Home page Planetmountain.com

Ignazio Piussi, al Centro Asteria a Milano

di

Al 3° incontro del "Mondo della montagna", organizzato dal Centro Asteria di Milano, è stato protagonista il forte alpinista friulano Ignazio Piussi.

Milano, 14 novembre 2000

Un grande personaggio ieri sera alla ribalta della terza serata del
"Mondo della montagna", ciclo di incontri con i protagonisti dell’alpinismo organizzato dal Centro Asteria di Milano, giunto alla sua decima edizione.

La proiezione, e soprattutto il dibattito successivo, ha permesso ai presenti di conoscere da vicino
Ignazio Piussi, uno dei più forti alpinisti del dopoguerra e persona di particolare sensibilità, in cui il richiamo della terra natia è sempre stato presente nel corso della sua vita.

Il film
"Ladro di montagne" realizzato da Nereo Zeper, autore dell’omonimo libro, rappresenta la vita di Ignazio Piussi, friuliano, alpinista, senza timore di smentita, di levatura mondiale e grande sportivo a livello agonistico nazionale in diverse specialità: fondo, salto con gli sci, biathlon e bob.
Si racconta l’infanzia del protagonista, la gioventù nella quale era impegnato nelle attività di malga, la leva militare che gli consente di uscire dai confini della sua terra friulana e il periodo delle sue grandi imprese alpinistiche iniziate nelle Alpi Giulie e proseguite al di fuori di esse: Dolomiti, Monte Bianco, Oberland, Himalaya, Antartide.

Colpisce la naturalezza con cui prepara e porta a termine le sue salite, a partire dalla seconda ripetizione della "Via degli Scoiattoli" alla cima Scotoni nel gruppo di Fanis fino alla rocambolesca seconda salita del tristemente famoso Pilone Centrale del Freney al Bianco, alla prima salita della parete Sud della Torre Trieste in Civetta seguita dalla prima invernale sulla via "Solleder- Lettenbauer" e dallo spigolo della cima Su Alto sempre nel gruppo della Civetta fino ai 17 tentativi sulla Nord dell’Eiger cercando di percorrere una via diretta alla cima.
Si tratta di imprese sensazionali condotte con estrema semplicità e velocità da un’alpinista non professionista con pochi mezzi materiali e poco tempo a disposizione, in compagnia di fidati compagni: Redaelli, Sorgato, Hiebeler, Bulfon, Perissutti, etc.

Il lavoro all’ENEL lo obbliga ad assistere da vicino alla tragedia del Vajont: resterà impegnato per circa due anni a ripristinare le linee elettriche nella vallata sconvolta dalla inondazione avvenuta a seguito della frana caduta dal Monte Toc.
La sua testimonianza fa riflettere sull’errore di valutazione compiuto dagli "esperti" in quella circostanza: si attendevano la frana, in quanto la frattura sulla parete del Toc era visibile ad occhio nudo, ma ne avevano probabilmente sottovalutato gli effetti.

Piussi, che ha smesso di arrampicare a causa di un problema ad una spalla da molti anni, è ritornato al paese in cui è nato in val Raccolana e lì vive in semplicità come del resto ha fatto durante tutta la sua vita.
In questi anni di professionismo, a volte esasperato, nel mondo dell’alpinismo di punta, una grande lezione di vita a tutti.

Giuseppe Gervasio
Primo piano
Il Pilone Centrale del Freney (M.te Bianco) e Ignazio Piussi:

Degna di rilievo la vicenda del Pilone Centrale: Piussi, dopo la tragedia occorsa a Bonatti ed ai suoi compagni nella quale persero la vita Oggioni e tre alpinisti francesi, si interessa a tale salita e compie un primo tentativo che non va a buon fine.

In un secondo tentativo, condotto con Pierre Julien, Renè Desmaison ed altri, Piussi ed i suoi compagni vengono anticipati da una cordata anglo-polacca, guidata da Bonington e Whillans, ma, alternandosi al comando della cordata, riescono a raggiungere il gruppo che li precedeva sulla "Chandelle", la cuspide terminale del "Pilone".

Gli inglesi sono a corto di materiale e chiedono a Piussi ed ai suoi dei chiodi; in cambio propongono loro di dividersi il merito della salita: gli accordi prevedono la ricongiunzione delle cordate sulla cima del "Pilone" e il proseguimento, come unica cordata, fino alla vetta del Bianco.

Nel gruppo di Piussi ci sono posizioni divergenti ma alla fine tutti accettano la proposta degli inglesi: l’epilogo della salita è però diverso rispetto alle attese. Bonington ed i suoi compagni, arrivati in cima al "Pilone", proseguono da soli non rispettando gli impegni presi, nonostante il nostro avesse dato ad uno di loro, che aveva perso il portafogli in un "volo" in parete, dei soldi.


'Mondo della Montagna'
Centro Asteria Milano
calendario incontri

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Pilastro Massarotto
    Incredibile itinerario che nella sua difficoltà, e con una ...
    2019-11-12 / Santiago Padrós
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini