Home page Planetmountain.com
Stefan Scarperi sul terzo boulder nella finale del Campionato Europeo di Boulder a Innsbruck
Fotografia di IFSC
Stefan Scarperi durante il Campionato Europeo Boulder 2015 a Innsbruck
Fotografia di archivio Stefan Scarperi
Stefan Scarperi durante la finale del Campionato Europeo Boulder 2015 a Innsbruck
Fotografia di archivio Stefan Scarperi
INFORMAZIONI / informazioni e collegamenti:

Stefan Scarperi e il suo bronzo nel Campionato Europeo Boulder a Innsbruck

di

Intervista al climber della nazionale italiana Stefan Scarperi che il 16 maggio 2015 a Innsbruck in Austria si è aggiudicato la medaglia di bronzo nei Campionati Europei di arrampicata Boulder.

Ci ha fatto sognare Stefan Scarperi, il ragazzo di Appiano vicino a Bolzano che due sabato fa, ai Campionati Europei di Boulder a Innsbruck, ha conquistato un grande terzo posto. Una medaglia importante, sia per l'Italia (che dai tempi di Mauro Calibani - Winterthur 2001, Chamonix 2002, Christian Core - Winterthur 2001, Chamonix 2002, Chamonix 2003 e Gabriele Moroni - Lecco 2004) non festeggia più un risultato così importante in un Campionato), sia per Scarperi che inaugura così alla grande la nuova stagione agonistica e conferma il suo talento che, quasi in sordina, l'ha visto primeggiare l'anno scorso in Coppa Italia Boulder e Campionato Italiano Boulder.

Nelle qualifiche e nella semifinale Scarperi ha gettato le basi, nella finale invece il 24enne non si è fatto intimorire dagli avversari e dalla difficile partenza, con solo una zona sul primo boulder ed un nulla di fatto sul secondo... sul terzo boulder poi ha fatto un piccolo miracolo, tenendo l'impossibile per arrivare, soltanto lui, al top che gli è valso il bronzo, dietro a Jan Hojer e Adam Ondra e davanti a Jakob Schubert, Martin Stranik e Alexey Rubtsov.


Stefan, con che aspettative sei andato a Innsbruck?

Con nessuna aspettativa, volevo entrare in semifinale e poi vedere come andava a finire. Era la prima gara della stagione: normalmente a me serve come test per vedere se il corpo è in forma, e devo dire che sì, non mi sarei mai aspettato di entrare in finale e poi di andare sul podio.

Come interpreti questo bronzo, punto di arrivo o più punto di partenza?
Direi un punto di partenza perché la stagione è appena iniziata. Nel prossimo mese mi tocca volare da una parte del mondo all’altra. Da Toronto a Vail poi a Chongquing e a Hayang. Questo periodo è molto stressante e sempre una dura prova per il corpo.

Hai detto che talvolta la fortuna è dalla tua parte e ti sei ritrovato sul podio.
Diciamo che dietro tutto c’è una preparazione che dura degli anni, ma alla fine è sempre la fortuna che conta. Negli ultimi anni ho fatto molte gare internazionali e ho notato che nel boulder non esiste un campione assoluto, in quasi ogni tappa vince un’altra persona e questo fa il boulder così interessante.

In che ambiente hai i maggiori stimoli per la tua crescita?
Direi proprio da me stesso. E’ da tre anni che mi sto allenando duramente e seriamente, provando vari allenamenti sul mio corpo. Forse ho trovato un buon compromesso tra lavoro e allenamento per quest’anno.

Lavori anche come tracciatore al Salewa Cube. E' di aiuto per le gare?
Il ruolo di tracciatore mi aiuta qualche volta a capire i blocchi e a capire cosa ha pensato il tracciatore. Fisicamente il ruolo di tracciatore è un lavoro durissimo però che devo integrare nel mio allenamento, altrimenti vado in sovraccarico.

Quanto individualismo e quanto squadra?
Io sono molto individualista anche perché in Italia purtroppo non esiste una squadra, facciamo tutto da soli e poi ci rivediamo sempre alle gare.

Come strutturi la tua settimana tipo?
Dipende dal periodo. Diciamo tre settimane mi alleno e una settimana lavoro e due volte a settimana ho un corso con i bambini. In alternativa quando mi alleno o faccio un giorno di scalata e un giorno di pesi e avanti così.

Cosa ti serve in più in questo momento per progredire?
Diciamo che ho trovato il giusto equilibrio tra lavoro e allenamento. Sinceramente non saprei in cosa dovrei migliorare, quello si vedrà a fine stagione.

Ultima domanda: ci racconti quel magico terzo blocco?
Quando l’ho visto sapevo che era il mio stile. All’inizio non sapevo come risolverlo ma poi lentamente ho capito. Quando ho quasi tenuto la zona e poi sono caduto sapevo che si faceva. Ho riposato bene e poi ho fatto un ultimo tentativo ed sono arrivato al top, come una magia. La folla era impazzita ma io non avevo neanche capito cosa avevo realizzato. Dopo il quarto blocco sono uscito dall’isolamento e ho guardato sul tabellone la classifica. In quel momento ho realizzato che ero terzo e che avevo centrato un mio grande sogno.


19/05/2015 - Campionato Europeo Boulder a Innsbruck - il report completo
Il report completo dei Campionati Europei di Boulder tenutasi ad Innsbruck in Austria tra il 14 e il 16 maggio e vinti dai tedeschi Jan Hojer e Juliane Wurm. Mentre Adam Ondra e Anna Stöhr si sono aggiudicati la medaglia d’argento, Stefan Scarperi e Katharina Saurwein hanno conquistato uno splendido bronzo. Di Franz Schiassi.

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock