Home page Planetmountain.com
L'alpinista neozelandese Lydia Bradey. Nel 1988 è diventata la prima donna a mondo a salire Everest senza ossigeno supplementare.
Fotografia di Coughing Spider/ Geoff Tvrdeich

Lydia Bradey, la storia della prima donna a scalare l’Everest senza ossigeno supplementare

di

Il documentario su Lydia Bradey, l'alpinista neozelandese che nel 1988 è diventata la prima donna a mondo a salire Everest senza ossigeno supplementare.

Dieci anni dopo che Reinhold Messner e Peter Habeler, con la loro storica scalata dell’Everest senza ossigeno supplementare dell' 8 maggio del 1978, avevano fissato il “metro” con il quale tutte le salite in Himalaya sarebbero state misurate, l’alpinista neozelandese Lydia Bradey ha seguito le loro orme e, il 14 ottobre del 1988, è diventata la prima donna a salire la montagna più alta della terra nel più puro degli stili.

Bradey aveva appena compiuto 27 anni e, dopo che i suoi compagni di spedizione non erano riusciti a salire il Pilastro Sud, ha deciso di tentare la più gettonata via normale. Avrebbe seguito gli altri team che stavano cercando di raggiungere la cima attraverso il Colle Sud e la Cresta Sud-Est ma, sostanzialmente, era sola. È salita dal Campo 2 al Campo 4 il 13 ottobre, poi la mattina del 14 ottobre è partita dal Colle Sud. Quasi subito è rimasta indietro rispetto agli alpinisti spagnoli che la precedevano, anche perché loro - al contrario di lei - stavano utilizzando ossigeno supplementare. Nonostante fosse da sola e non ci fossero le corde fisse, ha perseverato e dopo la Cima Sud ed il famoso Hillary Step, ha raggiunto la cima principale intorno alle 16:00. È ritornata, completamente sfinita, nella sua tenda quando era ormai buio da tempo. Da sola nella piccola tenda sul Colle Sud, ha riposato fino a mezzogiorno del giorno successivo e poi è scesa al Campo 2, prima di ritornare sana e salva al campo base il 16 ottobre.

La salita senza ossigeno supplementare (e perlopiù in solitaria) della Bradey era così notevole che è stata accolta con assoluta incredulità da alcuni membri della sua stessa spedizione e conseguentemente è stata avvolta da polemiche e aspre controversie. Anche perché Bradey era salita senza permesso per la via normale e aveva inizialmente ritirato la sua affermazione di essere arrivata in cima per paura di essere interdetta a salire la montagna per 10 anni. Ha dovuto incassare un divieto di 2 anni, ma successivamente ha rivendicato nuovamente la sua salita. La parola fine alla controversia fu messa quando anche il Club Alpino Neozelandese accettò la sua straordinaria salita.

Il successo di Bradey all'Everest è avvenuto dopo anni di alpinismo nelle Alpi meridionali della Nuova Zelanda che le avevano spianato la strada per una salita senza ossigeno supplementare del Gasherbrum II nel 1987. L’anno successivo fu la volta dell’Everest. Da allora la guida alpina neozelandese ha raggiunto altre cinque volte la vetta dell'Everest, sempre con clienti, e ha arrampicato in tutto il mondo. La sua affascinante storia è raccontata in questo eccellente cortometraggio.



Info: lydiabradey.com

Condividi questo articolo


NEWS / News correlate:
Reinhold Messner e Peter Habeler, 40 anni fa la salita dell’Everest senza ossigeno supplementare
08.05.2018
Reinhold Messner e Peter Habeler, 40 anni fa la salita dell’Everest senza ossigeno supplementare
L’8 maggio 1978 Reinhold Messner e Peter Habeler hanno salito per primi l’Everest (8848m) senza ossigeno supplementare. Un'impresa ritenuta impossibile che ha cambiato l'alpinismo himalayano e ne ha spostato in avanti i limiti.
Reinhold Messner, l'alpinismo visionario
28.04.2018
Reinhold Messner, l'alpinismo visionario
Questo è un periodo speciale per Reinhold Messner. Dal 40° anniversario della sua prima salita senza ossigeno dell'Everest (insieme a Peter Habeler) alla prima mondiale del suo ultimo film a Trento fino alla sua speciale serata sempre al Trento Film Festival. Un ritratto del grande alpinista.
Peter Habeler a 74 anni nuovamente sulla Nord dell'Eiger insieme a David Lama
06.04.2017
Peter Habeler a 74 anni nuovamente sulla Nord dell'Eiger insieme a David Lama
Alpinismo senza tempo: all’età di 74 anni Peter Habeler, uno dei più forti alpinisti di tutti i tempi che nel 1978 aveva salito per primo l’Everest senza ossigeno supplementare insieme a Reinhold Messner, ha ora salito nuovamente la parete nord dell’Eiger. Nel 1974 Habeler aveva segnato un record di velocità sulla via Heckmair proprio con Messner, mentre adesso ha ripetuto la via con un altro alpinista di fama mondiale, il giovane David Lama.

CERCA nelle news

AREA

TIPOLOGIA

Ricerca nei testi

Autore

EXPO / Prodotti
EXPO / News dalle Aziende
Planetmountain.com logo
Planetmountain.com è continuamente aggiornato: news, itinerari di trekking, arrampicata, alpinismo, freeride, sci alpinismo, snowboard e arrampicata su ghiaccio su tutte le montagne del mondo. Contiene, inoltre, informazioni tecniche sui materiali, recensioni di libri e video, consigli degli esperti, fotografie, interviste ai protagonisti e report di competizioni.
NEWSLETTER

Iscriviti per ricevere la newsletter settimanale con tutte le novità di planetmountain.com

MERCATINO
Ultimi commenti Rock
  • Sperone ovest Via Maffei - Violi
    Confermo quanto detto da Salvaterra: splendida arrampicata d ...
    2019-07-15 / Michele Lucchini
  • Bastava un Piumino
    Dopo aver sentito che Andrea Simonini e Gianluca Bellamoli h ...
    2016-08-03 / Giuliana Steccanella
  • Bastava un Piumino
    Seconda ripetizione con Tommy Marchesini e Tommy Dezuani 30/ ...
    2016-08-01 / Michele Lucchini
  • Vento di passioni
    Leggo solo oggi la replica l mio commento sulla via Vento di ...
    2016-03-07 / oscar meloni