Home page Planetmountain.com
Via Casarotto alla Roda di Vael, Catinaccio, Dolomiti: inizia il quinto tiro. Piccolo tetto e poi su dritti per un camino.
Fotografia di archivio Giacomo Peruffo, Giulio Diener
Via Casarotto alla Roda di Vael, Catinaccio, Dolomiti: il stupendo diedro e la terza sosta di Giulio Diener: una clessidra e quattro nut.
Fotografia di archivio Giacomo Peruffo, Giulio Diener
Via Casarotto alla Roda di Vael, Catinaccio, Dolomiti: Giulio Diener e Giacomo Peruffo all'uscita. Dietro di noi la cima della Roda di Vael. Sotto l'impressionante parete gialla dove salì Maestri.
Fotografia di archivio Giacomo Peruffo, Giulio Diener
Via Casarotto alla Roda di Vael, Catinaccio, Dolomiti: Giulio Diener con i nuts sotto la via
Fotografia di archivio Giacomo Peruffo, Giulio Diener

Come fantasmi. Pensieri effimeri su una salita trad, la via Casarotto alla Roda di Vael, Dolomiti

di

Il racconto di Giacomo Peruffo e Giulio Diener che hanno ripetuto in stile trad la via Casarotto alla Roda di Vael, Gruppo del Catinaccio, Dolomiti. Aperta nel 1978 da Renato Casarotto, Giovanni Majori e Maurizio Zappa.

Prima domenica d’agosto. Gruppo del Catinaccio. Lasciamo a Carezza gli amici Leonardo e Andrea. Loro prenderanno la seggiovia. Li aspetta una via con difficoltà che noi possiamo solo sognarci. Proseguiamo ancora er un paio di chilometri. Parcheggiamo e iniziamo a salire i 600 metri di sentiero che ci porteranno all'attacco della nostra via. Sotto a questo muro di roccia, lo sguardo non può che fermarsi sulle placche gialle della “parete rossa”. Tra i molti alpinisti che hanno lasciato un segno su questa parete quella che subito ci passa per la testa è la via di Maestri: arrampicata artificiale, 400 metri, 300 chiodi, 8 giorni.

Noi però di chiodi, oggi, non ne vedremo. O meglio, non li toccheremo. Stiamo andando a ripetere la Casarotto. La nostra vuole essere una ripetizione particolare, fatta con una certa etica. Ripercorrerla interamente a dadi, come fece Casarotto in apertura.

"Nel maggio del ‘78 aprii una via sulla Roda di Vael, nel Gruppo del Catinaccio, assicurandomi nei punti di sosta e di progressione esclusivamente con nut. Probabilmente era la prima volta che in Dolomiti, su difficoltà sostenute, veniva tracciata una via con l’impiego di dadi al posto dei chiodi".

Queste le poche parole di Renato riguardo questa linea. Aperta in una fredda giornata di maggio, insieme ai suoi due compagni, Giovanni Majori e Maurizio Zappa, che abbiamo interpellato per l’occasione. Alla base della parete c’era ancora neve. Gli apritori arrivarono all’attacco con i piedi fradici. Casarotto si era portato dietro il minimo indispensabile. Aveva lasciato a casa chiodi e martello. Anche le sue nuove EB, le scarpette a suola liscia, scoperte nel suo viaggio in Inghilterra nel 75.

Da sottolineare che Renato, grazie a queste scarpe, rivoluzionò il suo modo di arrampicare. Nello stesso anno, infatti, aprì con l’amico Pierino Radin la via del Gran Diedro sullo Spitz di Lagunaz, nelle Pale di San Lucano, pietra miliare dell’alpinismo dolomitico.

Quel giorno, dunque, sulla Roda di Vael, lasciò a casa anche loro. Le scarpette. Una volta in cima il tempo li sorprese con una forte nevicata. A tal punto che decisero di calarsi in doppia dalla parete appena salita, su clessidre o ciò che la roccia aveva di meglio da offrire. Un’impresa particolare a quei tempi.

Il giorno che scoprimmo che il grande alpinista vicentino aveva aperto una via con questo stile, ci colpì davvero molto. Fu un’esplosione per il nostro immaginario. Per questo abbiamo voluto fare la stessa cosa. Per rendere un elogio a questi alpinisti, a questo stile, usufruendo solamente dei mezzi che hanno usato a quel tempo. Forse per capire cosa avessero provato loro. Ripercorrere la strada di un nostro mito, al suo stesso modo, ci avrebbe fatto meglio comprendere quanto potessero essere forti e innovatori questi uomini, 41 anni fa.

Non ci aspettavamo un sforzo psicofisico così impegnativo. Di certo la testa ha dovuto combattere molto sugli sleghi, sulle soste a chiodi saltate, o su “quel dado”, messo più perché non si vedeva l'ultimo, che per la sua reale utilità.

Salire questi spettacolari diedri, cercando la fessura giusta, la misura adatta è stato molto faticoso. Non abbiamo mai avuto così male ai polpacci. A volte, l'equilibrio precario e il nut che non entrava, ci costringeva a rinunciare e cercare un'altra fessura, più in alto. Arrivati alla fine del tiro chiave, abbiamo saltato una bella sosta a chiodi - "chissà chi li ha messi", è stato il nostro primo pensiero - e iniziato ad allestire la nostra sosta. "La più bella che abbia mai realizzato" - ha esclamato Giacomo. Cinque dadi, di cui due tensionati con dei nodi a pacco. Con attenzione è stata messa in tensione, per iniziare a recuperare il compagno.

Una cosa che abbiamo imparato sin da piccoli è quella di guardarsi indietro, ripercorre i passi appena fatti. E soprattutto il paesaggio che ci circonda. Una volta che inizi ad arrampicare è automatico. Guardi il compagno che sale, i suoi movimenti e come affronta il passo. Poi lo sguardo si alza, per assaporare la visione che la montagna ti porge.

Quel giorno, però, sulla Roda, i nostri occhi sono stati straziati. Avremmo voluto tornare indietro a 40 anni fa. Non riuscivamo a trovare niente di bello. Le guglie del Latemar erano coperte da una coltre di nuvole. Alle sue pendici, sotto i ghiaioni, scorgevi il bosco. Un bosco rasato. Ma non è stato Vaia. Sono delle linee nette fatte dall'uomo per le piste da discesa. Intorno, invece, dei laghi d'acqua. O meglio, dei bacini artificiali. Alcuni già in funzione, altri in pieno cantiere. Tanto i boschi, gli alberi, sono appena stati abbattuti dalla tempesta! Cosa vuoi farci se non un raccoglitore d'acqua per i nostri cannoni sparaneve?

Con la via di Renato per un po’ ci siamo immersi nel passato, dove non esistevano funivie o spit. Forse per questo ci affascina questo tipo di alpinismo e di ripetizioni. Ci piace ripercorre silenziosi le tracce di vecchi alpinisti. Ci piace lasciare meno tracce possibili del nostro passaggio. Ci piace essere come fantasmi.

Nota storica. Sulla persona che è stata Renato ci sarebbe molto da dire. Ma tre anni fa, sempre in occasione della ripetizione dello stesso itinerario, è nato questo stupendo articolo di Alberto Peruffo, padre di Giacomo, che ha in qualche modo ispirato la salita, pubblicato per la prima volta su LE ALPI VENETE e poi ripreso da GognaBlog

Giacomo e Giulio, ottobre 2019

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Via Casarotto alla Roda de Vael, invernale per Biserni e Tiezzi
04.02.2016
Via Casarotto alla Roda de Vael, invernale per Biserni e Tiezzi
Il 23 gennaio 2016 Jacopo Biserni e Paolo Tiezzi hanno ripetuto la Via Casarotto alla Roda de Vael (Gruppo del Catinaccio, Dolomiti) effettuando quella che potrebbe essere la prima salita invernale di questa via alpinistica aperta nel 1978 da Renato Casarotto, Giovanni Majori e Maurizio Zappa.
Via Casarotto alla Roda di Vael: il moderno e il vecchio di Ivo Ferrari
24.06.2013
Via Casarotto alla Roda di Vael: il moderno e il vecchio di Ivo Ferrari
Ivo Ferrari: quello che in alpinismo è "vecchio" e quello che è "moderno"; riflessioni percorrendo la Via aperta nel 1978 da Renato Casarotto, Giovanni Majori e Maurizio Zappa sulla parete Ovest della Roda di Vael (Gruppo del Catinaccio, Dolomiti).
Renato Casarotto e il trittico del Freney, un'avventura e un alpinismo irripetibili
31.01.2015
Renato Casarotto e il trittico del Freney, un'avventura e un alpinismo irripetibili
Esattamente 32 anni dopo la partenza di Renato Casarotto per il grande viaggio sul trittico del Freney (Monte Bianco), Ivo Ferrari ricorda il grande alpinista italiano.
Cervino, Via Casarotto - Grassi al Pic Tyndall per Farina, Cazzanelli e Ferraris
26.11.2012
Cervino, Via Casarotto - Grassi al Pic Tyndall per Farina, Cazzanelli e Ferraris
Nel week-end del 17-18/11/2012 Marco Farina, François Cazzanelli e Roby Ferraris hanno effettuato una veloce e bella ripetizione della via aperta da Renato Casarotto e Gian Carlo Grassi nel 1983 sulla Parete Sud del Cervino che esce sul Pic Tyndall (ED / 1300mt ). Si tratta della probabile terza ripetizione della via dopo quella di Barmasse-Cazzanelli-Tamone nel Febbraio 1984 e di Hervé Barmasse nel 2000. Il report di Marco Farina.
Via Casarotto a Cima Civetta in solitaria
04.10.2011
Via Casarotto a Cima Civetta in solitaria
Martedi 30 agosto 2011 Fabrizio della Rossa ha realizzato la probabile prima solitaria e una delle pochissime ripetizioni della via Casarotto a Cima Civetta 3.220m (Dolomiti).
30.09.2003
Renato Casarotto
Lo scorso agosto, i movimenti del ghiacciaio De Filippi (K2) hanno riportato in superficie, il corpo del grande alpinista Renato Casarotto.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni