Home page Planetmountain.com
Salendo il Canalone Ovest del Campanile Basso, Dolomiti di Brenta (Piero Onorati, Francesco Salvaterra 15/11/2020)
Fotografia di Francesco Salvaterra
Salendo il Canalone Ovest del Campanile Basso, Dolomiti di Brenta (Piero Onorati, Francesco Salvaterra 15/11/2020)
Fotografia di Francesco Salvaterra
Salendo il Canalone Ovest del Campanile Basso, Dolomiti di Brenta (Piero Onorati, Francesco Salvaterra 15/11/2020)
Fotografia di Francesco Salvaterra
Salendo il Canalone Ovest del Campanile Basso, Dolomiti di Brenta (Piero Onorati, Francesco Salvaterra 15/11/2020)
Fotografia di Francesco Salvaterra

Campanile Basso e il Canalone Ovest nelle Dolomiti di Brenta

Tra la parete ovest del torrione Comici e lo spallone del Campanile Basso si trova il profondo canalone Ovest, poco invitante in estate ma molto interessante in inverno. Il report della guida alpina Francesco Salvaterra che l’ha salito in veste invernale il 15 novembre insieme a Piero Onorati.

Tra la parete ovest del torrione Comici e lo spallone del Campanil Basso si trova un profondo canalone. E’ in bella vista ma ha un aspetto assolutamente orrido e poco invitante, incastrato tra gli enormi strapiombi della parete nord del Basso, con roccia che si immagina facilmente molto friabile o bagnata ed esposto alle scariche. Un trafiletto della guida di Gino Buscaini conferma l’impressione: viene descritto come profondissima e orrida gola rocciosa, che è stata percorsa in discesa ma assolutamente sconsigliabile.

Già da un pò pensavo di metterci il naso in inverno, quando il ghiaccio ferma i blocchi instabili e la neve ricopre gli ammassi di ghiaia. Domenica 15 novembre, con questo autunno con neve solo in quota e dopo un lungo periodo di bel tempo io e Piero Onorati ci siamo decisi a metterci il naso.

E’ stata una gita mondiale e l’itinerario è veramente interessante e consigliabile, l’arrampicata è divertente e varia, mai estrema ma nemmeno banale. Si trovano molti tratti di neve facile, passaggi di misto anche faticosi per superare blocchi e diedrini, un muretto di ghiaccio ripido. La location e l’ambiente sono mozzafiato e siamo certi che potrebbe diventare una classica di alpinismo invernale. E’ possibile che anche in inverno sia stato percorso in precedenza, ma per il momento non abbiamo nessuna info in merito.

Lungo il canale abbiamo attrezzato tutte le soste in punti riparati con fix e chiodi, si scende in doppia comodamente. La relazione descrive condizioni di scarso innevamento, con più neve la difficoltà può cambiare parecchio (probabilmente più facile) e non è detto che tutte le soste restino scoperte. Non è una salita da fare con più cordate impegnate: la parte altra presenta numerosi tratti friabili che non disturbano granché la scalata (le soste sono riparate) ma far cader qualche sasso su chi sale è molto facile.

Fin dallo studio delle fotografie che avevo in archivio ho trovato una somiglianza tra questa striscia di neve che lambisce il torrione più bello del Brenta e una linea di ghiaccio che si trova sulla sinistra della parete est del Cerro Torre. Los Tiempos Perdidos è una via di 900 metri, classificata 90°M5 che parte dal tribolato Glaciar Adela e raggiunge il colle della Speranza. E’ stata aperta dal francese François Marsigny insieme all’inglese Andy Parkin nel 1994, e la salita ha valso ai due il Piolet d’or.

La stessa storia della prima salita è molto affascinante: il progetto iniziale dei due era infatti di connettersi alla Via dei Ragni per proseguire in cima al Torre e scendere poi dalla cresta Est. Raggiunta per una linea indipendente (mai più seguita) la prossimità dell’Helmo però, per sopraggiunto maltempo dovettero desistere scendendo al circolo de Los Altares, sul versante ovest della montagna. Non conoscevano quel versante e, persi nella tempesta superarono il Passo del Viento, unico collegamento verso El Chalten. La loro avventura finì fortunosamente una settimana dopo, quando raggiunsero Bahia Tunel molto più magri e senza più attrezzatura, abbandonata durante la fuga per la vita. Ho sempre pensato che questa via, concatenata con la Via dei Ragni fino in vetta al Cerro Torre, rappresenta nel mio immaginario la linea di ghiaccio più bella del mondo.

Accesso: Dal rifugio Brentei si prende la diagonale che porta alla bocca di Brenta, il canale è ben visibile sulla sinistra dello spallone del Basso.

Materiale: due corde da 60m, una serie di friends al #2, 2-3 viti da ghiaccio, eventualmente qualche chiodo da roccia.

di Francesco Salvaterra

SCHEDA: Canalone Ovest, Campanile Basso, Dolomiti di Brenta

Salvaterra ringrazia per il supporto: Ferrino, Climbing Technology, Salice

Info: www.francescosalvaterra.comFB Francesco Salvaterra

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Canale del Boomerang sul Monte Fibion nelle Dolomiti di Brenta
18.01.2020
Canale del Boomerang sul Monte Fibion nelle Dolomiti di Brenta
Il 05/12/2019 Martin Giovanazzi e Vincenzo Mascaro hanno effettuato una probabile prima discesa sul versante NE del Monte Fibion nelle Dolomiti di Brenta, da loro chiamato Canale del Boomerang.
L'Enfant (Terribile), nuova discesa dalla Cima Termoncello, Dolomiti di Brenta
23.12.2019
L'Enfant (Terribile), nuova discesa dalla Cima Termoncello, Dolomiti di Brenta
Sul versante O-NO della Cima Termoncello (Sottogruppo della Campa) nelle Dolomiti di Brenta, Andrea Cozzini, Alberto Ferrazza, Claudio Lanzafame e Marco Maganzini hanno sciato una probabile nuova discesa da loro chiamata L’Enfant (Terribile). Il report di Lanzafame.
Dolomiti di Brenta, Sfulmini Ski per Roberto e Luca Dallavalle
10.12.2019
Dolomiti di Brenta, Sfulmini Ski per Roberto e Luca Dallavalle
Il report di Luca Dallavalle che domenica 8, insieme a suo fratello Roberto, ha sciato una linea ardita sul versante ovest degli Sfulmini nella Brenta Centrale, tra la Torre di Brenta e il Campanile Alto.
Campanile Basso, nuova via Destràni nelle Dolomiti di Brenta
07.11.2019
Campanile Basso, nuova via Destràni nelle Dolomiti di Brenta
Sulla parete nord del Campanile Basso nelle Dolomiti di Brenta Alessandro Beber, Gianni Canale e Matteo Faletti hanno aperto Destràni, una nuova via d’arrampicata tra lo Spigolo Graffer e la Via Maestri Claus.
Castello di Vallesinella e la nuova falesia di misto Francesco Cancarini in Dolomiti di Brenta
03.01.2019
Castello di Vallesinella e la nuova falesia di misto Francesco Cancarini in Dolomiti di Brenta
La nuova falesia di misto e drytooling sotto la cascata di ghiaccio Principessa al Castello di Vallesinella nelle Dolomiti di Brenta, sviluppata dalle guide alpine Massimo Faletti e Andrea Speziali, con l'aiuto di Francesco Nardelli e Giuseppe Michelon.
Cima Tosa, Dolomiti di Brenta: la nuova via di Migliorini e Parolari
18.03.2019
Cima Tosa, Dolomiti di Brenta: la nuova via di Migliorini e Parolari
Il report di Claudio Migliorini e Roberto Parolari che a fine dicembre 2018 hanno aperto 'L'anima del lupo', una nuova via di ghiaccio e misto alla Cima Tosa, Dolomiti di Brenta
Cima Mandron in Dolomiti di Brenta, prima discesa per Roberto e Luca Dallavalle
20.02.2019
Cima Mandron in Dolomiti di Brenta, prima discesa per Roberto e Luca Dallavalle
Il 16/02/2019 Roberto Dallavalle e suo fratello Luca hanno effettuato la prima discesa con gli sci della parete sud di Cima Mandron nelle Dolomiti di Brenta.
Dolomiti di Brenta: sulla Cima Brenta la nuova via invernale Tigersoft
04.01.2019
Dolomiti di Brenta: sulla Cima Brenta la nuova via invernale Tigersoft
Alpinismo Dolomiti di Brenta: il report di Simone Banal che insieme a Fabrizio Dellai e Marco Zanni ha aperto Tigersoft, una nuova via invernale sulla parete nord di Cima Brenta.
Tomas Franchini in solitaria apre Solo il Matto sullo Spallone dei Massodì, Dolomiti di Brenta
31.12.2018
Tomas Franchini in solitaria apre Solo il Matto sullo Spallone dei Massodì, Dolomiti di Brenta
Alpinismo in Dolomiti di Brenta: il 19 dicembre 2018 Tomas Franchini, arrampicando in solitaria, ha aperto Solo il Matto sullo Spallone dei Massodì (3004m).
Filo d'Ambiez alla Cima d'Ambiez, nuova direttissima invernale in Dolomiti di Brenta
25.12.2018
Filo d'Ambiez alla Cima d'Ambiez, nuova direttissima invernale in Dolomiti di Brenta
Il racconto di Gianni Canale che in Dolomiti di Brenta il 14 dicembre 2018 insieme a Demis Lorenzi e Aldo Mazzotti ha aperto Filo d'Ambiez sulla parete nord-ovest di Cima d'Ambiez. La nuova via di arrampicata di misto è sostanzialmente la direttissima della via Passaggio Solista, aperta da Tomas Franchini in solitaria nel maggio del 2013.
Campanile Basso: primo Base Jump per Maurizio di Palma - il video
14.09.2015
Campanile Basso: primo Base Jump per Maurizio di Palma - il video
Il 9 settembre 2015 Maurizio di Palma ha compiuto il primo BASE jump dal Campanile Basso (2877m, Dolomiti di Brenta). Il video del salto e il report di Luca Tamburini
03.02.1999
100 Anni del Campanile Basso
Le foto del Campanile Basso saranno raccolte in un numero speciale del Bollettino della SAT

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock