stata la prima esperienza in Brenta, ma insieme a Lindič ha scalato spesso, in particolare in Patagonia dove hanno salito la via Italiana alla Aguja Saint-Exupery (Gino Buscaini, Lino Candot, Silvia Metzelin, Walter Romano, Silvano Sinigoi, 1968) e la via Anglo-Americana all’Aguja Rafael Juárez (Martin Boysen, Paul Braithwaite, Leo Dickinson, Dan Reid, Rick Silvester, 1974). I due però non avevano mai affrontato condizioni così fredde come in Brenta. Lindič ha spiegato: "Era così freddo che abbiamo quasi rinunciato sotto la parete, ancora durante l'avvicinamento. I forti venti rendevano le basse temperature davvero difficili da gestire. Fortunatamente quando siamo stati finalmente sulla via eravamo relativamente riparati dal vento. Ciononostante, per tutto il giorno abbiamo arrampicato vestiti come se fossimo in Himalaya... "

Il grande conoscitore del Brenta Tomas Franchini ritiene che si possa trattare di una nuova via. Chiamata Sau hladno!, supera difficoltà attorno a AI6, M5. Lindič, che adesso ha visitato il gruppo del Brenta due volte in meno di due settimane, ha concluso: "Pensavo per anni di andare ad arrampicare su questa montagna e avevo persino comprato una guida di arrampicata. Alla fine il maltempo a casa mia in Baviera e le buone condizioni in Brenta mi hanno spinto ad andarci. E’ davvero un bel posto e tornerò sicuramente. E non solo in inverno."

Links: IG Luca LindičFB Luca LindičIG Fabian Buhl, FB Fabian Buhl, Arc'teryxLa SportivaPetzl

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Ines Papert e Luka Lindič, prima ripetizione di Selvaggia sorte su Cima Tosa
11.01.2019
Ines Papert e Luka Lindič, prima ripetizione di Selvaggia sorte su Cima Tosa
Alpinismo nelle Dolomiti di Brenta: il 01/01/2018 gli alpinisti Ines Papert e Luka Lindič hanno effettuato la prima ripetizione di Selvaggia sorte sulla parete ovest della Cima Tosa, 3133 m. La via di ghiaccio e misto era stata aperta nel 2013 da Tomas Franchini e Alessandro Lucchi.
Selvaggia Sorte, Cima Tosa e la prima salita di Tomas Franchini e Alessandro Lucchi del 2013
14.01.2019
Selvaggia Sorte, Cima Tosa e la prima salita di Tomas Franchini e Alessandro Lucchi del 2013
Tomas Franchini ricorda la prima salita di Selvaggia Sorte sulla Cima Tosa, 3133 m in Dolomiti di Brenta aperta, dopo un primo tentativo in solitaria, insieme a Alessandro Lucchi nel 2013.
Tomas Franchini in solitaria apre Solo il Matto sullo Spallone dei Massodì, Dolomiti di Brenta
31.12.2018
Tomas Franchini in solitaria apre Solo il Matto sullo Spallone dei Massodì, Dolomiti di Brenta
Alpinismo in Dolomiti di Brenta: il 19 dicembre 2018 Tomas Franchini, arrampicando in solitaria, ha aperto Solo il Matto sullo Spallone dei Massodì (3004m).
Dolomiti di Brenta: sulla Cima Brenta la nuova via invernale Tigersoft
04.01.2019
Dolomiti di Brenta: sulla Cima Brenta la nuova via invernale Tigersoft
Alpinismo Dolomiti di Brenta: il report di Simone Banal che insieme a Fabrizio Dellai e Marco Zanni ha aperto Tigersoft, una nuova via invernale sulla parete nord di Cima Brenta.
Castello di Vallesinella e la nuova falesia di misto Francesco Cancarini in Dolomiti di Brenta
03.01.2019
Castello di Vallesinella e la nuova falesia di misto Francesco Cancarini in Dolomiti di Brenta
La nuova falesia di misto e drytooling sotto la cascata di ghiaccio Principessa al Castello di Vallesinella nelle Dolomiti di Brenta, sviluppata dalle guide alpine Massimo Faletti e Andrea Speziali, con l'aiuto di Francesco Nardelli e Giuseppe Michelon.
Cima Brenta, grande nuova via invernale per Alessandro Beber e Matteo Faletti
28.12.2018
Cima Brenta, grande nuova via invernale per Alessandro Beber e Matteo Faletti
Alpinismo invernale nelle Dolomiti di Brenta: sulla parete Est di Cima Brenta, Alessandro Beber e Matteo Faletti hanno aperto CRAM, una importante nuova via di ghiaccio e misto di 550 metri che affronta difficoltà fino a AI5, M6, 90°. Il doppio report di Beber e Faletti.
Filo d'Ambiez alla Cima d'Ambiez, nuova direttissima invernale in Dolomiti di Brenta
25.12.2018
Filo d'Ambiez alla Cima d'Ambiez, nuova direttissima invernale in Dolomiti di Brenta
Il racconto di Gianni Canale che in Dolomiti di Brenta il 14 dicembre 2018 insieme a Demis Lorenzi e Aldo Mazzotti ha aperto Filo d'Ambiez sulla parete nord-ovest di Cima d'Ambiez. La nuova via di arrampicata di misto è sostanzialmente la direttissima della via Passaggio Solista, aperta da Tomas Franchini in solitaria nel maggio del 2013.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni