Home page Planetmountain.com
Durante l'apertura di Serendipity, la nuova via plaisir sul Sergent in Valle dell'Orco (Cecilia Marchi, Maurizio Oviglia 06/2019
Fotografia di Maurizio Oviglia
Durante l'apertura di Serendipity, la nuova via plaisir sul Sergent in Valle dell'Orco (Cecilia Marchi, Maurizio Oviglia 06/2019
Fotografia di Maurizio Oviglia
Il settore sinistro della parete del Sergent in Valle dell'Orco
Fotografia di Maurizio Oviglia
Valle dell'Orco: Serendipity, la nuova via plaisir sul Sergent in Valle dell'Orco (Cecilia Marchi, Maurizio Oviglia 06/2019
Fotografia di Maurizio Oviglia

Valle dell'Orco e Serendipity, la nuova via d'arrampicata plaisir sul Sergent

di

Maurizio Oviglia presenta Serendipity, la nuova via plaisir sul Sergent in Valle Orco aperta insieme a Cecilia Marchi nel giugno 2019 e la combinazione tra varie vie che ha battezzato 'Placca Tonnata' (max 5c) che diventa probabilmente la più facile via d'arrampicata interamente spittata della Valle dell’Orco.

Mi rendo conto che ad alcuni la mia attività di apritore pare priva di coerenza etica, forse solo perché mi trovo a mio agio sia ad aprire vie destinate ad un grande pubblico, sia vie decisamente più elitarie. Ciò appare in forte contraddizione, specialmente a chi ha dedicato ad uno stile solo tutta la sua attività di apritore. In realtà in tutta la mia carriera c’è un comune denominatore che non tutti riescono a cogliere: aprire o attrezzare nuovi itinerari non è per me solo un atto egoistico o edonistico, ma soprattutto una donazione verso il prossimo. E’ ovvio che la difficoltà e la chiodatura lasciata in posto, più o meno generosa, ed in secondo piano - purtroppo - la logica e la bellezza, agirà da discriminante e decreterà la popolarità o meno della via aperta. Molte vie difficili e oggettivamente bellissime rimarranno un miraggio per la maggior parte dei climbers, me compreso, ed è giusto che sia così. Per permettersele, occorrerà allenarsi duramente, sia mentalmente e fisicamente. "Only the brave" come si usa dire. Tuttavia non possiamo ignorare il fatto che ci troviamo di fronte ad una grande richiesta di vie ben chiodate e con difficoltà contenute (le cosidette plaisir), perché oggi la grande maggioranza dei ragazzi che si avvicina alle vie di più tiri non ha una formazione pratica e culturale di matrice alpinistica. Sovente queste persone non hanno assolutamente voglia di rischiare, nemmeno una caviglia, a causa degli spit troppo distanti. Ad essi aggiungiamo anche chi, per lavoro per età o per altri motivi non riesce più ad avere un elevato livello, ma vuole arrampicare e divertirsi ugualmente! Il più delle volte, va detto, questa grande fascia di persone (che sono la maggioranza dei praticanti) fa fatica anche a comprendere il perché una via, dal momento che è protetta a spit, debba esserlo a distanza siderale l’uno dall’altro… "Prossimo spit?" "Su Marte… si sente a volte commentare". Senza entrare qui in complicate diatribe etiche, sono sempre stato un sostenitore convinto della pluralità delle etiche e del fatto che tutti debbano avere la propria chance, pur con il dovuto rispetto del passato e della roccia. Gli integralismi non giovano a nessuno: l’equilibrio, a volte difficile da raggiungere, soprattutto nei siti più storici, è comunque possibile.

Il Sergent in Valle dell’Orco è considerato uno dei santuari italiani ed europei della scalata trad. Curiosamente, perché ci sono più spit sul Sergent che su tante altre pareti sportive… Di fatto, su questo gigantesco e splendido cristallo di gneiss verde chiaro, convivono pericolose (o sicure, se ci si fida delle protezioni mobili) arrampicate trad e belle placche spittate, così aperte sin dagli anni ottanta. Anche in tema di vie spittate vi sono naturalmente delle differenze: alcune, date le distanze tra i punti, risultano di fatto più velenose del morso di una vipera e ben più pericolose delle vie trad. Le vie spittate ripetibili da un comune arrampicatore proveniente dalla falesia o da una qualunque zona calcarea italiana, dunque non avezzo al granito, sono invece pochissime… Dietro questa realtà vi possono essere delle ragioni etiche e storiche, che tuttavia chi frequenta oggi il Sergent fa molta fatica a comprendere. Possiamo pretendere che chi viene ad arrampicare oggi in Orco si legga prima dieci libri sul Nuovo Mattino?

La fama della Valle dell’Orco ha ormai varcato i confini nazionali. Oramai i climbers che si incontrano alla base del Sergent, la parete più famosa della Valle, provengono da tutto il mondo. Ieri al campeggio ci trovavamo in compagnia di giapponesi, cileni e finlandesi. A scanso di equivoci occorre essere realisti: la maggior parte degli stranieri arriva qua per scalare fessure in arrampicata trad, non certo per l’arrampicata sportiva, altrimenti andrebbe a Ceuse o in Verdon. Tuttavia, molti apprezzano il fatto che si sia lontani dall’Inghilterra e le placche e le soste siano spittate, anche se rimangono disorientati dalla disomogeneità di questa spittatura, anche sulla stessa via. La via più facile del Sergent è la Via delle Placche e negli anni è stata spittata, nonostante fosse stata aperta in maniera tradizionale negli anni settanta. Tralasciando il discorso se fosse giusto o meno farlo, ora di fatto lo è, ma il risultato è quanto mai irrazionale. In un primo tiro si sale protetti da qualche friend aggrappandosi ai ciuffi d’erba. Si rischia forse più qui che successivamente. Poi, improvvisamente, compaiono gli spit a distanze normali, quasi come in falesia. Ci si rilassa ma un ostico diedro strapiombante obbliga i più ad un selvaggio "tire-clou" la cui traduzione in italiano è "mungitura". Il passo chiave successivo, tuttavia, lo si compie su un vecchio chiodo dalla testa rotta e completamente divelto. Più su gli spit si diradano, sino a diventare uno solo per lunghezza (di 40m!). Ho ripetuto numerose volte questa via e la vicina, più recente "Mi dissocio", con allievi, amici e famigliari che volevo portare a conoscere la Valle dell’Orco. Entrambe le vie (anzi tre, contando Apparizione del Cristo Verde) convergono dopo 5 tiri alla stessa sosta, alla base della famigerata placca con un solo spit. Qui, forzatamente, per molti cominciava la discesa, nonostante ci si trovi a metà parete.

L’anno scorso mi sono ritrovato a questa sosta, per la verità piuttosto scomoda, in compagnia di una cordata di israeliani. Dopo una buona mezz’ora, visto che tentennavano, mi sono deciso a chiedere perché non si decidessero a proseguire. Uno di loro mi ha indicato il solo spit presente nella lunghezza successiva e mi ha risposto scuotendo la testa "too scary, for us…". In quel momento mi sono accorto che sulla destra di dove ci trovavamo, c’era un corridoio di parete completamente vergine, dove sarebbe potuta nascere una nuova via, senza bisogno di aggiungere spit su altre già aperte. Allo stesso tempo essa avrebbe evitato ingorghi su quella sosta ed avrebbe dato la possibilità, per chi lo desiderava, di fare una via completamente spittata anche qui in Valle dell’Orco e godere così di questo (Gran) Paradiso in totale sicurezza. Ecco spiegata la genesi di questa nuova via, e del perché della mia scelta etica, perdonatemi se vi ho annoiato con questi lunghi discorsi. In 35 anni che frequento questa parete, ho aperto sul Sergent diverse vie trad o moderne e alcune di esse sono, dichiaratamente, piuttosto impegnative o pericolose. Sono altresì convinto che le fessure, soprattutto su questa parete, debbano rimanere libere dagli spit. Ma lo spazio per una via plaisir, a mio avviso, c’era e poteva essere sfruttato, senza danneggiare itinerari storici. Ma attenzione, per me plaisir non significa "scala di chiodi". Tra uno spit e l’altro bisogna sempre arrampicare, sul grado (obbligatorio) richiesto dalla via. Non ho mai aperto vie dove è possibile azzerare facilmente, l’obiettivo per me rimane quello di arrampicare in libera, anche se in sicurezza, non tirarsi sui chiodi… Anche con la sicurezza degli spit, l’impegno non deve mai venir meno e la cima va comunque guadagnata!

di Maurizio Oviglia


SCHEDA: Serendipity, Sergent, Valle Orco

SCHEDA: Placca Tonata, Sergent, Valle Orco

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Arrampicata in Valle Orco: sul Sergent due vie tra il classico e il quasi moderno
24.06.2019
Arrampicata in Valle Orco: sul Sergent due vie tra il classico e il quasi moderno
Umberto Bado presenta due vie d'arrampicata in Valle dell'Orco assolutamente da non perdere: Fessura della Disperazione e la Via Locatelli.
Valle dell'Orco e Serendipity, la nuova via d'arrampicata plaisir sul Sergent
01.07.2019
Valle dell'Orco e Serendipity, la nuova via d'arrampicata plaisir sul Sergent
Maurizio Oviglia presenta Serendipity, la nuova via plaisir sul Sergent in Valle Orco aperta insieme a Cecilia Marchi nel giugno 2019 e la combinazione tra varie vie che ha battezzato 'Placca Tonnata' (max 5c) che diventa probabilmente la più facile via d'arrampicata interamente spittata della Valle dell’Orco.
Valle dell'Orco arrampicata plasir
26.10.2018
Valle dell'Orco arrampicata plasir
La guida alpina Umberto Bado presenta nella Valle Orco (Parco Nazionale del Gran Paradiso) tre proposte di arrampicata alla portata di molti: la falesia Masso della Riscoperta, la cresta delle Rocce del Nivolet e la Via Bricco – Gandolfo alla Testa del Grand Etret.
Valle Orco: Silvan Schüpbach apre nuova variante trad sulla Torre di Aimonin
02.06.2019
Valle Orco: Silvan Schüpbach apre nuova variante trad sulla Torre di Aimonin
Sulla Torre di Aimonin in Valle dell’Orco l’alpinista svizzero Silvan Schüpbach ha salito Conosci il tuo gatto, una nuova variante trad alle vie d’arrampicata Know yourself e Cani & Gatti.
Valle Orco, nuova via d’arrampicata alla Parete dei Falchi
28.05.2019
Valle Orco, nuova via d’arrampicata alla Parete dei Falchi
In Valle dell’Orco Massimiliano Celano e Tiziano Marchetti nel mese di marzo 2019 hanno aperto Easy rider, una nuova via di 160 metri poco prima del Caporal alla Parete dei Falchi.
Greenspit: il sogno di una generazione salito in Valle dell'Orco da Matteo della Bordella e Francesco Deiana
03.05.2019
Greenspit: il sogno di una generazione salito in Valle dell'Orco da Matteo della Bordella e Francesco Deiana
Matteo della Bordella e Francesco Deiana hanno entrambi ripetuto Greenspit, la mitica via di arrampicata trad in Valle Orco liberata da Didier Berthod.
Federica Mingolla su Itaca nel Sole in Valle dell’Orco
03.04.2019
Federica Mingolla su Itaca nel Sole in Valle dell’Orco
Il racconto di Federica Mingolla che in Valle dell’Orco è tornata a salire la via di più tiri Itaca nel Sole. Una storica linea aperta da Gian Piero Motti e Guido Morello e risolta dalla climber piemontese in due momenti separati.
Valle dell'Orco, tre nuove vie d'arrampicata
15.09.2017
Valle dell'Orco, tre nuove vie d'arrampicata
Il racconto di Fabio Ventre che quest'estate, insieme ai belgi Lucas Nyssens, Baptiste Verdin e François Questiaux, ha aperto tre nuove vie d'arrampicata in Valle Orco: Spitcoin al Sergent e le vie Water e Thunder sul versante orchiano del Monte Bessun.
Torre di Aimonin in Valle dell'Orco, storia di un dolomitista in trasferta di Rolando Larcher
19.01.2016
Torre di Aimonin in Valle dell'Orco, storia di un dolomitista in trasferta di Rolando Larcher
Rolando Larcher alle prese con la bellezza dell'arrampicata trad in Valle dell'Orco: il video (realizzato da Riky Felderer) e il report della scalata di due nuovi itinerari sulla Torre di Aimonin: Cani & Gatti (8a+), aperto in stile misto e trad da M. Oviglia e P. Seimandi e liberato da Rolando Larcher e Conosci te stesso? (E7 6c o 8a), tiro in arrampicata trad, aperto e liberato dallo stesso Larcher.
Valle dell'Orco; una via nuova ed una classica dimenticata. Di Maurizio Oviglia
07.10.2015
Valle dell'Orco; una via nuova ed una classica dimenticata. Di Maurizio Oviglia
Maurizio Oviglia, Eugenio Pinotti e Paolo Seimandi hanno aperto una nuova via d’arrampicata interamente a friend sulla Parete dei Falchi, a destra del Caporal in Valle dell’Orco. Con l’occasione Oviglia ha stilato la relazione aggiornata, oltre che della nuova via, anche della vicina Un tenebroso Affare, via “cult” di Daniele Caneparo aperta nel 1986.
Valle dell'Orco: breve storia dell'arrampicata boulder
10.09.2015
Valle dell'Orco: breve storia dell'arrampicata boulder
Poco prima dell'Orco Blocco, il raduno bouldering in programma questo weekend a Ceresole Reale, Andrea Migliano presenta una breve storia del arrampicata boulder in Valle dell'Orco.
Valle dell'Orco e l'intervista a Maurizio Oviglia
20.07.2015
Valle dell'Orco e l'intervista a Maurizio Oviglia
Prendendo spunto dalla 70esima via d'arrampicata aperta da Maurizio Oviglia in Valle dell'Orco, Damiano Ceresa intervista il prolifico climber, torinese di nascita e sardo di adozione. Dopo 30 anni di attività di Oviglia in Valle, questa è una buona occasione per fare il punto della situazione tra passato, presente e futuro di questa meravigliosa valle.
Valle dell'Orco short climbs news: Sitting Bull e Dado
01.10.2013
Valle dell'Orco short climbs news: Sitting Bull e Dado
La seconda puntata dalla Valle dell'Orco di Maurizio Oviglia: le pareti di Sitting Bull e Dado, per un mix di arrampicata sportiva, trad ed artificiale.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni