Home page Planetmountain.com

Sorprendente ritrovamento ai piedi del K2

di

Ritrovati i resti di Dudley Wolfe, alpinista americano scomparso durante la spedizione americana al K2 del 1939, guidata da Fritz Weissner.

Un inaspettato ritrovamento è stato effettuato alcuni giorni fa dagli americani Jennifer Jordan e Jeff Rhoads, membri della spedizione ispano-messicana al K2. Camminando in una zona poco battuta del ghiacciaio Godwin Austen, ai piedi del K2, gli alpinisti si sono imbattuti in alcune ossa umane. Dopo una breve ispezione dell'area, venivano rinvenuti i pezzi di una vecchia tenda di tela ed un pentolino con coperchio su cui era inciso "Made in India". Un particolare, quest’ultimo, che indica chiaramente come il materiale appartenesse ad una spedizione antecedente alla divisione di Pakistan e India, avvenuta nel 1947.

Ritornati il giorno successivo gli alpinisti americani ritrovavano altre prove inconfutabili sull'identità dei resti: grandi pantaloni doppio strato confezionati nel Massachusset, una ghetta di tela e cuoio - oggetti decisamente pre-goretex! - e soprattutto una moffola di tela e cuoio con scritto, a chiare lettere maiuscole, Wolfe sul polso. A questo punto tutto era chiaro: non poteva trattarsi che di Dudley Wolfe, di Boston, membro della spedizione americana al K2 del 1939, guidata da Fritz Weissner.

Wolfe, che a sentire il nipote era una sorta di playboy alla Gatsby, fu apparentemente scelto da Weissner più per il suo apporto economico alla spedizione che per le reali capacità alpinistiche. Ciò nonostante, in quell’occasione, Wolfe raggiunse quasi ottomila metri di quota, prima di essere costretto dalla neve alta a ridiscendere al campo VIII a 7.800 metri, dove attese Wiessner impegnato nell’assalto alla vetta. Fu un’attesa, lunghissima, che si protrasse per oltre una settimana.

Quando Weissner (dopo aver toccato incredibilmente quota 8370 m) raggiunse finalmente il campo VIII insieme allo Sherpa Pasang Kikuli, i tre cominciarono a scendere. Ma Wolfe era talmente esausto che, cadendo lungo la corda fissa, per poco non provocò la caduta di tutti. Weissner decise così di lasciarlo al campo VII, promettendo di inviare degli sherpa a recuperarlo. Ciò avvenne, ma quando gli sherpa lo raggiunsero Wolfe aveva passato quasi due settimane sopra i 7000 metri!

Wolfe insistette che gli occorreva ancora un giorno prima di essere in grado di scendere. Fu così che lui e gli sherpa scomparvero senza essere mai più rivisti, fino al ritrovamento di questo luglio 2002. I membri della famiglia Wolfe, informati del fatto, hanno manifestato grande sorpresa e sollievo per il ritrovamento, e sarebbero intenzionati di organizzare un viaggio al K2 per celebrare una cerimonia alla base della montagna.

di Manuel Lugli


  archivio: la salita al K2 di Abele Blanc e Marco Camandona (2000)



Nelle foto: in alto avvicinamento al K2; sotto: campo a 8000m (Ph Marco Camandona)



Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock