Home page Planetmountain.com
L'alpinista tedesco Robert Grasegger (1992 - 2022)
Fotografia di Christian Pfanzelt

Ricordando Robert Grasegger

di

L’alpinista Robert Grasegger ha perso la vita mentre saliva l’Aguja Guillaumet, nel massiccio del Fitz Roy in Patagonia. Per ricordare la guida alpina tedesca ripubblichiamo per gentile concessione del giornale Münchner Merkur un'intervista pubblicata l’anno scorso.

È deceduto la scorsa settimana l’alpinista tedesco Robert Grasegger nel massiccio del Fitz Roy in Patagonia, mentre cercava di salire l’Aguja Guillaumet insieme a due compagni di cordata. Grasegger e la sua compagna di vita sono stati colpiti da una valanga, mentre un terzo compagno di cordata, arrampicando sulle rocce di lato, è rimasto illeso e ha lanciato l’allarme. La compagna di vita di Grasegger era rimasta gravemente ferita ma era stata portata in salvo ed era in condizioni stabili in ospedale.

Per i dettagli sul tragico incidente rimandiamo a Patagonia Vertical. Noi invece ripubblichiamo per gentile concessione di Katharina Bromberger del giornale Münchner Merkur un'intervista apparsa l’anno scorso nel giornale tedesco. Nato nel 1992, Grasegger era guida alpina nonché vigile del fuoco perché lì, al contrario dell”inutilità dell’alpinismo" come lo definiva lui, riusciva a trovare la "gioia nell’aiutare". Talentuoso, riflessivo, simpatico e generoso, Grasegger era una figura che nei suoi 29 anni di vita ha lasciato il segno, non soltanto nell’affiatata comunità di climber ed alpinisti bavaresi.

Signor Grasegger, le sue dita sono tutte blu
Sì, faceva piuttosto freddo sul ghiaccio oggi. Probabilmente troppo freddo. Ma quando le cose vanno particolarmente bene, spesso te ne rendi conto troppo tardi. Ti concentri su altro, non sulle dita dei piedi freddi. Poco importa, si scongeleranno. Domani si riparte. Forse con un po' più di attenzione per le dita dei piedi. Ho ancora bisogno di loro.

Le piace congelarsi?
(ride) In realtà per niente. E a volte, quando sono in parete mentre sto assicurando qualcuno e non faccio altro che tremare, allora penso tra me e me: Dio mio, potresti anche essere sdraiato sul divano adesso. Ma quando sono sdraiato sul divano - penso tra me e me: Dio Mio, ora potresti anche essere su una bella parete. Alla fine, la parete vincerà sempre.

Non fare niente non fa per Lei, vero?
Anche se ogni tanto fare niente mi farebbe bene: stare fermo mi risulta piuttosto difficile, sì. Ecco perché non mi prendo molti giorni di riposo, perché non so proprio cosa farne.

Basterebbe prendere un caffè, per esempio.
In realtà l'ho fatto ieri. Mi sono preso un giorno libero e ho preso un caffè con mia sorella. Ma forse dovrei cercare qualche hobby che non ha nulla a che fare con la montagna in generale. Nei giorni di riposo, molte cose mi piovono addosso. Penso alla via di ieri, alla via di domani, a tutte le cose che potrei fare.

Sembra quasi come una dipendenza
Probabilmente lo è un po'. Trovo difficile lasciarmi andare. Cerco di vivere sempre nel qui e ora. Sulle vie funziona, devi essere concentrato al 100 percento, fino alla fine, incluso o soprattutto quando scendi. La montagna non perdona gli errori. Ma a casa, quando torno a casa dopo una via pazzesca, nell'appartamento vuoto…

… cosa?
... poi cadi in un buco, almeno è così che ci si sente spesso. Niente è veramente divertente perché quello che hai appena vissuto è così potente ed emozionante. Al contrario, tutto il resto sembra incredibilmente banale e noioso, almeno inizialmente. La mente comincia a lavorare come un matto. Elabori ciò che hai vissuto. Ti chiedi: a adesso? Dove sono i miei limiti? Questo ti lascia perplesso. Non è un caso che la depressione sia un problema nell'alpinismo. Devi stare attento a non perderti in questa bolla. A restare in contatto con la realtà.

Lei ci riesce?
Il mio lavoro con i vigili del fuoco a Monaco di Baviera mi aiuta enormemente. In questo momento la cosa peggiore per noi ghiacciatori è che non possiamo attraversare il confine a causa del Coronavirus. Ma poi vedi destini tragici, la gente che muore. Questo mi mette i piedi per terra. È importante vedere qualcosa di diverso, qualcosa dalla vita “reale", e anche parlare di qualcosa di diverso.

Ma nella cerchia degli amici, molto ruoterà attorno all'arrampicata, giusto?
Ho molti amici a cui l’arrampicata non importa nulla. E questo è positivo. Ad esempio, mi piace molto parlare di calcio. Parlare tutto il giorno di arrampicata, di quella via o di quell’altra, o di qualche movimento velocemente diventa troppo per me. Preferisco farlo per me. Mi diverto, mi rende felice.

Le piacciono i piaceri nella via?
(ride) Che razza di domanda è questa? Tutto il giorno mi infilo in qualche buco ghiacciato, ieri mi sono congelato l'alluce. Quindi: No, probabilmente non sono un bon vivant. Anche se... quando ci penso...

Allora sì un intenditore?
Beh, mi piace cucinare, mi piace provare piatti nuovi e sani e bere un bicchiere di vino. Mi diverto anche in montagna, a volte senza adrenalina, semplicemente con una buona merendina. Potrebbe far parte dei piaceri della vita.

Le interessa anche la velocità in montagna?
Mi piace mettermi alla prova, ad esempio mi piacciono le discese ripide quando scio, voglio sapere cosa è possibile fare. E ogni tanto guardo quanto velocemente riesco a salire il Jubigrat (la cresta tra Zugspitze e Hochblassen, ndr)

E? Quanto ci hai messo?
1 ora e 54 minuti dallo Zugspitze all'Alppitze. È bello quando hai un giro di allenamento come questo vicino a casa (il tempo di salita del Jubiläumsgrat è indicato come sei ore e mezza, ndr).

Vuole mettersi alla prova in montagna. Come si inserisce questo nel contesto della sua formazione da guida alpina?
Anche io me l'ero posta questa domanda all’inizio, mi sono chiesto come potrebbe funzionare. Se avrò la pazienza?

E ce l’ha?
Non è un problema. Nel tempo libero mi piace essere veloce e fare delle difficile vie d’arrampicata. Ma fare la guida è una disciplina completamente diversa. Mi dà così tanto quando le persone fanno progressi grazie a me. Ad esempio, se all'inizio di un corso di arrampicata su ghiaccio non riescono nemmeno a camminare in piano con i ramponi, poi alla fine riescono a salire la loro prima cascata di ghiaccio. Ma salire la Zugspitze attraverso la Höllental quando hai bisogno di una decina di ore lassù con un cliente: no, questo non è per me. Questo è l'inferno

Con le regole sui turni dei vigili del fuoco, ha molto tempo per andare in montagna. Ha scelto questa professione appositamente?
(ride) Devo fare un passo indietro per spiegarmi .

Con piacere.
Sono cresciuto in una fattoria, mio ​​padre ha una falegnameria. Avrei dovuto prendere il suo posto. Così ho fatto un apprendistato, poi sono diventato Meister. Quando avevo 24 anni mi sono aperto gli occhi: quella non era la strada che volevo prendere. Tutti dovrebbero condurre la propria vita in un modo che li renda felici. E come vigile del fuoco professionista ho trovato esattamente questo. Posso davvero aiutare lì. È il perfetto equilibrio tra l'arrampicata e il mio lavoro di guida alpina.

Cosa hanno detto i tuoi genitori?
Fondamentalmente non molto, me l'hanno lasciato fare. Anche con la scalata. Sono molto aperti, tolleranti e accettano la mia strada.

Sono preoccupati?
Non ne parliamo molto. Ma i miei genitori sanno che so cosa sono capace di fare, e si fidano di me.

Questo lo hanno già detto molti alpinisti. Anche uno dei tuoi modelli, Ueli Steck. Morì in un incidente in montagna. Firmerebbe la dichiarazione: quello che sta facendo è pericoloso?
Se fosse pericoloso non lo farei. Se avessi paura, nemmeno. Ho invece rispetto, questo è importante.

E che direbbe con: quello che sta facendo è rischioso?
(pensa) Non lo lascerei così semplice. Perché si cresce lentamente quando si fa qualcosa, si acquisisce esperienza, si migliora passo dopo passo (Robert Grasegger arrampica sul ghiaccio da dodici anni, ndr). Si pesano i fattori, si valuta, si considerano le conseguenze. Se non sono a mio favore, non corro alcun rischio. Ovviamente non sono così ingenuo da dire: non mi può succedere niente. La montagna può darti molto, ma può anche prendere molto. L'ho imparato ben presto.

Chi Le è stato portato via?
A San Giovanni (il 23 giugno, ndr) un buon amico cadde sull'Elferkopf. Avevo forse 14 anni, la sua stessa età. Quello è stato il mio primo contatto con il fatto che anche la montagna può essere "pericolosa". E non è stato l'ultimo.

Ha perso qualcun altro?
Il mio migliore amico, Xari.

Cos’è successo?
Una valanga, durante la discesa in corda doppia dopo una via di ghiaccio. Due anni fa.

Era lì?
No. Ma avevamo viaggiato molto insieme. La sua morte mi ha cambiato.

In quale modo?
Xari aveva dei buoni valori ed un ottimo atteggiamento verso la vita. Cerco di viverli un po' anch'io. Per godere appieno il qui e ora, per esempio. Inoltre si impara anche ad apprezzare ancora di più la vita. Detto questo, la mia disponibilità al compromesso non è necessariamente aumentata.

Come si fa notare?
Molto raramente faccio cose che non mi sento di fare. Almeno questo è quello che sto cercando di evitare. Se devo scegliere tra bere un caffè con gli amici e scalare, vado a scalare.

È egoista?
Penso che l'alpinismo estremo sia egoistico. Non si raggiunge un certo livello semplicemente così. So che devo allenarmi molto, ma altre cose restano indietro. D'altra parte, dalla morte di Xari (è deceduto a 24 anni, ndr), so come se la cavano le persone rimaste. Ho capito che non sono solo responsabile di me stesso, c'è anche la mia famiglia, i miei amici.

L'egoismo funziona in montagna?
Per nulla. Lì ci vuole un compagno, fiducia cieca. E quello che conta è l'esperienza complessiva. Lì sono felice di scendere a compromessi.

A cosa assomigliano?
Ogni momento in montagna è unico, non si ripeterà mai. Voglio sperimentarlo con persone che condividono la mia passione. Ma la via in sé non deve essere sempre estrema. L'importante è che affianco a me ci siano le persone giuste.

Condividi questo articolo


CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è un sito che tratta di arrampicata, alpinismo, trekking, vie ferrate, freeride, sci alpinismo, snowboard, racchette da neve, arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene inoltre informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, foto di montagna, competizioni di arrampicata sportiva.
ATTENZIONE
Le indicazioni riportate sono indicative e soggette a cambiamenti dovuti alla natura stessa della montagna. Dato il rischio intrinseco nella pratica di alcune attività trattate, PlanetMountain.com non si assume nessuna responsabilità per l'utilizzo del materiale pubblicato o divulgato.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

Ultimi commenti Rock
  • Senza chiedere il permesso
    Ripetuta il 08/10/2021, abbiamo fatto fatica a trovare l’a ...
    2021-10-10 / Santiago Padrós
  • Vino e cioccolato
    Il 16/05/2021 con Diego Toigo abbiamo ripetuto la via, siamo ...
    2021-05-17 / Santiago Padrós
  • Luce del Primo Mattino
    11 marzo 2021 Jacopo Pellizzari e Francesco Salvaterra. Molt ...
    2021-03-12 / Francesco Salvaterra