Home page Planetmountain.com
Poco Loco, Puscanturpa Este (5410m), Peru. Bas van der Smeede, Elly van der Plas, Bas Visscher, Vincent van Beek e Saskia van der Smeede 08/2012
Fotografia di Bas van der Smeede
Poco Loco, Puscanturpa Este (5410m), Peru. Bas van der Smeede, Elly van der Plas, Bas Visscher, Vincent van Beek e Saskia van der Smeede 08/2012
Fotografia di Bas van der Smeede
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Puscanturpa Este, nuova via olandese in Perù

di

Nell'agosto 2012 gli alpinisti olandesi Bas van der Smeede, Elly van der Plas, Bas Visscher, Vincent van Beek e Saskia van der Smeede hanno aperto Poco Loco, una nuova via sulla inviolata parete nord del Puscanturpa Este (5410m), Ande, Perù. Il racconto di Bas van der Smeede.

“Nei mesi di luglio e agosto un team di cinque olandesi composto da me (Bas van der Smeede), Elly van der Plas, Bas Visscher, Vincent van Beek e Saskia van der Smeede si sono recati nell'estremo sud-est del Cordillera Huayhuash per tentare di aprire una nuova via sulla splendida parete est del Puscanturpa Este (5410m). Eravamo stati ispirati dagli sloveni Pavle Kozjek e Gregor Kresal che nel 2007 avevano salito la montagna e non vedevamo l’ora di aprirne una anche noi.

Dopo un lungo viaggio abbiamo raggiunto Cajatambo, un romantico paese di montagna situato a sud della Huayhuash Cordilera. Siamo arrivati durante la tradizionale festa del paese, tutti stavano festeggiando e suonando ed è stato un vero piacere rimanere lì per un paio di giorni. Abbiamo poi affrontato il trekking di due giorni e stabilito il nostro campo base a 4500m vicino ad un grande lago chiamato Laguna Viconga .

Dopo l’acclimatamento su due cime di 5000m siamo partiti presto una mattina, ma abbiamo subito scoperto che il nevaio che dava accesso alla parete vera e propria era in condizioni terribili. Con la sua consistenza simile allo zucchero, questo tratto ci ha impedito di raggiungere la parete. Così, quello stesso giorno, ci siamo fatti un giro attorno alla montagna per dare un'occhiata alla imponente, inviolata parete nord. E, non appena l’abbiamo vista, abbiamo subito deciso di tentarla.

Due giorni più tardi siamo tornati. Le prime centinaie di metri sono costituite di colonne strapiombanti senza fessure, così abbiamo iniziato salendo il primo tiro della Via Slovena. Il freddo era pungente, e soltanto io e Vincent abbiamo avuto il coraggio di tentare di proseguire, e dopo la partenza in comune con gli sloveni, abbiamo attraversato verso destra per affrontare la ripida parete nord. Nonostante il freddo, è stato un piacere salire queste colonne di granito con difficoltà attorno al VI. Ma, a circa metà via, il tempo è cambiato e anche noi abbiamo deciso di abbandonare la salita.

Il 30 luglio siamo tornati con l‘attrezzatura da bivacco per poter stare in parete tutto il tempo necessario. Il vento soffiava così forte dopo il primo tiro che le due ragazze, infreddolite fino alle ossa, hanno deciso di ritirarsi. Bas, Vincent ed io abbiamo continuato a salire il verticale granito con le mani congelate. Dopo il traverso abbiamo trovato la maniera per aggirare altre colonne strapiombanti – la sezione è gradata circa V+ - e questo ci ha portato su terreno più facile. Per evitare la roccia marcia abbiamo tentato una linea che sale dritta lunga la parete immediatamente sotto la cima, ma dopo due tiri (VI e VI+) siamo stati fermati da una sezione liscia e abbiamo dovuto salire verso sinistra per raggiungere la cresta. Questa era talmente friabile che avevamo paura di continuare, ma dopo alcuni minuti abbiamo deciso comunque di continuare. Verso le tre siamo sbucati in cima e abbiamo chiamato la via "Poco Loco" a causa della roccia pazzescamente friabile. La via è gradata VI+, TD e questa probabilmente è solto la terza salita della montagna.

Due giorni più tardi Elly e Saskia sono tornate per un altro tentativo. Questa volta non c'era vento e in 16 ore - tra andata e ritorno - hanno salito la via."

Bas van der Smeede

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli