Home page Planetmountain.com
Il Kachqiant, Dasbar Valley, Pakistan, salita probabilmente per la prima volta il 01/07/2018 dagli olandesi Danny Schoch e Bas Visscher
Fotografia di Dutch Pakistan Expedition 2018
Kachqiant, Dasbar Valley, Pakistan: Danny Schoch impegnato su un tiro di ghiaccio
Fotografia di Bas Visscher / Dutch Pakistan Expedition 2018
Kachqiant, Dasbar Valley, Pakistan: Bas Visscher e Danny Schoch in cima al Kachqiant il 01/07/2018
Fotografia di Bas Visscher / Dutch Pakistan Expedition 2018
Dasbar Valley, Pakistan: Ruud Rotte sul Chiantir Chish. Kachqiant (5990m sulla destra) e Ghamobar Zom (6400m, sulla sinstra)
Fotografia di Menno Schokker / Dutch Pakistan Expedition 2018

Kachqiant, Pakistan: prima salita per Danny Schoch e Bas Visscher

di

Un viaggio di 5 settimane nella catena montuosa dell' Hindu Raj in Pakistan ha fruttato agli alpinisti olandesi Danny Schoch e Bas Visscher la probabile prima salita del Kachqiant, una montagna di 5990 metri che svetta sulla valle del Dasbar. I loro compagni di spedizione, Ruud Rotte e Menno Schokker, hanno anche tentato il Chiantir Chish (6200m), tornando indietro da quota 5800m. Il report di Visscher.

Ispirati da questo report siamo partiti il ​​3 giugno 2018 per visitare la valle del Dasbar in Pakistan. L'area si trova nel Raj Hindu, una piccola catena montuosa vicino al Corridoio Wakhan in Afghanistan. Nel 2007 dei francesi furono probabilmente gli ultimi alpinisti a visitare questa valle.

Quando siamo arrivati ​​nel villaggio di Nialthi siamo stati accolti dagli abitanti locali con una serata piena di musica e danze tradizionali. Nonostante questa calorosa accoglienza la polizia del distretto di Ghizer aveva inviato un ufficiale di polizia armato, per garantirci maggiore sicurezza. È rimasto con noi durante tutto il viaggio. A Nialthi abbiamo preso 30 portatori, avevamo in programma di rimanere circa 3 settimane e mezzo nel nostro campo base a 3600 metri.

La bella ed inviolata cima Kachqiant era il nostro obiettivo principale, ma volevamo comunque esplorare anche altre montagne. Durante le salite di acclimatamento abbiamo subito capito che durante il giorno la neve era molto morbida. Camminare ed arrampicare su questa neve sarebbe stato possibile soltanto durante la notte.

Dopo l'acclimatamento abbiamo fissato il nostro campo 2 a 5000 metri e siamo tornati al campo base, dove Danny è stato colpito da una febbre molto alta e mal di testa fortissimo. Il suo stato è peggiorato così gravemente che abbiamo pensato fosse necessaria l'evacuazione in elicottero. Fortunatamente gli antibiotici hanno iniziato a funzionare e si è ripreso molto rapidamente. Potrebbe essere stata una malattia tropicale, ma tornato a casa, nei Paesi Bassi, si è ammalato di nuovo e ancora adesso non conosciamo la causa della sua esatta della malattia.

Qualche giorno dopo Menno, Danny completamente guarito, ed io abbiamo fatto un tentativo per salire il Kachqiant. È stata una grande lotta. Il vento era estremamente freddo e la neve era molto polverosa. Siamo saliti lentamente e la cima era molto lontana. A 5450 metri abbiamo deciso di abbandonare il tentativo.

Dopo il fallito tentativo ci siamo diretti verso due montagne diverse. Menno e Ruud sono andati sulla cresta destra del Chiantir Chish (circa 6200m). Hanno portato una tenda e cibo per 4 giorni, ma a quota 5800 m hanno deciso di ritirarsi. La roccia era molto brutta e c'erano molte valanghe di neve pesante. Fortunatamente hanno apprezzato molto la loro avventura. Avevano anche un'ottima vista sulle montagne circostanti, e l’esplorare la montagna gli ha regalato molte soddisfazioni.

Danny ed io invece siamo partiti per un ultimo tentativo sul Kachqiant. Sapevamo che le condizioni sarebbero rimaste brutte, ma eravamo comunque ottimisti riguardo alle nostre possibilità di vetta. Raggiungere il nostro punto più alto dell’altra volta si è rivelato difficile, ma questa volta c'era meno vento. Un campo in più, un sacco di cibo e piumini pesanti facevano parte della nuova tattica. Alle 2.30 del mattino abbiamo lasciato la tenda a 5500m. La neve immediatamente si è rivelata molto polverosa e non consolidata. Sfortunatamente non è mai migliorata e la salita è stata estenuante, attraverso neve profonda, stratificata a volte sopra del ghiaccio nero durissimo. Un paio di volte abbiamo pensato che fosse impossibile raggiungere la vetta. Abbiamo superato anche un paio di tiri di ghiaccio fino a 70°, ma erano facili rispetto al trascinarsi nella neve profonda. Raggiunta la cresta abbiamo finalmente avuto la sensazione che ce l'avremmo fatta. Era lunga ma meno ripida. Alle 16 abbiamo raggiunto la vetta. Che bel momento!

Il telefono satellitare gps indicava un'altezza di 5990 m, sebbene altre mappe riportino un'altezza superiore a 6000 m. Abbiamo deciso di non rischiare e siamo scesi lungo tutta la via facendo le corde doppie su soste abalakov. Avevamo portato soltanto una corda da 7,8 mm da 60 m, per cui sono state necessarie molte calate. Eravamo infreddoliti e disidratati, ma siamo riusciti a fare tutto in sicurezza. Alle una del mattino abbiamo raggiunto la nostra tenda, completamente esausti. Il giorno dopo ci siamo riposati per molte ore al sole, poi quando ha fatto più freddo siamo scesi lungo la difficile cresta fino a 5000 metri. Sapevamo che ora eravamo al sicuro. Dopo aver dormito un altro po' ci era rimasta soltanto la camminata finale fino a 3600m. È stato molto bello ritornare al campo base. Il giorno successivo il nostro tempo attorno a queste montagne era scaduto. Con il sorriso sulle labbra abbiamo lasciato la valle del Dasbar.

di Bas Visscher

La spedizione è stata aiutata da NKBV e Klimwinkel

Link: www.pakistan-expedition.com, Facebook Pakistanexpedition2018

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Nuova via di alpinisti olandesi sulla parete NE del Great Wall of China in Kirghizistan
04.12.2013
Nuova via di alpinisti olandesi sulla parete NE del Great Wall of China in Kirghizistan
Il 16/08/2013 gli alpinisti olandesi Bas Visscher, Vincent Perrin e Bas van der Smeede hanno effettuato la prima salita di Double Trouble (TD -, AI4, 800m) sull'inviolata parete nordest della Great Wall of China in Kirghizistan.
Puscanturpa Este, nuova via olandese in Perù
09.10.2012
Puscanturpa Este, nuova via olandese in Perù
Nell'agosto 2012 gli alpinisti olandesi Bas van der Smeede, Elly van der Plas, Bas Visscher, Vincent van Beek e Saskia van der Smeede hanno aperto Poco Loco, una nuova via sulla inviolata parete nord del Puscanturpa Este (5410m), Ande, Perù. Il racconto di Bas van der Smeede.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra
  • Una via per te fatta in tre
    Prima ripetizione effettuata il 3/11. Da rettificare la diff ...
    2015-11-13 / maurizio piller%20hoffer
  • Via Hruschka
    Salita il 18 marzo 2015 con Alice, Federico e Stefano. Via v ...
    2015-03-20 / Giovanni Zaccaria