Home page Planetmountain.com
Aaron Durogati in Patagonia: il volo da Mojon Rojo difronte al Fitz Roy
Fotografia di Aaron Durogati
Aaron Durogati in Patagonia: in cima a Aguja de l’S, alle spalle il Cerro Torre
Fotografia di Aaron Durogati
Aaron Durogati in Patagonia: durante la discesa di Aguja Poincenot
Fotografia di Daniel Ladurner
Aaron Durogati in Patagonia: la magnifica skyline del massiccio del Fitz Roy
Fotografia di Daniel Ladurner

Parapendio in Patagonia, Aaron Durogati vola nel massiccio del Fitz Roy

di

A gennaio Aaron Durogati, campione di parapendio e forte alpinista, ha volato con il suo parapendio da alcune delle cime più belle del massiccio del Fitz Roy e del Cerro Torre in Patagonia.

"Il sogno, ve lo dico sinceramente, era di volare dalla cima del Cerro Torre insieme a Daniel Ladurner, purtroppo però quando eravamo lì le condizioni erano proibitive." Esordisce così Aardon Durogati, campione di parapendio nonché forte alpinista e freerider, che ad inizio di gennaio si era recato in Patagonia insieme a Ladurner per un progetto alquanto insolito: volare con il parapendio da alcune delle montagne più famose del massiccio del Fitz Roy e del Cerro Torre.

Come spesso accade in Patagonia, il Torre non gli ha concesso nemmeno un timido tentativo di salita. Nei primi giorni di tregua Durogati insieme ad un bel gruppo di alpinisti italiani è salito in cima alla Aguja Poincenot lungo la via Whillans, ma con i venti patagonici ad oltre 100 km/h un volo da lì era impensabile.

Impressionate è stata, durante la seconda finestra di bel tempo, la partenza dalla Aguja Saint Exupery a circa 50 metri sotto la cima. "E’ stato uno dei decolli più tecnici che io abbia mai fatto, da un piccolo balcone largo circa 3 metri, fascioni di roccia poi il grande vuoto. Credo che questo volo dopo 15 ore in parete da una cima di questa caratura sia qualcosa di abbastanza eccezionale. Ci vuole fortuna a trovare una giornata che renda possibile il volo qui in Patagonia e dopo aver arrampicato per così tante ore aver ancora la concentrazione per decollare da un posto dove non è consentito nessun errore mi rende super felice!" 

Il volo stesso è stato "bellissimo e intenso, dopo una parte un po' turbolenta l'aria era più tranquilla e ho potuto girare qualche trick e godere la vista del gruppo del Fiz Roy da un punto di vista speciale, dall’aria! Alla fine sono atterrato nei pressi del nostro bivacco e ho aspettato i miei compagni di avventura che hanno dovuto calarsi per quasi tutta la notte e sono arrivati verso le 3 del mattino. Super felici e distrutti la mattina seguente siamo scesi a El Chalten e siamo andati a festeggiare la nostra seconda cumbre."

Aguja Saint Exupery


Gli altri voli, sempre spettacolari, sono stati dalla base della Aguja de l’S in tandem con Tommaso Lamantia perché in cima "il vento era molto forte e con la direzione sbagliata per provare il decollo", e dai pressi della cima dello splendido ago di Mojón Rojo nonché dal Passo Guillaumet.

Mojón Rojo



Dopo praticamente un mese trascorso a El Chalten, Durogati ha le idee chiare. "Diciamo che la zona non si presta per fare voli tranquilli" ci ha spiegato il 33enne di Merano "volare in Patagonia è una delle cose più difficili che ho mai fatto. C’è sempre vento e le partenze sono abbastanza 'sportive'. Capisco bene perché qui praticamente non abbia mai volato nessuno, e combinare arrampicare e volare è fantastico ma alla stesso tempo super impegnativo… Ma i panorami sono a dir poco spettacolari."

Durogati ha utilizzato un parapendio da paralpinismo, molto stabile nonostante il peso di poco più di 2 chili. In tutto la sua attrezzatura, parapendio più 200 grammi di imbrago, pesava attorno ai 2,5 chili per un volume di circa 24 litri. Un peso ed un ingombro più che maneggevole quindi per un’attività - il paralpinismo - che sta prendendo sempre più piede.

"Vedere queste famose cime da un’altra prospettiva è stato fantastico. Volare sopra i ghiacciai, vedere da vicino il Fitz Roy è stato spettacolare" conclude Durogati. E il Cerro Torre? "Probabilmente tornerò. Ma per riuscirci devono incastrarsi tante cose. Bisogna innanzitutto avere fortuna ed avere una finestra di bel tempo. Poi bisogna essere sufficientemente bravi per arrivare in cima. Poi, non per l’ultimo, le condizioni per volare devono essere assolutamente perfette. Ma decollare dal fungo sarebbe magico."

Aaron ringrazia: Salewa, Red Bull, Digital Lighthouse

Link: FB Aaron Durogati, IG Aaron Durogati

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Cima Laste di Verdins, prima discesa con gli sci della parete ovest
01.04.2018
Cima Laste di Verdins, prima discesa con gli sci della parete ovest
Il report di Daniel Ladurner che insieme a Stefan Grüner e Aaron Durogati ha effettuato la probabile prima discesa sugli sci del couloir sulla parete ovest di Cima Laste di Verdins (2680 m), Alpi Sarentine.
Red Bull Dolomitenmann, Aaron Durogati primo nel parapendio
14.09.2017
Red Bull Dolomitenmann, Aaron Durogati primo nel parapendio
Domenica 10 settembre a Lienz (Austria) l’atleta altoatesino Aaron Durogati ha conquistato il suo primo oro di categoria nel Red Bull Dolomitenmann, la staffetta di corsa in montagna, parapendio, mountain bike e whitewater kayak. Vittoria assoluta del Team Pure Encapsulations composto da Philip Götsch, Markus Prantl, Tony Longo e Gerhard Schmid.
Aaron Durogati e Sebastian Huber vincono il prologo del Red Bull X-Alps 2017
29.06.2017
Aaron Durogati e Sebastian Huber vincono il prologo del Red Bull X-Alps 2017
Sono stati Aaron Durogati (ITA1) e Sebastian Huber (GER1) ad aggiudicarsi il Leatherman Prologue che funge da inizio del Red Bull X-Alps 2017, la grande gara in parapendio e a piedi che il 2 luglio partirà da Salisburgo per attraversare le Alpi fino a Montecarlo.
Aaron Durogati e l'aria imperdibile e sempre diversa del Red Bull X-Alps 2017
21.06.2017
Aaron Durogati e l'aria imperdibile e sempre diversa del Red Bull X-Alps 2017
Intervista al campione di parapendio Aaron Durogati che il 2 luglio prenderà il volo da Salisburgo per partecipare al suo terzo Red Bull X-Alps, la gara in parapendio ed a piedi di oltre 1100km attraverso tutte le Alpi fino a Montecarlo.
Sci e alpinismo nelle Dolomiti Georgiane
08.12.2016
Sci e alpinismo nelle Dolomiti Georgiane
Il report della piccola spedizione composta dagli alpinisti e sciatori sudtirolesi Wolfgang Hell, Aaron Durogati e Daniel Ladurner ed il fotografo Alessandro d’Emilia alla ricerca dello sci estremo e dell’alpinismo nel massiccio delle Dolomiti Chauki in Georgia.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Ice
  • Distensione
    Via sportiva molto bella, dalla linea logica, in ambiente su ...
    2017-09-14 / Michele Lucchini
  • L'uomo Volante
    Il 10 giugno 2017, insieme all'amico Michele, decidiamo di r ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • Gallo George
    Il 16 luglio 2016, invogliati dalla relazione, ci siamo avve ...
    2017-07-12 / Enrico Maioni
  • All-in
    Francesco Salvaterra e Filippo Mosca 27 gennaio 2017, probab ...
    2017-02-02 / Francesco Salvaterra