Home page Planetmountain.com
Toru Nakajima in free solo sulla Shomyo Fall, la cascata più alta del Giappone.
Fotografia di archive Toru Nakajima
Toru Nakajima sale in free solo la Shomyo Fall, la cascata più alta del Giappone.
Fotografia di archive Toru Nakajima
Toru Nakajima sotto la Shomyo Fall, la cascata più alta del Giappone.
Fotografia di archive Toru Nakajima

Toru Nakajima sale in free solo la cascata Shomyo in Giappone

di

Il video della salita di Toru Nakajima della cascata Shomyo, la cascata più alta del Giappone.

Sawanobori è una disciplina alpinistica giapponese che prevede la risalita di un torrente fino alla sua sorgente. Che vuol dire esplorare le gole in salita, attraversare pareti impervie e, spesso, arrampicare sotto, accanto e persino dentro le cascate, lottando contro tonnellate d’acqua. Ci sono diversi metodi per misurare le difficoltà di uno 沢登り, ma la regola generale è: si sale nella direzione opposta al flusso d’acqua.

Uno dei massimi esperti di questo canyoning al contrario è Toru Nakajima, il fortissimo studente 25enne che già 10 anni fa aveva fatto parlare di sé quando, appunto da 15enne, si era recato da solo in Gran Bretagna per salire un numero impressionate di difficilissime vie "hard grit".

Nakajima si era poi appassionato al Sawanobori e nel 2018, insieme a Yuji Hirayama, James Pearson e Matty Hong, aveva salito la cascata Shomyo, che con i suoi 340 metri e 4 enormi salti è la cascata più alta del Giappone. La sua sete d’avventura però non era ancora sazia, così quest’estate ha deciso di salire la stessa cascata in free solo. 

Il rischio che si è preso, inutile dirlo, era altissimo e l’azione potrebbe per certi versi sembrare assurda. Ma come dice Pearson “alla fine si tratta pur sempre di arrampicata, sono tutte pareti, parchi d’avventura verticali da esplorare. Più riusciamo ad aprire i nostri occhi a come gli altri vedono il mondo, senza per forza pensare che siano cose da pazzi, stupide o strane, più riusciamo a provare cose nuove perché sono divertenti. E questo giova a tutti.”

Per la cronaca, pochi mesi fa Nakajima si era recato in Finlandia per provare Burden of Dreams, il primo e finora unico boulder al mondo gradato 9A. L’intento del viaggio era decifrare tutti i singoli, così nei pochi giorni a disposizione prima di dover rientrare a casa era riuscito a salire ogni movimento.

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Toru Nakajima ripete Tokoyo 8C a Kasagi in Giappone
03.01.2013
Toru Nakajima ripete Tokoyo 8C a Kasagi in Giappone
Il climber giapponese Toru Nakajima ha ripetuto il boulder Tokoyo 8C a Kasagi in Giappone.
Nalle Hukkataival propone con Burden of Dreams il primo 9A boulder al mondo
24.10.2016
Nalle Hukkataival propone con Burden of Dreams il primo 9A boulder al mondo
Il climber finlandese Nalle Hukkataival ha liberato Burden of Dreams, il suo vecchio progetto a Lappnor in Finlandia, per il quale ha proposto il grado 9A. Se fosse confermato, sarebbe il primo boulder di queste difficoltà al mondo.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni