Home page Planetmountain.com
Il Monte Colodri di Arco, di cui fanno parte anche la Rupe Secca e la Rupe del Castello. Mescalito di Renato Bernard e Renzo Vettori del 1982 sale la parete in primo piano, mentre in fondo si vede lo spigolo di Zanzara e Labbradoro, aperto nel 1983 da Maurizio Zanolla Manolo e Roberto Bassi
Fotografia di Planetmountain.com
Via Mescalito, Rupe Secca, Monte Colodri, Arco (Renato Bernard, Renzo Vettori, 11/1982)
Fotografia di Carlo Cosi
Renato Bernard, Nuovi Orizzonti, Arco
Fotografia di archivio Renato Bernard
Renato Bernard in arrampicata in Dolomiti, sulla Via Messner, Seconda Torre del Sella
Fotografia di archivio Renato Bernard

Mescalito, la classica del Colodri di Arco raccontata da Renato Bernard

di

Renato Bernard e la Via Mescalito, aperta nel 1982 insieme a Renzo Vettori sulla Rupe Secca del Monte Colodri ad Arco ed ancora adesso una della vie d’arrampicata più famose della Valle del Sarca.

Pensare a Mescalito è come fare un tuffo nel passato. Che aria si respirava in quel periodo? Il vento della libera. Al corso guide discutevano se farci usare le scarpette e la magnesite, mentre noi scalavamo in libera su certe vie dove i nostri istruttori ci seguivano usando le staffe. Reinhold Messner scriveva il suo libro Settimo grado mentre il CAI non riconosceva il 7° grado e fermava la scala al 6° grado superiore. In Lavaredo però venivano ripetute in libera alcune vie di artificiale, e Heinz Mariacher scalava in libera i tetti della Costantino Apollonio in Tofana. A me era capitata in mano una foto di Separate Reality in Yosemite e non sapevo come girare l’immagine, sembrava semplicemente impossibile che qualcuno scalasse in orizzontale. Ad Arco i più forti scalavano in libera quasi tutte le vie del Colodri, in quel momento la Stenico e la fessura Gulliver erano delle pietre miliari. Si cominciava a concepire il concetto di volo protetto....

La Mescalito l’ho aperta con Renzo Vettori, al tempo d'Artagnan per il suo look. L’ho conosciuto al corso guide, lui più vecchio di almeno 10 anni, con tanta esperienza; mi disse che aveva iniziato una via sulla Rupe Secca del Colodri, il primo tiro, e mi chiese se ero interessato ad accompagnarlo in questa avventura. Allora esistevano solo la Stenico e la Teyszkyewicz, a destra e a sinistra, e al centro mancava ancora la linea risolutrice del problema. Accettai volentieri.

Mi ricordo le varie giornate in parete, un tiro al giorno… Non abbiamo fatto nessun uso di chiodi a espansione e neppure di cliff, questo era tassativo per Renzo. Giuliano Stenghel e Roberto Bassi si divertivano a venirci a guardare, percorrendo la Stenico a fianco e sbirciando curiosi. Da metà in su abbiamo preferito anche noi salire la Stenico e poi attraversare a sinistra per collegarsi con la via. E un giorno ci siamo ritrovati in cima. Renzo aveva fatto un grande lavoro di chiodatura, superando passaggi in libera molto duri che avevano richiesto molta pazienza e audacia. Complimenti al maestro.

Sinceramente non avrei mai immaginato di ripetere quella via allucinante, veramente molto aleatoria e pericolosa, e mai ho pensato che un giorno potesse diventare una classica del Sarca. Certo, qualche buonanima ha contribuito a renderla un po più plaisir, sono comparsi infatti degli spit e probabilmente anche qualche appiglio in più, per lo meno sullo strapiombo, ma ci sta! A me fa piacere che venga ripetuta e che la gente non si faccia male.

Qualche anno fa mio figlio ventenne, dopo averla ripetuta tornado a casa, mi disse: "bravo Rena, non sapevo che avevi tutto questo pelo sullo stomaco." Il che significa che la via non ha perso il suo charme e che le nuove generazioni riescono a riconoscere il valore aggiunto di certe vie, rispetto ad altre.

Di seguito con Aldo Leviti, dopo qualche viaggio a Sperlonga e in Francia, iniziammo a spittare dall'alto qualche muretto; nacque la falesia dei Nuovi Orizzonti e a San Paolo l'area di Supertilt. Ad onor di cronaca Bassi aveva iniziato a chiodare la Spiaggia delle Lucertole. Chi l'avrebbe immaginato cosa sarebbe diventata la Valle del Sarca un giorno?

Se penso a quel periodo, penso sia doveroso ricordare anche il vecchio Bepi, guardiano del Colodri, sempre ospitale e disponibile per una tazza di caffè e a volte anche a lasciarti dormire sotto la tettoia del suo garage. A lui è stata dedicata la via del Bepi al Colodri di Aldo Leviti e Ermanno Salvaterra. Ma questa è un’altra storia.

SCHEDA: Via Mescalito, Rupe Secca, Colodri, Arco

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Mescalito al Colodri, ad Arco la grande classica di Renato Bernard e Renzo Vettori
19.10.2018
Mescalito al Colodri, ad Arco la grande classica di Renato Bernard e Renzo Vettori
La relazione della via Mescalito alla Rupe Secca del Monte Colodri ad Arco, la via d’arrampicata aperta nel 1982 da Renato Bernard e Renzo Vettori ritenuta ancora oggi un capolavoro della Valle del Sarca. Di Carlo Cosi, guida alpina.
5 vie tra Piz Ciavazes e Prima Torre del Sella
30.06.2010
5 vie tra Piz Ciavazes e Prima Torre del Sella
Cinque vie di arrampicata sul Piz Ciavazes e sulla Prima Torre del Sella presentate dalla Guida alpina Alberto De Giuli e risistemate l'estate scorsa dalla Guida alpina Renato Bernard e dallo stesso De Giuli.
Zanzara e Labbradoro sul Monte Colodri ad Arco
06.07.2016
Zanzara e Labbradoro sul Monte Colodri ad Arco
La scheda della via d'arrampicata Zanzara e Labbradoro, il capolavoro aperto nel 1983 da Maurizio Zanolla Manolo e Roberto Bassi sul Monte Colodri, Arco (Lago di Garda - Trentino).
Vie ferrate attorno ad Arco ed il Lago di Garda
26.05.2011
Vie ferrate attorno ad Arco ed il Lago di Garda
Vie ferrate attorno ad Arco presentate dalla Guida Alpina Mauro Girardi: Monte Colodri, Cima Capi, Rio Sallagoni, Monte Albano e Che Guevarra al Monte Casale.
Trekking con vista sul Lago di Garda
25.06.2018
Trekking con vista sul Lago di Garda
Matteo Guardini, Guida Alpina Mmove presenta tre itinerari per scoprire il trekking attorno ad Arco e sopra il Lago di Garda: Monte Brione, le Cave di Oolite a Massone e il Maso Narango al Monte Corno.
Monte Colodri, nuova via d'arrampicata ad Arco
26.04.2016
Monte Colodri, nuova via d'arrampicata ad Arco
Il report di Roberto Pedrotti che, nei mesi a cavallo tra il 2015 e 2016, insieme a Sebastiano Zambotti , ha aperto PiZeta (7c, 230m), una nuova via sul Monte Colodri (Arco, Trentino). La nuova linea incrocia le vie Vento di Passione e Katia Monte e termina con l’ultimo tiro su Vento di Passioni oppure sulla via L’incompiuta.
Vento di passioni, nuova via sul Monte Colodri
12.06.2015
Vento di passioni, nuova via sul Monte Colodri
Stefano Michelazzi parla di Vento di passioni (7-, A1), una nuova via d'arrampicata aperta con Marco Ghidini sul Monte Colodri, Arco (Garda Trentino).
Via del Trenino al Passo San Giovanni
12.11.2014
Via del Trenino al Passo San Giovanni
La Via del Trenino e l'arrampicata al Passo San Giovanni (Arco), aperta nel 1986 da Giampaolo Calzà Trota, Rino Zanotti e Andrea Zucchelli e recentemente sistemata dallo stesso Calzà e Danny Zampiccoli.
Nuova via sul Monte Colodri per Antonini e Calzà
02.11.2008
Nuova via sul Monte Colodri per Antonini e Calzà
Massimo Antonini e Giampaolo ‘Trota’ Calzà hanno aperto la Via Giovanni Segantini (280m, 6c+ max) sulla parete est del Monte Colodri (Arco, Trentino).

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Via Pilastro Massarotto
    Incredibile itinerario che nella sua difficoltà, e con una ...
    2019-11-12 / Santiago Padrós
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
COVER
Via delle Rosine, prima discesa, #iorestoacasa
Federico Ravassard Outdoor Photography