Home page Planetmountain.com
Ines Papert ripete Ritter der Kokosnuss (M12, WI5, 165m, Robert Jasper 2013) su Breitwangflue, Kandersteg, Svizzera
Fotografia di Thomas Senf
Ines Papert ripete Ritter der Kokosnuss (M12, WI5, 165m, Robert Jasper 2013) su Breitwangflue, Kandersteg, Svizzera
Fotografia di Thomas Senf
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Ines Papert ripete Ritter der Kokosnuss alla Breitwangflue, Kandersteg

di

Il 26/01/2015 Ines Papert ha ripetuta la difficile via di ghiaccio e misto Ritter der Kokosnuß (M12, WI5, 165m) sulla Breitwangflue a Kandersteg in Svizzera.

Con il supporto di Rachel Schelb e Thomas Senf, l'ex campionessa del mondo di arrampicata su ghiaccio Ines Papert è riuscita a ripetere Ritter der Kokosnuß al suo secondo tentativo. La prima salita era stata effettuata dall'alpinista tedesco Robert Jasper nel 2013, mentre lo sloveno Dejan Koren aveva ripetuto la via a-vista il 28/02/2014. Ritter der Kokusnuss è protetta soltanto da chiodi da ghiaccio, chiodi normali e protezioni veloci.


RITTER DER KOKOSNUSS
di Ines Papert

Per due anni ho sognato di ripetere questa linea incredibilmente strapiombante. Robert Jasper ha raccontato la sua esperienza della prima salita nel cortometraggio di Hans Hornberger, le sue parole "roccia friabile" e "protezione non buone" hanno subito istillato in me grande rispetto, ma ero anche curiosa di vedere con i miei occhi le enormi stalattiti che pendevano minacciosamente da quell' erto tetto.

Finalmente dalla Svizzera ho ricevuto la tanta attesa telefonata da Rachel Schelb e Thomas Senf: le condizioni del Breitwangflue non erano ideali, ma comunque sufficientemente buone per fare un primo tentativo. Per smettere finalmente di essere ossessionata dal pensiero di questa via ho deciso di partire per Kandersteg.

La mattina del 23 gennaio 2015 Rachel Schelb ed io eravamo sotto il gigantesco tetto per iniziare a guadagnare, centimetro su centimetro, di questo impegnativo test psicologico. Mentre salivo il primo tiro di M9 si è rotta improvvisamente una presa e sono caduta dolorosamente contro uno degli enormi ghiaccioli sottostanti. Il ghiaccio si è rotto, fortunatamente la mia schiena no! Sono salita fino in sosta e poi ho affrontato il successivo tiro di M12 prima di abbandonare il mio primo tentativo. Ma nella mia mente già lo sapevo già: presto sarei tornata!

Due giorni di riposo hanno aiutato ad alleviare il dolore delle mie costole ferite e così il 26 gennaio siamo tornati, questa volta insieme al fotografo Thomas Senf. L'atmosfera era molto rilassata e durante l'avvicinamento abbiamo riso e scherzato in continuazione, nonostante il grande carico di attrezzatura fotografica di Thomas. Abbiamo anche cercato di battere il nostro record di avvicinamento – meglio non menzionare i tempi a questo punto! Eravamo talmente contenti che non c'era spazio per paure o dubbi e, spinta dagli altri due, ho iniziato la via.

Ho salito il primo tiro di M9 senza cadere, esattamente come il secondo tiro di M12 attraverso il grande tetto. Per il successivo tiro di M9 ho dovuto fare pieno affidamento nelle mie capacità di arrampicare a-vista, ma i miei piedi scivolavano dalle prese, gli agganci di piccozza non erano buoni e mi sono trovata sospesa sopra il vuoto per dei secondi, al limite delle mie forze. Ma poi, grazie alla mia grinta e determinazione, sono riuscita ad uscire dal tetto e raggiungere una sottile striscia di ghiaccio sul bordo. Seguivano alcuni movimenti delicati, poi tutto ad un tratto sono stata inghiottita in una doccia di neve fredda e ghiaccio. Ma questo non ha fatto alcuna differenza, ce l'avevo fatta, ero al sicuro, una sensazione incredibile! Da sotto, Rachel e Thomas si sono congratulati ed erano felici come me! In momenti come questi è bello sapere che sei con dei buoni amici!

Abbiamo festeggiato il mio successo con l'amica svizzera Mary Ebneter, quella sera stessa. Un'ottima cena è stata accompagnata da un sacco di tabacco e di whisky. Quest'ultimo è stato un buon allenamento per il mio prossimo viaggio in Scozia... Lì, il 21 febbraio durante il "Fort William Mountain Festival", tengo una serata e, naturalmente, andrò ad arrampicare!

Congratulazioni a Robert Jasper per questa fantastica via e il duro lavoro necessario per aprirla. Credo che le difficoltà tecniche suggerite da lui siano corrette, anche se personalmente non ho trovato le protezione così malvagie. In ogni caso, "Ritter der Kokosnuss" è da considerarsi una sfida vera e propria.

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra