Home page Planetmountain.com
Fior di Vite (800m, 90°, M5, 7a), Arwa Spire (6193m), India. Prima libera: Roger Schäli e Simon Gietl 28/09/2012
Fotografia di archive Roger Schäli
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Arwa Spire, Roger Schäli e Simon Gietl liberano Fior di Vite

di

Nel settembre 2012 Roger Schäli e Simon Gietl hanno effettuato la prima libera di Fior di Vite (800 m, 90°, M5, 7a) sull’Arwa Spire (6193m), Himalaya, India. La via era stata aperta nel 2002 dallo stesso Schäli insieme a Hasler e Harvey.

Nel 2002 gli alpinisti svizzeri Stephan Harvey, Bruno Hasler e Roger Schäli si erano recati nel Garhwal Indiano dove avevano aperto Fior di Vite, una nuova linea di 800 metri con difficoltà fino a 90° VI+ e A2, sulla parete nord dell' Arwa Spire. Raggiungere la vetta di 6193m era stato un enorme successo, ma evidentemente a Schäli l’idea di aver salito con l’uso dell’artificiale è rimasto come un fatto irrisolto nella memoria, tanto che nel 2012 è tornato assieme all'altoatesino Simon Gietl per tentare di liberare la via. Prima di iniziarla però, la spedizione è stata colpita da una tragedia: il loro amico e cameraman Daniel Ahnen è caduto in un profondo crepaccio e tutti gli sforzi di soccorso si sono rivelati inutili. La spedizione è stata abbandonata, e per gli alpinisti nei difficili mesi che seguirono questo incidente il colpo è stato durissimo da affrontare.

Lo scorso settembre però, Schäli e Gietl sono tornati all' Arwa Spire con un piccolo team composto dalla  guida alpina Andrea Di Donato, il fotografo Frank Kretschmann e la compagna di Schäli, Yuri Kato, ancora una volta per tentare la vetta ma anche e soprattutto per dare l'addio ad Ahnen.

Il meteo è stato eccezionale e i quattro hanno velocemente stabilito il campo base avanzato a 5400m e, dopo aver fissato le corde sul nevaio iniziale, il 28 settembre Schäli e Gietl sono partiti alle 4:00 del mattino. Arrampicando velocemente ed in libera sulla ripida e freddissima parete nord, i due hanno superato tratti di 7a su roccia e M5 su misto a 6000m di quota, per raggiungere la vetta alle 15.00. In quello che si è rivelato un momento toccante i due hanno lasciato in cima una collana in onore del loro amico, poi sono rapidamente scesi e rientrati lo stesso giorno al loro campo base avanzato.

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra
  • Vento di passioni
    Una salita dal carattere alpinistico, dove bisogna protegger ...
    2021-03-08 / Francesco Salvaterra
  • Diedro Fouzigora
    Linea splendida, scalata di soddisfazione, tecnica e brevi t ...
    2020-08-07 / Alberto De Giuli
  • Tempi moderni
    Domenica 28/06 abbiamo fatto un tentativo su Tempi Moderni ( ...
    2020-06-30 / Livio Carollo