Home page Planetmountain.com
Siebe Vanhee, Max Didier, Austin Siadak e Ian Siadak sul pilastro Puerto Pilla durante la prima libera della loro via Bailando con la Lluvia su Pared de La Plata sopra Valle de la Plata in Patagonia, Cile, febbraio 2020
Fotografia di Austin Siadak
Max Didier assicurato da Siebe Vanhee durante l'apertura di Bailando con la Lluvia, una big wall di 700m su Pared de La Plata sopra Valle de la Plata in Patagonia, Cile. La via è stata aperta insieme a Austin Siadak e Ian Siadak
Fotografia di Austin Siadak
Pared de La Plata sopra il lago Laguna de la Plata in Valle de la Plata, Patagonia. Tentata nel 2014 da Tola Señoret, Juan Señoret, Mike Sanchez e Sebastian Schmidt, è stata salita per la prima volta da Siebe Vanhee, Max Didier, Austin Siadak e Ian Siadak nel febbraio 2020 lungo la loro via Bailando con la Lluvia
Fotografia di Austin Siadak
Il tracciato di Bailando con la Lluvia (700m, 7a) su Pared de La Plata, Valle de la Plata, Patagonia, Cile, aperta nel febbraio 2020 da Max Didier, Austin Siadak, Ian Siadak e Siebe Vanhee. La nuova via condivide due tiri con un tentativo effettuato nel 2014 da Tola Señoret, Juan Señoret, Mike Sanchez e Sebastian Schmidt
Fotografia di Austin Siadak

Big wall in Patagonia aperta da Vanhee, Didier e Siadak

di

Una impegnativa spedizione nel febbraio 2020 nella Valle de la Plata, nella Patagonia settentrionale cilena, ha fruttato a Max Didier, Austin Siadak, Ian Siadak e Siebe Vanhee 'Bailando con la Lluvia', una big wall di 700 metri sulla parete ovest del Pared de La Plata. Dopo aver raggiunto la cima in arrampicata artificiale, il team è tornato per aggiungere una variante in libera con difficoltà fino al 7a. Il report di Vanhee.

Max Didier, Austin Siadak, Ian Siadak e io avevamo deciso di trascorrere il febbraio 2020 nella giungla e su granito inesplorato. Ci eravamo conosciuti l'anno scorso a El Chaltén in Patagonia e il nostro ambizioso piano era di esplorare alcune pareti di granito inviolate nella provincia di Palena, nel nord del Cile. Max aveva scovato alcune pareti sconosciute su Google Earth nella Valle Alerce. Eravamo motivati ​​e preparati per un’avventura in parete, e questa ci sembrava esattamente quello che stavamo cercando: una grande parete mai salita prima e l’opportunità di arrampicare e passare un po’ di tempo con gli amici sui nostri portaledge. Prima di decidere abbiamo investito una giornata ad esplorare la valle, ma mentre la Valle Alerce era davvero selvaggia e aveva un sacco di roccia a disposizione, non ha toccato le corde giuste in noi: troppa giungla e pareti forse non sufficientemente ripide. Un po’ delusi, ma con un piano B in mente, abbiamo deciso di tornare alla civiltà e considerare le nostre opzioni.

Vicino alla Valle Alerce si trova un'altra valle chiamata Valle de la Plata che conduce ad una grande parete chiamata Serania Avalancha. Questa era stata precedentemente salita da Mariana Gallego, Martin Molina e Luis Molina nel 2007, mentre nel 2012 Silvia Vidal aveva aperta in solitaria Espiadimonis (A4/6b, 1500m). Nonostante le loro salite non siamo riusciti a trovare molte informazioni né sull'avvicinamento, né sulla parete né sulla zona in generale. Tuttavia abbiamo deciso di tentare la sorte nella Valle de la Plata e dare un'occhiata a questa mitica parete di Serrania Avalancha.

Leggendo il report di Silvia, sapevamo che l’avvicinamento era di soli 8 chilometri. Breve, ma piuttosto difficile a causa della giungla e della selvaggia salita lungo il fiume. Ben presto ne abbiamo trovato conferma. Dopo solo 1 ora ci siamo imbattuti in una fitta giungla ed un fiume con molte cascate; camminare lungo il letto del fiume si è rivelato impossibile. Sono seguiti altri cinque giorni impegnativi, durante i quali abbiamo usato i nostri machete come il noto conduttore televisivo Bear Grylls. Abbiamo strisciato con mani e ginocchia, abbiamo attraverso il fiume - a volte molto profondo - spesso lottando contro forti correnti. L'obiettivo di arrampicare durante quella finestra di bel tempo di 7 giorni è svanito mentre conquistavamo sempre più attraversamenti del fiume con i bambù. Improvvisamente raggiungere Laguna de la Plata, l'enorme lago alla base della parete, ci sembrava un grande obiettivo.

Dopo sei giorni abbiamo finalmente raggiunto la laguna. Con nostra grande sorpresa abbiamo visto emergere dal lago non soltanto la famosa parete Serrania Avalancha; di fronte a Serrania abbiamo visto una bellissima parete bianca piena di evidenti fessure che la solcavano. Questa parete non solo sembrava più bella, ma sembrava anche più asciutta. Era anche meno probabile che si trasformasse in una moltitudine di cascate infuriate quando le piogge sarebbero iniziate. Dato che il maltempo era stato previsto e con ormai pochi giorni a disposizione a causa del lungo avvicinamento, abbiamo deciso di tentatare questa parete "opposta", più piccola ma molto accattivante.

I primi 3 dei nostri 8 giorni di campeggio sotto la parete li abbiamo trascorsi ad arrampicando per raggiungere la cima. Corde fisse sono state utilizzate per progredire prima di ritornare al campo base. Abbiamo battezzato la cima e la parete Pared de la Plata, mentre abbiamo chiamato la nostra via Bailando con la Lluvia (Ballando con la pioggia). Questo nome si riferisce alla difficoltà che abbiamo incontrato arrampicando tra le cortine di pioggia che hanno trasformato le pareti in cascate infuriate. Ci siamo intrufolati ovunque per raggiungere quella vetta in una giornata molto grigia e con tempo instabile, mentre nuvole minacciose e piccole perturbazioni incombevano costantemente sopra di noi.

Durante la discesa abbiamo deciso di lasciare le corde statiche fisse per tornare all’ottavo tiro, ovvero alla cima di un incredibile pilastro incastrato in un grande diedro. Durante la nostra prima salita avevamo salito la linea più evidente ma il 10° e 12° tiro non erano stati saliti in libera a causa dell’acqua, del fango e del muschio nelle fessure. Scendendo abbiamo notato una variante più pulita a sinistra e questo ci ha motivato a tornare per riprovare una salita completamente in libera. Dopo un giorno di pioggia e cascate a go go si è presentata una vera finestra di bel tempo di 5 giorni. Questa era la nostra occasione, era ciò per cui eravamo venuti fino a qui. Abbiamo preparato tutto il materiale necessario per la big wall e abbiamo spostato il nostro campo avanzato in parete, in cima a quello che avevamo soprannominato Puerto Pillar.

Il successivo giorno e mezzo è stato speso per aprire la variante in libera. È stato necessario soltanto uno spit, piantato a mano, per attraversare a sinistra e raggiungere un altro diedro sul 10° tiro. Era proprio questa la bellissima arrampicata in libera che stavamo cercando. Bailando con la Lluvia ha quindi una versione originale in artif (7a/A2, 16 tiri, 700m) ed una variante in libera a sinistra (7a, 16 tiri, 700m). La prima salita è stata effettuata in team ed è durata diversi giorni.

Le due notti in parete sono state sicuramente il punto culminante del viaggio, il contrasto tra le giornate di forte pioggia e il tempo stabile ci ha fatto assaporare ancora di più questi ambienti selvaggi! Sfortunatamente però non siamo riusciti a goderci il tempo in parete per molto. Poiché il ritorno a valle si sarebbe rivelato impossibile con la pioggia ed i fiumi ingrossati, abbiamo dovuto approfittare degli ultimi due giorni di bel tempo ed iniziare il rientro subito dopo la nostra discesa al campo base. Nei due giorni successivi, sapendo dove attraversare il fiume, conoscendo il sentiero nella giungla e usando ogni trucco possibile, siamo riusciti a trasportare tutto il nostro materiale a Rio Avalancha e attraversarlo per tornare al nostro punto di partenza.

Questa è stata una spedizione molto impegnativa, sono felice di averla condivisa con gli amici con i quali mi sento a mio agio e al sicuro. Questi sono gli ingredienti chiave per diventare una squadra solida e per raggiungere obiettivi concreti, cosa che siamo riusciti a fare. Grazie quindi Max, Austin e Ian, per tutti i buoni momenti, le chiacchierate, la motivazione giusta.

Mille grazie a tutti i locali di Chaíten e Puerto Cárdenas per l'aiuto nella logistica. Un grande ringraziamento al gaucho locale Pierre Angelo che ci ha aiutato ad attraversare Rio Avalancha a cavallo durante il nostro primo giorno. E grazie anche a Rolando Garibotti per il preciso bollettino meteorologico, fondamentale per quel minaccioso giorno in vetta!

Siebe Vanhee, marzo 2020

Links: FB Siebe Vanheewww.siebevanhee.beLa SportivaPetzlThe North Facewww.austinsiadak.com

Nota: La Pared de la Plata era stata tentata per la prima volta nel 2014 da Tola Señoret, Juan Señoret, Mike Sanchez e Sebastian Schmidt ma sebbene abbiano salito quattordici tiri, ritirandosi appena al di sotto della fine delle difficoltà, la montagna era rimasta illibata. Bailando con la Lluvia di Siebe Vanhee, Max Didier, Austin Siadak e Ian Siadak ha in comune alcuni parti (due tiri) con quel tentativo del 2014.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Espiadimonis, nuova via di Silvia Vidal sul Serrania Avalancha, Patagonia
16.04.2012
Espiadimonis, nuova via di Silvia Vidal sul Serrania Avalancha, Patagonia
A febbraio e marzo 2012 l'alpinista spagnola Silvia Vidal ha aperto in solitaria la via Espiadimonis (A4/6b, 1500m) sulla parete Serrania Avalancha nella Patagonia cilena.
Siebe Vanhee libera varie big wall nella Valle Cochamó e Valle la Luz in Cile
04.02.2020
Siebe Vanhee libera varie big wall nella Valle Cochamó e Valle la Luz in Cile
L’alpinista belga Siebe Vanhee racconta delle sue salite su tre big wall nella Valle de Cochamó nella Patagonia cilena: le ripetizioni di ‘Sundance' sul Cerro Trinidad con Diego Diazaguilera e 'El Condor Pasa' sul Trinidad Central con Max Didier, e l’apertura di 'Jardines de Piedras' su Cerro la Sombra nella Valle la Luz insieme a Didier e Ian Siadak.
Silbergeier per Siebe Vanhee in Rätikon
29.08.2019
Silbergeier per Siebe Vanhee in Rätikon
Il 27 agosto 2019 climber belga Siebe Vanhee ha ripetuto Silbergeier, capolavoro d’arrampicata in Rätikon di Beat Kammerlander.
Anche Siebe Vanhee è Yeah Man sul Gastlosen in Svizzera
16.08.2019
Anche Siebe Vanhee è Yeah Man sul Gastlosen in Svizzera
Il climber belga Siebe Vanhee ha ripetuto Yeah Man, la difficile via di più tiri sulla cima Gran Pfad nel gruppo montuoso del Gastlosen in Svizzera.
Spazzacamino alla Terza Pala di San Lucano in Dolomiti per Siebe Vanhee e David Leduc
28.07.2019
Spazzacamino alla Terza Pala di San Lucano in Dolomiti per Siebe Vanhee e David Leduc
Alla Terza Pala di San Lucano (Pale di San Lucano, Dolomiti) gli alpinisti belgi Siebe Vanhee e David Leduc hanno aperto Spazzacamino, una nuova via d’arrampicata che prevede un bivacco in parete.
In Patagonia una nuova via d'arrampicata di Siebe Vanhee e Sean Villanueva O'Driscoll
30.03.2018
In Patagonia una nuova via d'arrampicata di Siebe Vanhee e Sean Villanueva O'Driscoll
Il report di Siebe Vanhee di El Matédor, una nuova via d’arrampicata aperta insieme a Sean Villanueva O'Driscoll sulla parete est di Aguja Desconocida in Patagonia.
Don Quixote, con tre gambe ed una protesi sulla sud della Marmolada. Di Siebe Vanhee
26.07.2017
Don Quixote, con tre gambe ed una protesi sulla sud della Marmolada. Di Siebe Vanhee
Il racconto del climber belga Siebe Vanhee che lo scorso weekend ha salito la via Don Quixote sulla parete sud della Marmolada in Dolomiti assieme al paraclimber Frederik Leys. Aperta da Heinz Mariacher e Reinhard Schiestl nel 1979, la via è considerata una classica e tra le più ripetute della parete.
Sean Villanueva & Siebe Vanhee e la loro difficile via d'arrampicata in Madagascar
02.04.2017
Sean Villanueva & Siebe Vanhee e la loro difficile via d'arrampicata in Madagascar
Il video MAD in Madagascar che documenta la prima salita della via di più tiri Fire in the Belly sul Tsaranoro Atsimo in Madagascar, aperta nel 2015 da Sean Villanueva e Siebe Vanhee.
Torri del Paine, i belgi Favresse, Vanhee e Villanueva si aggiudicano una nuova prima libera in Patagonia
23.02.2017
Torri del Paine, i belgi Favresse, Vanhee e Villanueva si aggiudicano una nuova prima libera in Patagonia
Dopo 19 giorni di arrampicata in parete, Nicolas Favresse, Sean Villanueva O'Driscoll e Siebe Vanhee hanno effettuato la prima libera di El Regalo de Mwono sulla parete est della Torre Centrale del Paine, Patagonia. Questa via di 1200m era stata aperta tra il 1991/1992 da Paul Pritchard, Simon Yates, Sean Smith e Noel Craine con difficoltà fino a VI, 5.10, A4.
Video: Aguja Frey e la via Sifuentes - Monti per Sean Villanueva e Siebe Vanhee
07.05.2015
Video: Aguja Frey e la via Sifuentes - Monti per Sean Villanueva e Siebe Vanhee
Il video della seconda e la terza salita in libera della via Sifuentes - Monti a Frey, Bariloche, Patagonia, Argentina da parte di Sean Villanueva e Siebe Vanhee.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock