Home page Planetmountain.com
Mecha Rocamora affronta la splendida fessura rossa di Chalten Sin Chapas su El Mocho in Patagonia, durante il primo tentativo con Sean Villanueva nel dicembre 2020
Fotografia di Sean Villanueva
Sean Villanueva sullo strapiombo del quarto tiro di Chalten sin Chapas, El Mocho, Patagonia
Fotografia di Sean Villanueva
Lucas Rubiolo sulla fessura improbabile (tiro 5) durante un tentativo di Chalten Sin Chapas, El Mocho, Patagonia
Fotografia di Sean Villanueva
Sean Villanueva e Matías Korten in cima a El Mocho in Patagonia dopo la prima salita di Chalten sin chapas.
Fotografia di Sean Villanueva

Seán Villanueva apre due nuove vie su El Mocho in Patagonia

di

Il report dell'alpinista belga Seán Villanueva O'Driscoll che in questa stagione ha aperto due nuove vie sulla parete nord di El Mocho nel massiccio del Cerro Torre in Patagonia: 'Chalten Sin Clecas’ insieme a Mecha Rocamora e 'Chalten sin Chapas' (Chalten senza spit) in cordata con Matías Korten.

Proprio come Mosè attraversò il Mar Rosso, noi abbiamo trovato una perfetta fessura che tagliava in diagonale il grande scudo rosso di granito su El Mocho. L'arrampicata era così bella che non ci potevano essere dubbi, questo tiro era stato creato per essere arrampicato! Era la fine di dicembre 2020, ed ero salito in montagna con Mecha Rocamora. Le previsioni avevano dato venti forti in quota, quindi avevamo deciso di provare qualcosa su El Mocho, una delle montagna più basse, al cospetto del Cerro Torre.

Un po’ più in alto la fessura rossa si è chiusa, mi si è stretto il cuore e tutto ad un tratto le mie palle si sono avvizzite. Salire senza spit sembrava troppo impegnativo, quindi siamo scesi alcuni tiri e abbiamo salito l'evidente diedro a sinistra. Sopra siamo stati attratti da un tetto, che includeva una sequenza di “molla i piedi con un incastro di mano” seguito da un ristabilimento precario con un tallonaggio. Sembrava folle essere appeso soltanto ad un incastro di mano in un tetto, con il Cerro Torre e il Fitz Roy sullo sfondo! Dopo 5 tentativi sono riuscito a salire il tiro in libera.

Abbiamo chiamato la via Chalten Sin Clecas (Chalten senza segni di magnesite) perché mi ero lamentato molto con la comunità locale di arrampicatori di El Chalten dei segni di magnesite che apparivano su boulder e sulle vie sportive, e che mi privavano della mia a-vista e mi rubavano del piacere di interpretare la roccia! Li avevo preso in giro dicendo che stavo per lanciare una petizione su ChaltensinclecasDOTcom. Odio i segni di magnesite appassionatamente! Quindi se il nome della via fa riflettere le persone almeno per un secondo, va benissimo

In qualche modo quella perfetta "fessura creata per essere arrampicata" continuava a chiamarmi, così sono tornato a gennaio con il mio amico Lucas Rubiolo e degli spit. Quando abbiamo raggiunto il punto più alto del tentativo precedente, il mio cuore si è stretto nuovamente e ho chiesto scusa a Lucas per averlo portato fin lì, sembrava ovvio che fosse un vicolo cieco. Ma dato che eravamo lì, ho deciso di provare. Quando ho iniziato a scalare, e dopo qualche metro è apparso un buco nascosto, che mi ha offerto la possibilità di piazzare le protezioni e quel tanto che bastava per continuare! Poi la fessura si è divisa in due, abbiamo dovuto scegliere tra andare a sinistra verso una fessura ed un tetto, oppure a destra verso un diedro apparentemente liscio. Abbiamo scelto il tetto e la fessura ad incastro di dita, che ho liberato dopo circa 5 tentativi (attorno al 7c).

Tuttavia più in alto la fessura si è chiusa nuovamente e la roccia si è trasformata in lettiera per gatti in decomposizione. Abbiamo tirato fuori gli spit dallo zaino ma non sono riuscito a convincermi ad assassinare l'impossibile, quindi non volendo piazzare gli spit, ci siamo ritirati e siamo tornati a terra. Il giorno successivo abbiamo effettuato la prima libera di Grey Yellow Arrow aperta nel 1986 da un team italo-sloveno composto da Janez Jeglic, Silvo Karo, Francek Knez e Roberto Pe, sempre sulla parete nord di El Mocho. Una fantastica via di grandissima qualità!

Anche dopo aver completato la Moonwalk Traverse e El Chaltenense, quella Fessura Rossa continuava a chiamarmi. Dopotutto, era stata creata appositamente per essere salita, e ci doveva esserci un modo per arrivare in cima!

Così alla fine di marzo sono salito da solo al campo base del Niponino e lì, appeso in mezzo alla parete di El Mochito, ho trovato Mati Korten, stava aprendo una nuova via da solo! Era in montagna da una settimana e aveva trascorso 2-3 giorni accovacciato nella sua tenda a causa del maltempo. Ho suonato una melodia al mio flauto che ha attirato la sua attenzione, e lui si è calato pensando "Dannazione! Probabilmente domani Sean vorrà arrampicare con me! Questo probabilmente significa arrampicata difficile e grande sofferenza."

Il giorno seguente abbiamo risalito la fessura rossa, superando il tratto improbabile, poi abbiamo scelto il ramo di destro che ci ha portato verso il diedro. Forti venti hanno soffiato una cascata di acqua nella nostra direzione, inzuppandoci! Ciononostante siamo riusciti a spingerci oltre e, infine, a trovare una bel via che portava in vetta.

Ho chiamato la via Chalten sin Chapas (Chalten senza spit) come scherzo: è il "passo successivo" di "senza segni di magnesite", e avevo detto ai climber locali di El Chalten che sarebbe stata la mia prossima petizione. Ma volevo anche attirare l'attenzione sul fatto che la gente si sta abituando così tanto agli spit, non c'è un minimo di esitazione, nessun pensiero durante il processo del piazzamento di uno spit. A volte penso che gli spit compaiano in punti in cui non sono strettamente necessari perché ci sono molte opzioni naturali.

Per quello che mi riguarda, sento che piantare uno spit è come mettere una cicatrice nella roccia, in un modo non così diverso da una presa artificiale, e non è qualcosa che dovrebbe essere preso alla leggera soltanto perché è "comodo" e veloce da posizionare con un trapano. C'è qualcosa di bello in quelle zone di arrampicata, ad esempio in Irlanda e nel Regno Unito, dove non ci sono gli spit. Sfortunatamente molte persone non hanno mai sperimentato questo tipo di scalata e non hanno questa visione.

Tuttavia, chi sono io per imporre la mia opinione? Potrei sbagliarmi completamente sull'intero argomento. Ma se il nome spinge la gente a pensarci per un secondo, allora sono contento!

di Sean Villanueva

Sean Villanueva ringrazia: Patagonia, PetzlSCARPA, Lyofood

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Seán Villanueva e Jon Griffin aprono una nuova 'King line’ sul Fitz Roy in Patagonia
10.03.2021
Seán Villanueva e Jon Griffin aprono una nuova 'King line’ sul Fitz Roy in Patagonia
Sulla parete sud del Fitz Roy, in Patagonia, gli alpinisti Seán Villanueva O’Driscoll e Jonathan Griffin hanno aperto La Chaltenense (500m, 7a), un enorme offwidth descritto dai primi salitori come una ‘King line’.
Sean Villanueva e la sua magica Moonwalk, ovvero la solitaria Traversata del Fitz Roy in Patagonia
15.02.2021
Sean Villanueva e la sua magica Moonwalk, ovvero la solitaria Traversata del Fitz Roy in Patagonia
Intervista a Sean Villanueva O’Driscoll dopo la Traversata del Fitz Roy in Patagonia, effettuata dal 5 al 10 Febbraio in solitaria e battezzata dall’alpinista belga la Moonwalk Traverse. È soltanto la seconda volta che la mitica skyline della Patagonia viene percorsa in continuità ed è la prima solitaria.
Sean Villanueva con una grande salita completa in solitaria la Traversata del Fitz Roy in Patagonia
12.02.2021
Sean Villanueva con una grande salita completa in solitaria la Traversata del Fitz Roy in Patagonia
L’alpinista belga Sean Villanueva O'Driscoll ha completato in solitaria la grande Traversata del Fitz Roy in Patagonia. Si tratta di una delle più importanti salite mai effettuate in Patagonia.
Video: Nico Favresse, Sean Villanueva e El Flechazo sul Cerro Standhardt in Patagonia
25.12.2020
Video: Nico Favresse, Sean Villanueva e El Flechazo sul Cerro Standhardt in Patagonia
Il video dell’apertura di El Flechazo sul Cerro Standhardt in Patagonia, salita dagli alpinisti belgi Nicolas Favresse e Sean Villanueva O’Driscoll nel febbraio 2020 con due bivacchi in parete.


Aguja Poincenot, Nicolas Favresse e Sean Villanueva salgono altre due vie in Patagonia
27.03.2020
Aguja Poincenot, Nicolas Favresse e Sean Villanueva salgono altre due vie in Patagonia
Il report di Nicolas Favresse che, insieme a Sean Villanueva O’Driscoll, ha salito altre due vie sull' Aguja Poincenot in Patagonia: la nuova via Beggars Banket (7a, 400m) sulla parete est sopra la rampa Whillans e, sulla parete sud, la prima libera di Historia interminable (6c, 800m).
Nico Favresse e Sean Villanueva aprono una nuova via sul Cerro Standhardt in Patagonia
19.02.2020
Nico Favresse e Sean Villanueva aprono una nuova via sul Cerro Standhardt in Patagonia
Sulla Aguja Standhardt in Patagonia gli alpinisti belgi Nicolas Favresse e Sean Villanueva O’Driscoll hanno aperto la nuova via El Flechazo (850m, 7b, M3, WI5+).
Free South Africa sulle Torri del Paine in Patagonia, il video di Favresse, Villanueva, Ditto
10.08.2019
Free South Africa sulle Torri del Paine in Patagonia, il video di Favresse, Villanueva, Ditto
Il video della prima libera della via degli sudafricani sulla parete est della Torre Centrale del Paine, Patagonia, effettuata nel 2009 da Nicolas Favresse, Sean Villanueva e Ben Ditto.
In Patagonia una nuova via d'arrampicata di Siebe Vanhee e Sean Villanueva O'Driscoll
30.03.2018
In Patagonia una nuova via d'arrampicata di Siebe Vanhee e Sean Villanueva O'Driscoll
Il report di Siebe Vanhee di El Matédor, una nuova via d’arrampicata aperta insieme a Sean Villanueva O'Driscoll sulla parete est di Aguja Desconocida in Patagonia.
Torri del Paine, intervista con Favresse dopo la libera di El Regalo de Mwono in Patagonia
10.03.2017
Torri del Paine, intervista con Favresse dopo la libera di El Regalo de Mwono in Patagonia
Intervista a Nicolas Favresse dopo la prima libera, effettuata con Sean Villanueva O'Driscoll e Siebe Vanhee, della via d'arrampicata su big wall El Regalo de Mwono (1200m, 8a) sulla parete est della Torre Centrale del Paine, Patagonia.
Torri del Paine, i belgi Favresse, Vanhee e Villanueva si aggiudicano una nuova prima libera in Patagonia
23.02.2017
Torri del Paine, i belgi Favresse, Vanhee e Villanueva si aggiudicano una nuova prima libera in Patagonia
Dopo 19 giorni di arrampicata in parete, Nicolas Favresse, Sean Villanueva O'Driscoll e Siebe Vanhee hanno effettuato la prima libera di El Regalo de Mwono sulla parete est della Torre Centrale del Paine, Patagonia. Questa via di 1200m era stata aperta tra il 1991/1992 da Paul Pritchard, Simon Yates, Sean Smith e Noel Craine con difficoltà fino a VI, 5.10, A4.
Patagonia, nuove libere sulle Torri del Paine e Fitz Roy per Villanueva, Didier e Hanssens
15.03.2013
Patagonia, nuove libere sulle Torri del Paine e Fitz Roy per Villanueva, Didier e Hanssens
In Patagonia gli alpinisti belgi Stephane Hanssens, Merlin Didier e Sean Villanueva O'Driscoll hanno effettuato le prima libere della parete Est del Cerro Catedral (1000 m, 7c+) e della parete Est del Cerro Cota 2000 (500m, 7c+) mentre sul Fitz Roy hanno salito 900m di terreno vergine sulla parete Nordovest. Un'avventura “assolutamente incredibile” come ci racconta Sean Villanueva O'Driscoll.
Fitz Roy East Face – intervista a Favresse e Villanueva
18.03.2011
Fitz Roy East Face – intervista a Favresse e Villanueva
Intervista ai climbers belgi Nicolas Favresse e Sean Villanueva dopo la salita a-vista della Parete Est del Fitz Roy, Patagonia.
Free South Africa, prima libera sulla Torre Centrale del Paine per Favresse, Villanueva e Ditto
10.02.2009
Free South Africa, prima libera sulla Torre Centrale del Paine per Favresse, Villanueva e Ditto
Dopo 11 giorni in parete Nicolas Favresse, Sean Villanueva e Ben Ditto sono riusciti a liberare la via degli sudafricani sulla parete est della Torre Centrale del Paine, Patagonia.
Paine South African Route, intervista con Favresse, Villanueva e Ditto
13.02.2009
Paine South African Route, intervista con Favresse, Villanueva e Ditto
Intervista a Nicolas Favresse, Sean Villanueva e Ben Ditto dopo la prima libera della via dei Sudafricani sulla parete est della Torre Centrale del Paine in Patagonia.
Riders on the Storm ripetuto da un team belga
17.02.2006
Riders on the Storm ripetuto da un team belga
Un forte team di giovani belgi composto da Nicolas Favresse, Olivier Favresse, Seán Villanueva e Mike Lecomte ha appena realizzato una delle "rare" ripetizioni di Riders on the Storm, situata nelle Torri del Paine ed uno dei gioelli della corona delle vie Patagoniche.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra