Home page Planetmountain.com
Arrampicata Sicilia: Paolo Spinnato su un 7a al settore centrale di Caltavuturo
Fotografia di Massimo Malpezzi
Arrampicata Sicilia: Jonathan Bonaventura sui muri rossi del settore centrale della falesia di Caltavuturo
Fotografia di Massimo Malpezzi
Arrampicata Sicilia: Dario di Gabriele a Collesano inizia la sequenza esplosiva su una serie di mono di mignolo, 8b
Fotografia di Massimo Malpezzi
Arrampicata Sicilia: Pizzo Nicolosi
Fotografia di Massimo Malpezzi

Climbing Tour Sicilia, alla scoperta di 4 falesie estive e solitarie. Di Massimo Malpezzi

di

Un viaggio arrampicata fuori dai circuiti classici in cerca di alcune falesie estive della Sicilia: Caltavuturo, Cabeci, Collesano, Pizzo Nicolosi. Di Massimo Malpezzi.

Quando approdai tra le montagne delle Madonie, la prima cosa che mi dissi è che la roccia è talmente tanta da farci stare dentro quasi la Valle del Sarca e Briançon messe insieme. Di tutto quel ben di Dio solo il 5% è stato valorizzato in termini di falesie e vie lunghe, d'altra parte la percentuale disarmante di pareti e paretine è inversamente proporzionale al numero di climber di livello che scala in Sicilia. Ma soprattutto che chioda instancabilmente, possiamo dire una decina in tutto? Credo d'essere generoso.

Due di questi sono in assoluto tra i più forti, ed è con loro che ho iniziato questo piccolo tour di falesie prettamente estive, parlo di Dario Di Gabriele e Jonathan Bonaventura, insieme a Mary e al simpatico local Paolo Spinnato, preziosissimo nel darci le informazioni mancanti sulle location, oltre ad essere anche lui un chiodatore.

In realtà in questi giorni avremmo dovuto andare nel Centro Italia, ma una perturbazione ci ha frenato ed è stato un bene perché la scoperta di 4 falesie spettacolari lungo il nostro tragitto ha ripagato abbondantemente della delusione di un altro viaggio già programmato da tempo.

Falesia di Caltavuturo
Abbiamo appuntamento con Dario e Mary alla falesia di Caltavuturo, siamo nell'area del parco delle Madonie, Jonny mi dice di quanto sia spettacolare e imponente la bastionata fatta di speroni bianchi e rossi posta a 600 metri di quota e, dal primissimo pomeriggio, all'ombra. È la prima delle 4 che toccheremo in questo nostro piccolo viaggio avventuroso fuori dai circuiti classici e la cosa mi eccita molto, del resto sono abituato ad esplorare.

Quando scavalliamo il colle me la indica e rimango di sasso, davvero fantastica, ma ancora più bella è la visione dalla base della falesia verso il fittissimo paese di Caltavuturo addossato sotto le pendici della Rocca di Sciara, una severa parete alta 200 metri, dal colore rosso e solcata da due grandi fessure. Tra loro sale un via estrema aperta proprio da Jonny Bonaventura e Mirto Monaco, nome Cacao Meravigliao. Tutto a destra invece si insinua la via dei tetti rossi, itinerario più alpinistico aperto da Peppino Gallo e Rosario Cammara. La piccola cittadina è decisamente piena di vitalità, un luogo ideale come campo base sia per alloggiare che per mangiare. La comunità di Caltavuturo si distingue anche per essere il primo comune Siciliano a finanziare una falesia di stampo sportivo, idea lungimirante in prospettiva turistica grazie al suo chiodatore Rosario Cammara che di fatto le ha chiodate tutte. Sopra il paese ci sono i ruderi del castello arabo poi conquistato dai Normanni, insomma la storia affascinante della Sicilia lascia tracce ovunque.

Tornando alla nostra falesia, un sentiero ben tracciato in una quindicina di minuti porta su quello principale che contorna la lunga bastionata. Oltre 130 tiri di qualità superba. A parte il settore centrale che regala una decina di corte vie dal 5b al 6a e il settore estremo di sinistra con 3/4 vie sui 25/28 metri di 6a e 6a+ più l'ultimo settore a destra con 7/8 vie su calcare a buchetti dal 6a al 6b, tutto il resto è roba dura. Insomma, grandi viaggi dal 7a in su, e per viaggi si intende pedalare anche fino a 35/38 metri, quindi portatevi almeno una dozzina di rinvii abbondanti, tanta “birra" e non pensate di avere a che fare con gradi morbidi.

E' qui che conosco Dario Di Gabriele e Mary e il loro bellissimo cane Mangia. Dario è probabilmente il più forte climber Siciliano eppure non lo dà a vedere nella sua totale umiltà, ma soprattutto è un artista della chiodatura, adora scovare linee durissime e stilisticamente perfette, ed è grazie a lui che, soprattutto nelle aree Modicane e Ragusane, sono nati settori straordinari come le falesie Onda Anomala, Hollywood e Secret Garden.

Come Jonathan Bonaventura si sobbarca le spese di spit e soste. Mi raccontano della difficoltà di sostenere il costo necessario eppure proseguono imperterriti nel loro intento di regalare gioielli a climber che, ahimè, sembrano preferire sempre più le solite due o tre falesie comode e famose con il risultato di trovare, come ci è capitato in questo viaggio, pareti mangiate da rovi ed edere rampicanti. Ma poco importa, ogni volta è un lavoro di giardinaggio a colpi di falcetto sega e forbicioni e solo dopo si inizia a scalare.

Falesia di Cabeci
La seconda falesia di fatto è un settore della stessa area di Caltavuturo, ben visibile dal paese che si staglia con due muri ben disegnati circa 500 metri più a destra, immersa nella fitta vegetazione. Molti tiri non sono neppure mai stati ripetuti e non pensiate a linee estremissime, solo per il solito discorso del non esplorare o semplicemente andarci rimangono lì, chiodate e intonse. L'avvicinamento è più che complicato e lungo dato che con le auto è necessario aggirare la falesia dall'alto attraverso prima una strada che porta al paese di Scalafagni Bagni, poi avventurandosi su uno sterrato per 1 km circa (attenzione parcheggio per sole due vetture) altrimenti a piedi dall'inizio della strada di campagna. Dalle auto parcheggiate presso una casa di pastori si prosegue lungo un sentiero e nei pressi di un grande pilone elettrico si scende. Dopo 10 minuti si incontra sulla sinistra il primo settore con alcuni tiri umani poi, con altri 5 minuti, si è sotto al gran muro. Qui Dario e Jonny liberano un paio di bellissimi muri sul 7b e 7c. A sinistra altre linee salgono sfruttando i piccoli buchi da mono e da biditi. Un consiglio? Imperdibile L’ultimo dei Mohicani, un 7a da cinque stelle.

Falesia di Collesano
Ci spostiamo verso il mare. Nell'entroterra di Cefalù ci accoglie un ambiente davvero suggestivo. Sul paese, adagiato tra colline e valli che si attaccano a imponenti rocce e pareti, svetta il Monte D'Oro sulla cui imponente parete salgono interessanti itinerari di più tiri. Noi siamo alla ricerca di una porzione di roccia in Contrada Croce, si dice che vi siano disegnate alcune linee esteticamente perfette, fatichiamo un po’ ma poi magicamente ci troviamo sotto la parete divisi solo da un fitto boschetto. Capiamo subito che qualcosa non torna con le proposte dei gradi, così troviamo due 6b che sono dei legni da paura, ma soprattutto uno dei 7b proposto come must si fa salire a fatica tirando tutto alla grande. Dario e Jonny rimangono perplessi, poi dopo alcune ricognizioni Dario trova addirittura la sequenza del crux: 3 mono di mignolo che si susseguono fino ad una presa svasa d'uscita, ne esce un tiro estremo: 8b. Prima salita e prima libera. Jonny libera poi in altro 7b tendente al 7c e si avventura in un viaggio di 38 metri gradato 7b/c. La falesia merita sicuramente, per altro ci sono alcuni spazi vuoti molto interessanti per nuovi progetti.

Pizzo Nicolosi
Giungiamo a Ficuzza a metà mattino, il paese è meravigliosamente tranquillo, la cornice è dettata dalla sontuosa villa che mi ricorda certe tenute francesi. Re Ferdinando IV dei Borboni che se la fece costruire scappando dai tumulti Napoletani nel 1798, scelse questo territorio come riserva di caccia.

Le montagne rocciose che fanno da cornice al paese sono severe e imponenti, spicca su tutte la Rocca Busandra che di fatto è il culmine della catena rocciosa alle spalle del paese. Su questa parete immancabile la firma di un altra via aperta - sempre da Jonny e Marco Puleo giovane e forte Guida Alpina di Nicolosi - ancora da liberare completamente. Le colline coltivate a grano appena raccolto risplendono del colore giallo intenso e sembrano aggrapparsi a quelle rocce. Da Ficuzza proseguiamo qualche chilometro cercando di individuare la sterrata che ci porterà ai piedi del Pizzo Nicolosi che vediamo ergersi imponente con il suo pilastro Yosemitico.

Con le auto riusciamo a risalire la strada che a tratti è poco più che una mulattiera. Jonny mi racconta che quella parete fu scoperta dal ceco Lukáš Čermák e dallo slovacco Jan Smolen che la salirono dal basso aprendo King Snail con una lunghezza di 8c che attende ancora una prima libera (messaggio arrivato Big Climber?) divenendo probabilmente una delle vie di più tiri più dure in assoluto in Italia.

La parete conserva alla sua base una serie di monotiri chiodati da Tommaso Tamagnini che vorremmo provare, ci accorgiamo, una volta alla base, che la vegetazione si è impossessata degli attacchi. La prova, ancora una volta, che questi luoghi incredibilmente belli non vedono climber da anni, pazzesco mi dico.

Jonny sale come primo tiro un 6b che somiglia tanto ad un 6c abbondante, così raglio come un somaro quando tocca a me. Capiamo subito il livello, l'esempio lo abbiamo con un 6a+, i cechi nel tentativo di aprire la via chiodarono questo tiro che si infranse sul nulla, lasciarono il monitoro per partire più a destra e quel 6a+ rimase un "bastone" indescrivibile. Storie epiche che si tramandano senza clamori mediatici tanto che in pochi sanno dell'esistenza di questo luogo selvaggio e solitario.

Nel giro di un'ora ci piomba addosso una tempesta d'acqua e di corsa riusciamo a ritirarci fino alle auto con un tiro montato e abbandonato (recupereremo il materiale nel tardo pomeriggio innondati dal tiepido sole del tramonto). Seduti al bar del paese, sorseggiando birre fredde ripenso a questi territori, alle falesie visitate e alla loro solitudine. Sorrido perché da noi, al nord, sarebbero prese d'assalto da centinaia di appassionati. Meglio così, mi dico. Un ringraziamento speciale a Dario, Jonny, Mary e Paolo per avermi dato la possibilità di conoscere luoghi unici. Torneremo alle falesie solitarie molto presto, impossibile non riviverle.

di Massimo Malpezzi

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Bosco Scorace, uscita la nuova guida al boulder in Sicilia Occidentale
30.06.2021
Bosco Scorace, uscita la nuova guida al boulder in Sicilia Occidentale
È uscita la nuova guida d’arrampicata Bosco Scorace, Bouldering in Sicilia Occidentale di Marco Ramerio. 180 boulder sviluppati da Davide Catalano e Emanuele Vigani a circa 600 metri s.l.m., in una posizione ottimale fra Trapani e San Vito lo Capo.
Niccolò Ceria, Gabriele Moroni, Alessandro Zeni: una chiacchierata con Massimo Malpezzi
11.02.2021
Niccolò Ceria, Gabriele Moroni, Alessandro Zeni: una chiacchierata con Massimo Malpezzi
Massimo Malpezzi dialoga con tre dei climber più importanti dell'arrampicata, non solo italiana: Niccolò Ceria, Gabriele Moroni e Alessandro Zeni.
Niente come allora di Massimo Malpezzi
24.11.2020
Niente come allora di Massimo Malpezzi
Massimo Malpezzi presenta il suo primo libro Niente come allora. Una sua testimonianza su una grande rivoluzione che portò molti arrampicatori tra il 1975 e il 1985 a vivere in maniera spensierata quanto intensa un nuovo modo di stare sulla roccia.
Arrampicata, arte fotografica e sperimentazione?
10.11.2016
Arrampicata, arte fotografica e sperimentazione?
Massimo Malpezzi e la ricerca di una poetica della natura e del gesto nelle foto di arrampicata
L'arrampicata e le visioni catturate in un click
01.07.2016
L'arrampicata e le visioni catturate in un click
Massimo Malpezzi unisce la passione per l'arrampicata e per la fotografia catturando una di quelle molte e improbabili visioni che assalgono i climber di fronte alla roccia. Il tutto si svolge a Nervi su un inafferrabile scoglio circondato dal mare: lui è lì da sempre ma nessuno, chissà perché, ha mai pensato di scalarlo.
La Gallura, l'arrampicata, Luogosanto e il suo contest boulder, facciamo il punto
26.05.2016
La Gallura, l'arrampicata, Luogosanto e il suo contest boulder, facciamo il punto
In occasione dello street boulder contest di Luogosanto è nata questa chiacchierata con alcuni storici local Galluresi che ci raccontano un po’ la storia e cosa sta succedendo dal punto degli arrampicatori in Gallura (Sardegna). Di Massimo Malpezzi
Luogosanto, un paradiso del boulder in Sardegna
23.10.2015
Luogosanto, un paradiso del boulder in Sardegna
Il report di Massimo Malpezzi sul recente viaggio arrampicata al nuovo paradiso del boulder a Luogosanto in Gallura, dove pochi giorni fa Gabriele Moroni ha liberato il primo 8B blocco della Sardegna.
Massimo Malpezzi e Rock Vertigo, le foto d'arrampicata in mostra a Milano
25.05.2015
Massimo Malpezzi e Rock Vertigo, le foto d'arrampicata in mostra a Milano
Sarà inaugurata questa sera nella palestra d'arrampicata Rock Spot Nord Ovest (Pero, Milano) la mostra Rock Vertigo del fotografo Massimo Malpezzi. Successivamente la mostra farà tappa in varie città italiane.
Val Chiavenna: l'arrampicata a Mezzera, Scilano e Caprone
10.11.2014
Val Chiavenna: l'arrampicata a Mezzera, Scilano e Caprone
Le falesie di arrampicata di Mezzera, Scilano e Caprone in Val Chiavenna presentate da Enrico Baistrocchi e Matteo Deghi, con le foto di Massimo Malpezzi. In ricordo di Davide Grassi.
Mauro Calibani, tra arrampicata, esplorazione e creatività. L'intervista di Massimo Malpezzi
06.05.2014
Mauro Calibani, tra arrampicata, esplorazione e creatività. L'intervista di Massimo Malpezzi
Intervista, tra storia, presente ed etica, a Mauro Calibani, uno tra i più forti e propositivi boulderisti. Di Massimo Malpezzi.
Scalare Indoor. Di Massimo Malpezzi
07.03.2014
Scalare Indoor. Di Massimo Malpezzi
L'arrampicata sulla plastica. La visione e il portfolio di Massimo Malpezzi
Per l'arrampicata del futuro. Di Massimo Malpezzi
14.01.2014
Per l'arrampicata del futuro. Di Massimo Malpezzi
Partendo dalla riflessione di Andrea Tosi sul 'nuovo' nell'arrampicata, Massimo Malpezzi propone alcune considerazioni sul presente e sul futuro dell'arrampicata sportiva; tra etica, sicurezza e responsabilità delle vecchie generazioni verso quelle nuove.
Fotografare l'azione dell'arrampicata, di Massimo Malpezzi
06.11.2012
Fotografare l'azione dell'arrampicata, di Massimo Malpezzi
Massimo Malpezzi, fotografo, giornalista, climber e l'azione dell'arrampicata interpretata con un click. Dall'idea all'immagine: riflessioni, foto e consigli tecnico-pratici per esprimere una passione e una visione dell'arrampicata attraverso la fantasia dell'artista.
Enrico Baistrocchi ripete Oniyx 8c a Chironico
02.02.2010
Enrico Baistrocchi ripete Oniyx 8c a Chironico
Il forte climber milanese Enrico Baistrocchi è riuscito nella prima ripetizione della boulderosa Oniyx 8c, liberata da Markus Bock a Chironico, Svizzera. L'amico Massimo Malpezzi racconta la salita.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra