Home page Planetmountain.com
Wafaa Amer su Hyaena, lo storico test di Andrea Gallo liberato nel 1986 all’Alveare di Monte Sordo a Finale
Fotografia di Andrea Gallo
Wafaa Amer su Hyaena all’Alveare di Monte Sordo a Finale
Fotografia di Andrea Gallo
La 22enne climber Wafaa Amer. Egiziana di nascita, vive in Italia da quando ha 9 anni
Fotografia di Andrea Gallo

Wafaa Amer pacifica su Hyaena, storico test di Andrea Gallo a Finale

di

Il racconto della climber egiziana Wafaa Amer che nella falesia di Monte Sordo a Finale Ligure ha ripetuto Hyaena, la difficile via liberata nel 1986 da Andrea Gallo.

Hyaena non ha bisogno di presentazioni, lo dice giustamente la 22enne Wafaa Amer. Ma due righe, per chi magari non conosce ancora l’importanza di questa via, sono dovute: si tratta della linea liberata all’Alveare di Monte Sordo nel dicembre del 1986 da Andrea Gallo che, all’epoca 22enne anche lui e con pochi altri riferimenti concreti visto che l’arrampicata sportiva era ancora nella sua fase embrionale, aveva gradato la via 8a+/8b. Le difficoltà erano state ritoccate verso l’alto l’anno successivo dal climber austriaco Gerhard Hörhager, ma quello che conta non è il grado in sé di 8b/8b+, bensì ciò che questa linea con il famoso incrocio rappresenta: una delle vie simbolo dell’alta difficoltà degli anni ’80, un sogno diventato realtà per pochi. Ancora oggi infatti non fioccano le ripetizioni, e solo all’inizio anno una bravissima Giorgia Tesio si era aggiudicata la prima femminile. Adesso, dopo esserne andata vicina mesi fa, anche Wafaa Amer ha salito questo importante pezzo di storia. Egiziana di nascita ma in Italia da quando ha 9 anni, le parole del suo raconto sono indicative dello spessore di questa via.


HYÆNA

Hyæna è una di quelle linee che sicuramente in quanto a storia e bellezza non ha bisogno di presentazioni. Quando un anno fa arrivai all'Alveare per la prima volta i miei occhi caddero immediatamente su questa striscia di roccia grigia e compatta in mezzo "all’Alveare", una grande erosione su cui non è possibile scalare ma che mette in risalto la straordinarietà di questa via.

Pensai fin da subito: "Questa è la mia via, no anzi questa è LA VIA!", così iniziai a provarla. Arrivai a cadere nel secondo blocco in alto quando ormai la stagione era giunta al termine, decisi allora di aspettare.

Andrea mi raccontò che scelse il nome del tiro in parte ispirandosi all'album dei Siouxsie and the Banshees dell'84 e in parte perché lui e un suo amico, causa le diete ferree di quel periodo, assomigliavano in tutto e per tutto a due iene. A me questo nome ha sempre fatto pensare che per poterla salire avrei dovuto essere cattiva e determinata, come si dice "una iena"!

È così che lunedì 10/12, in compagnia di Alessandro Zeni, sono riuscita a portare la corda in catena e realizzare questo mio grande sogno, al primo giro della giornata. Ricordo che la mia salita era accompagnata in sottofondo da una musica africana Egypt 80 Fela Kuti, sentivo la musica scorrermi letteralmente nelle vene!

C’è da dire che quella giornata non era iniziata nei migliori dei modi tanto che non volevo addirittura più andare a provare il tiro! Nonostante tutto le energie negative si sono presto trasformate in energie positive riuscendo a portarmi a casa questo pezzo di storia dell'arrampicata finalese.

Le emozioni sono state talmente intense che mentre scalavo la placca finale mi veniva da piangere. Sono molto felice di essere riuscita ancora una volta a superarmi e spero che in futuro ci siano molte altre soddisfazioni come questa, che fanno del mondo della scalata qualcosa che per me è motivo di vita!

Un grazie speciale alla mia seconda famiglia Raffa e il Bandito per il supporto morale, al mio amico Renato Delfino per tutta la pazienza e la buona scuola di scalata, a Lorenzo Fornaro senza il quale tutto questo non sarebbe stato possibile, ed al mio amico Ale Zeni per il supporto la buona compagnia e la sicura.

Infine un grazie immenso ai miei sponsor E9 e Wild Climb

Wafaa Amer

Link: FB Wafaa Amer

View this post on Instagram

HYÆNA 8b (Andrea Gallo 1986) Ho iniziato a provare questa linea magnifica lo scorso anno e da subito questa via per me ha rappresentato qualcosa di importante. I suoi movimenti molto estetici, la sua storia è la storia del suo apritore @andreagallophotographer hanno reso hyaena "la Via" che volevo salire per eccellenza. Dopo alcuni tentativi fatti lo scorso anno ho iniziato a sentire che ero sempre più vicina. Ieri Finalmente tutto è andato per il verso giusto. La giornata non era iniziata nei migliori dei modi e non volevo più andare a provare il tiro, nonostante tutto le energie negative si sono trasformate in energie positive riuscendo a portarmi a casa questo pezzo di storia dell'arrampicata finalese. Le emozioni sono state talmente intense che mentre scalavo la placca finale mi veniva da piangere. Sono molto felice di essere riuscita ancora una volta a superarmi e spero che in futuro ci siano molte altre soddisfazioni come questa, che fanno del mondo della scalata qualcosa che per me è motivo di vita! MO a tutta birra per la nuova stagione di gare, i nuovi obbiettivi su roccia (che non mancano) e soprattutto per la ricerca di un nuovo lavoro. . . Un grazie speciale al mio amico Renato Delfino per tutta la pazienza e la buona scuola di scalata, a @lorefornaro senza il quale tutto questo non sarebbe stato possibile, ed al mio amico @Zeni.Ale per il supporto e la sicura . . E un grazie a tutti i miei sponsor @e9clothing_official @wildclimb . . By @andreagallophotographer #e9clothing #e9planet #e9family #e9team #wildclimbamerwaafa #wildclimbteam #wildclimbamerwafaami

A post shared by W a f a a A m e ® (@wafaaaly44) on

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Wafaa Amer, l'arrampicata e l'armonia delle differenze
19.10.2018
Wafaa Amer, l'arrampicata e l'armonia delle differenze
Ritratto della climber Wafaa Amer, di origine egiziana che all'età di 9 anni si è trasferita in Italia. Di Andrea Tosi.
Giorgia Tesio firma la prima femminile di Hyaena a Finale
17.01.2018
Giorgia Tesio firma la prima femminile di Hyaena a Finale
Nella falesia di Monte Sordo a Finale Ligure Giorgia Tesio ha effettuato la prima femminile di Hyaena, la via di Andrea Gallo che ancora oggi è di riferimento per l’alta difficoltà nell’arrampicata sportiva.
Hyaena, la via di Andrea Gallo a Finale in video
19.01.2018
Hyaena, la via di Andrea Gallo a Finale in video
Il video di Jakob Schubert sulla via Hyaena nella falesia di Monte Sordo a Finale Ligure.
Stefano Carnati su Hyaena a Finale
20.02.2015
Stefano Carnati su Hyaena a Finale
Il video di Stefano Carnati su Hyaena 8b/b+ a Finale

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra